Pubblicità

Diniket Retard

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Diniket Retard: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Diniket

 

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

DNIKET 20 MG, 40 MG

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

DINIKET 20 mg compresse a rilascio prolungato

Una compressa a rilascio prolungato contiene:

Principio attivo

isosorbide dinitrato 20,0 mg

DINIKET 40 mg compresse a rilascio prolungato

Una compressa a rilascio prolungato contiene:

Principio attivo

isosorbide dinitrato 40,0 mg

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse a rilascio prolungato per somministrazione orale.

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento dell’angina pectoris e dell’insufficienza ventricolare sinistra secondaria ad infarto acuto del miocardio ed altre cause.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Salvo diversa prescrizione medica, per la terapia prolungata, ingerire con qualcosa di liquido e senza masticare una compressa ogni 8-12 ore dopo i pasti.

Per dimezzare la compressa, posarla su un piano stabile con la linea di rottura verso l’alto (bombatura verso il basso). Con leggera pressione del pollice dimezzare la compressa.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo, ad altri nitrati o ad uno qualsiasi degli eccipienti;

insufficienza circolatoria acuta (shock, collasso);

shock cardiogeno, a meno che sia mantenuta un’adeguata pressione telediastolica;

stato ipotensivo in corso di infarto miocardico acuto con bassa pressione di riempimento;

grave ipotensione (<90mmHg di pressione sistolica);

grave ipovolemia;

aumento della pressione intracranica, trauma cranico e emorragia cerebrale;

insufficienza miocardica dovuta ad ostruzione (per es. in presenza di stenosi aortica o mitrale);

Pubblicità

pericardite costrittiva;

cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva;

tamponamento cardiaco;

edema polmonare tossico;

grave anemia;

glaucoma ad angolo chiuso;

generalmente controindicato in gravidanza e nell’allattamento e in età pediatrica.

Durante la terapia con nitrati, gli inibitori della fosfodiesterasi (es. sildenafil) non devono essere utilizzati (vedere la sezione 4.4 Avvertenze speciali e precauzioni d’impiego e la sezione 4.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione).

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

I pazienti con labilità cardiovascolare possono manifestare ipotensione. L’assunzione contemporanea di alcool può aumentare gli effetti ipotensivi dei nitrati e ridurre i riflessi ad esempio nella guida o nel controllo di macchinari che richiedono particolare attenzione. Quando somministrato a pazienti con infarto miocardico recente, è necessario un monitoraggio cardiovascolare continuo del paziente.

Diniket deve essere usato solo con particolare cautela e sotto controllo medico nelle seguenti condizioni:

bassa pressione di riempimento, per es, nell’infarto miocardico acuto, in caso di compromessa funzionalità del ventricolo sinistro (insufficienza ventricolare sinistra), tenosi aortica e/o mitralica, sindrome ortostatica.

L’effetto ipotensivo dei nitroderivati viene potenziato dalla somministrazione contemporanea di antiipertensivi.

È stata descritta la comparsa di tolleranza (diminuzione dell’efficacia), così come di tolleranza crociata nei confronti di altri nitrati (diminuzione dell’effetto in caso di terapia antecedente con un altro nitrato). Per prevenire una diminuzione o perdita di efficacia deve essere evitata la somministrazione continua di alte dosi.

I pazienti sottoposti a terapia di mantenimento con Diniket devono essere informati che non devono usare prodotti contenenti inibitori della fosfodiesterasi (es. sildenafil).

La terapia con Diniket non deve essere interrotta per assumere prodotti contenenti inibitori della fosfodiesterasi (es. sildenafil) poiché ciò comporta un aumento del rischio di indurre un attacco di angina (vedere paragrafo interazioni).

Il Diniket dilatando i vasi endocranici, può provocare nel periodo iniziale della terapia cefalea che, in soggetti sensibili, può essere grave e persistente; talora può essere prevenuta somministrando dosi inferiori nei primi giorni di cura o può essere trattata, associando un analgesico.

A causa della presenza di lattosio, pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, deficit di Lapp-lattasi o malassorbimento di glucosio-galattosio non devono assumere questo medicinale.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

L’assunzione contemporanea di farmaci antipertensivi, ad esempio beta bloccanti, calcio antagonisti, vasodilatatori ecc. e/o alcool può potenziare l’effetto ipotensivo di Diniket. Questo può verificarsi anche con neurolettici e antidepressivi triciclici.

La co-somministrazione di inibitori della fosfodiesterasi (ad esempio sildenafil) potenzia l’effetto ipotensivo dei nitrati organici (vedere paragrafo controindicazioni). Questo può portare a complicanze cardiovascolari con pericolo di vita. Pertanto pazienti in terapia con Diniket non devono usare inibitori della fosfodiesterasi (es. sildenafil).

Alcune segnalazioni suggeriscono che, se co-somministrato, Diniket può aumentare i livelli ematici di diidroergotamina e il suo effetto ipertensivo.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Studi sulla riproduzione condotti in ratti e conigli a dosi fino alla tossicità per la madre non hanno mostrato evidenze che suggeriscano un effetto dannoso per il feto di isosorbide dinitrato. Tuttavia non vi sono studi adeguati e ben controllati nelle donne in gravidanza.

Dato che gli studi negli animali non sempre sono predittivi della risposta nell’uomo, Diniket deve essere usato in gravidanza solo se strettamente necessario e dietro prescrizione e continua supervisione medica.

Non è noto se isosorbide dinitrato venga escreto nel latte umano. Poiché molti farmaci sono escreti per questa via, va esercitata particolare cautela se Diniket viene somministrato a donne che allattano.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Diniket può influenzare la capacità di reazione dei pazienti, al punto da compromettere la capacità del paziente di guidare veicoli o operare macchinari. Questo effetto è potenziato dall’alcool.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

La frequenza di comparsa di effetti indesiderati è definita come segue: molto comune (≥1/10), comune (≥1/100, <1/10), non comune (≥1/1000, <1/100), raro (≥1/10000, <1/1000), molto raro (<1/10000).

Durante la somministrazione di Diniket si possono osservare i seguenti effetti indesiderati:

Patologie del sistema nervoso:

Molto comuni: cefalea.

Comuni: confusione mentale, capogiri, sonnolenza.

Patologie cardiache:

Comuni: tachicardia.

Non comuni: aumento dei sintomi anginosi.

Patologie vascolari:

Comuni: ipotensione in posizione eretta.

Non comuni: collasso (talvolta accompagnato da bradiaritmia e sincope).

Patologie gastrointestinali:

Non comuni: nausea, vomito.

Molto rari: pirosi.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo:

Non comuni: reazioni cutanee allergiche (per es. eruzione cutanea), rossore.

Molto rari: angioedema, sindrome di Stevens-Johnson; in casi isolati: dermatite esfoliativa.

Disturbi generali e condizioni associate al sito di somministrazione:

Comuni: sensazione di debolezza

L’incidenza della cefalea diminuisce gradualmente con il tempo e l’uso continuato.

Per i nitrati organici sono state riportate risposte ipotensive severe, che includono nausea, vomito, agitazione, pallore e sudorazione eccessiva.

Durante il trattamento con Diniket può verificarsi una ipossemia temporanea, a causa della ridistribuzione relativa del flusso sanguigno in aree alveolari ipoventilate. Questo può portare a ipossia miocardica, in particolare in pazienti con coronaropatia.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

Esperienza nell’uomo:

caduta della pressione ≤90 mmHg, pallore, sudorazione, polso debole, tachicardia, confusione mentale in posizione eretta, cefalea, debolezza, senso di instabilità, capogiro, nausea, vomito, diarrea.

In pazienti trattati con altri nitrati organici è stata riportata metaemoglobinemia. Durante la biotrasformazione di isosorbide dinitrato vengono rilasciati ioni nitrito, che possono indurre metaemoglobinemia e cianosi con conseguente tachipnea, ansia, perdita di coscienza e arresto cardiaco. Non si può escludere che questa reazione avversa sia causata da un sovradosaggio di isosorbide dinitrato.

A dosi molto alte può aumentare la pressione intracranica. Questo può portare a sintomi cerebrali.

Procedura generale:

Sospendere la somministrazione del farmaco.

Procedure generali in caso di ipotensione correlata ai nitrati:

il paziente deve essere tenuto in posizione orizzontale con la testa abbassata e le gambe sollevate;

somministrare ossigeno;

espandere il volume plasmatico.

Trattamento specifico per lo shock (ammissione del paziente in unità di terapia intensiva).

Procedura speciale:

Aumentare la pressione sanguigna se è molto bassa.

Somministrazione aggiuntiva di norepinefrina HCl o altri vasocostrittori. L’uso di epinefrina in questi casi può produrre più danno che beneficio.

Trattamento della metaemoglobinemia.

Terapia riduttiva di scelta con vitamina C, blue di metilene o blue di toluidina.

Somministrazione di ossigeno (se necessario);

iniziare la ventilazione artificiale;

emodialisi (se necessario);

misure di rianimazione.

In caso di segni di arresto respiratorio e circolatorio, iniziare immediatamente le misure di rianimazione.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Vasodilatatori usati nelle malattie cardiache, nitrati organici; codice ATC: C01DA08.

Isosorbide dinitrato è un farmaco antianginoso con un’azione rilassante la muscolatura liscia dei vasi sanguigni, e pertanto induce vasodilatazione. Sia le arterie che le vene periferiche sono rilassate da isosorbide dinitrato. Quest’ultimo effetto promuove il pooling venoso del sangue, e diminuisce il ritomo venoso al cuore, riducendo quindi la pressione ed il volume ventricolare fine-diastolico (precarico). L’azione sui vasi arteriosi e, a dosaggi più alti, arteriolari riduce la resistenza vascolare sistemica (postcarico).

Questo a sua volta determina la diminuzione del lavoro cardiaco. Gli effetti sul precarico e postcarico portano successivamente ad un ridotto consumo di ossigeno del cuore.

Inoltre, isosorbide dinitrato provoca la ridistribuzione del flusso sanguigno alle regioni subendocardiche del cuore quando la circolazione coronarica è parzialmente occlusa da lesioni arteriosclerotiche. Quest’ultimo effetto è probabilmente dovuto alla dilatazione selettiva dei grossi vasi coronarici. La dilatazione delle arterie collaterali indotta dai nitrati può migliorare la perfusione del miocardio post-stenotico. I nitrati dilatano anche le stenosi eccentriche dato che possono contrastare possibili fattori costrittivi attivi sull’arco residuo della muscolatura liscia compliant nel punto del restringimento coronarico. Inoltre gli spasmi coronarici possono essere rilasciati dai nitrati. È stato mostrato che i nitrati migliorano l’emodinamica a riposo e sotto sforzo in pazienti con insufficienza cardiaca congestizia. In questo effetto benefico sono coinvolti diversi meccanismi, fra cui un miglioramento del rigurgito valvolare (dovuto alla diminuzione della dilatazione ventricolare) e la riduzione della domanda cardiaca di ossigeno. Diminuendo la domanda di ossigeno e aumentando l’apporto di ossigeno, l’area di danno miocardico è ridotta. Pertanto isosorbide dinitrato potrebbe essere utile in alcuni pazienti che hanno avuto un infarto miocardico.

Gli effetti su altri organi includono il rilassamento dei muscoli bronchiali, e dei muscoli dei sistemi gastrointestinale, biliare e del tratto urinario. EÈ stato riportato anche rilassamento della muscolatura liscia uterina.

Meccanismo d’azione:

Come tutti i nitrati, isosorbide dinitrato agisce come donatore di ossido nitrico (NO). L’ossido nitrico causa un rilassamento della muscolatura liscia vascolare attraverso la stimolazione della guanil-ciclasi e il successivo aumento della concentrazione intracellulare di guanosina monofosfato ciclico (cGMP). Viene quindi stimolata una protein chinasi cGMP-dipendente, con conseguente alterazione della fosforilazione di diverse proteine nelle cellule muscolari lisce. Questo porta infine alla defosforilazione della catena leggera della miosina e alla diminuzione della contrattilità.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento:

Isosorbide dinitrato viene assorbito rapidamente attraverso la mucosa orale. Inizio di attività 1-2 (-5) minuti, picco dei livelli plasmatici entro 6-10 (-15) minuti. L’assorbimento gastrointestinale è più lento. Inizio dell’attività 15-30 minuti, i livelli plasmatici massimi si verificano entro 15 minuti, fino a 1-2 ore. L’effetto di primo passaggio è maggiore quando somministrato per via orale.

Biodisponibilità:

Dopo assunzione orale la biodisponibilità relativa di Diniket compresse a rilascio prolungato è >80% rispetto alle compresse non a rilascio prolungato.

Distribuzione:

Isosorbide di nitrato ha il volume di distribuzione che va da 48 a 473 litri.

Metabolismo:

L’isosorbide di nitrato è metabolizzato a isosorbide-2-mononitrato e isosorbide-5-mononitrato, che hanno un’emivita, rispettivamente di 1,5-2 ore e 4-6 ore. Entrambi i metabolici sono farmacologicamente attivi.

Eliminazione:

Circa 80-90% viene eliminato per via renale sotto forma di metabolici coniugati. Funzionalità renale non sembra modificare la cinetica dell’eliminazione. Di conseguenza non ci sono esigenze particolari per l’aggiustamento del dosaggio nel paziente con funzionalità renale compromessa.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Tossicità acuta

Gli studi sulla tossicità acuta non hanno rivelato alcun rischio particolare.

Tossicità cronica:

Gli studi di tossicità cronica in ratti e cani hanno evidenziato effetti tossici quali sintomi a carico del SNC e un aumento del peso epatico con la somministrazione di isosorbide dinitrato a dosi fino a 480 mg / kg e 90 mg/kg al giomo, rispettivamente.

Studi sulla funzione riproduttiva:

Dagli studi negli animali non vi sono evidenze che suggeriscano un effetto teratogeno di isosorbide dinitrato.

Mutagenicità

In diversi tests in vitro e in vivo non si sono riscontrate evidenze di effetti mutageni

Carcinogenicità

Uno studio a lungo termine nei ratti non ha fornito alcuna evidenza di carcinogenicità.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Magnesio stearato, lattosio monoidrato, talco, polivinil acetato, amido di patate.

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Non sono state dimostrate incompatibilità.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

5 anni.

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Blister in polipropilene

Confezione da 40 compresse a rilascio prolungato da 20 mg.

Confezione da 40 compresse a rilascio prolungato da 40 mg.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

UCB Pharma S.p.A., Via Gadames, 57 – 20151 Milano

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

DINIKET 20 mg compresse a rilascio prolungato Codice n. 026887051

DINIKET 40 mg compresse a rilascio prolungato Codice n. 026887063

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

1 Giugno 1990/Giugno 2005

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

08 Marzo 2010

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

  • Carvasin – 50 Cpr 5 mg Sublinguali
  • Nitrosorbide – 40 Cps 40 mg Rm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *