Home Schede Tecniche Voltaren Oftabak: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Voltaren Oftabak: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Voltaren Oftabak

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Voltaren Oftabak: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Voltaren Oftabak

INDICE DELLA SCHEDA

Voltaren Oftabak: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

VOLTAREN OFTABAK 1 mg/ml collirio, soluzione

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Diclofenac sodico………………………………………………………………………………1 mg/ml

Eccipiente: macrogolglicerolo ricinoleato 50 mg/ml

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Collirio, soluzione.

Liquido leggermente giallo e opalescente

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Inibizione della miosi durante l’intervento di cataratta

Prevenzione dell’infiammazione negli interventi chirurgici della cataratta e del segmento anteriore dell’occhio (vedere paragrafo 5.1).

Trattamento del dolore oculare nell’intervento di cheratectomia fotorefrattiva fino alle prime 24 ore post-operatorie.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Posologia

Adulti:

Inibizione della miosi durante l’intervento di cataratta

Pre-operatorio: una goccia fino a cinque volte durante le tre ore prima dell’intervento;

Prevenzione dell’infiammazione negli interventi chirurgici della cataratta e del segmento anteriore dell’occhio:

Pre-intervento: una goccia fino a cinque volte durante le tre ore precedenti l’intervento,

Post-intervento: una goccia tre volte subito dopo l’intervento e quindi una goccia da tre a cinque volte al giorno. Un trattamento di durata superiore alle 4 settimane non è raccomandato.

Trattamento del dolore oculare nell’intervento di cheratectomia fotorefrattiva fino alle prime 24 ore post-operatorie:

Pre-intervento: due gocce entro l’ora antecedente l’intervento,

Post-intervento: due gocce entro l’ora seguente l’intervento e quindi quattro gocce entro le 24 ore post-operatorie.

Bambini:

Non sono stati eseguiti studi specifici.

Anziani:

Non è necessario alcun aggiustamento del dosaggio.

Modo di somministrazione

Uso oftalmico.

I pazienti devono essere istruiti a:

Lavarsi accuratamente le mani prima di utilizzare il prodotto.

Evitare il contatto della punta del contenitore con l’occhio o le palpebre.

Chiudere il flacone dopo l’uso.

Al fine di evitare la diluizione dei principi attivi, in caso di uso concomitante con un altro collirio aspettare 15 minuti tra un’instillazione e l’altra.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al diclofenac sodico o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Pregressi episodi di allergia, orticaria, rinite acuta o asma precipitati dall’assunzione di diclofenac sodico o farmaci con attività simile come aspirina o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). (vedere paragrafo 4.4 per le reazìonì dì sensìbìlìtà crocìata).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Non iniettare, non ingoiare.

Il collirio non deve essere usato per iniezione peri- o intraoculare.

VOLTAREN OFTABAK può, come altri FANS, in rari casi indurre reazioni allergiche, incluse reazioni anafilattiche, anche senza una precedente esposizione al farmaco.

Sono possibili reazioni crociate con l’acido acetilsalicilico o altri FANS (vedere paragrafo 4.3).

In caso di reazioni da ipersensibilità come prurito e arrossamento o segni indicativi di allergia a questo medicinale, specialmente attacchi d’asma o improvviso rigonfiamento del volto e del collo, la terapia deve essere interrotta.

I pazienti con asma associata a rinite cronica, sinusite cronica e/o poliposi nasale, hanno una più alta incidenza di manifestazioni allergiche, rispetto al resto della popolazione, quando assumono aspirina e/o farmaci antinfiammatori non steroidei.

Un’infezione oculare acuta può essere mascherata dall’uso topico di farmaci antinfiammatori. I FANS non hanno proprietà antibatteriche. In caso di infezione oculare il loro uso con uno/alcuni farmaci antinfettivi deve essere fatto con cautela.

I FANS, incluso il diclofenac topico, ritardano la riepitelizzazione della cornea anche se somministrati per poco tempo. Non sono certe le conseguenze di questo sulla qualità della cornea e il rischio di infezioni causate da ritardata guarigione della ferita corneale.

I corticosteroidi topici sono anche noti per rallentare o ritardare la guarigione. L’uso concomitante di FANS per uso topico e steroidi per uso topico può incrementare il rischio di problemi di cicatrizzazione.

I FANS possono indurre un’aumentata predisposizione al sanguinamento dei tessuti oculari durante l’intervento chirurgico: è consigliato utilizzare questi colliri con cautela nei pazienti che hanno una predisposizione al sanguinamento o trattati con farmaci che possono aumentare il tempo di sanguinamento.

Quando i pazienti sono trattati con dosi elevate e per un periodo di tempo prolungato, l’uso di FANS topici può causare cheratite. In alcuni pazienti sensibili l’uso continuato può causare rottura dell’epitelio, assottigliamento corneale, infiltrati corneali, erosione corneale, ulcerazione corneale e perforazione corneale. Questi eventi possono essere pericolosi per la vista.

VOLTAREN OFTABAK contiene macrogolglicerolo ricinoleato (vedere paragrafo 4.8).

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Nessuno studio di interazione è stato condotto.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Non vi sono dati adeguati provenienti dall’uso di colliri contenenti Diclofenac in donne in gravidanza. Gli studi su animali hanno mostrato tossicità riproduttiva a dosi tossiche sulla madre (vedere paragrafo 5.3). L’inibizione della sintesi delle prostaglandine può influire negativamente sulla gravidanza e/o sullo sviluppo embrionale/fetale e/o sullo sviluppo post-natale.

Malgrado ci si aspetti un’esposizione sistemica molto bassa dopo l’uso di diclofenac collirio, durante la gravidanza, VOLTAREN OFTABAK deve essere usato solo se necessario. La dose più bassa e la minore durata possibile devono essere considerate.

Allattamento al seno

Non sono da aspettarsi effetti sui bambini in allattamento poiché l’esposizione sistemica a diclofenac sodico delle donne che allattano è limitata. VOLTAREN OFTABAK può essere usato nelle donne in allattamento.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Dopo l’instillazione di VOLTAREN OFTABAK collirio soluzione può insorgere un transitorio fastidio visivo.

Se affetto, deve essere consigliato al paziente di non guidare o di non usare macchinari pericolosi fino al completo recupero della normale visione.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Infezioni ed infestazioni

Non nota (non può essere definita sulla base di dati disponibili). Rinite

Disturbi del sistema immunitario Rari (1/10.000, <1/1.000)

Ipersensibilità

Disturbi della vista

Non comuni (≥1/1.000, < 1/100)

Sensazione di bruciore nell’occhio in seguito all’instillazione, disturbi visivi dopo instillazione.

Rari (1/10.000, <1/1.000)

Cheratite puntata, assottigliamento corneale, ulcerazione corneale.

Non nota (non può essere definita sulla base di dati disponibili).

Iperemia congiuntivale, congiuntivite allergica, edema delle palpebre.

Disturbi respiratori, toracici e mediastinici Rari (1/10.000, <1/1.000)

Dispnea, peggioramento dell’asma

Non nota (non può essere definita sulla base di dati disponibili). Tosse

Disturbi della cute e del tessuto sottocutaneo Rari (1/10.000, <1/1.000)

Prurito, eritema, reazioni di fotosensibilità

Non nota (non può essere definita sulla base di dati disponibili).

Orticaria, rash, eczema da contatto.

Sono stati segnalati assottigliamento corneale e ulcerazioni corneali, in rari casi, specialmente in pazienti a rischio che usavano corticosteroidi o quando evidenziavano una coesistente artrite reumatoide. La maggior parte dei pazienti è stata trattata per un periodo prolungato di tempo.

L’esperienza post-marketing suggerisce che i pazienti con interventi chirurgici oculari complessi, difetti epiteliali corneali, diabete mellito, malattia della superficie oculare (es. sindrome dell’occhio secco), artrite reumatoide o con interventi chirurgici oculari ripetuti entro un breve periodo di tempo possono avere un aumentato rischio di eventi avversi corneali.

A causa della presenza di macrogolglicerolo ricinoleato, rischio di eczema da contatto.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non pertinente.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: antinfiammatori non steroidei ad uso topico, ATC: S01BC03

Diclofenac sodico è un inibitore della prostaglandine sintetasi. Ha proprietà antinfiammatorie ed analgesiche.

Questo collirio, soluzione è senza conservanti. È presentato in un flacone multidose dotato di un dispositivo contenente una membrana filtrante (0,2 micron) per proteggere il collirio, soluzione dalla contaminazione microbica durante il periodo di utilizzazione.

L’efficacia e la sicurezza del diclofenac collirio nella chirurgia filtrante per il glaucoma è supportata da dati limitati.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Le concentrazioni di picco nella cornea e nella congiuntiva sono state evidenziate 30 minuti dopo l’instillazione di diclofenac radiomarcato nel coniglio; l’eliminazione è risultata rapida e quasi completa dopo 6 ore.

È stata dimostrata nell’uomo la penetrazione del diclofenac nella camera anteriore.

Dopo instillazione oculare non sono stati riscontrati livelli plasmatici misurabili di diclofenac.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Nella tossicità a dose ripetuta, il principale effetto avverso del diclofenac è nel tratto gastrointestinale con ulcerazioni che si verificano -in funzione della specie- con dosi orali di più di 0.5-2.0 mg/kg (approssimativamente da 300 a 1200 volte la dose giornaliera topica oftalmica nell’uomo).

Gli studi di tossicità riproduttiva negli animali hanno evidenziato embrio-fetotossicità, periodo gestazionale prolungato e distocia. Sono stati osservati morti fetali e ritardo della crescita con dosi materne tossiche.

Diclofenac non ha evidenziato potenziale mutageno e cancerogeno.

Non si sono osservati effetti dopo instillazioni ripetute fino a tre mesi di diclofenac 1 mg/ml nell’occhio del coniglio.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Macrogolglicerolo ricinoleato Trometamolo

Acido borico

Acqua per preparazioni iniettabili.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

Periodo di validità del medicinale come confezionato per la vendita: 2 anni Periodo di validità dopo la prima apertura del contenitore: 8 settimane.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Non conservare a temperatura superiore ai 25° C.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Flacone (PE) da 10 ml con contagocce dotato di filtro antimicrobico (in polieteresulfone) e di una cartuccia (LDPE), chiuso da un tappo (PE).

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

LABORATOIRES THEA

12, rue Louis Blériot

63017 CLERMONT-FERRAND CEDEX 2 (FRANCIA)

CONCESSIONARIO PER LA VENDITA

THEA FARMA S.p.A.- Via Giotto, 36 – 20145 MILANO

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

A.I.C. N° 037696010/M

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Giugno 2007

10.0 Data di revisione del testo

Indice

4 Giugno 2007

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Voltaren oftabak – Coll Fl10 ml (Diclofenac Sodico)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Prontuario terapeutico regionale ATC: S01BC03 AIC: 037696010 Prezzo: 18,2 Ditta: Laboratoires Thea


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983