Triacelluvax: effetti collaterali e controindicazioni

Triacelluvax (Vaccino Difterite + Pertosse Acellulare Da Biotecnologia + Tetano) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Vaccinazione preventiva combinata contro difterite, tetano e pertosse nei bambini fino a 6 anni di età.

Triacelluvax: effetti collaterali

Pubblicità

Come tutti i farmaci, però, anche Triacelluvax ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Triacelluvax, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Triacelluvax: controindicazioni

Evitare la vaccinazione in caso di accertata ipersensibilità ai componenti del vaccino e durante qualsiasi affezione febbrile.

I numerosi studi clinici effettuati con il vaccino acellulare anti-pertosse da ingegneria genetica hanno evidenziato la sua maggiore tollerabilità rispetto al vaccino anti-pertosse tradizionale a cellule intere. Tuttavia, nei bambini con storia personale di convulsioni o altri disturbi del sistema nervoso centrale (SNC) dovrà essere attentamente valutato il rapporto rischio beneficio della vaccinazione.

Una storia familiare positiva per convulsioni non rappresenta invece una controindicazione alla somministrazione del vaccino.

Il verificarsi di una reazione anafilattica di tipo immediato o di una encefalopatia, non dovuta ad altra causa evidente, e definita come una grave compromissione in forma acuta del SNC entro 7 giorni dalla somministrazioni del vaccino, costituisce una controindicazione alla somministrazione di ulteriori dosi dello stesso vaccino.

Triacelluvax: effetti collaterali

Gli studi clinici hanno evidenziato che il vaccino è estremamente ben tollerato. Ciò nonostante, possono verificarsi, in una modesta percentuale di vaccinati, effetti collaterali di tipo sistemico (febbre, irritabilità, sonnolenza e perdita dell’appetito) e/o di tipo locale (arrossamento, gonfiore e dolore). Molto più raramente possono verificarsi reazioni di maggiore intensità quali febbre elevata e pianto persistente.

Rivolgersi al Medico in caso di eventuali manifestazioni diverse da quelle segnalate.

Triacelluvax: avvertenze per l’uso

Come per ogni altro prodotto di natura biologica non può essere esclusa la comparsa di reazioni di ipersensibilità; pertanto è necessario mantenere disponibili adrenalina 1: 1000 e corticosteroidi per trattare eventuali reazioni allergiche di tipo immediato. Agitare il contenuto della fiala prima dell’uso. Assicurarsi che l’ago della siringa non penetri nel lume di un vaso sanguigno.

Avvertenze

Il vaccino non deve essere somministrato per via endovenosa.

Tenere il medicinale fuori dalla portata dei bambini.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.