Baclar: a cosa serve e come si usa

Baclar (Claritromicina): indicazioni e modo d’uso

Baclar (Claritromicina) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

Per tutte le forme farmaceutiche:

Trattamento di infezioni causate da patogeni sensibili alla claritromicina. Infezioni del tratto rino-faringeo (tonsilliti, faringiti), dei seni paranasali. Infezioni del tratto respiratorio inferiore: bronchiti, polmoniti batteriche e polmoniti atipiche. Infezioni della pelle: impetigine, eresipela, follicolite, foruncolosi e ferite infette.

Inoltre, per BACLAR 125 mg/5 ml granulato per sospensione orale e per BACLAR 250 mg/5 ml granulato per sospensione orale (flacone):

Otite Media Acuta (OMA).

Inoltre per BACLAR 250 mg Compresse rivestite:

Infezioni odontostomatologiche acute e croniche sostenute da germi sensibili.

Inoltre, per BACLAR 500 mg Compresse rivestite:

Infezioni micobatteriche, localizzate o diffuse, sostenute da Mycobacterium avium o Mycobacterium intracellulare.

Infezioni localizzate dovute a Mycobacterium chelonae, fortuitum o kansasii.

La claritromicina, in presenza di riduzione dell’acidità gastrica, è indicata nell’eradicazione dell’Helicobacter pylori, producendo un conseguente decremento della ricorrenza dell’ulcera peptica.

Baclar: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per Baclar è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere Baclar ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di Baclar

Compresse rivestite:

La dose raccomandata di claritromicina nell’adulto è di 250 mg ogni 12 ore. Nei casi di infezioni gravi il dosaggio può essere aumentato fino a 500 mg ogni 12 ore. La durata usuale del trattamento è 6-14 giorni.

Nei pazienti con insufficienza renale in cui la clearance della creatinina è minore di 30 ml/minuto il dosaggio deve essere ridotto del 50%. In tali pazienti la somministrazione non deve essere proseguita per oltre 14 giorni.

Nelle infezioni odontostomatologiche, la dose raccomandata è di 250 mg ogni 12 ore per una durata di 5 giorni.

Nei pazienti con infezioni da micobatteri, la dose di partenza è 500 mg due volte al giomo. Se in 3-4 settimane non si verificano miglioramenti clinici o evidenze batteriologiche, la dose giornaliera può essere elevata a 1000 mg due volte al giomo.

La claritromicina può essere usata in combinazione con altri farmaci.

Si raccomanda, nel trattamento di infezioni diffuse da Mycobacterium Avium Complex in pazienti affetti da AIDS, di proseguire il trattamento fino all’ottenimento di risultati clinici o microbiologici e comunque a discrezione del medico curante.

Granulato per sospensione orale:

Nei bambini da 6 mesi in poi, 15 mg/kg/die suddivisi in due somministrazioni giornaliere a seconda della gravità ed a giudizio del medico. La durata usuale del trattamento è 6-14 giorni.

Nei pazienti con insufficienza renale in cui la clearance della creatinina è inferiore di 30 ml/minuto il dosaggio deve essere ridotto della metà. In tali pazienti la somministrazione non deve essere proseguita per oltre 14 giorni.

Schema posologico BACLAR 125 mg/5 ml granulato per sospensione orale

Utilizzo del cucchiaino

Peso Bambini (Kg) 2 volte al dì
5-10 ½ cucchiaino (2,5 ml)
11-20 1 cucchiaino (5 ml)

Schema posologico BACLAR 125 mg/5 ml granulato per sospensione orale

Utilizzo della siringa per somministrazione orale per singola somministrazione

(Aspirare la sospensione fino alla corrispondente tacca dei Kg)

Peso Bambini (Kg) mg Due volte al dì
2 15
4 30
6 45
8 60
10 75
12 90
14 105
16 120
18 135
20 150
22 165
24 180

Schema posologico BACLAR 250 mg/5 ml granulato per sospensione orale

Utilizzo del cucchiaino

Peso Bambini (Kg) 2 volte al dì
11-20 ½ cucchiaino (2,5 ml)
21-30 ¾ cucchiaino (3,75 ml)
31-40 1 cucchiaino (5 ml)

Schema posologico BACLAR 250 mg/5 ml granulato per sospensione orale

Utilizzo della siringa per somministrazione per singola somministrazione

(Aspirare la sospensione fino alla corrispondente tacca dei Kg)

Peso Bambini (Kg) mg Due volte al dì
4 30
8 60
12 90
16 120
20 150
24 180
28 210
32 240
36 270
40 300
44 330
48 360

Schema posologico nell’eradicazione dell’Helicobacter pylori

Tripla terapia:

Claritromicina 500 mg due volte al giomo in associazione con amoxicillina 1000 mg due volte al giomo ed omeprazolo 20 mg al giomo per un periodo compreso tra 7 e 10 giorni.

Claritromicina 500 mg due volte al giomo in associazione con lansoprazolo 30 mg due volte al giomo ed amoxicillina 1000 mg due volte al giomo per 10 giorni.

Doppia terapia:

Claritromicina 500 mg tre volte al giomo in associazione con omeprazolo 40 mg al giomo per 14 giorni, seguiti da omeprazolo 20 mg o 40 mg al giomo per ulteriori 14 giorni.

Claritromicina 500 mg tre volte al giomo in associazione con lansoprazolo 60 mg al giomo per 14 giorni. Una ulteriore soppressione della secrezione acida può essere richiesta per la riduzione dell’ulcera.

Claritromicina è stata usata inoltre anche nei seguenti schemi terapeutici:

claritromicina + tinidazolo e omeprazolo o lansoprazolo

claritromicina + metronidazolo e omeprazolo o lansoprazolo

– claritromicina + tetraciclina, bismuto subsalicilato, e ranitidina

– claritromicina + amoxicillina e lansoprazolo

– claritromicina + ranitidina bismuto citrato

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate Baclar seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di Baclar per quanto riguarda la gravidanza:

Baclar: si può prendere in gravidanza?

Poichè la sicurezza del farmaco riguardo a questo particolare settore non è ancora stata stabilita, ne è controindicato l’utilizzo nelle donne in stato di gravidanza e durante l’allattamento.

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di Baclar?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di Baclar in caso di sovradosaggio.

Baclar: sovradosaggio

In caso di assunzione di alte dosi di claritromicina si possono verificare disturbi gastro-intestinali.

Ad un sovradosaggio può conseguire una reazione sistemica che deve essere prontamente trattata mediante lavanda gastrica ed opportuna terapia di sostegno. Non risulta che la claritromicina possa essere eliminata mediante emodialisi o dialisi peritoneale, pertanto occorre intervenire al più presto cercando di eliminare il farmaco non ancora assorbito agendo contemporaneamente con opportuna terapia sintomatica.

Baclar: istruzioni particolari

Preparazione della sospensione in flacone

Per preparare la sospensione di BACLAR aggiungere al granulato contenuto nel flacone acqua fino al segno impresso sul flacone.

Agitare bene. Aggiungere ancora acqua fino a riportarla al segno. Agitare bene prima di ogni uso.

La sospensione così preparata ha una concentrazione pari al 5% per BACLAR 250 mg/5 ml Granulato per sospene orale ed al 2,5% per BACLAR 125 mg/5 ml Granulato per sospensione orale.

Utilizzo della siringa per somministrazione orale

Svitare il tappo presente sul flacone. Inserire la siringa sul collo del flacone mediante l’apposito adattatore. Aspirare la dose desiderata indicata sulla scala del dosatore e, dopo aver estratto solo la siringa, effettuare la somministrazione. Quindi, lasciando l’adattatore inserito, riavvitare il tappo sul collo del flacone.

Il dosaggio va effettuato in base alla scala riportata sulla siringa, fino al corrispondente peso corporeo del bambino.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco