Cipril: a cosa serve e come si usa

Cipril (Cisapride Monoidrata): indicazioni e modo d’uso

Cipril (Cisapride Monoidrata) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

1) Gastroparesi nell’adulto

2) Malattia da reflusso gastroesofageo nella prima infanzia

Cipril: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per Cipril è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere Cipril ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di Cipril

(Gastroparesi): da 10 mg tre volte al giomo a 10 mg quattro volte al giomo (prima dei 3 pasti e prima di coricarsi);

Neonati e bambini:

0,2 mg/kg per somministrazione, per non più di 3 – 4 volte al giomo.

La sospensione orale è la forma farmaceutica più indicata.

La confezione da 100 ml è munita di una pipetta tarata in funzione del peso corporeo.

Dosi:

5 mg: 1 /2 compressa da 10 mg, 1 compressa orodispersibile da 5 mg, 1 /2 misurino o 1 bustina da 5 ml di sospensione orale. Se si usa la sospensione orale in flacone, riempire il misurino fino alla tacca o prelevare con la pipetta 5 ml.

10 mg: 1 compressa, 1 compressa orodispersibile da 10 mg, 1 bustina di granulato effervescente, 1 misurino o 1 bustina da 10 ml di sospensione orale. Se si usa la sospensione orale in flacone, riempire il misurino fino alla tacca corrispondente a 10 ml.

Somministrazione

Nel trattamento dei disordini digestivi superiori Cipril è somministrato almeno 15 minuti prima dei pasti e, ove necessario, la sera prima di coricarsi insieme ad alcune bevande ad esclusione del succo di pompelmo.

Nei casi di insufficienza epatica e renale si raccomanda di dimezzare la dose giornaliera.

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate Cipril seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di Cipril per quanto riguarda la gravidanza:

Cipril: si può prendere in gravidanza?

Gravidanza: negli animali non si è evidenziato alcun effetto sulla fertilità primaria, sull’embriotossicità primaria e nessun effetto teratogeno. In uno studio nell’uomo, condotto su ampia casistica, Cipril ha dimostrato di non aumentare le anomalie fetali. Comunque, i benefici terapeutici attesi dovrebbero essere valutati rispetto ai rischi potenziali prima di somministrare Cipril durante la gravidanza, soprattutto nel primo trimestre.

Allattamento: sebbene l’escrezione nel latte materno sia minima, è consigliabile non allattare durante l’assunzione di Cipril.

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di Cipril?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di Cipril in caso di sovradosaggio.

Cipril: sovradosaggio

Sintomi: i sintomi che si verificano più frequentemente in seguito a sovradosaggio sono crampi addominali ed una aumentata frequenza di evacuazione. Sono stati riportati rari casi di prolungamento dell’intervallo QT e di aritmia ventricolare. Nei bambini di età inferiore ad 1 anno si è osservata anche lieve sedazione, apatia ed atonia.

Trattamento: in caso di sovradosaggio si raccomanda la somministrazione di carbone attivo ed una stretta osservazione del paziente.

Si raccomanda di valutare la possibilità che si verifichi un allungamento dell’intervallo QT e di considerare i fattori che possono predisporre a torsione di punta come p.e. turbe dell’equilibrio elettrolitico (soprattutto ipokaliemia o ipomagnesiemia) e bradicardia.

Cipril: istruzioni particolari

Sospensione orale adulti in bustine:

premere la bustina tra le dita al di sopra della linea tratteggiata ed agitare;strappare lungo la linea tratteggiata senza premere la bustina;avvicinare alla bocca il lato aperto della bustina e premere per farne uscire il contenuto.

In alternativa il contenuto della bustina può essere somministrato per mezzo di un cucchiaio.

Compresse orodispersibili:

Trattenere in bocca le compresse che si disintegrano entro pochi secondi e possono essere inghiottite con la saliva. Non è necessario assumere bevande.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco