Home Schede Tecniche Immucytal: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Immucytal: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Immucytal

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Immucytal: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Immucytal: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

IMMUCYTAL compresse

IMMUCYTAL granulato per soluzione orale

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

IMMUCYTAL compresse

Principi attivi:

Frazioni ribosomiali costituite da ribosomi batterici nelle seguenti proporzioni:

Klebsiella pneumoniae 3,5 parti

Streptococcus pneumoniae 3,0 parti

Streptococcus pyogenes (gruppo A) 3,0 parti

Haemophilus influenzae 0,5 parti

Frazioni di membrana di Klebsiella pneumoniae: 15 parti per un liofilizzato pari a 0,525 mg di RNA ribosomiali

Eccipienti con effetti noti: sorbitolo.

IMMUCYTAL granulato per soluzione orale

Principi attivi:

Frazioni ribosomiali costituite da ribosomi batterici nelle seguenti proporzioni:

Klebsiella pneumoniae 3,5 parti

Streptococcus pneumoniae 3,0 parti

Streptococcus pyogenes (gruppo A) 3,0 parti

Haemophilus influenzae 0,5 parti

Frazioni di membrana di Klebsiella pneumoniae: 15 parti per un liofilizzato pari a 0,525 mg di RNA ribosomiali

Per l’elenco completo degli eccipienti vedere paragrafo 6.1

03.0 Forma farmaceutica

Indice

e, per uso orale Granulato per soluzione orale

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Profilassi delle infezioni batteriche ricorrenti delle alte vie respiratorie in bambini con un numero di episodi superiore all’atteso per l’età.

Immucytal può contribuire a ridurre il numero e l’intensità degli episodi infettivi.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

IMMUCYTAL granulato per soluzione orale

può essere somministrato ai bambini a partire dai 2 anni di età. IMMUCYTAL compresse è riservato ai bambini di età superiore a 6 anni.

Dosaggio: 1° mese:

1 compressa o bustina al mattino a digiuno per 4 giorni consecutivi alla settimana, per 3 settimane consecutive.

Dal 2° mese:

1 compressa o bustina al mattino a digiuno per 4 giorni consecutivi al mese, per i successivi 5 mesi.

Sciogliere il contenuto della bustina in mezzo bicchiere d’acqua.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti del vaccino elencati al paragrafo 6.1.

Malattie autoimmuni. Infezioni intestinali acute.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Nei soggetti nei quali può essere sospettata una iperreattività è consigliabile adottare un tipo di trattamento a dosi progressivamente crescenti.

Il trattamento deve essere sospeso in caso di febbre, in particolare all’inizio del trattamento.

Il paziente deve essere informato della possibilità come evento indesiderato raro di febbre elevata oltre i 39°C, isolata e senza cause note ed il tipo di febbre deve essere differenziato dalla febbre che insorge a seguito della patologia originaria, sulla base delle condizioni laringee, nasali o otologiche; nel qual caso il trattamento deve essere sospeso e non ripreso.

Deve essere evitata l’assunzione concomitante di un altro immunostimolante.

In alcuni casi è stata osservata l’insorgenza di attacchi d’asma in pazienti predisposti dopo l’assunzione di farmaci contenti estratti batterici. In questo caso, Immucytal non deve essere assunto ulteriormente.

In caso di reazioni da ipersensibilità il trattamento deve essere interrotto immediatamente e non ripreso.

Immucytal non è raccomandato durante la gravidanza. Il farmaco deve essere somministrato soltanto in caso di effettiva necessità sotto il diretto controllo del medico (vedere paragrafo 4.6).

Informazioni importanti su alcuni eccipienti

Il medicinale contiene sorbitolo, i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio non devono assumere questo medicinale.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non sono stati effettuati studi di interazione. Si raccomanda un intervallo di 4 settimane tra la fine del trattamento con Immucytal e l’inizio della somministrazione di un vaccino. La risposta immunitaria può essere inibita nei soggetti con immunodeficit congenito o acquisito, in terapia immunosoppressiva o con corticosteroidi.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Non vi sono dati riguardanti l’uso di Immucytal in donne in gravidanza.

Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti riguardanti la tossicità riproduttiva.

Tuttavia, come misura precauzionale è da evitare l’uso di Immucytal durante la gravidanza e l’allattamento (veder paragrafo 4.4).

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

IMMUCYTAL non altera la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

La tabella seguente riporta le reazioni avverse osservate in nove studi clinici comprendenti un totale di 1.231 pazienti trattati con Immucytal per via orale, per le quali la valutazione di causalità era “non esclusa” e nella segnalazione spontanea.

Le reazioni avverse sono elencate in accordo alla classificazione MedDRA per sistemi ed organi e sono definite di seguito come:

molto comune (≥ 1/10), comune (≥ 1/100, < 1/10), non comune (≥ 1/1.000, < 1/100), raro (≥ 1/10.000, < 1/1.000), molto raro (< 1/10.000) o non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Nessuna reazione avversa è risultata di frequenza “molto raro”, “raro”, o “molto comune” e pertanto queste frequenze non sono riportate nella tabella.

CLASSIFICAZIONE PER SISTEMI ED ORGANI (classificazione MedDRA)COMUNE (da ≥ 1/100 a < 1/10),NON COMUNE (da ≥ 1/1.000 a < 1/100)NON NOTA
Infezioni ed infestazioni Infezione dell’orecchio, naso faringite, tonsilliteBronchite, gastroenterite, sinusiteLaringite
Patologie del sistema emolinfopoieticoLinfoadenopatia
Patologie respiratorie, toraciche e mediastinicheTosseAsma
Patologie gastrointestinaliDiarrea, dolore addominale, nausea, vomito, ipersecrezione salivare
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazionePiressia, astenia
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneoReazioni cutanee, eritema, eczema, porpora vascolare, eritema nodoso
Disturbi del sistema immunitarioReazione di ipersensibilità, orticaria, angioedema

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo https://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: vaccini batterici Codice ATC: J07AX

IMMUCYTAL contribuisce allo sviluppo delle risposte immunitarie aspecifiche e specifiche, mediante un potenziamento della clearance batterica ed una stimolazione delle risposte antivirali.

Le proprietà immunogeniche ed immunomodulatrici di IMMUCYTAL sono state stabilite in studi sugli animali e sull’uomo, indicando che IMMUCYTAL può attraversare la mucosa intestinale. Questo è stato confermato utilizzando un modello in-vitro che riproduceva l’epitelio intestinale.

La frazione di membrana e le frazioni ribosomiali di K pneumoniae, un batterio Gram negativo, hanno dimostrato in studi in vitro, di interagire con i recettori delle cellule dell’immunità innata (TLR), inducendo attivazione delle cellule NK, con produzione di defensine, aumento della funzione di neutrofili (adesione e migrazione), attivazione del sistema monocita-macrofago, attività chemiotattica sui linfociti T.

Lo studio dei ribosomi mediante caratterizzazione biochimica ha mostrato la presenza sui ribosomi di epitopi antigenici della membrana batterica di Klebsiella pneumoniae. Pertanto i ribosomi agiscono come vettori antigenici, inducendo specifiche cellule secernenti anticorpi nel sangue e nelle mucose che producono localmente anticorpi specifici.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

IMMUCYTAL è biodisponibile e raggiunge le placche di Peyer per la stimolazione delle cellule immunocompetenti.

Studi di cinetica nel ratto e nel cane, hanno evidenziato solo un modesto assorbimento delle macromolecole costituenti IMMUCYTAL somministrato per via intragastrica.

Dopo 6 ore sono stati rilevati livelli plasmatici dell’ordine dell’1-2% della dose somministrata, livelli epatici dello 0,25% ed intestinali dello 0,08%. L’escrezione urinaria è risultata pari al 33% dopo 72 ore.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Gli effetti in studi non clinici sono stati osservati solo a livelli di esposizione considerati sufficientemente oltre l’esposizione massima nell’uomo, indicando scarsa rilevanza per l’uso clinico.

La tossicità acuta è estremamente bassa; con la formulazione in compresse non è stato osservato alcun caso di morte né segno di tossicità, sebbene siano state somministrate dosi singole superiori a

3.000 volte la dose umana; con la formulazione granulato è stata determinata una DL50 nel topo e nel ratto, pari a circa 2.500 volte la dose umana. La tossicità cronica è stata valutata dopo somministrazioni ripetute sia nel ratto che nel cane: non sono stati rilevati in alcun animale né segni di tossicità, né modificazioni dello sviluppo, del

comportamento normale e dell’incremento ponderale; negli animali trattati i parametri ematologici, biochimici e i reperti istologici sono stati costantemente nei limiti della norma. Eventuali effetti embriotossici e/o teratogenici sono stati ricercati in differenti specie animali: topo, ratti e conigli. In nessun animale sono stati evidenziati effetti negativi sulla fecondità, sulla percentuale di riassorbimenti placento-fetali, nè anomalie nei feti o nei neonati all’esame microscopico dei visceri e dello scheletro.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Silice colloidale 1,5 mg

Magnesio stearato 6 mg

Sorbitolo q.b. a 294 mg

Bustine di granulato per soluzione orale:

polivinilpirrolidone 10 mg

mannitolo 488,12 mg

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

Compresse: 3 anni

Granulato per soluzione orale: 3 anni

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Compresse: conservare a temperatura non superiore a 30°C. Granulato per soluzione orale: questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

12 compresse in blister di Al/PVC

12 bustine di granulato per soluzione orale in carta/Al/PVC

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare per lo smaltimento.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

PIERRE FABRE PHARMA S.r.l.

Via G.G. Winckelmann, 1 Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

COMMERCIO

Compresse: AIC n. 026580023 Bustine di granulato per soluzione orale: AIC n. 026580035

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Dicembre 1994/ Giugno 2010

10.0 Data di revisione del testo

Indice

18/11/2014

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Immucytal – Os Grat 12 Bust (Ribosomal+klebsprotina)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Medicinale sottoposto a monitoraggio intensivo: segnalare ogni sospetto effetto indesiderato (DL n. 95 8/4/2003) ATC: J07AX AIC: 026580035 Prezzo: 20,6 Ditta: Pierre Fabre Pharma Srl


Immucytal – 12 Cpr (Ribosomal+klebsprotina)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Medicinale sottoposto a monitoraggio intensivo: segnalare ogni sospetto effetto indesiderato (DL n. 95 8/4/2003) ATC: J07AX AIC: 026580023 Prezzo: 20,6 Ditta: Pierre Fabre Pharma Srl


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983