Home Schede Tecniche Neomedrol Veriderm: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Neomedrol Veriderm: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Neomedrol Veriderm

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Neomedrol Veriderm: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Neomedrol Veriderm: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

NEO-MEDROL VERIDERM

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

100 g di pomata (blandamente profumata) contengono:

Principi attivi: metilprednisolone (Medrol) acetato g 0,25; neomicina solfato g 0,50 (equivalente a g 0,35 di neomicina base).

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Pomata dermatologica.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Il Neo-medrol Veriderm è indicato nel trattamento delle dermatosi allergiche ed altre malattie cutanee infiammatorie complicate da infezioni causate da germi sensibili alla neomicina:

– Dermatite da contatto.

– Neurodermite.

– Dermatite atopica (eczema allergico).

– Prurito anogenitale.

– Dermatite seborroica.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Dopo completa pulizia dell’area cutanea interessata, applicare un leggero strato di pomata, frizionando leggermente ed a lungo.

All’inizio della terapia, l’applicazione deve essere eseguita 1-3 volte al giomo. A miglioramento ottenuto, ridurre il numero delle applicazioni.

04.3 Controindicazioni

Indice

Tubercolosi cutanea. Infezioni virali locali. È inoltre controindicato nei pazienti ipersensibili a qualcuno dei componenti del preparato. La terapia occlusiva è controindicata nei soggetti con dermatite atopica.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

L’applicazione epicutanea dei cortisonici nel trattamento delle dermatosi estese e per periodi prolungati, può determinare un assorbimento sistemico; tale evenienza si verifica più facilmente quando si ricorre al bendaggio occlusivo; nei neonati il pannolino può fungere da bendaggio occlusivo.

In presenza di una superinfezione cutanea va istituita opportuna terapia di copertura.

L’uso, specie se prolungato, dei prodotti per uso topico, può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso sospendere il trattamento e istituire una idonea terapia.

Evitare l’uso oftalmico e l’applicazione nel canale auricolare esterno in caso di perforazione timpanica.

Tenere fuori dalla portata dei bambini.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

La neomicina mostra resistenza crociata con paromomicina e kanamicina.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Nelle donne in stato di gravidanza e nella primissima infanzia, il farmaco va somministrato solo nei casi di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del Medico.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono noti dati a riguardo.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

In corso di terapia cortisonica epicutanea, specialmente se intensa e prolungata, possono insorgere alcuni tra i seguenti effetti: sensazione di bruciore, prurito, irritazione, secchezza della pelle, atrofia cutanea, eruzione acneica e ipopigmentazione. Atrofie e strie localizzate alle zone intertriginose trattate per un lungo periodo di tempo con medicazioni occlusive. Ototossicità e nefrotossicità a seguito di assorbimento di neomicina applicata topicamente. La comparsa eventuale delle reazioni sopraccennate richiede l’interruzione del trattamento e, nel caso sia necessario, l’istituzione di terapia idonea.

04.9 Sovradosaggio

Indice

I corticosteroidi per uso topico possono essere assorbiti in quantità tale da causare effetti sistemici.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Gli steroidi topici sono efficaci principalmente in virtù delle loro azioni anti-infiammatorie, antipruriginose e vasocostrittrici. Il Medrol (metilprednisolone), esercita una attività anti-infiammatoria a livello tissutale, risultando efficace anche alle basse concentrazioni impiegate, per cui può essere indicato nei casi in cui esista una eccessiva reazione del tessuto ad agenti allergizzanti, irritanti ed a traumi.

Il metilprednisolone applicato localmente ha dimostrato di essere efficace nelle dermatiti allergiche acute non complicate. In molti casi si verificano segni obiettivi di miglioramento, diminuzione dell’eritema e dell’edema, come pure un sollievo sintomatico entro poche ore dalla prima applicazione. Insieme al sollievo sintomatico, si impedisce un progredire della lesione della pelle con successiva possibile infezione.

La neomicina è una sostanza antibatterica derivata dallo Streptomyces fradiae.

Essa mostra uno spettro ampio di attività antibatterica ed è attiva contro una serie di germi Gram-positivi e Gram-negativi inclusi gli stafilococchi, l’Escherichia coli, l’Haemophilus influentiae e molte specie di Proteus e Pseudomonas. Non è attiva contro i funghi.

I glucocorticoidi diffondono attraverso le membrane cellulari formando dei complessi con recettori citoplasmatici specifici.

Questi complessi penetrano nel nucleo della cellula, si legano alla cromatina del DNA e stimolano la transcriptasi dell’RNA messagero e la successiva sintesi proteica degli enzimi responsabili delle attività specifiche dei corticosteroidi somministrati per via sistemica.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

L’assorbimento cutaneo è determinato da vari fattori, quali la base lipidica sintetica, la condizione della cute e l’utilizzo del bendaggio occlusivo.

I corticosteroidi per via topica vengono parzialmente assorbiti da una cute normale e sana. Infiammazioni e/o altri tipi di malattie della pelle aumentano l’assorbimento cutaneo. Una volta assorbiti dalla pelle, i corticosteroidi somministrati per via topica seguono lo stesso schema di metabolizzazione dei corticosteroidi somministrati per via sistemica. Il metilprednisolone dopo assorbimento forma un legame debole con albumina e transcortina. Il metabolismo del metilprednisolone avviene nel fegato ed è qualitativamente identico a quello del cortisone. I metaboliti più importanti sono 20-b-idrossimetilprednisolone e 20-b-idrossi-6-a-metilprednisolone. I metaboliti in forma di glucuronidi, solfati e composti non coniugati sono escreti nelle urine.

Queste reazioni di coniugazione avvengono principalmente nel fegato ed in minor parte nei reni. La neomicina solfato è scarsamente assorbita a livello delle mucose e comunque in caso di assorbimento (per esempio se impropriamente applicata su superfici lese) è rapidamente escreta a livello urinario.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Il farmaco somministrato nei comuni animali da laboratorio (topo, ratto adulto o in accrescimento, coniglio, cane) per via topica non ha dimostrato di possedere alcuna tossicità acuta, subacuta e cronica, ed è ben tollerato dall’apparato cardiovascolare e respiratorio, non determina effetti inibitori sull’asse ipofisi-surrene ed è ben tollerato da un punto di vista locale anche per dosi assai elevate e molte volte superiori a quelle consigliate o comunque raggiungibili nella pratica clinica; soltanto per dosi molto elevate presenta effetti embriotossici e teratogeni nel ratto e nel coniglio in accordo con quanto documentato in letteratura per i glucocorticoidi.

Il farmaco non presenta attività mutagena.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Olio di mais, acido oleico, squalene, olio di vaselina, alcool oleilico, dl-alfa-tocoferil acetato, sorbitan monooleato, alcool cetilico, alcool stearilico, cetil palmitato, acido stearico, gliceril monostearato, butil idrossitoluene, butile p-idrossibenzoato, butil idrossianisolo, colesterolo, glicerina, metile p-idrossibenzoato, poliossil 40 stearato, profumo (composto 25677), acqua deionizzata.

06.2 Incompatibilità

Indice

La soluzione di neomicina solfato può formare un precipitato con alcune sostanza anioniche, incluso il sodio laurilsolfato. La neomicina solfato è anche incompatibile con cefalotina sodica e con novobiocina sodica.

06.3 Periodo di validità

Indice

24 mesi

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Non sono richieste

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Tubo in alluminio da estrusione, internamente rivestito con vernice epossidica (araldite o similari)

Capsula in polietilene. Tubo da 30 g.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Non sono richieste.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

PHARMACIA & UPJOHN S.p.A.

Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

Tubo da 10 g AIC n. 019124015

Tubo da 20 g AIC n. 019124027

Tubo da 30 g AIC n. 019124039

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Giugno 2000

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Giugno 2000

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

    Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983