Home Schede Tecniche Transitol: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Transitol: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Transitol

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Transitol: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Transitol

Advertisements
INDICE DELLA SCHEDA

Transitol: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Transitol, pasta per uso orale

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

100 g di pasta per uso orale contengono lattulosio 35,00 g, paraffina liquida 42,91 g, paraffina bianca soffice 21,45 g.

Un cucchiaio dosatore (5 ml) contiene lattulosio 1,75 g, paraffina liquida 2,15 g, paraffina bianca soffice 1,07 g.

Advertisements

Eccipienti: aspartame (E 951)

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Pasta per uso orale.

Pasta lucida, di colore da giallo a giallo-arancione, opaca.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento sintomatico della stitichezza negli adulti.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Uso orale. Riservato agli adulti.

Per la somministrazione, viene usato un cucchiaio dosatore.

La dose giornaliera raccomandata è da 5 a 15 ml (da 1 a 3 cucchiai dosatori), in somministrazione unica alla sera.

La dose non deve essere assunta in posizione supina o subito prima di andare a letto (vedere paragrafo 4.4).

La posologia deve essere adattata secondo le esigenze individuali, in funzione della risposta ottenuta.

La durata del trattamento è limitata a 8 giorni.

In caso si manifesti diarrea, la posologia deve essere ridotta. Se la diarrea persiste, il trattamento con Transitol deve essere sospeso.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità ai principi attivi o a uno qualsiasi degli eccipienti.

Patologie organiche infiammatorie dell’intestino (rettocolite ulcerosa, morbo di Crohn), megacolon tossico, ostruzione gastrointestinale o sindromi subocclusive, perforazioni digestive o rischio di perforazioni digestive, sindromi dolorose addominali di origine non accertata.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Non è raccomandato l’uso prolungato (per più di 8 giorni) per il trattamento della stitichezza, senza consiglio medico.

Questo trattamento non è indicato per i bambini, in quanto non sono stati condotti studi in questa popolazione.

L’uso di questo prodotto deve essere evitato in pazienti a rischio di fenilchetonuria, a causa della presenza di aspartame (E 951).

Poiché la diarrea provocata dal lattulosio può comportare squilibrio elettrolitico, usare con cautela in pazienti predisposti a disturbi elettrolitici (per esempio, pazienti con insufficienza renale o epatica, o pazienti in trattamento concomitante con diuretici).

L’olio di paraffina va somministrato con attenzione ai soggetti costretti in posizione supina o ai pazienti con difficoltà di deglutizione al fine di evitare il rischio di inalazione bronchiale e polmonite lipoidea.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

L’uso prolungato può ridurre l’assorbimento delle vitamine liposolubili (A, D, E, K) a causa dell’olio di paraffina contenuto nel medicinale.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

In base ai dati disponibili, è preferibile, per motivi di sicurezza, evitare l’uso di Transitol in gravidanza. Durante la somministrazione dell’olio di paraffina, l’assorbimento materno delle vitamine liposolubili (A, D, E, K) può ridursi ed esiste un rischio potenziale di sanguinamento per il neonato.

Per quanto riguarda il lattulosio: nonostante siano disponibili solo pochi dati clinici pubblicati, l’uso esteso del lattulosio è rassicurante. Studi animali non hanno evidenziato alcun effetto teratogeno.

Per quanto riguarda l’olio di paraffina: non sono disponibili dati clinici o nell’animale.

Allattamento

A causa delle proprietà farmacocinetiche, i principi attivi non vengono assorbiti dal tratto intestinale. L’allattamento è consentito quando la madre assume questo medicinale.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non pertinente.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Flatulenza, feci semiliquide. Questi fenomeni possono comparire all’inizio del trattamento ma scompaiono con l’aggiustamento del dosaggio.

Prurito, dolore anale e moderata perdita di peso.

L’uso di olio di paraffina può indurre perdite rettali oleose e talvolta irritazione peri- anale.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione riportato nell’ Agenzia Italiana del Farmaco.

Sito web: https://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomo: diarrea

Trattamento: interruzione del trattamento o riduzione della dose. La perdita estensiva di liquidi causata da diarrea o vomito può richiedere la correzione del quadro elettrolitico.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: lassativo ad azione osmotica: lattulosio, associazioni. Codice ATC: A06AD61

Questo medicinale è un lassativo a duplice meccanismo d’azione:

Il lattulosio aumenta il contenuto di acqua e il volume del contenuto del colon per effetto osmotico.

L’olio di paraffina è un lassativo ad effetto meccanico che agisce lubrificando il contenuto del colon e ammorbidendo le feci.

L’azione si esplica entro 6-8 ore dalla somministrazione orale.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Il lattulosio, un disaccaride di sintesi, attraversa la parte superiore del tratto gastrointestinale senza essere modificato né assorbito. Nel colon, sotto l’effetto della flora locale saccarolitica, è trasformato in acidi organici (lattico ed acetico), che sono escreti con le feci.

L’olio di paraffina non è assorbito.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Nel ratto, dopo somministrazione ripetuta di Transitol per via orale per 28 giorni a dosi corrispondenti a 10 volte la dose massima giornaliera nell’uomo, non si sono osservate sintomatologie o anomalie negli organi principali.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Aspartame (E 951) Colesterolo

Acido lattico Bixina essenza Mandarino essenza Limone essenza

Arancia dolce essenza

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni

Dopo la prima apertura: 4 settimane

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Non conservare a temperatura superiore ai 30°C.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Vasetto bianco in polipropilene da 150 g con tappo a vite bianco, in HDPE con anello anti- contraffazione, contenuto in scatola di cartone.

Include un cucchiaio dosatore da 5 ml in polistirene.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Pharmasearch Ltd. 5 Beech House

Eastpoint Business Park Dublin Road

Loughrea, Co. Galway – IRELAND

Rappresentante e concessionaria per l’Italia

Therabel GiEnne Pharma SpA – Via Lorenteggio 270/A – 20152 Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

AIC n. 037090014

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

5 dicembre 2006/14 aprile 2009

10.0 Data di revisione del testo

Indice

10 agosto 2011

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Transitol – Os Pasta 150 G+Cucch (Lattulosio+paraffina Liquida+paraffina Bianca Soffice)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta non richiesta (Farmaco da banco) Tipo: Da Banco Info: Nessuna ATC: A06AD61 AIC: 037090014 Prezzo: 10,9 Ditta: Pharmasearch Ltd


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983