Citofur: effetti collaterali e controindicazioni

Citofur (Tegafur) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Nel trattamento del carcinoma dell’apparato digerente: dello stomaco, del retto, della mammella e dei polmoni.

Citofur: effetti collaterali

Pubblicità

Come tutti i farmaci, però, anche Citofur ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Citofur, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Citofur: controindicazioni

Gravidanza accertata o presunta per la possibile comparsa di malformazioni fetali. Anemia, leucopenia e piastrinopenia di grado elevato. Soggetti in stato di deperimento organico o con infezioni potenzialmente gravi.

Citofur: effetti collaterali

Sangue: è possibile una diminuzione di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine ed una tendenza alle emorragie.

Alla comparsa di tali modificazioni del sangue si deve ridurre la dose del preparato fino alla sua eventuale sospensione.Apparato digerente: talvolta possono comparire: anoressia, vomito, diarrea, gastralgie e disturbi intestinali. Tali fenomeni collaterali richiedono la riduzione della posologia o l’interruzione del trattamento.Malattie del fegato e dei reni: raramente si hanno disturbi a carico del fegato e dei reni. Talvolta possono comparire: ematuria o glicosuria.

Anche in questi casi è opportuno ridurre la posologia o sospendere il trattamento.Cute e mucose: sono possibili alterazioni cutanee come: esantemi, depositi di pigmento o manifestazioni a livello del cavo orale.Sistema nervoso: sintomi soggettivi: mal di testa, vertigini, intontimento; disturbi neurologici: incoscienza, paralisi degli arti superiori ed inferiori.Altri effetti secondari: senso di debolezza, vertigini, febbre, dolore della parte colpita dal tumore, dolori articolari, emoftoe, difficoltà a deglutire, lombaggine, artralgie.

Citofur: avvertenze per l’uso

Da usare sotto lo stretto controllo del medico curante, trattandosi di sostanza tossica. Il prodotto, come del resto la maggior parte dei farmaci antitumorali ed immunosoppressori, ha dimostrato proprietà cancerogena negli animali in particolari condizioni sperimentali.

Da usare con particolare cautela nei soggetti che presentano: malattie del fegato, malattie dei reni e stati di deperimento.

Tenere lontano dalla portata dei bambini.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.