Pubblicità

Vamin: effetti collaterali e controindicazioni

Vamin 14 ef (Aminoacidi) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Vamin 14 EF è indicato come fonte di aminoacidi in pazienti adulti da sottoporre a nutrizione per via infusionale.

Vamin 14 EF è particolarmente indicato in pazienti con un moderato aumento del fabbisogno di aminoacidi.

Pubblicità

Vamin 14 ef: effetti collaterali

Come tutti i farmaci, però, anche Vamin 14 ef ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Vamin 14 ef, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Vamin 14 ef: controindicazioni

Vamin 14 EF è controindicato in pazienti con difetti congeniti del metabolismo degli aminoacidi, danno epatico irreversibile, nell’uremia grave quando non si dispone di attrezzature per la dialisi.

Vamin 14 ef: effetti collaterali

La nausea si riscontra di rado. Se si eccede la velocità massima raccomandata per l’infusione di Vamin 14 EF possono manifestarsi vomito, vampate di calore. Sono anche stati riferiti aumenti transitori nei test della funzionalità epatica durante la somministrazione endovenosa. Al momento non se ne conoscono le cause. Si può ipotizzare che a ciò possano contribuire la malattia di base, i componenti o i loro dosaggi durante la nutrizione per via infusionale.

Come per tutte le soluzioni ipertoniche può insorgere una tromboflebite se si usano vene periferiche. L’incidenza può essere ridotta se si somministra Intralipid simultaneamente.

Vamin 14 ef: avvertenze per l’uso

L’infusione endovenosa di aminoacidi è accompagnata da un incremento della escrezione urinaria di elementi tracce quali rame e in particolare zinco, il che va tenuto in considerazione nel dosare gli elementi traccia specie nella nutrizione endovena a lungo termine.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/articoli/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *