Home Schede Tecniche Verde Indoc.Puls.: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Verde Indoc.Puls.: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Verde Indoc.Puls.

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Verde Indoc.Puls.: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Verde Indoc.Puls.: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

VERDE INDOCIANINA PULSION POLVERE PER SOLUZIONE INIETTABILE

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni flaconcino contiene 25 mg di verde indocianina (da ricostituire con 5 ml di acqua per preparazioni iniettabili o 50 mg di verde indocianina (da ricostituire con 10 ml di acqua per preparazioni iniettabili).

1 ml della soluzione iniettabile ricostituita contiene 5 mg di verde indocianina.

Per gli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Polvere per soluzione iniettabile.

Polvere verde scuro.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Medicinale solo per uso diagnostico.

Indicazioni diagnostiche

Diagnostica cardiaca, circolatoria e microcircolatoria:

• misurazione della gittata cardiaca e della gittata sistolica

• misurazione dei volumi di sangue circolante

• misurazione della perfusione cerebrale

Diagnostica della funzione epatica:

• misurazione del flusso sanguigno epatico

• misurazione della funzione escretoria del fegato

Diagnostica per angiografia oftalmica:

• misurazione della perfusione della coroide

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Prima della somministrazione la polvere deve essere ricostituita con acqua per preparazioni iniettabili, vedere il paragrafo 6.6.

Le procedure diagnostiche con Verde indocianina PULSION devono essere effettuate sotto la supervisione di un medico.

Verde indocianina PULSION è indicato per iniezione endovenosa con un ago da iniezione, un catetere centrale o periferico o catetere cardiaco.

La somministrazione e il sito di iniezione del Verde indocianina PULSION sono determinanti per la qualità delle misurazioni. In linea di principio, per ottenere curve di diluizione di qualità ottimale indicatrici di primo passaggio, l’iniezione deve essere il più vicino possibile al letto vascolare, all’organo o al tessuto di interesse.

Per somministrazione periferica, l’iniezione deve essere fatta immediatamente dopo l’applicazione del laccio emostatico, e il braccio deve essere tenuto sollevato dopo la rimozione del laccio emostatico. Questo assicura un rapido trasporto del colorante dal sito di iniezione e l’iniezione periferica è poi praticamente equivalente all’iniezione nel sistema venoso centrale.

Dosaggio

Dose singola per misurazioni in adulti, anziani, bambini:

Diagnostica cardiaca, circolatoria, microcircolatoria e della perfusione tissutale così come del flusso ematico cerebrale: da 0.1 a 0.3 mg/kg di peso corporeo come bolo

Diagnostica della funzione epatica: 0.25-0.5 mg/kg di peso corporeo come bolo

Angiografia oftalmica: 0.1-0.3 mg/kg di peso corporeo come bolo

Dose totale giornaliera:

Adulti, anziani, adolescenti dagli 11 ai 18 anni:

La dose totale giornaliera di Verde indocianina PULSION deve essere mantenuta sotto i 5 mg/kg di peso corporeo.

Bambini da 2 a 11 anni:

La dose totale giornaliera deve essere mantenuta sotto i 2.5 mg/kg di peso corporeo.

Bambini da 0 a 2 anni:

La dose totale giornaliera deve essere mantenuta sotto 1.25 mg/kg di peso corporeo.

Metodi di misurazione

L’assorbimento e l’emissione massima di Verde indocianina PULSION sono entrambe intomo al range dell’infrarosso, l’assorbimento massimo a 800 nm e l’emissione massima per la fluorescenza a 830 nm.

Nei test in vitro il verde indocianina rimane stabile per alcuni giorni nel siero umano, dissolto in acqua il verde indocianina mostra solo per poche ore una non quantificabile decomposizione.

Misurazione della funzione cardiaca, circolatoria, del flusso ematico cerebrale e della funzione epatica

Possono essere determinate le aree sotto la curva al primo passaggio, il tempo di transito, il tempo di emivita, la velocità di scomparsa del plasma e la velocità di ritenzione del Verde indocianina PULSION

a. non-invasivamente attraverso la PDD (pulse dye densitometry) o con la spectroscopia intomo all’infrarosso

b. invasivamente attraverso sonde a fibra ottica/cateteri in opportuni vasi

c. convenzionalmente con la determinazione della concentrazione sia con continuo prelievo di sangue eparinizzato per mezzo di cuvette sensitometriche o con la raccolta di campioni di sangue e misurazione della concentrazione plasmatica con un fotometro.

Esame della perfusione del fondo dell’occhio nell’angiografia oftalmica

La perfusione del fondo dell’occhio può essere determinata e quantificata con l’angiografia oftalmica a fluorescenza.

Misurazione della perfusione tissutale

La perfusione tissutale degli strati superficiali tissutali può essere resa visibile e misurata con una video angiografia a fluorescenza intomo all’infrarosso.

04.3 Controindicazioni

Indice

Il Verde indocianina PULSION per ragioni di sicurezza è controindicato:

• in pazienti con ipersensibilità al verde indocianina o allo ioduro di sodio senza che siano stata prese precauzioni speciali,

• in pazienti con ipersensibilità allo iodio

• in pazienti con ipertiroidismo, pazienti con adenomi della tiroide

• dal momento che gli esperimenti in vitro hanno dimostrato che il verde indocianina spiazza la bilirubina dal suo legame con le proteine plasmatiche il Verde indocianina PULSION non deve essere utilizzato nei prematuri o nei neonati nei quali è indicata una exsanguinotrasfusione in seguito a iperbilirubinemia,

• se precedentemente l’iniezione di Verde indocianina PULSION è stata poco tollerata non deve essere utilizzato di nuovo, dal momento che possono manifestarsi gravi reazioni anafilattiche.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

• Dal momento che dopo l’uso di Verde indocianina PULSION possono manifestarsi gravi reazioni anafilattiche, deve essere usato solo sotto la supervisione di un medico.

• A causa di un’aumentata incidenza di reazioni avverse in pazienti con grave insufficienza renale, il Verde indocianina PULSION deve essere usato solo dopo un’attenta valutazione del rapporto rischio/beneficio.

• Le preparazioni a base di eparina contenenti sodio bisolfito riducono il picco di assorbimento del verde indocianina nel plasma e nel sangue, pertanto non deve essere utilizzato come anticoagulante per la raccolta di campioni per analisi.

• Il verde indocianina è stabile nel plasma e nel sangue intero cosicché campioni ottenuti con tecniche di campionatura discontinua possono essere esaminati ore dopo. Tecniche sterili devono essere usate maneggiando soluzioni di colorante.

• Il contenuto di iodio del Verde indocianina PULSION può interferire con i test sulla tiroide eseguiti poco prima o dopo la somministrazione del colorante. Pertanto gli studi sulla captazione dello iodio radioattivo non devono essere eseguiti per almeno una settimana dopo l’uso del Verde indocianina PULSION.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Per la incompatibilità con solventi per la diluizione vedere il paragrafo 6.6.

La clearance del verde indocianina può essere alterata dai medicinali che interferiscono sulla funzione epatica.

Il probenecid e alcuni dei suoi metaboliti possono essere secreti nella bile e possono deprimere la secrezione biliare del verde indocianina che può dar luogo a un peggioramento del test di funzionalità epatica con verde indocianina.

L’uso concomitante di alcuni medicinali e di iniettabili può alterare l’assorbimento. L’assorbimento è ridotto dagli iniettabili contenenti sodio bisolfito (in particolare in combinazione con eparina). L’elenco che segue dà una descrizione complessiva dell’interazione con altri medicinali:

• Medicinali e sostanze che possono ridurre l’assorbimento:

anticonvulsivanti

bisolfiti

aloperidolo

eroina

meperidina

metamizolo

metadone

morfina

nitrofurantoina

alcaloidi dell’oppio

fenobarbital

fenilbutazione

• Medicinali e sostanze che possono aumentare l’assorbimento:

ciclopropano

probenecid

rifamicina

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

I dati su un numero limitato (242) di gravidanze esposte indicano assenza di effetti indesiderati del verde indocianina sulla gravidanza o sulla salute del feto/neonato. Finora non sono disponibili altri dati epidemiologici di rilievo. Non sono disponibili studi negli animali sulla riproduzione, teratogenicità, o sulle proprietà cancerogene. Il rischio potenziale per gli esseri umani non è noto.

È necessario essere prudenti nel prescrivere il medicinale a donne in stato di gravidanza. Deve essere evitata la somministrazione ripetuta nell’arco di un giomo.

Allattamento

Non è noto se questo medicinale è escreto nel latte materno. Dal momento che numerosi medicinali sono escreti nel latte materno, è necessario essere prudenti quando il verde indocianina è somministrato a donne che allattano.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono stati effettuati studi sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

In pazienti con o senza storie di allergia agli ioduri sono state riportate reazioni anafilattiche o orticariche.

In casi molto rari è stato descritto anche spasmo dell’arteria coronaria.

È noto che in casi molto rari l’iniezione di preparazioni di verde indocianina può causare nausea e reazioni anafilattoidi o anafilattiche (<1/10000). In pazienti con insufficienza renale terminale la possibilità di verificarsi di una reazione anafilattica sembra essere aumentata. I sintomi che devono essere ricordati sono: agitazione, sensazione di calore, prurito, orticaria, accelerazione del battito cardiaco, caduta della pressione sanguigna e accorciamento del respiro, broncospasmo, rossore, arresto cardiaco, laringospasmo, edema facciale, nausea. Insieme alla reazione anafilattoide può manifestarsi ipereosinofilia.

Se contrariamente alle aspettative, si manifestano i sintomi di anafilassi, bisogna immediatamente prendere le seguenti misure di sicurezza:

• interrompere l’ulteriore somministrazione di Verde indocianina PULSION lasciando il catetere o la cannula nella vena

• tenere libere le vie aeree

• iniettare 100-300 mg di idrocortisone o di una preparazione simile con iniezione endovenosa rapida

• ripristinare il volume con soluzione isotonica di elettroliti

• dare ossigeno, monitorare la circolazione

• somministrare lentamente antistaminici per via endovenosa

In caso di shock anafilattico sono indicate le seguenti misure aggiuntive:

• mettere il pazienti in posizione supina con le gambe in alto

• ripristinare rapidamente il volume con ad es. soluzioni elettrolitiche isotoniche (infusione pressoria), plasma expanders

• somministrare immediatamente 0.1-0.5 mg di adrenalina diluita a 10 ml con lo 0.9% di soluzione salina per via endovenosa (ripetere dopo 10 minuti se necessario)

Molto raramente (<1/10000) si manifestano reazioni orticariche della pelle.

In seguito a somministrazione di verde indocianina durante cateterismo cardiaco sono state riportate due morti di origine anafilattica. Una di queste è avvenuta in un paziente con storia di allergia alla penicillina e ai sulfamidici. Le morti dovute all’anafilassi si sono verificate con un’incidenza (stimata) minore di 1/330000 inclusi i rapporti isolati

04.9 Sovradosaggio

Indice

Fino ad ora non sono stati riportati casi di sovradosaggio o risultati di esami di laboratorio associati al sovradosaggio con Verde indocianina PULSION.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria Farmacoterapeutica: Altri diagnostici

Codice ATC: V04CX

Il principio attivo contenuto in Verde indocianina PULSION è il 2-{7[1,1-dimetil-3-(4-sulfobutil)-benzen[e]indolin-2-ilidene]-1,3,5-eptatrienil}-1,1-dimetil-3-(sulfobutil)-1H-benzen[e]-indolo idrossido, sale interno, sale sodico.

La formula molecolare è C43H47N2NaO6S2. Il peso molecolare è 774.96 dalton.

Il Verde indocianina ha un picco di assorbimento dello spettro ben definito intomo allo spettro dell’infrarosso a 80 nm nel plasma e nel sangue. Questa è la stessa lunghezza d’onda alla quale la densità ottica dell’emoglobina ossigenata nel sangue uguaglia all’incirca la densità ottica dell’emoglobina ridotta. Pertanto questo coincidente assorbimento della luce permette di misurare le concentrazioni di verde indocianina nel sangue, nel plasma e nel siero in termini della sua densità ottica a 800 nm, indipendentemente dalle variazioni dei livelli di saturazione dell’ossigeno.

Il verde indocianina permette di registrare le curve di diluizione di un indicatore sia per uso diagnostico che di ricerca.

Il verde indocianina non mostra effetti farmacologici quando somministrato per via endovenosa.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Distribuzione

Dopo somministrazione endovenosa il verde indocianina va incontro a circolazione extraepatica o enteropatica non significativa; valutazioni contemporanee sula sangue venoso ed arterioso hanno mostrato una captazione trascurabile del colorante a livello renale, periferico o polmonare. In volontari sani il verde indocianina non può essere localizzato né nelle urine né nel fluido cerebrospinale. Il verde indocianina non attraversa la barriera placentare. Il volume di distribuzione corrisponde al volume sanguigno. Dopo somministrazione orale o rettale il verde indocianina non è assorbito dall’intestino.

Legame con le proteine

In seguito a iniezione endovenosa il verde indocianina è rapidamente legato alle proteine plasmatiche di cui la beta-apolipoproteina B è la principale proteina di trasporto (95%).

Metabolismo

Il verde indocianina non è metabolizzato.

Eliminazione

La scomparsa dal sangue è bifasica, mostrando un’iniziale emivita di eliminazione t½ di 3-4 minuti e una fase secondaria con un t½ dose dipendente di circa 60-80 min.

Il verde indocianina è rimosso dal plasma pressoché esclusivamente dalle cellule del parenchima epatico con una velocità massima di captazione (trasporto massimo: Tm di circa 0.1 mg/min/kg) ed è escreto interamente non metabolizzato e non coniugato nella bile, la concentrazione massima nella bile si raggiunge dopo circa ½-2 ore in base alla quantità iniettata.

Dopo l’ostruzione biliare il colorante appare nella linfa epatica, indipendentemente dalla bile, suggerendo che la mucosa biliare è sufficientemente intatta da prevenire la diffusione del colorante, pure permettendo la diffusione della bilirubina.

Dal momento che il verde indocianina non è riassorbito nell’intestino, non c’è circolazione enteroepatica.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Tossicità acuta: la DL50 dopo singola dose endovenosa era di 87 mg/kg nel ratto, 60 mg/kg nel topo, e tra 50 mg/kg e 80 mg/kg nel coniglio. Dopo la dissoluzione in acqua per preparazioni iniettabili e la somministrazione con iniezione intraperitoneale nel topo la DL50 era di 650 mg/kg di peso corporeo. Non sono state osservate modifiche macroscopiche o istopatologiche.

Tossicità genetica: il verde indocianina non è risultata mutageno nei test eseguiti (test di Ames, test di mutazione genica – timidina chinasi/TK± – nelle cellule di linfoma di topo L5178Y, test per la valutazione delle aberrazioni cromosomiche in cellule V79 del Chinese Hmaster.

Non sono disponibili studi sulla riproduzione, teratogenicità, o carcinogenicità negli animali, ma decenni di esperienza nell’uomo non hanno rilevato nessuna incidenza di questi effetti.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Il medicinale non contiene eccipienti.

06.2 Incompatibilità

Indice

Il medicinale non deve essere diluito con soluzioni contenenti sali (saline, soluzioni di Ringer, etc.) dal momento che può portare a precipitazione del colorante. Il medicinale non deve essere miscelato con altri prodotti ad eccezione di quelli menzionati nel paragrafo 6.6.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni.

Dopo la ricostituzione, la soluzione deve essere utilizzata immediatamente, tenuta a riparo della luce.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Non conservare a temperatura superiore ai 30°C. Tenere i flaconcini nell’imballaggio esterno per tenerli a riparo dalla luce.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Contenitore: flaconcino di vetro ambrato (vetro tipo I)

Chiusura: tappo di gomma (bromo butile, grigio) fissato ad una capsula di alluminio ricoperta da una capsula blu di polipropilene.

5 flaconcini, ciascuno dei quali contenente 25 mg di polvere per soluzione iniettabile.

5 flaconcini, ciascuno dei quali contenente 50 mg di polvere per soluzione iniettabile.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Questo medicinale deve essere ricostituito immediatamente prima dell’uso.

Questo medicinale è ricostituito aggiungendo 5 ml di acqua per preparazioni iniettabili nel flaconcino contenente 25 mg di principio attivo o 10 ml di acqua per preparazioni iniettabili nel flaconcino contenente 50 mg di principio attivo, rispettivamente, dando in entrambi i casi una soluzione iniettabile verde scura con una concentrazione di 5 mg/ml (0.5% peso/volume).

Nel caso venga notata una incompatibilità come l’opacità della soluzione, la soluzione ricostituita deve essere eliminata.

Ispezionare visivamente la soluzione ricostituita. Usare soluzioni chiare, senza particelle visibili.

Questo medicinale è da utilizzare una volta sola

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

PULSION Medical Systems AG

Stahlgruberring 28

D-81829 Monaco

Germania

Concessionario di vendita

A.P.M. srl (AZIENDA PRODOTTI MEDICALI) Via Tolstoi, 7

20090 Trezzano sul Naviglio [MI]

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

036930016

036930028

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 01/08/2006

Estratto determinazione n. 268 del 19/07/2006

10.0 Data di revisione del testo

Indice

—–

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

    Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983