Pubblicità

Sintomodulina

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Sintomodulina: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

 

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

SINTOMODULINA

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Fiala da 50 mg/ml

Ogni fiala monodose da 1 ml contiene:

Timopentina mg 50

Flacone multidose da 10 mg/ml

Ogni flacone multidose da 5 ml contiene:

Timopentina mg 50

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Fiala da 1 ml (50mg/ml) per uso iniettabile.

Flacone multidose da 5 ml (10 mg/ml) per uso iniettabile.

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Sintomodulina immunomodulatore, è indicata nel trattamento di:

rimozione chirurgica del timo o suo danneggiamento in seguito a radiazioni;

deficit immunitari primari con assenza o incompleto sviluppo del timo e conseguente alterazione nella maturazione dei linfociti (T in particolare), quali sindrome di Di George, gravi immunodeficienze combinate (sindrome di Nezeloff), deficienze pure di T-linfociti, atassia-teleangectasia.

Sintomodulina può essere usata come coadiuvante in condizioni di immunodeficienza secondaria in cui sia stata dimostrata o si sospetti una compromissione dell’immunità cellulo-mediata quali infezioni croniche o ricorrenti (ad esempio infezioni da Herpes Simplex), malattie granulomatose, malattie autoimmuni (in queste ultime l’opportunità di somministrare Sintomodulina va valutata caso per caso).

Sintomodulina è indicata nelle complicanze delle neoplasie da chemio e/o radioterapia.

Pubblicità

Sintomodulina è indicata inoltre nella terapia adiuvante la stimolazione delle risposte immunitarie in concomitanza con vaccinazioni (ad esempio contro l’epatite B).

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Si raccomanda il seguente schema posologico:

Immunodeficienze primarie:

dose d’attacco: 0,5 – 1 mg/kg/die i.m. o s.c. per le prime 2 settimane di terapia.

Dose di mantenimento: 0,5 – 1 mg/kg i.m. o s.c. 2 – 3 volte la settimana.

Immunodeficienze secondarie, complicanze delle neoplasie da chemio e/o radioterapia, terapia adiuvante in concomitanza di vaccinazioni:

50 mg s.c. per 3 volte la settimana per 3 – 6 settimane.

Nel caso di malattie autoimmuni si consiglia la stessa dose per somministrazione endovenosa lenta (50 mg diluiti in 10 ml di soluzione fisiologica da somministrare in 10 minuti).

A giudizio del medico il trattamento può essere prolungato o ripetuto.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

La timopentina non deve essere somministrata a pazienti che abbiano dimostrato ipersensibilità al prodotto.

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Il farmaco deve essere usato con cautela in pazienti con sindrome di iper-IgE. In tali pazienti infatti il trattamento può provocare un peggioramento delle lesioni eczematose, un aumento dei livelli circolanti di immunoglobuline E e del numero degli eosinofili.

Tenere fuori dalla portata dei bambini

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Poichè la timopentina agisce sulle funzioni dei linfociti, farmaci che ne bloccano o stimolano l’attività dovrebbero essere usati con cautela, se somministrati contemporaneamente.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Poichè non esistono al momento dati sufficienti, l’uso del farmaco in gravidanza non è raccomandato. Comunque gli studi di fertilità nel ratto e nel coniglio non hanno evidenziato danni all’apparato riproduttivo nè effetti teratogeni.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

La sostanza non interferisce sulla capacità di guidare e sull’uso di macchine.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Si sono osservati rari casi di reazioni allergiche (prurito, leggero rash, eritema intermittente al viso e al petto, edema periorbitale). Tali fenomeni, solitamente transitori, si sono risolti spontaneamente oppure in seguito a somministrazione di antistaminici, steroidi o una associazione di questi.

Talvolta si sono osservati disturbi in sede di iniezione (dolore, bruciore, prurito, lesioni eritematose, emorragie ed infiltrato locale) che tuttavia non hanno richiesto di norma l’interruzione del trattamento. Si raccomanda di controllare periodicamente il numero dei leucociti, in quanto si sono osservati rari casi di leucocitopenia durante il trattamento con timopentina. In caso si verifichi granulocitopenia si suggerisce di sospendere il trattamento.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non sono stati finora resi noti casi di sovradosaggio.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: immunomodulante. – Codice ATC L03AX09

La timopentina è un pentapeptide sintetico, che rappresenta la sequenza lineare degli aminoacidi 32-36 della molecola intatta di timopoietina.

La timopoientina è un polipeptide isolato dal timo costituito da 49 aminoacidi; si tratta di un ormone pleiotropico che induce la differenziazione da protimocita a timocita.

La timopentina presenta un’attività biologica comparabile a quella della molecola intera di timopoietina e ne rappresenta probabilmente il sito attivo.

La timopentina induce differenziazioni fenotipiche e maturazione funzionale dei precursori dei T-linfociti e dei T-linfociti immaturi tramite un segnale mediato dall’AMP ciclico. La regolazione delle risposte immunitarie nei linfociti maturi sembra avvenire tramite un segnale mediato dal GMP ciclico.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

L’emivita plasmatica della timopentina è approssimativamente di 30 secondi. Le peptidasi ematiche degradano infatti la molecola negli aminoacidi che la costituiscono rendendola inattiva. Variazioni funzionali nei linfociti sono state osservate entro due ore dalla somministrazione della timopentina e permangono indotte (specialmente nelle cellule T) fino a 5 giorni dopo la somministrazione per via endovenosa di una singola dose.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Nelle prove di tossicità nel topo (i.v. e s.c.) è stata evidenziata una DL50 > 5000 mg/kg. Nella scimmia la DL50 non ha potuto essere determinata e dosi fino a 60 volte quelle previste nell’uomo sono state ben tollerate.

Inoltre gli studi di fertilità non hanno evidenziato danni all’apparato riproduttivo nè attività teratogena.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Fiala da 50 mg/ml:

Eccipienti: sodio cloruro, sodio acetato anidro, metile p-idrossibenzoato, propile p-idrossibenzoato, acqua per preparazioni iniettabili q.b. a ml 1.

Flacone multidose da 10 mg/ml:

Eccipienti: sodio cloruro, sodio acetato anidro, metile p-idrossibenzoato, propile p-idrossibenzoato, acqua per preparazioni iniettabili q.b. a ml 5.

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Nessuna nota fino ad ora.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

2 anni.

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare a temperatura compresa tra 2° e 8° C.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Astuccio di cartone litografato contenente un flacone multidose da 5 ml in vetro neutro di tipo I colore bruno chiuso con tappo in gomma bromobutile e ghiera alluminio.

Astuccio di cartone litografato contenente una fiala da 1 ml in vetro neutro di tipo I colore bruno.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

ITALFARMACO S.p.A. – Viale Fulvio Testi 330 – 20126 Milano

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

1 flacone multidose da 5 ml A.I.C. n. 025386020

1 fiala da 1 ml A.I.C. n. 025386018

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

01/06/2000

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

01/11/2004

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *