Pubblicità

Fentalgon

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Fentalgon: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Fentalgon

 

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Fentalgon 25 microgrammi/ora cerotto transdermico Fentalgon 50 microgrammi/ora cerotto transdermico Fentalgon 75 microgrammi/ora cerotto transdermico Fentalgon 100 microgrammi/ora cerotto transdermico

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Fentalgon 25 microgrammi/ora: Un cerotto transdermico (15 cm2 di superficie di rilascio) contiene 4,8 mg di fentanil che corrisponde al rilascio di 25 microgrammi di fentanil/ora.

Fentalgon 50 microgrammi/ora: Un cerotto transdermico (30 cm2 di superficie di rilascio) contiene 9,6 mg di fentanil che corrisponde al rilascio di 50 microgrammi di fentanil/ora.

Fentalgon 75 microgrammi/ora: Un cerotto transdermico (45 cm2 di superficie di rilascio) contiene 14,4 mg di fentanil che corrisponde al rilascio di 75 microgrammi di fentanil/ora.

Fentalgon 100 microgrammi/ora: Un cerotto transdermico (60 cm2 di superficie di rilascio) contiene 19,2 mg di fentanil che corrisponde al rilascio di 100 microgrammi di fentanil/ora.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Cerotto transdermico.

Fentalgon 25 – 50 – 75 – 100 microgrammi/ora è un cerotto transdermico sottile e trasparente con gli angoli arrotondati e la seguente dicitura:

fentanyl 25 µg/h

fentanyl 50 µg/h

fentanyl 75 µg/h

fentanyl 100 µg/h.

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Adulti:

Fentalgon è indicato:

Per il trattamento del dolore cronico dovuto al cancro

Per il trattamento del dolore cronico intrattabile Bambini:

Per il trattamento a lungo termine del grave dolore cronico in bambini a partire dai due anni di età e già sottoposti a terapia oppiacea.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Modo di somministrazione: uso transdermico

Fentalgon cerotto deve essere applicato sulla pelle non irritata e non sottoposta ad irradiazioni, sulla superficie piana del tronco o sulla parte superiore del braccio.

Nei bambini piccoli, come zona di applicazione del cerotto è preferibile la parte superiore della schiena in modo da minimizzare il rischio di rimozione del cerotto da parte del bambino.

Deve essere individuata una zona glabra della pelle. Se questo non è possibile, prima di applicare il cerotto bisogna tagliare (non radere) i peli nella zona di applicazione.

Se la zona di applicazione di Fentalgon cerotto necessita di essere pulita prima dell’applicazione, la pulizia della pelle deve avvenire con acqua. Saponi, oli, lozioni o qualsiasi altro detergente che può irritare la pelle o alterarne le caratteristiche non deve essere usato. La pelle deve essere completamente asciutta prima dell’applicazione del cerotto. I cerotti devono essere controllati prima dell’uso. I cerotti tagliati, divisi o danneggiati non devono essere utilizzati in alcun modo.

Se per l’apertura vengono utilizzate delle forbici, tagliare lungo i bordi dell’involucro per evitare di danneggiare il cerotto al suo interno.

Fentalgon cerotto deve essere applicato subito dopo l’apertura del suo involucro contenitivo. Evitare di toccare la parte adesiva del cerotto. Dopo la rimozione di entrambe le pellicole protettive, il cerotto transdermico deve essere applicato con una decisa pressione del palmo della mano sul punto di applicazione per circa 30 secondi, facendo attenzione che il cerotto rimanga ben adeso soprattutto lungo i bordi. Successivamente, lavarsi le mani con acqua pulita.

Fentalgon deve essere portato continuativamente per 72 ore. Dopo la rimozione del cerotto transdermico, per l’applicazione di nuovo cerotto deve essere scelta una diversa area di applicazione.

Devono passare diversi giorni prima che un nuovo cerotto possa essere applicato nello stesso punto della cute.

La necessità di continuare il trattamento deve esssere valutata ad intervalli regolari.

Scelta del dosaggio iniziale

Si raccomanda l’utilizzo di Fentalgon in pazienti con pregressa tolleranza agli oppiacei.

Il dosaggio appropriato da impiegarsi all’inizio della terapia con Fentalgon deve basarsi sull’esperienza del paziente in relazione agli oppiacei. Altri fattori che devono essere considerati sono le condizioni generali e mediche del paziente, inclusi il peso, l’età e il grado di debilitazione nonché il grado di tolleranza agli oppiacei.

Adulti

Pazienti tolleranti agli oppiacei

Per il dosaggio in pazienti tolleranti agli oppiacei che dal trattamento con oppiacei per via orale o parenterale passano al trattamento con Fentalgon, fare riferimento al paragrafo "Conversione di Efficacia Equianalgesica" qui sotto. In seguito, il dosaggio può essere aumentato o diminuito, se necessario, con incrementi di 25 mcg/ora in modo da raggiungere la dose minima più appropriata di Fentalgon sulla base della risposta e delle esigenze analgesiche supplementari.

Pazienti che ricevono un trattamento con oppiacei forti per la prima volta

In pazienti che utilizzano gli oppiacei per la prima volta, la dose normale iniziale non deve eccedere i 25 mcg/ora.

L’esperienza clinica con Fentalgon nei pazienti che utilizzano gli oppiacei per la prima volta è limitata. Se si ritiene appropriato utilizzare Fentalgon in pazienti che utilizzano oppiacei per la prima volta, si raccomanda di trattare inizialmente questi pazienti con la più bassa dose efficace di oppiacei a breve durata d’azione (ad es. morfina, idromorfone, ossicodone, tramadolo e codeina) per raggiungere l’equivalente dosaggio analgesico di Fentalgon con una velocità di rilascio di 25 mcg/ora. I pazienti poi possono passare a 25 mcg/ora di Fentalgon, che rappresenta la dose iniziale raccomandata in questi pazienti. La dose può essere successivamente aumentata o diminuita, se richiesto, con aumenti di 25 mcg/ora per raggiungere la più bassa dose appropriata di Fentalgon in funzione della risposta e della richiesta di ulteriore effetto analgesico. (Vedere anche paragrafo 4.4)

Conversione di Efficacia Equianalgesica

1. Calcolare la dose analgesica delle 24 ore precedenti.

2. Convertire la quantità risultante nella dose equianalgesica di morfina usando la Tabella 1. Tutte le dosi IM o orali di tale tabella sono considerate equivalenti per effetto analgesico a 10 mg di morfina IM.

3. Per ricavare il dosaggio di Fentalgon che corrisponde alla dose calcolata di morfina per le 24 ore, utilizzate le tabelle di conversione del dosaggio 2 e 3 come segue:

a. La Tabella 2 indica le dosi per pazienti adulti che necessitano di alternanza o conversione da un altro oppioide (rapporto di conversione da morfina orale a fentanil transdermico è di circa 150:1).

b. La Tabella 3 indica le dosi per pazienti adulti che sono in terapia stabile e ben tollerata con oppioidi (rapporto di conversione da morfina orale a fentanil transdermico è di circa 100:1).

Le tabelle 2 e 3 non devono essere utilizzate per passare dal fentanyl transdermico ad un altro oppiaceo.

Tabella 1: Tabella di conversione di efficacia equianalgesica

Nome del farmaco Dose equianalgesica (mg)
IM* orale
Morfina 10 30- 40 (somministrazione ripetuta)**
idromorfone 1,5 7,5
Metadone 10 20
ossicodone 15 30
levorfanolo 2 4
ossimorfone 1 10 (rettale)
diamorfina 5 60
Petidina 75 – –
Codeina 130 200
buprenorfina 0,4 0,8 (sublinguale)

* Dato basato su studi con dose singola in cui una dose IM di ciascuno dei farmaci elencati è stata paragonata alla morfina per stabilire la potenza relativa. Le dosi orali sono quelle raccomandate in caso di cambiamento dalla via parenterale a quella orale.

** Il rapporto di potenza orale/IM di 1:3 per la morfina si basa sull’esperienza clinica in pazienti con dolore cronico.

Rif.: Modificato da: Foley K.M. The treatment of cancer pain. NEJM 1985; 313 (2): 84-95, con aggiornamenti.

Tabella 2: Dosaggio iniziale raccomandato di Fentalgon in base alla dose giornaliera orale di morfina(1)

Morfina orale nelle 24 ore (mg/giorno) Dosaggio di Fentalgon (mcg/ora)
<135 25
135-224 50
225-314 75
315-404 100
405-494 125
495-584 150
585-674 175
675-764 200
765-854 225
855-944 250
945-1034 275
1035-1124 300

(1)Negli studi clinici questi intervalli di dose giornaliera orale di morfina sono stati impiegati come base per la conversione al trattamento con Fentalgon.

Tabella 3: Dosaggio iniziale raccomandato di Fentalgon in base alla dose giornaliera orale di morfina (per pazienti adulti che sono in terapia stabile e ben tollerata con oppioidi)

Morfina orale nelle 24 ore (mg/giorno) Dosaggio di Fentalgon (mcg/ora)
45-89 25
90-149 50
150-209 75
210-269 100
270-329 125
330-389 150
390-449 175
450-509 200
510-569 225
570-629 250
630-689 275
690-749 300

La precedente terapia analgesica deve essere eliminate progressivamente dopo l’applicazione del primo cerotto transdermico, sino a quando viene raggiunta l’efficacia analgesica di Fentalgon.

Sia nei pazienti tolleranti agli oppiacei che in pazienti che ricevono un trattamento con oppiacei forti per la prima volta, la valutazione dell’effetto analgesico di Fentalgon non può essere effettuata prima di 24 ore dalla applicazione del cerotto, in quanto la concentrazione plasmatica di fentanil aumenta gradualmente nelle 24 ore successive alla prima applicazione del cerotto transdermico.

Pubblicità

Determinazione della dose e terapia di mantenimento

Fentalgon cerotto deve essere sostituito ogni 72 ore. La posologia va determinata individualmente sino al raggiungimento di un adeguato bilancio fra l’efficacia analgesica e la tollerabilità. Nei pazienti che manifestano un’importante riduzione dell’efficacia analgesica nel periodo fra le 48 e le 72 ore dopo la somministrazione del cerotto, può rendersi necessaria la sua sostituzione dopo 48 ore.

Se al termine del periodo iniziale di applicazione l’analgesia è insufficiente, la dose può essere aumentata. L’aggiustamento della dose, quando necessario, deve essere di norma effettuato a partire da 25 mcg/ora fino a 75 mcg/ora tramite i seguenti incrementi: 25 mcg/ora, 37 mcg/ora, 50 mcg/ora, 62 mcg/ora e 75 mcg/ora. Da qui in poi l’aggiustamento della dose deve essere di norma determinato attraverso incrementi di 25 mcg/ora alla volta, tenendo anche conto di eventuali richieste di effetto analgesico supplementare (morfina orale 90 mg/24ore ~ Fentalgon 25 mcg/ora) e dell’entità del dolore del paziente. Più di un cerotto di Fentalgon può essere usato per raggiungere la dose desiderata.

I pazienti possono avere periodicamente necessità di dosi integrative di un analgesico a breve durata di azione in caso di riacutizzazione del dolore. Metodi addizionali o alternativi di analgesia devono essere presi in considerazione quando la dose di Fentalgon supera 300 mcg/ora.

Sospensione del trattamento con Fentalgon

Se fosse necessaria l’interruzione della terapia con Fentalgon, la sua sostituzione con altri farmaci oppiacei deve essere graduale iniziando con un basso dosaggio da aumentare progressivamente. Infatti, i livelli plasmatici di fentanil diminuiscono gradualmente dopo la rimozione di Fentalgon. Dopo la rimozione del sistema transdermico, la concentrazione sierica di fentanil diminuisce gradualmente con una emivita terminale media che varia tra 13-22 ore. In generale, l’interruzione di un’analgesia di tipo oppiaceo deve essere graduale, al fine di prevenire sintomi da astinenza.

I sintomi da astinenza di oppiacei (Vedere paragrafo 4.8) possono presentarsi in alcuni pazienti dopo la conversione della terapia da orale a transdermica o l’aggiustamento della dose.

Le tabelle 2 e 3 non devono essere utilizzate per passare dal fentanil transdermico ad un altro oppiaceo, per evitare rischi di sovradosaggio del nuovo analgesico.

Uso nei pazienti anziani

Dati derivanti da studi con somministrazione endovenosa di fentanil suggeriscono che i pazienti anziani possono avere una clearance ridotta, un’emivita più lunga e possono essere più sensibili al farmaco rispetto ai pazienti giovani. Gli anziani, i cachettici o i pazienti debilitati devono essere attentamente monitorati per quanto riguarda i sintomi di tossicità legati al fentanil e se necessario la dose deve essere ridotta (vedere paragrafo 5.2).

Popolazione pediatrica

Metodo di somministrazione

Nei bambini piccoli, come zona di applicazione del cerotto è preferibile la parte superiore della schiena in modo da minimizzare il rischio di rimozione del cerotto da parte del bambino.

Ragazzi a partire dai 16 anni in su: seguire il dosaggio previsto per gli adulti.

Bambini da 2 ai 16 anni.

Fentalgon deve essere somministrato solo a pazienti pediatrici con tolleranza agli oppiacei (età da 2 a 16 anni) e che stanno già ricevendo dosi equivalenti ad almeno 45 mg/die di morfina orale. Nei pazienti pediatrici, per passare dal trattamento con oppiacei orali o parenterali a Fentalgon, fare riferimento alla Tabella 4 Dose raccomandata di Fentalgon basata sulla dose orale giornaliera di morfina.

Tabella 4: Dose raccomandata di Fentalgon basata sulla dose orale giornaliera di morfina¹

Dose orale di morfina in 24 ore (mg/die) Dose di Fentalgon (mcg/ora)
Per i pazienti pediatrici² Per i pazienti pediatrici
45-134 25
¹ Questi intervalli di dosi giornaliere di morfina orale sono stati usati, negli studi clinici, come base per la conversione a Fentalgon
² La conversione a Fentalgon per dosi superiori a 25 mcg/ora è la stessa sia per pazienti adulti sia per pazienti pediatrici

Per i bambini che ricevono più di 90 mg/die di morfina orale, sono al momento disponibili dagli studi clinici solo informazioni limitate. Negli studi in pediatria, la dose necessaria di fentanil cerotto transdermico è stata calcolata in modo conservativo: 30-44 mg/die di morfina orale o la sua dose equivalente di oppiacei è stata sostituita da un cerotto di Fentalgon 12 mcg/ora. Si noti che questo schema di conversione per i bambini si applica solo al passaggio dalla morfina orale (o dal suo equivalente) a Fentalgon cerotto. Lo schema di conversione non deve essere usato al contrario, ossia per il passaggio da Fentalgon cerotto ad altri oppiacei, perché può verificarsi un sovradosaggio.

L’effetto analgesico della prima dose di Fentalgon cerotto non sarà ottimale entro le prime 24 ore. Pertanto durante le 12 ore successive all’applicazione di Fentalgon cerotto, i pazienti dovranno regolarmente ricevere la precedente dose di analgesici. Nelle successive 12 ore, questi analgesici dovranno essere somministrati al bisogno.

Poiché il picco dei livelli sierici di fentanil si ha dalla 12 alle 24 ore dall’inizio del trattamento, il monitoraggio dei pazienti per gli eventi avversi, che possono includere l’ipoventilazione, è raccomandato almeno fino 48 ore dopo l’inizio della terapia con Fentalgon o dopo l’incremento della sua dose (Vedere anche paragrafo 4.4).

Aggiustamento della dose e terapia di mantenimento

Se l’effetto analgesico di Fentalgon è insufficiente, devono essere somministrati morfina supplementare o un altro oppiaceo di breve durata. A seconda della necessità di analgesico addizionale e dell’intensità del dolore nel bambino, si può decidere di aumentare la dose.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti

Dolore acuto o postoperatorio, perché l’aggiustamento della dose non è possibile durante l’uso a breve termine, ed il rischio di grave depressione respiratoria, che può porre il paziente a rischio di vita

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Grave depressione respiratoria.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Il prodotto deve essere usato solo come parte di un trattamento integrato del dolore in casi in cui il paziente è adeguatamente assistito dal punto di vista medico, sociale e psicologico.

Il trattamento con Fentalgon deve essere iniziato solo da un medico esperto che ha familiarità con la farmacocinetica del fentanil cerotti transdermici e con il rischio di grave ipoventilazione.

FENTALGON NON DEVE ESSERE USATO NEL TRATTAMENTO DEL DOLORE ACUTO O POST OPERATORIO PERCHÉ L’AGGIUSTAMENTO DELLA DOSE NON È POSSIBILE DURANTE L’USO A BREVE TERMINE, E PUÒ ESSERCI IL RISCHIO DI GRAVE DEPRESSIONE RESPIRATORIA.

I PAZIENTI CHE HANNO MANIFESTATO EVENTI AVVERSI GRAVI DOVREBBERO ESSERE MONITORATI PER ALMENO 24 ORE DOPO L’INTERRUZIONE DI FENTALGON, IN QUANTO LE CONCENTRAZIONI PLASMATICHE DEL FENTANIL DIMINUISCONO GRADUALMENTE E SI RIDUCONO DI CIRCA IL 50% DOPO 17 ORE (DA 13 A 22 ORE) (vedere paragrafo 5.2).

Tipi differenti di cerotti di fentanil non sono intercambiabili nello stesso paziente. Pertanto, tale sostituizione non deve essere effettuata senza consultare un medico esperto.

Fentalgon deve essere tenuto lontano dalla vista e dalla portata dei bambini sia prima che dopo l’uso. Non tagliate i cerotti di Fentalgon, un cerotto tagliato o danneggiato non deve essere utilizzato.

L’uso di Fentalgon in pazienti che ricevevano un trattamento con oppiacei per la prima volta è stato associato a rari casi di grave depressione respiratoria o decesso.

In tali pazienti, la possibilità di grave depressione respiratoria, anche a rischio di vita, esiste anche se viene utilizzata la dose più bassa di Fentalgon.

L’uso di Fentalgon è raccomandato in pazienti che hanno dimostrato tolleranza agli oppiacei (vedere paragrafo 4.2).

Quando Fentalgon viene somministrato per un dolore cronico intrattabile che richiede un trattamento prolungato, si raccomanda al medico di definire l’efficacia del trattamento stesso, in termini di riduzione del dolore e miglioramento funzionale, secondo le linee guida sulla terapia del dolore applicate a livello locale. Se questi obbiettivi non vengono raggiunti, il medico ed il paziente dovrebbero accordarsi per sospendere il trattamento.

Nel dolore cronico non canceroso, può essere preferibile iniziare il trattamento con oppiacei a rilascio immediato (ad es. morfina) e prescrivere il fentanil cerotto transdermico dopo la determinazione dell’efficacia e della dose ottimale dell’oppiaceo.

Se sono necessarie dosi superiori a quelle equivalenti a 500 mg di morfina, si raccomanda un riesame della terapia oppiacea.

Le reazioni avverse più comuni dopo somministrazione alle dosi usuali sono sonnolenza, confusione, nausea, vomito e stitichezza. Le prime sono transitorie e la loro causa deve essere indagata se i sintomi persistono. La stitichezza, al contrario, non scompare se il trattamento continua. Tutti questi sintomi sono attesi, specialmente la stitichezza e pertanto possono essere previsti al fine di ottimizzare il trattamento. Spesso possono essere richiesti trattamenti correttivi (vedere paragrafo 4.8).

Riacutizzazione improvvisa del dolore

Gli studi hanno mostrato che quasi tutti i pazienti, nonostante il trattamento con fentanil cerotto, richiedono un trattamento supplementare con potenti medicinali a rilascio rapido per arrestare dolori improvvisi.

Depressione respiratoria

Come per tutti gli altri oppiacei potenti, anche con Fentalgon in alcuni pazienti si può verificare una significativa depressione respiratoria; i pazienti vanno tenuti sotto controllo in caso di insorgenza di tale effetto. La depressione respiratoria può persistere anche dopo la rimozione del cerotto. L’incidenza di tale depressione aumenta con l’incremento del dosaggio di fentanil (vedere paragrafo 4.9). Farmaci attivi sul SNC possono aggravare la depressione respiratoria (vedere paragrafo 4.5). Il fentanil deve essere usato con cautela ed a dose minore in pazienti con depressione respiratoria pre-esistente.

Interazione con altri farmaci:

Ininbitori del citocromo CYP3A4

L’impiego concomitante di Fentalgon e di inibitori del citocromo P4503A4 (e.g. ritonavir, ketoconazolo, itraconazolo, troleandomicina, claritromicina, eritromicina, nelfinavir, nefazodone, verapamil, diltiazem e amiodarone) può provocare un incremento delle concentrazioni plasmatiche di fentanil, incremento che può accrescere sia l’efficacia che gli effetti collaterali del farmaco, e può causare grave depressione respiratoria. In tali casi, è necessario monitorare con attenzione i pazienti.

Pertanto, l’associazione di fentanil con gli inibitori del citocromo CYP3A4 non è raccomandata, a meno che il paziente non venga attentamente monitorato, in particolare per i segni di depressione respiratoria, ed in caso di necessità il dosaggio non venga ridotto.

Inibitori del reuptake della serotonina (SSRI)

Il fentanil è stato associato all’insorgenza di sindrome serotoninergica, se somministrato in associazione ad altri farmaci serotoninergici, inclusi gli antidepressivi inibitori del reuptake della serotonina, quali fluoxetina, paroxetina, citalopram, sertralina, ecc.

I sintomi della sindrome serotoninergica includono alterazioni dello stato di coscienza (agitazione, allucinazioni, o coma), instabilità neurovegetativa (tachicardia, instabilità pressoria, ipertermia), effetti neuromuscolari (iperreflessia, incoordinazione motoria) o gastroenterici (nausea, vomito, diarrea).

L’associazione richiede quindi cautela, e la terapia va interrotta se compaiono i sintomi della sindrome serotoninergica.

Impiego concomitanti di agonisti/antagonisti misti

L’impiego di buprenorfina, nalbufina o pentazocina in associazione a fentanil non è raccomandato (vedere paragrafo 4.5).

Malattie polmonari croniche

Nei pazienti con malattie ostruttive croniche o con altre malattie polmonari, il fentanil può causare reazioni avverse più gravi; in tali pazienti gli oppiacei possono ridurre la frequenza respiratoria ed aumentare le resistenze delle vie aeree

Dipendenza e rischio di abuso

Durante somministrazioni ripetute di oppioidi quali il fentanil, si possono sviluppare tolleranza al farmaco, dipendenza fisica e psicologica. Il rischio di assuefazione dopo somministrazione di oppiacei è comunque raro.

I pazienti con storia di dipendenza da alcool o da farmaci sono maggiormente esposti al rischio di sviluppare dipendenza da oppiacei.

Tali pazienti possono comunque essere trattati con oppiacei a rilascio ritardato, ma devono essere monitorati per l’insorgenza di segni di uso improprio, abuso o dipendenza da oppiacei. Tali pazienti possono abusare di fentanil come di altri oppiacei. L’abuso o uso improprio intenzionali di fentanil possono esitare in sovradosaggio, anche fatale.

Aumento della pressione intracranica

Fentalgon deve essere usato con cautela nei pazienti che possono essere particolarmente suscettibili all’effetto intracranico della ritenzione dell’anidride carbonica, come quelli con evidenza di ipertensione intracranica, deterioramento della coscienza o coma.

Fentanil deve essere usato con cautela nei pazienti cui è stato diagnosticato tumore cerebrale.

Malattie cardiache

Gli oppiacei possono causare ipotensione, specialmente in pazienti con ipovolemia pertanto deve essere usata cautela nel trattamento di pazienti con ipotensione e/o pazienti con ipovolemia. L’ipotensione sintomatica o l’ipovolemia preesistenti devono essere corrette prima di iniziare il trattamento con fentanil. Fentanil può causare bradicardia, pertanto Fentalgon deve essere usato con cautela in pazienti con bradiaritmie.

Compromissione epatica

Il fentanil viene metabolizzato in metaboliti inattivi nel fegato, pertanto i pazienti con malattie epatiche possono presentare un’eliminazione ritardata. I pazienti con malattie epatiche devono essere tenuti sotto attenta osservazione per quanto riguarda i segni della tossicità da fentanil e se necessario la dose deve essere ridotta (vedere paragrafo 5.2).

Compromissione renale

Meno del 10% di fentanil viene escreto sotto forma immodificata nelle urine e, a differenza della morfina, non vi sono metaboliti attivi ad eliminazione renale. I dati ottenuti dopo somministrazione endovena di fentanil in pazienti con insufficienza renale lasciano supporre che il volume di distribuzione di fentanil può essere modificato dalla dialisi e ciò può influire sulle concentrazioni nel siero. Se si dovesse somministrare fentanil transdermico a pazienti con insufficienza renale, questi devono essere tenuti sotto stretta sorveglianza per quanto riguarda i segni della tossicità da fentanil ed il dosaggio deve essere ridotto, se necessario.

Pazienti con febbre/fonti esterne di calore

Dati di farmacocinetica suggeriscono che le concentrazioni seriche di fentanil possono aumentare di circa un terzo se la temperatura cutanea aumenta a 40°. Pertanto, i pazienti con febbre devono essere monitorati per l’insorgenza di effetti collaterali, e la dose di Fentalgon deve essere ridotta, se necessario.

La quantità di fentanil rilasciata dal cerotto può incrementare se aumenta la temperatura, con rischio di sovradosaggio anche fatale.

Uno studio di farmacologia clinica condotto in volontari adulti sani ha dimostrato che l’applicazione di calore sul cerotto di fentanil aumenta i valori medi di AUC del 120%, e i valori medi di Cmax

del 61%. Tutti i pazienti devono essere avvisati di evitare di esporre il sito di applicazione del cerotto a fonti di calore esterno, quali cuscini riscaldanti, borse d’acqua calda, coperte elettriche, letti riscaldati, lampade riscaldanti o abbronzanti, intensa esposizione al sole, prolungati bagni caldi, sauna o vasche ad idromassaggio, poiché c’è il rischio di aumento del rilascio di farmaco dal cerotto, provocato dall’aumento di temperatura.

Esposizione accidentale al farmaco da trasferimento del cerotto

Il trasferimento accidentale del cerotto di fentanil alla cute di un soggetto non-utilizzatore (particolarmente nei bambini) mentre si dorme nello stesso letto o in caso di stretto contatto fisico con un utilizzatore, può causare un’overdose da oppiacei per il non-utilizzatore. I pazienti devono essere allertati che, in caso di trasferimento accidentale, il cerotto deve essere rimosso immediatamente dalla cute del non-utilizzatore (vedere paragrafo 4.9 Overdose).

Pazienti anziani

I risultati di studi con somministrazione endovenosa di fentanil suggeriscono che i pazienti anziani possono presentare una minore capacità di eliminazione, un’emivita del farmaco prolungata e una maggiore ipersensibilità al farmaco rispetto a pazienti più giovani. Pertanto, i pazienti anziani trattati con Fentalgon vanno tenuti sotto attento controllo per i sintomi di tossicità da fentanil e il dosaggio deve essere ridotto, se necessario (vedere sezìone 5.2).

Tratto gastrointestinale

Gli oppiacei aumentano il tono e riducono la motilità delle cellule lisce della tratto gastrointestinale. Il conseguente prolungamento del tempo di transito intestinale può essere responsabile dell’effetto costipante del Fentalgon. I pazienti devono essere consigliati sulle misure da prendere per prevenire la stitichezza; va anche considerato l’impiego preventivo di lassativi. Ulteriore cautela deve essere adottata nei pazienti con stitichezza cronica. Se viene sospettato o diagnosticato un ileo paralitico, il trattamento con Fentalgon deve essere sospeso.

Uso pediatrico

Fentalgon non deve esser somministrato a pazienti che non sono già in trattamento con oppioidi (vedere paragrafo 4.2). Vi è il rischio di ipoventilazione grave, tale da porre il paziente a rischio di vita; tale rischio è indipendente dalla dose del Fentalgon transdermico utilizzato (vedere tabella 2 e 4, paragrafo 4.2).

L’uso di Fentalgon non è stato studiato in bambini al di sotto dei 2 anni di età. Fentalgon deve essere somministrato solo a bambini al di sopra dei 2 anni di età già tolleranti agli oppiacei (vedere paragrafo 4.2). Fentalgon non deve essere usato in bambini al di sotto dei 2 anni di età.

Per evitare l’ingestione accidentale nei bambini, scegliere con cautela il sito di applicazione per Fentalgon cerotto (vedere paragrafo 6.6 Precauzìonì partìcolarì per lo smaltìmento e la manìpolazìone) e monitorare attentamente l’adesione del cerotto.

Eliminazione dei cerotti usati

I cerotti usati possono contenere significative quantità di farmaco. Pertanto, dopo la loro rimozione i cerotti devono essere piegati in due, con il lato adesivo verso l’interno e non esposto all’esterno, e quindi eliminati, lontano dalla portata dei bambini e secondo quanto previsto nelle istruzioni contenute nella confezione.

Allattamento

Poichè il farmaco è escreto nel latte materno, l’allattamento deve essere interrotto durante il trattamento con Fentalgon (Vedì paragrafo 4.6)

Pazienti con miastenia grave

Possono comparire reazioni non epilettiche (mio)cloniche. Si deve usare cautela nel trattamento di pazienti con miastenia grave.

Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

L’uso concomitante con derivati dell’acido barbiturico deve essere evitato perché l’effetto di depressione respiratoria del fentanil può aumentare.

L’uso concomitante di altri depressivi del SNC può produrre effetti depressivi additivi; possono comparire ipoventilazione, ipotensione, sedazione profonda, coma o morte. I depressivi del SNC di cui sopra includono:

Oppiacei

Antipsicotici

Ipnotici

Anestetici generali

Miorilassanti muscolari

Antistaminici sedativi

Bevande alcoliche

Ansiolitici

Fenotiazine

Tranquillanti

Sedativi

Pertanto l’uso dei prodotti medicinali e delle sostanze sopra elencate richiede monitoraggio e cura del paziente. Impiego concomitante di agonisti/antagonisti misti

L’uso concomitante di buprenorfina, nalbufina e pentazocina non è raccomandato. Questi farmaci hanno un’elevata affinità per i recettori degli oppiacei con un’attività intrinseca relativamente bassa e pertanto antagonizzano parzialmente l’effetto analgesico del fentanil ed inducono sintomi da astinenza nei pazienti con dipendenza dagli oppiacei (vedere paragrafo 4.4).

Il fentanil, sostanza con elevata clearance attiva, viene rapidamente ed estesamente metabolizzato, principalmente dal sistema CYP3A4.

L’impiego concomitante di Fentalgon e di inibitori del citocromo P4503A4 (CYP3A4) (e.g. ritonavir, ketoconazolo, itraconazolo, fluconazolo, voriconazolo, troleandomicina, claritromicina, nelfinavir, nefazodone, verapamil, diltiazem e amiodarone) può provocare un incremento delle concentrazioni plasmatiche di fentanil, incremento che può accrescere sia l’efficacia che gli effetti collaterali del farmaco, e può causare grave depressione respiratoria. In tali casi, è necessario monitorare con attenzione i pazienti.

L’associazione di fentanil con gli inibitori del citocromo CYP3A4 non è raccomandata, a meno che il paziente non venga attentamente monitorato (Vedì anche paragrafo 4.4).

L’impiego concomitante di induttori del citocromo CYP3A4 (e.g. rifampicina, carbamazepina, fenobarbital, fenitoina) può provocare una riduzione delle concentrazioni plasmatiche e dell’efficacia di fentanil. Tale riduzione può richiedere un aggiustamento del dosaggio di fentanil. Dopo l’interruzione del trattamento con un induttore del citocromo CYP3A4, il suo effetto decresce gradualmente, e ciò può dare un incremento delle concentrazioni plasmatiche di fentanil, che a sua volta può accrescere sia l’efficacia che gli effetti collaterali del farmaco, e può causare grave depressione respiratoria. In tali casi, è necessario monitorare con attenzione i pazienti, e se necessario ridurre il dosaggio di fentanil.

Inibitori delle mono ammino ossidasi (IMAO)

Si raccomanda di non utilizzare Fentalgon nei pazienti che richiedono la concomitante terapia con un IMAO. Sono infatti state descritte interazioni gravi ed imprevedibili con gli IMAO, che includono aumento degli effetti oppiacei e serotoninergici. Pertanto, Fentalgon non deve essere associato agli IMAO, o utilizzato entro i 14 giorni successivi alla loro sospensione.

Interazione con gli inibitori del reuptake della serotonina (SSRI)

Fentanil è stato associato all’insorgenza di sindrome serotoninergica, quando utilizzato in associazione ad altri farmaci ad azione serotoninergica, inclusi gli inibitori del reuptake della serotonina (fluoxetina, paroxetina, citalopram, sertralina, ecc.)

I sintomi di tale sindrome includono variazioni dello stato di coscienza (agitazione, allucinazioni, coma), instabilità neurovegetativa (tachicardia, instabilità della pressione arteriosa, ipertermia) effetti neuromuscolari (iperreflessia o incoordinamento motorio) o gastroenterici (nausea, vomito, diarrea). L’associazione va quindi attuata con cautela, e la terapia va interrotta se compaiono sintomi di sindrome serotoninergica.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

La sicurezza del fentanil in gravidanza non è stata stabilita. Studi sugli animali hanno dimostrato una certa tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3). Non è noto il rischio potenziale nell’uomo, sebbene altre formulazioni di fentanil, somministrato endovena come anestetico, ha mostrato di passare la barriera placentare, nelle prime fasi della gravidanza. Si raccomanda di non usare fentanil in gravidanza a meno che non sia strettamente indispensabile.

L’uso prolungato di fentanil durante la gravidanza può causare sindrome da astinenza nel neonato.

L’uso di fentanil durante il travaglio ed il parto (incluso parto cesareo) non è consigliato in quanto fentanil non è indicato nel dolore operatorio acuto (vedì paragrafì 4.3. e 4.4); inoltre, il fentanil attraversa la barriera placentare e può provocare depressione respiratoria nel neonato.

Fentanil viene escreto nel latte materno e può provocare sedazione e depressione respiratoria nel lattante; pertanto è necessario interrompere l’allattamento durante il trattamento e per almeno 72 ore dopo la rimozione di Fentalgon (vedere anche al paragrafo 4.4).

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Il fentanil compromette la capacità di guidare veicoli o usare macchinari. Questo è da attendersi specialmente all’inizio del trattamento, ad ogni cambiamento del dosaggio e così pure con l’uso di alcool e

antipsicotici. I pazienti stabilizzati con uno specifico dosaggio non devono necessariamente subire restrizioni; pertanto i pazienti devono consultare il loro medico per sapere se sia ragionevole guidare o usare macchine.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

La sicurezza di impiego del fentanil per via transdermica è stata valutata su 1854 pazienti adulti o in età pediatrica, che hanno preso parte a 11 studi clinici in doppio cieco fentanil [placebo o controllo attivo] e/o in aperto fentanil [senza controllo o con controllo attivo] nel trattamento del dolore cronico, anche da cancro. Questi pazienti hanno assunto almeno una dose di fentanil, e hanno riferito eventuali effetti indesiderati.

Sulla base dei dati cumulativi raccolti in questi studi clinici, le reazioni avverse più frequentemente riportate sono state (in percentuale di incidenza): nausea (35,7%), vomito (23,2%), stipsi (23,1%), sonnolenza (15,0%), capogiri (13,1%), cefalea (11,8%) e insonnia (10,2%).

Le reazioni avverse riportate con l’uso di fentanil sia negli studi clinici, incluse le reazioni avverse riportate qui sopra, che nell’esperienza post-marketing, sono elencate qui di seguito nella tabella A.

Le frequenze sono riportate in accordo alla seguente convenzione: Molto comune (≥1/10); Comune (≥1/100, <1/10); Non comune (≥1/1.000, <1/100); Raro (≥1/10.000, <1/1.000); Molto raro (<1/10.000); Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili negli studi clinici).

Tabella A: reazioni avverse in pazienti adulti ed in età pediatrica
Classificazione per sistemi e organi Reazioni avverse da farmaco
Frequenza
Molto comune Comune Non comune Raro Non Noto
Disturbi del sistema immunitario Ipersensibilità Shock anafilattico, Reazione anafilattica, reazione anafilattoide
Disturbi del metabolismo e della nutrizione Anoressia
Disturbi psichiatrici Insonnia, Sonnolenza Depressione, Ansia, Stato confusionale, Allucinazioni Agitazione, Disorientamento, umore euforico
Patologie del sistema nervoso Capogiri, cefalea Tremore, Parestesia Ipoestesia, Convulsioni (incluse convulsioni cloniche e da grande male), Amnesia. Riduzione del livello di coscienza, perdita di coscienza
Patologie dell’occhio Visione offuscata Miosi
Patologie dell’orecchio e del labirinto Vertigini
Patologie cardiache Palpitazioni, Tachicardia Bradicardia, Cianosi
Patologie vascolari Ipertensione Ipotensione
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche Dispnea Depressione respiratoria, Distress respiratorio Apnea, Ipoventilazione Bradipnea
Patologie gastrointestinali Nausea, Vomito, Stipsi Diarrea, Bocca secca, Dolore addominale, Dolore addominale superiore, dispepsia Ileo Subileo
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Iperidrosi, Prurito, Rash, Eritema Eczema, Dermatite allergica, Patologie della pelle, Dermatiti, Dermatiti da contatto
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo Spasmi muscolari Contrazioni muscolari
Patologie renali e urinarie Ritenzione urinaria
Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella Disfunzione erettile, Disfunzioni sessuali
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Affaticamento, Edema periferico, Astenia, Malessere, Sensazione di freddo Reazione nel sito di applicazione, malattia simil-influenzale, Sensazione di modificazioni della temperatura corporea, ipersensibilità nel sito di applicazione, Sindrome da sospensione Febbre Dermatite nel sito di applicazione, Eczema nel sito di applicazione.

Popolazione pediatrica

Il profilo degli eventi avversi in bambini e adolescenti trattati con Fentalgon è simile a quello osservato negli adulti. Non è stato identificato nessun rischio nella popolazione pediatrica, al di là di quello atteso con l’uso di oppiacei del dolore associato a gravi malattie. Non sembra essere presente alcun rischio specifico correlato al corretto uso di Fentalgon nei bambini da 2 anni in su.

Gli eventi avversi Molto comuni riscontrati nella popolazione pediatrica durante gli studi clinici sono febbre, vomito e nausea.

La sicurezza di impiego del fentanil per via transdermica è stata valutata su 289 pazienti in età pediatrica (<18 anni), che hanno preso parte a 3 studi clinici nel trattamento del dolore cronico, anche da cancro. Questi pazienti hanno assunto almeno una dose di fentanil, e hanno riferito eventuali effetti indesiderati. Sebbene i criteri di arruolamento in questi studi prevedessero un’età superiore a 2 anni, 2 bambini in questi studi hanno ricevuto la prima dose di fentanil all’età di 23 mesi.

Sulla base dei dati cumulativi raccolti in questi 3 studi clinici in pediatria, le reazioni avverse più frequentemente riportate (con incidenza >10%) sono state: vomito (33,9%), nausea (23,5%), cefalea (16,3%), stipsi (13,5%), diarrea (12,8%) e prurito (12,8%).

Le reazioni avverse riportate con l’uso di fentanil negli studi clinici condotti in pediatria sono elencate qui di seguito in tabella B.

Le frequenze sono riportate in tabella B in accordo alla convenzione già utilizzata per la tabella A.

Tabella B: reazioni avverse raccolte in studi clinici in pazienti in età pediatrica
Classificazione per sistemi e organi Reazioni avverse da farmaco
Frequenza
Molto comune (≥1/10) Comune (≥1/100, <1/10) Non comune (≥1/1.000, <1/100)
Disturbi del sistema immunitario Ipersensibilità
Disturbi del metabolismo e della nutrizione Anoressia
Disturbi psichiatrici Insonnia, Sonnolenza Depressione, Ansia, Allucinazioni Stato confusionale
Patologie del sistema nervoso Cefalea Capogiri, Tremore, Ipoestesia Parestesia
Patologie dell’occhio Miosi
Patologie dell’orecchio e del labirinto Vertigini
Patologie cardiache Cianosi
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche Depressione respiratoria
Patologie gastrointestinali Nausea, Vomito, Stipsi, Diarrea Bocca secca, Dolore addominale, Dolore addominale superiore
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Prurito Iperidrosi, Rash, Eritema Eczema, Dermatite allergica, Patologie della pelle, Dermatiti da contatto
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo Spasmi muscolari
Patologie renali e urinarie Ritenzione urinaria
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Affaticamento, Edema periferico, Astenia, Reazione nel sito di applicazione Sindrome da sospensione, Malattia simil-influenzale

Come altri analgesici oppiacei, l’uso prolungato di FENTALGON può sviluppare tolleranza, dipendenza fisica e psicologica (vedere paragrafo 4.4).

In alcuni pazienti, in seguito alla conversione del precedente trattamento da oppioidi a fentanil, o all’improvvisa sospensione della terapia, possono verificarsi sintomi della sindrome da astinenza da oppiacei (come nausea, vomito, diarrea, ansia e brividi) (vedere paragrafo 4.2). Sono stati riportati molto raramente casi di neonati con sindrome da sospensione neonatale, la cui madre era in terapia cronica con fentanil durante la gravidanza (vedere paragrafo 4.6).

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomi

I sintomi del sovradosaggio del fentanil consistono nell’estensione delle sue azioni farmacologiche, ad es. letargia, coma, depressione respiratoria con respirazione di Cheyne-Stokes e/o cianosi. Altri sintomi possono essere ipotermia, diminuzione del tono muscolare, bradicardia, ipotensione. Segni di tossicità possono essere sedazione profonda, atassia, miosi, convulsioni e depressione respiratoria che è il sintomo principale.

Trattamento

Per il trattamento della depressione respiratoria devono essere iniziate immediate contromisure, incluse rimozione del cerotto e stimolazione fisica o verbale del paziente. Queste azioni possono essere seguite dalla somministrazione di uno specifico antagonista degli oppiacei come il naloxone.

Negli adulti si raccomanda una dose iniziale di 0,4-2 mg di naloxone cloridrato per endovena. Se necessario una dose simile può essere somministrata ogni 2 o 3 minuti o come infusione continua come 2 mg in 500 ml di soluzione di cloruro di sodio 9 mg/ml (0,9%) o soluzione di glucosio 50 mg/ml (5%).

La velocità di infusione deve essere aggiustata secondo la precedente iniezione in bolus e secondo la risposta individuale del paziente. Se la somministrazione endovenosa è impossibile, il naloxone cloridrato può anche essere somministrato per via intramuscolare o sottocutanea. Dopo somministrazione intramuscolare o sottocutanea l’insorgenza dell’azione sarà più lenta rispetto a quella endovena. La somministrazione intramuscolare darà un effetto più prolungato rispetto a quella endovena. La depressione respiratoria dovuta al sovradosaggio può persistere più a lungo dell’effetto dell’antagonista degli oppiacei. L’intervallo fra le somministrazioni endovenose di antagonista deve essere scelto con particolare cura, data la possibilità di "rinarcotizzazione" una volta rimosso il cerotto transdermico; potrebbe essere necessaria la somministrazione ripetuta o l’infusione continua di naloxone.

L’annullamento dell’effetto narcotico può dare luogo all’insorgenza di dolore acuto ed al rilascio di catecolamine. Se richiesto dalle condizioni del paziente, il trattamento in un’unità di terapia intensiva è importante. Se la situazione clinica lo giustifica, si deve instaurare e mantenere la pervietà delle vie aeree, possibilmente per via orofaringea o con una cannula endotracheale; si deve procedere alla somministrazione di ossigeno e all’assistenza o al controllo della respirazione, a seconda delle esigenze. Va mantenuta un’adeguata temperatura corporea e un appropriato bilancio idrico.

Se compare ipotensione grave o persistente, deve essere considerata la presenza di un’ipovolemia e tale condizione deve essere gestita con un’appropriata terapia parenterale con liquidi.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: oppiacei; derivati della fenilpiperidina. Codice ATC: N02AB03

Fentanil è un analgesico oppiaceo con affinità prevalentemente con i µ-recettori. Le sue principali azioni terapeutiche sono l’analgesia e la sedazione. Le concentrazioni plasmatiche minime necessarie all’azione analgesica di fentanil in pazienti non assuefatti a sostanze oppiacee sono comprese fra 0,3 e 1,5 ng/ml; la frequenza degli effetti indesiderati aumenta con livelli plasmatici superiori a 2 ng/ml.

Sia la più bassa concentrazione efficace di fentanil che la concentrazione che causa reazioni avverse aumentano con lo sviluppo di tolleranza.

La tendenza a sviluppare tolleranza presenta una notevole variazione interindividuale.

Popolazione pediatrica

Il profilo di sicurezza di Fentalgon è stato valutato in tre studi clinici in aperto su 289 pazienti pediatrici con dolore cronico, tra i 2 e i 18 anni di età, di cui 66 bambini di età compresa tra 2 e 6 anni. In questi studi, dosi da 30 mg a 45 mg di morfina orale giornaliera son state sostituite da un cerotto Fentalgon 12 mcg/ora. Dosi iniziali di 25 mcg/ora e superiori son state somministrate a 181 pazienti che erano già stati in trattamento con dosi giornaliere di oppiacei corrispondenti almeno a 45 mg per dose di morfina orale.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Adulti

A seguito della somministrazione di Fentalgon, il fentanil viene continuamente assorbito attraverso la cute per un periodo di 72 ore. Grazie alla matrice in polimeri ed alla diffusione del fentanil attraverso gli strati della cute, la velocità di rilascio rimane costante.

Assorbimento

Dopo la prima applicazione di Fentalgon le concentrazioni sieriche aumentano gradualmente, in genere raggiungendo il picco tra le 12 e le 24 ore e rimangono relativamente costanti per il rimanente periodo di applicazione delle 72 ore. Le concentrazioni di fentanil raggiunte nel siero dipendono dalla dimensione del cerotto transdermico. Dal punto di vista pratico dalla seconda applicazione di 72 ore, si raggiunge una concentrazione sierica stazionaria che si mantiene durante le successive applicazioni di un cerotto della stessa dimensione.

Un modello farmacocinetico ha suggerito che la concentrazione plasmatica di fentanil può aumentare del 14% (range 0-26%) se il nuovo cerotto viene applicato dopo 24 ore piuttosto che dopo 72 ore come raccomandato.

Distribuzione

Il legame del fentanil con le proteine plasmatiche è dell’84%.

Biotrasformazione

Il fentanil viene metabolizzato principalmente dal fegato attraverso il CYP3A4. Il maggior metabolita, il norfentanil, è inattivo.

Eliminazione

Una volta rimosso il cerotto di Fentalgon, le concentrazioni plasmatiche del fentanil si riducono gradualmente raggiungendo approssimativamente il 50% in circa 13-22 ore negli adulti e 22-25 nei bambini. L’assorbimento continuo transdermico del fentanil determina una più lenta riduzione del farmaco dal siero rispetto a quanto osservato dopo infusione endovenosa.

Circa il 75% di fentanil viene escreto attraverso le urine, per la maggior parte sotto forma di metaboliti, con meno del 10% sotto forma di farmaco immodificato. Approssimativamente il 9% della dose viene rinvenuto nelle feci, soprattutto sotto forma di metaboliti.

Popolazioni speciali

Anziani

I dati derivanti dagli studi con fentanil somministrato per via endovenosa suggeriscono che i pazienti anziani potrebbero avere una clearance ridotta, un’emivita prolungata e potrebbero essere più sensibili al farmaco rispetto ai pazienti giovani. In uno studio condotto con fentanil transdermico, soggetti anziani sani mostravano una farmacocinetica di fentanil che non era significativamente diversa rispetto ai soggetti giovani sebbene i picchi delle concentrazioni plasmatiche tendevano ad essere inferiori e i valori medi di emivita erano prolungati a circa 34 ore. I pazienti anziani devono essere attentamente monitorati per segni di tossicità da fentanil e la dose deve essere ridotta se necessario (vedere paragrafo 4.2).

Pazienti pediatrici

La clearance (L/h/Kg) nei pazienti pediatrici, aggiustata secondo il peso corporeo, è stata l’82% più alta nei bambini nella fascia di età compresa tra i 2 e i 5 anni e il 25% più alta per quelli di età compresa tra i 6 e i 10 anni rispetto alla clearance dei bambini di età compresa tra gli 11 e i 16 anni che, invece, hanno mostrato dei valori uguali a quelli degli adulti.

Tali conclusioni sono state tenute in considerazione per determinare la dose raccomandata nei pazienti pediatrici.

Pazienti con insufficienza epatica

In uno studio condotto in pazienti con cirrosi epatica, è stata valutata la farmacocinetica di una singola applicazione di fentanil transdermico 50 mcg/ora. Sebbene i valori di tmax e t½ non erano alterati, in questi pazienti i valori medi di Cmax e AUC plasmatici sono aumentati di circa il 35% ed il 73% rispettivamente. I pazienti con insufficienza epatica devono essere attentamente osservati per segni di tossicità da fentanil e la dose ridotta se necessario (vedere paragrafo 4.4).

Pazienti con insufficienza renale

I dati derivanti da uno studio con fentanil somministrato per via endovenosa in pazienti che hanno subito trapianto renale suggeriscono che la clearance di fentanil potrebbe essere ridotta in questa popolazione di pazienti. I pazienti con insufficienza renale a cui viene somministrato Fentalgon devono essere attentamente osservati per segni di tossicità da fentanil e la dose deve essere ridotta se necessario (vedere paragrafo 4.4).

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

In vitro fentanil ha mostrato, come gli altri analgesici oppiacei, effetti mutageni sulle cellule di mammifero in coltura solo a concentrazioni citotossiche e in caso di attivazione metabolica. Non è stato invece riscontrato nessun effetto mutageno nelle sperimentazioni in vivo su roditori e batteri.

In uno studio della durata di due anni condotto nei ratti, la somministrazione di fentanil non è stata associata ad un’aumentata incidenza di tumori a dosi sottocutanee fino a 33 mcg/kg/giorno nei maschi o 100 mcg/kg/giorno nelle femmine.

L’esposizion totale (AUC0-24h) raggiunta in questo studio è risultata < 40% di quella che viene verosimilmente raggiunta in clinica alle dosi di fentanil transdermico più elevate (100 mcg/ora), ciò a causa della scarsa tollerabilità delle elevate concentrazioni plasmatiche di farmaco nel ratto.

L’effetto del fentanil sullo sviluppo fetale è stato valutato nel ratto e nel coniglio.

Alcuni test eseguiti nel ratto mostrano ridotta fertilità femminile, mortalità embrionale e ritardi transitori dello sviluppo fetale.

Questi risultati erano dovuti alla tossicità del farmaco sulla madre, e non ad un effetto diretto del farmaco sull’embrione, e sono stati osservati per concentrazioni plasmatiche di farmaco allo steady state simili a

quelle umane (rapporto delle concentrazioni allo steady state ratto/uomo = 1.1), e con esposizioni giornaliere lievemente più elevate rispetto a quelle osservate in clinica con dosi di fentanil di 100 mcg/ora (rapporto AUC0-24h ratto/uomo=1,5).

Nel coniglio non è stato osservato alcun effetto, mentre è stata raggiunta una concentrazione massima allo steady state pari a 6,6 volte quella raggiunta nell’uomo.

L’esposizione giornaliera osservata nel coniglio era simile a quella rilevata in clinica con dosi di fentanil di 100 mcg/ora osservata (rapporto AUC0-24h coniglio/uomo=1,1). Non si sono osservati effetti teratogeni.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Strato adesivo del farmaco: Poly(2-ethylhexylacrylate, vinylacetate) (50:50)

poly[2-ethylhexyl)acrylate-co-methylacrylate-co-acrylicacid-co(2,3-epoxypropyl)methacrylate] (61.5:33:5.

5:0.02)

dodecan-1-ol

Membrana che controlla il rilascio Film di poliestere, trattato con silicone

Strato di supporto

Film colorato di poliestere/etilen-vinil-acetato.

Inchiostro da stampa

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Per non interferire con le proprietà adesive di Fentalgon, non usare creme, olii, lozioni o polveri nell’area della pelle dove deve essere applicato il cerotto.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare nella confezione originale per proteggere dall’umidità.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Ciascun cerotto transdermico è confezionato in buste di polipropilene/alluminio/poliestere saldato a caldo. Confezioni:

Confezione da 3 cerotti transdermici.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Quantità elevate di fentanil restano nei cerotti transdermici dopo l’uso.

I cerotti transdermici usati dopo la loro rimozione devono essere piegati in due, in modo tale che la parte adesiva del cerotto aderisca su se stessa e successivamente devono essere eliminati in sicurezza, lontano dalla portata dei bambini e in accordo alle normative locali.

I cerotti inutilizzati devono essere riportati in farmacia (ospedaliera).

Lavarsi le mani dopo avere applicato e dopo aver rimosso il cerotto.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Italfarmaco S.p.A Viale Fulvio Testi,330 20126 Milano

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

25 mcg/h cerotti transdermici – 3 cerotti in bustine PET/AL/PP AIC n. 039359017 50 mcg/h cerotti transdermici – 3 cerotti in bustine PET/AL/PP AIC n. 039359029

75 mcg/h cerotti transdermici – 3 cerotti in bustine PET/AL/PP AIC n. 039359031 100 mcg/h cerotti transdermici – 3 cerotti in bustine PET/AL/PP AIC n. 039359043

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Determinazione AIFA n. 1534/2010 del 22/01/2010 S.O. n.23 della G.U. n.29 del 05/02/2010

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

01/01/2015

 


 

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Informazioni aggiornate al: 01/02/2020
Torna all’indice


Fentalgon – 3 Cer 100 mcg/ora (Fentanil)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) Nota AIFA: Nessuna   Ricetta: Ricetta Non Ripetibile Tipo: Etico Info: Riportare i dati acquirente (nome, cognome, documento di identita) su ricettario privato. Conservare per due anni (L. 38/10). Comunicazione Ordine Provinciale dei Medici (DM 31/3/10) ATC: N02AB03 AIC: 039359043 Prezzo: 44,75 Ditta: Italfarmaco Spa


Fentalgon – 3 Cer 50 mcg/ora (Fentanil)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) Nota AIFA: Nessuna   Ricetta: Ricetta Non Ripetibile Tipo: Etico Info: Riportare i dati acquirente (nome, cognome, documento di identita) su ricettario privato. Conservare per due anni (L. 38/10). Comunicazione Ordine Provinciale dei Medici (DM 31/3/10) ATC: N02AB03 AIC: 039359029 Prezzo: 26,01 Ditta: Italfarmaco Spa


Fentalgon – 3 Cer 75 mcg/ora (Fentanil)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) Nota AIFA: Nessuna   Ricetta: Ricetta Non Ripetibile Tipo: Etico Info: Riportare i dati acquirente (nome, cognome, documento di identita) su ricettario privato. Conservare per due anni (L. 38/10). Comunicazione Ordine Provinciale dei Medici (DM 31/3/10) ATC: N02AB03 AIC: 039359031 Prezzo: 36,29 Ditta: Italfarmaco Spa


Fentalgon – 3 Cer 25 mcg/ora (Fentanil)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) Nota AIFA: Nessuna   Ricetta: Ricetta Non Ripetibile Tipo: Etico Info: Riportare i dati acquirente (nome, cognome, documento di identita) su ricettario privato. Conservare per due anni (L. 38/10). Comunicazione Ordine Provinciale dei Medici (DM 31/3/10) ATC: N02AB03 AIC: 039359017 Prezzo: 13,89 Ditta: Italfarmaco Spa


 


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Torna all’indice



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *