Home Schede Tecniche Neoiodarsolo: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Neoiodarsolo: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Neoiodarsolo

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Neoiodarsolo: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Neoiodarsolo: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

NEOIODARSOLO.

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

ogni flaconcino contiene:

Principi attivi:

L-arginina L-2 pirrolidon-5-carbossilato mg 300; cianocobalamina mcg 50;

Eccipienti con effetti noti: saccarosio mg 4000; sorbitolo mg 1500; metile p- idrossibenzoato mg 16,5.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Soluzione orale.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Stati di defedamento e convalescenza.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Il prodotto va assunto per via orale, come tale o diluito in poca acqua.

Adulti: 3 flaconcini al dì;

Bambini: fino a 6 anni, un flaconcino al dì; sopra i 6 anni, due flaconcini al dì.

Non superare le dosi consigliate.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Generalmente controindicato in gravidanza e nell’allattamento.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

La soluzione orale contiene saccarosio e sorbitolo. I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, da malassorbimento di glucosio-galattosio, o da insufficienza di sucrasi isomaltasi, non devono assumere questo medicinale.

Il prodotto contiene saccarosio nelle quantità indicate, di ciò si tenga conto in caso di diabete o di diete ipocaloriche. Inoltre il saccarosio può essere dannoso per i denti.

Per la presenza di metile p-idrossibenzoato si possono verificare reazioni allergiche (anche ritardate).

Tenere fuori dalla portata dei bambini.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei medicinNalioe,nperntanotot, el’A.genzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell’autorizzazione

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

in gravidanza e nell’allattamento la sicurezza di Neoiodarsolo non è dimostrata; pertanto il prodotto va somministrato nei casi di assoluta necessità quando, a giudizio del medico, i potenziali benefici superano i rischi possibili.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Il medicinale non modifica la capacità di guidare e non produce nessun effetto indesiderato sull’uso di macchine.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Non sono stati segnalati effetti collaterali riferibili all’uso del prodotto.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo https://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non sono mai stati segnalati casi di sovradosaggio con il Neoiodarsolo.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: apparato gastrointestinale e metabolismo; tonici. Codice ATC: A13A

ll Neoiodarsolo promuove l’anabolismo proteico, quando esso sia ridotto, per l’azione convergente dell’arginina e della cianocobalamina, di cui è nota l’attività proteoanabolizzante. La salificazione dell’arginina con acido L- pirrolidoncarbossilico, un derivato ciclico dell’acido glutammico, determina una maggiore biodisponibilità dell’aminoacido. Tale sostanza è risultata utile nelle condizioni di debilitazione dove svolge una favorevole azione anche sulla sfera neuropsichica.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Sia l’arginina che la cianocobalamina vengono ben assorbite dopo somministrazione orale ed eliminate prevalentemente per via urinaria.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Saccarosio; sorbitolo; metile p-idrossibenzoato; aroma limone; acqua demineralizzata.

06.2 Incompatibilità

Indice

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei medicinNalioe,nperptanetor, tl’Ai

ngeenzina ntoen può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell’autorizzazione

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni. Il periodo indicato si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

e:

Nessuna.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Flaconcini di polivinile cloruro. Scatola con 10 flaconcini per os di 15 ml

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

COMMERCIO Laboratori Baldacci S.p.A., con sede e domicilio fiscale in via S. Michele degli Scalzi, 73 – 56124 Pisa

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

023296039

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

28/1/1976.

10.0 Data di revisione del testo

Indice

27/03/2014

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Neoiodarsolo – Os 10 fl 15 ml (Arginina Pidolato+cianocobalamina)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta non richiesta (Farmaco da banco) Tipo: Da Banco Info: Nessuna ATC: A13A AIC: 023296039 Prezzo: 13,2 Ditta: Laboratori Baldacci Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983