Ripix: effetti collaterali e controindicazioni

Ripix (Metipranololo + Pilocarpina Cloridrato) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Il RIPIX è indicato nel trattamento dell’ipertensione oculare (aumentata pressione intraoculare) e in tutte le forme di glaucoma in cui la pressione oculare non può essere sufficientemente ridotta con pilocarpina o beta-bloccante somministrato singolarmente.

Ripix: effetti collaterali

Come tutti i farmaci, però, anche Ripix ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Ripix, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Ripix: controindicazioni

Pubblicità

RIPIX è controindicato in pazienti con:

Irite acuta e altre patologie nelle quali la miosi va evitata, asma bronchiale, broncopneumopatia cronica ostruttiva, blocco atrioventricolare di II e III grado, stati di insufficienza cardiaca scompensata, processi atrofici corneali.

Ipersensibilità ad uno qualsiasi dei componenti.

Ripix: effetti collaterali

Negli studi clinici condotti con RIPIX sono state registrati i seguenti eventi avversi:

leggera sensazione di bruciore immediatamente dopo l’istillazione, occasionale eczema palpebrale allergico, dermatiti allergiche.

All’inizio della terapia sono stati segnalati i seguenti effetti:

temporanea contrazione del muscolo ciliare, leggero spasmo del muscolo ciliare dovuto all’effetto miotico, temporaneo tremore delle palpebre, miopia indotta dal farmaco e visione appannata, aumento del flusso lacrimale, riduzione della visione in pazienti affetti da cataratta, cefalea, dispnea, nausea, astenia, vertigini, ipersalivazione, sudorazione, stati d’ansia, bradicardia e diarrea.

Ripix: avvertenze per l’uso

I pazienti in trattamento con RIPIX possono portare lenti a contatto morbide durante l’impiego del farmaco ma devono rimuoverle prima dell’istillazione del collirio e riapplicarle almeno 5 minuti dopo.

RIPIX può causare un certo grado di anestesia corneale il quale può mascherare parzialmente l’irritazione causata da lesioni corneali.

Usare con cautela in pazienti affetti da diabete mellito scarsamente controllato e nei soggetti con malattie a carico dell’apparato cardiovascolare.

Avvertenze

Il prodotto confezionato è sterile. Chiudere il flacone subito dopo l’uso.

Il collirio non deve essere utilizzato 4 settimane dopo la prima apertura.

Alla fine del ciclo terapeutico, gettare la quantità di prodotto residuo.

Evitare contaminazioni del beccuccio contagocce del collirio.

Tenere fuori dalla portata dei bambini.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.