covid 19 vaccine janssen

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

covid 19 vaccine janssen: ultimo aggiornamento pagina: (Fonte: A.I.FA.)

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

JCOVDEN sospensione iniettabile Vaccino anti-COVID-19 (Ad26.COV2-S [ricombinante])

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Flaconcino multidose che contiene 5 dosi da 0,5 mL. Una dose (0,5 mL) contiene: Adenovirus di tipo 26 che codifica per la glicoproteina spike di SARS-CoV-2* (Ad26.COV2-S), non meno di 8,92 log10 unità infettanti (U. Inf.).

* Prodotto nella linea cellulare PER.C6 TetR e mediante tecnologia del DNA ricombinante. Il vaccino contiene organismi geneticamente modificati (OGM).

Eccipienti con effetti noti

Ciascuna dose (0,5 mL) contiene circa 2 mg di etanolo.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Sospensione iniettabile (preparazione iniettabile).

Sospensione da incolore a leggermente gialla, da limpida a molto opalescente (pH 6-6,4).

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

JCOVDEN è indicato per l’immunizzazione attiva nella prevenzione della malattia da nuovo coronavirus (COVID-19), causata dal virus SARS-CoV-2, in soggetti di età pari o superiore a 18 anni.

L’uso di questo vaccino deve essere conforme alle raccomandazioni ufficiali.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Posologia

Soggetti di età pari o superiore a 18 anni

Vaccinazione primaria

JCOVDEN è somministrato come singola dose da 0,5 mL esclusivamente mediante iniezione per via intramuscolare.

Dose di richiamo

Una dose di richiamo (seconda dose) di 0,5 mL di JCOVDEN può essere somministrata per via intramuscolare almeno 2 mesi dopo la vaccinazione primaria con JCOVDEN, in soggetti di età pari o superiore a 18 anni (vedere anche paragrafi 4.4, 4.8 e 5.1).

Una dose di richiamo di 0,5 mL di JCOVDEN può essere somministrata come dose di richiamo eterologa dopo il completamento della vaccinazione primaria con uno dei vaccini anti-COVID-19 a mRNA approvati. L’intervallo tra l’ultima dose della vaccinazione primaria con un vaccino a mRNA e la dose di richiamo eterologa con JCOVDEN è quello autorizzato per la dose di richiamo del vaccino a mRNA (vedere anche paragrafi 4.4, 4.8 e 5.1).

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l’efficacia di JCOVDEN nei bambini e negli adolescenti (di età inferiore a 18 anni) non sono state ancora stabilite. Non ci sono dati disponibili.

Popolazione anziana

Non è richiesto alcun aggiustamento della dose negli anziani di età ≥65 anni. Vedere anche paragrafi 4.8 e 5.1.

Modo di somministrazione

JCOVDEN è solo per iniezione intramuscolare, preferibilmente nel muscolo deltoide del braccio. Non iniettare il vaccino per via intravascolare, endovenosa, sottocutanea o intradermica.

Il vaccino non deve essere miscelato nella stessa siringa con altri vaccini o medicinali.

Per le precauzioni da prendere prima della somministrazione del vaccino, vedere paragrafo 4.4. Per le istruzioni sulla manipolazione e lo smaltimento del vaccino, vedere paragrafo 6.6.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Una storia di confermata trombosi con sindrome trombocitopenica (TST) in seguito a vaccinazione con un qualsiasi vaccino anti-COVID-19 (vedere anche paragrafo 4.4).

Soggetti che in precedenza hanno manifestato episodi di sindrome da perdita capillare (CLS) (vedere anche paragrafo 4.4).

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Tracciabilità

Al fine di migliorare la tracciabilità dei medicinali biologici, il nome e il numero di lotto del medicinale somministrato devono essere chiaramente registrati.

Ipersensibilità e anafilassi

Sono stati segnalati eventi di anafilassi. Devono essere sempre prontamente disponibili cure e supervisione mediche adeguate in caso di reazione anafilattica a seguito della somministrazione del vaccino. Si raccomanda un’attenta osservazione per almeno 15 minuti dopo la vaccinazione.

Reazioni correlate all’ansia

Reazioni correlate all’ansia, tra cui reazioni vasovagali (sincope), iperventilazione o reazioni dovute allo stress, possono verificarsi in associazione alla vaccinazione come risposta psicogena all’iniezione con ago. È importante che vengano adottate precauzioni per evitare lesioni da svenimento.

Malattia concomitante

La vaccinazione deve essere posticipata nei soggetti affetti da una malattia febbrile severa acuta o un’infezione acuta. Tuttavia, la presenza di un’infezione minore e/o febbre lieve non deve ritardare la vaccinazione.

Disturbi della coagulazione

Trombosi con sindrome trombocitopenica: una combinazione di trombosi e trombocitopenia, in alcuni casi accompagnata da emorragia, è stata osservata molto raramente in seguito alla vaccinazione con JCOVDEN. Ciò include casi severi di trombosi venosa in sedi insolite, come trombosi del seno venoso cerebrale (CVST), trombosi venosa splancnica, nonché trombosi arteriosa, associate a trombocitopenia. È stato riportato esito fatale. Questi casi si sono verificati nelle prime tre settimane successive alla vaccinazione e principalmente in soggetti di età inferiore a 60 anni.

La trombosi in associazione a trombocitopenia richiede una gestione clinica specializzata. Gli operatori sanitari devono consultare le linee guida applicabili e/o rivolgersi a uno specialista (ad es. ematologi, specialisti della coagulazione) per la diagnosi e il trattamento della condizione.

Soggetti che hanno avuto esperienza di trombosi con sindrome trombocitopenica a seguito di vaccinazione con un qualsiasi vaccino anti-COVID-19 non devono ricevere JCOVDEN (vedere anche paragrafo 4.3).

Tromboembolia venosa: la tromboembolia venosa (TEV) è stata osservata raramente a seguito della vaccinazione con JCOVDEN (vedere paragarfo 4.8). Ciò deve essere preso in considerazione nei soggetti che presentano un maggiore rischio di TEV.

Trombocitopenia immune: casi di trombocitopenia immune con livelli di piastrine molto bassi (<20 000 per μL) sono stati segnalati molto raramente a seguito della vaccinazione con JCOVDEN, generalmente entro le prime quattro settimane dopo la somministrazione di JCOVDEN. Questi hanno incluso casi di emorragia e casi con esito fatale. Alcuni di questi casi si sono verificati in soggetti con una storia di trombocitopenia immune (PTI). Nei soggetti con una storia di PTI, i rischi di sviluppare livelli bassi di piastrine devono essere presi in considerazione prima della vaccinazione ed è raccomandato il monitoraggio delle piastrine dopo la vaccinazione.

Gli operatori sanitari devono prestare attenzione ai segni e ai sintomi di tromboembolia e/o trombocitopenia. I soggetti vaccinati devono essere istruiti a rivolgersi immediatamente al medico se sviluppano sintomi quali respiro affannoso, dolore toracico, dolore alla gamba, tumefazione a una gamba o dolore addominale persistente dopo la vaccinazione. Inoltre, chiunque manifesti sintomi neurologici dopo la vaccinazione, tra cui cefalea severa o persistente, crisi epilettiche, alterazioni dello stato mentale o visione offuscata, oppure manifesti dopo alcuni giorni sanguinamento spontaneo, ecchimosi (petecchia) in una sede diversa da quella della vaccinazione, deve rivolgersi immediatamente al medico.

I soggetti a cui la trombocitopenia è diagnosticata entro 3 settimane dalla vaccinazione con JCOVDEN devono essere monitorati attivamente per individuare segni di trombosi. Analogamente, i soggetti che manifestano trombosi entro 3 settimane dalla vaccinazione devono essere valutati per trombocitopenia.

Rischio di sanguinamento con la somministrazione intramuscolare

Pubblicità

Come per altre iniezioni intramuscolari, il vaccino deve essere somministrato con cautela in soggetti che ricevono terapia anticoagulante o che sono affetti da trombocitopenia o da qualsiasi disturbo della coagulazione (come l’emofilia), poiché in questi soggetti possono verificarsi sanguinamento o formazione di lividi a seguito della somministrazione per via intramuscolare.

Sindrome da perdita capillare

Nei primi giorni successivi alla vaccinazione con JCOVDEN sono stati segnalati casi molto rari di sindrome da perdita capillare (CLS), in alcuni casi con esito fatale. Era presente una storia clinica di CLS. La CLS è un disturbo raro caratterizzato da episodi acuti di edema, che colpisce principalmente gli arti, ipotensione, emoconcentrazione e ipoalbuminemia. I pazienti con un episodio acuto di CLS dopo la vaccinazione necessitano di diagnosi e trattamento rapidi. Di solito è necessaria una terapia intensiva di supporto. I soggetti con storia nota di CLS non devono essere vaccinati con questo vaccino. Vedere anche il paragrafo 4.3.

Sindrome di Guillain-Barré e mielite trasversa

In seguito alla vaccinazione con JCOVDEN sono state segnalate molto raramente la sindrome di Guillain-Barré (GBS) e la mielite trasversa (TM). Gli operatori sanitari devono prestare attenzione ai segni e sintomi della GBS e TM per garantire una diagnosi corretta, al fine di avviare cure e trattamenti di supporto adeguati, e per escludere altre cause.

Rischio di eventi molto rari dopo la dose di richiamo

Il rischio di eventi molto rari (come disturbi della coagulazione tra cui la trombosi con sindrome trombocitopenica, CLS e GBS) dopo la dose di richiamo con JCOVDEN non è stato definito.

Individui immunocompromessi

L’efficacia, la sicurezza e l’immunogenicità del vaccino non sono state valutate nei soggetti immunocompromessi, compresi coloro che ricevono terapia immunosoppressiva.

L’efficacia di JCOVDEN può essere inferiore nei soggetti immunosoppressi.

Durata della protezione

La durata della protezione offerta dal vaccino non è nota in quanto è ancora in fase di determinazione dagli studi clinici in corso.

Limitazioni dell’efficacia del vaccino

La protezione comincia circa 14 giorni dopo la vaccinazione. Come con tutti i vaccini, la vaccinazione con JCOVDEN potrebbe non proteggere tutti i soggetti vaccinati (vedere paragrafo 5.1).

Eccipienti

Sodio

Questo medicinale contiene meno di 1 mmol (23 mg) di sodio in ciascuna dose da 0.5 mL, cioè essenzialmente “senza sodio”.

Etanolo

Questo medicinale contiene 2 mg di alcol (etanolo) in ciascuna dose da 0,5 mL. La piccola quantità di alcol in questo medicinale non produrrà effetti rilevanti.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non sono stati condotti studi di interazione. La somministrazione concomitante di JCOVDEN con altri vaccini non è stata studiata.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

L’esperienza relativa all’uso di JCOVDEN in donne in gravidanza è limitata. Gli studi sugli animali con JCOVDEN non indicano effetti dannosi diretti o indiretti sulla gravidanza, sullo sviluppo embrionale/fetale, sul parto o sullo sviluppo postnatale (vedere paragrafo 5.3).

La somministrazione di JCOVDEN in gravidanza deve essere presa in considerazione solo quando i potenziali benefici superano i potenziali rischi per la madre e per il feto.

Allattamento

Non è noto se JCOVDEN sia escreto nel latte materno. Fertilità Gli studi condotti sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti di tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3).

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

JCOVDEN non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli e usare macchinari. Tuttavia, alcune delle reazioni avverse elencate al paragrafo 4.8 possono alterare temporaneamente la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Riassunto del profilo di sicurezza

Vaccinazione primaria (analisi primaria)

La sicurezza di JCOVDEN è stata valutata in uno studio di fase III attualmente in corso (COV3001). Un totale di 21 895 adulti di età pari o superiore a 18 anni ha ricevuto la vaccinazione primaria con singola dose di JCOVDEN. L’età mediana dei soggetti era di 52 anni (intervallo: 18-100 anni).

L’analisi di sicurezza è stata effettuata una volta raggiunta una durata mediana del periodo di osservazione post-vaccinazione pari a 2 mesi. Il periodo di osservazione di sicurezza di oltre 2 mesi è disponibile per 11 948 adulti che hanno ricevuto JCOVDEN.

Nello Studio COV3001 la reazione avversa locale più comunemente segnalata è stata il dolore in sede di iniezione (48,6%). Le reazioni avverse sistemiche più comuni sono state cefalea (38,9%), stanchezza (38,2%), mialgia (33,2%) e nausea (14,2%). Piressia (definita come temperatura corporea ≥38,0 °C) è stata osservata nel 9% dei partecipanti. La maggior parte delle reazioni avverse si è verificata entro 1-2 giorni dalla vaccinazione ed è stata di severità da lieve a moderata e di breve durata (1-2 giorni).

La reattogenicità è stata generalmente più lieve e segnalata meno frequentemente negli anziani (763 adulti di età ≥65 anni).

In generale, il profilo di sicurezza è stato coerente tra i partecipanti con o senza precedente evidenza di infezione da SARS-CoV-2 al basale; un totale di 2 151 adulti sieropositivi al basale hanno ricevuto JCOVDEN (9,8%).

Dose di richiamo (seconda dose) a seguito di vaccinazione primaria con JCOVDEN

La sicurezza di una dose di richiamo (seconda dose) di JCOVDEN somministrata approssimativamente 2 mesi dopo la vaccinazione primaria è stata valutata in uno studio di Fase 3 (COV3009) randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Nell’analisi per intenzione al trattamento, dei 15708 adulti di età pari o superiore a 18 anni che avevano ricevuto la dose 1 di JCOVDEN, un totale di 8646 soggetti hanno ricevuto la seconda dose di JCOVDEN durante la fase in doppio cieco. Nel sottogruppo di reattogenicità, dei 3016 soggetti che avevano ricevuto la dose 1 di JCOVDEN, 1559 hanno ricevuto la seconda dose di JCOVDEN. L’età mediana dei soggetti era 53,0 anni (intervallo: 18 – 99 anni). Alla data limite (25 giugno 2021), la durata mediana del periodo di osservazione dopo la dose di richiamo con JCOVDEN è stata di 38 giorni. Il profilo delle reazioni avverse indotte dalla dose di richiamo è risultato simile a quello dopo la dose 1. Non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza.

Dose di richiamo a seguito di una vaccinazione primaria con un vaccino anti-COVID-19 a mRNA approvato La sicurezza della dose di richiamo con JCOVDEN somministrata almeno 12 settimane dopo la vaccinazione primaria con un regime vaccinale anti-COVID-19 a mRNA approvato è stata valutata dopo 2 dosi di Spikevax (49 soggetti) o Comirnaty (51 soggetti), o 1 dose di JCOVDEN (50 soggetti). L’età mediana dei soggetti era 55,0 anni (intervallo: 20–77 anni). Alla data limite (24 Settembre 2021), il 98,7% dei soggetti avevano completato la visita al giorno 29 dopo la vaccinazione con la dose di richiamo (nessuno ha ragginuto il giorno 91). Il profilo delle reazioni avverse indotte dalla dose di richiamo eterologa con JCOVDEN è risultato simile a quello dopo la vaccinazione primaria o la dose di richiamo omologa.

Tabella delle reazioni avverse

Le reazioni avverse al medicinale osservate durante lo studio COV3001 o derivanti dai dati post- commercializzazione sono organizzate in base alla classificazione per sistemi e organi (system organ class, SOC) secondo MedDRA. Le categorie di frequenza sono definite come segue: molto comune (≥1/10); comune (≥1/100, <1/10);

non comune (≥1/1 000, <1/100); raro (≥1/10 000, <1/1 000); molto raro (<1/10 000); non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

All’interno di ciascun raggruppamento per frequenza, le reazioni avverse sono presentate in ordine di gravità decrescente.

Tabella 1. Reazioni avverse segnalate dopo la vaccinazione con JCOVDEN

Classificazion e per sistemi e organi Molto comune (≥1/10) Comune (≥1/100, <1/10) Non comune (≥1/1 000,
<1/100)
Raro (≥1/10 000,
<1/1 000)
Molto raro (<1/10 000) Non nota (la frequenza
non può essere definita sulla base dei dati
disponibili)
Patologie del sistema emolinfopoieti co Linfoadenopatia Trombocitop enia immune
Disturbi del
sistema immunitario
Ipersensibilitàa; orticaria Anafilassib
Patologie del sistema nervoso Cefalea Tremore; capogiro; parestesia Ipoestesia Sindrome di Guillain-Barré Mielite trasversa
Patologie dell’orecchio e del labirinto Tinnito
Patologie vascolari Tromboembol ia venosa Trombosi in associazione a trombocitopenia c Sindrome da perdita capillare; vasculite cutanea dei
piccoli vasi
Patologie respiratorie, toraciche e
mediastiniche
Tosse Starnuto; dolore orofaringeo
Patologie gastrointestina li Nausea Diarrea Vomito
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Eruzione cutanea; iperidrosi
Patologie del sistema muscoloschele trico e del tessuto
connettivo
Mialgia Artralgia Debolezza muscolare; dolore a un arto; dolore
dorsale
Patologie generali e condizioni relative alla sede di somministrazi one Stanchezza; dolore in sede di iniezione Piressia; eritema in sede di iniezione; tumefazione in sede di
iniezione; brividi
Astenia; malessere

Ipersensibilità si riferisce alle reazioni allergiche della cute e del tessuto sottocutaneo.

Casi ricevuti dallo studio in aperto in corso in Sudafrica.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione riportato nell’allegato V , includendo il numero di lotto, se disponibile.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non è stato riportato alcun caso di sovradosaggio. Negli studi di fase I/II, in cui è stata somministrata una dose più elevata (fino a 2 volte), JCOVDEN è rimasto ben tollerato. Tuttavia, i soggetti vaccinati hanno segnalato un aumento della reattogenicità (dolore aumentato nel sito di vaccinazione, stanchezza, cefalea, mialgia, nausea e piressia).

In caso di sovradosaggio, si raccomandano il monitoraggio delle funzioni vitali e l’eventuale trattamento sintomatico.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: vaccini, altri vaccini virali, codice ATC: J07BX03 Meccanismo d’azione JCOVDEN è un vaccino monovalente composto da un vettore ricombinante basato su adenovirus umano di tipo 26 incompetente per la replicazione, che codifica per la sequenza completa della glicoproteina spike (S) di SARS-CoV-2 in una conformazione stabilizzata. Dopo la somministrazione, la glicoproteina S di SARS-CoV-2 viene espressa in maniera transitoria, stimolando sia anticorpi anti-S neutralizzanti che altri anticorpi specifici anti-S funzionali, cosi come risposte immunitarie cellulari dirette contro l’antigene S, che possono contribuire a proteggere contro COVID-19.

Efficacia clinica

Efficacia di una vaccinazione primaria con singola dose Analisi primaria

Un’analisi primaria (data limite 22 gennaio 2021) è stata realizzata su uno studio multicentrico di Fase III (COV3001), randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto negli Stati Uniti, in Sudafrica e nei paesi dell’America latina per valutare l’efficacia, la sicurezza e l’immunogenicità di una prima somministrazione di dose singola di JCOVDEN per la prevenzione di COVID-19 in adulti di età pari o superiore a 18 anni. Lo studio ha escluso soggetti con funzione del sistema immunitario anomala derivante da una condizione clinica, soggetti che erano in trattamento con terapie immunosoppressive entro i 6 mesi e le donne in gravidanza. I partecipanti con infezione da HIV stabile in trattamento non sono stati esclusi. I vaccini autorizzati, esclusi i vaccini vivi, potevano essere somministrati più di 14 giorni prima o più di 14 giorni dopo la vaccinazione nello studio. I vaccini vivi attenuati autorizzati potevano essere somministrati più di 28 giorni prima o più di 28 giorni dopo la vaccinazione nello studio.

Un totale di 44 325 soggetti è stato randomizzato in parallelo in rapporto 1:1 a ricevere un’iniezione intramuscolare di JCOVDEN o placebo. Un totale di 21 895 adulti ha ricevuto JCOVDEN, mentre 21 888 adulti hanno ricevuto il placebo. I partecipanti sono stati seguiti per un periodo di osservazione mediano di circa 2 mesi dopo la vaccinazione.

La popolazione per l’analisi di efficacia primaria, composta da 39 321 soggetti, ha incluso 38 059 soggetti sieronegativi a SARS-CoV-2 al basale e 1 262 soggetti con stato sierologico sconosciuto.

I dati demografici e le caratteristiche al basale erano simili tra i soggetti in trattamento con JCOVDEN e coloro che hanno ricevuto il placebo. Nella popolazione inclusa nell’analisi di efficacia primaria, tra i partecipanti che hanno ricevuto JCOVDEN, l’età mediana era di 52,0 anni (intervallo: 18-100 anni); il 79,7% (N=15 646) dei soggetti aveva un’età compresa tra 18 e 64 anni [il 20,3% (N=3 984) era di età pari o superiore a 65 anni e il 3,8% (N=755) era di età pari o superiore a 75 anni]; il 44,3 % dei soggetti era di sesso femminile; il 46,8% proveniva dal Nord America (Stati Uniti), il 40,6% dall’America latina e il 12,6% dall’Africa meridionale (Sudafrica). Un totale di 7 830 soggetti (39,9%) presentava al basale almeno una comorbidità preesistente associata ad un aumentato rischio di progressione a COVID-19 severa. Le comorbidità comprendevano: obesità definita come IMC ≥30 kg/m2 (27,5%), ipertensione (10,3%), diabete di tipo 2 (7,2%), infezione da HIV stabile/ben controllata (2,5%), gravi cardiopatie (2,4%) e asma (1,3%). Altre comorbidità erano presenti nel ≤1% dei soggetti.

I casi di COVID-19 sono stati confermati da un laboratorio centrale sulla base di un risultato positivo all’RNA del virus SARSCoV-2, ottenuto mediante test basato sulla reazione a catena della polimerasi (PCR). L’efficacia generale del vaccino e per i principali gruppi di età è presentata nella Tabella 2.

Tabella 2. Analisi di efficacia del vaccino contro COVID-19b in adulti sieronegativi a SARS- CoV-2 – Popolazione per l’analisi di efficacia primaria dopo una singola dose

Sottogruppo JCOVDEN N=19.630 Placebo N=19.691 % Efficacia del vaccino
(IC al 95%)c
Casi di COVID-19
(n)
Anni- persona Casi di COVID-19
(n)
Anni- persona
14 giorni dopo la vaccinazione
Tutti i soggettia 116 3 116,6 348 3 096,1 66,9
(59,0; 73,4)
Età da 18 a 64 anni 107 2 530,3 297 2 511,2 64,2
(55,3; 71,6)
65 anni e oltre 9 586,3 51 584,9 82,4
(63,9; 92,4)
75 anni e oltre 0 107,4 8 99,2 100
(45,9; 100,0)
28 giorni dopo la vaccinazione
Tutti i soggettia 66 3 102,0 193 3 070,7 66,1
(55,0; 74,8)
Età da 18 a 64 anni 60 2 518,7 170 2 490,1 65,1
(52,9; 74,5)
65 anni e oltre 6 583,3 23 580,5 74,0
(34,4; 91,4)
75 anni e oltre 0 106,4 3 98,1

Endpoint co-primario (come specificato nel protocollo).

COVID-19 sintomatica che ha richiesto un risultato positivo alla RT-PCR e almeno 1 segno o sintomo respiratorio o 2 altri segni o sintomi sistemici, come definito nel protocollo.

Gli intervalli di confidenza (IC) per “tutti i soggetti” sono stati aggiustati per implementare il controllo degli errori di tipo I per i test multipli. Gli intervalli di confidenza per i gruppi di età sono presentati senza aggiustamenti.

L’efficacia del vaccino contro COVID-19 di grado severo è presentata nella tabella 3 sottostante.

Tabella 3. Analisi di efficacia del vaccino contro COVID-19 di grado severo a in adulti sieronegativi a SARS-CoV-2- popolazione per l’analisi di efficacia primaria dopo una singola dose:

Sottogruppo JCOVDEN N=19.630 Placebo N=19.691 % Efficacia del vaccino (IC al
95%)b
Casi di COVID-19
(n)
Anni- persona Casi di COVID-19
(n)
Anni- persona
14 giorni dopo la vaccinazione
Grado severoa 14 3 125,1 60 3 122,0 76,7
(54,6; 89,1)
28 giorni dopo la vaccinazione
Grado severoa 5 3 106,2 34 3 082,6 85,4
(54,2; 96,9)

La determinazione finale dei casi di COVID-19 severa è stata effettuata da un comitato di valutazione indipendente che ha assegnato la severità della malattia in accordo alla definizione delle linee guida dell’FDA.

Gli intervalli di confidenza (IC) sono stati aggiustati per implementare il controllo degli errori di tipo I per i test multipli.

Dei 14 vs 60 casi severi con insorgenza almeno 14 giorni dopo la vaccinazione, nel gruppo JCOVDEN rispetto al gruppo placebo, 2 vs 6 casi sono stati ospedalizzati. Tre soggetti sono deceduti (tutti nel gruppo placebo). La maggior parte dei casi severi rimanenti soddisfacevano solo i criteri di saturazione di ossigeno (SpO2) della malattia severa (≤93% in aria ambiente).

Analisi aggiornata

Le analisi aggiornate di efficacia alla fine della fase in doppio cieco (data limite 09 luglio 2021) sono state effettuate con ulteriori casi confermati di COVID-19 sviluppatisi durante il periodo di osservazione in cieco, controllato con placebo, con un periodo di osservazione mediano di 4 mesi dopo la dose singola di JCOVDEN.

Tabella 4: Analisi di efficacia del vaccino contro COVID-19 sintomaticoa e severob – 14 e 28 giorni dopo una singola dose

Endpointc JCOVDEN Placebo % Efficacia del vaccino
N=19577d N=19608d (IC al 95%)
Casi di COVID-19
(n)
Anni- persona Casi di COVID-19
(n)
Anni- persona
14 giorni dopo la vaccinazione
COVID-19 sintomatico 484 6685,6 1067 6440,2 56,3
(51,3; 60,8)
Età da 18 a 64 anni 438 5572,0 944 5363,6 55,3
(49,9; 60,2)
65 anni e oltre 46 1113,6 123 1076,6 63,8
(48,9; 74,8)
75 anni e oltre 9 198,2 15 170,9 48,3
(-26,1; 80,1)
COVID-19 severo 56 6774,6 205 6625,2 73,3
(63,9; 80,5)
Età da 18 a 64 anni 46 5653,8 175 5531,4 74,3
(64,2; 81,8)
65 anni e oltre 10 1120,8 30 1093,8 67,5
(31,6; 85,8)
75 anni e oltre 2 199,4 6 172,4 71,2
(-61,2; 97,2)
28 giorni dopo la vaccinazione
COVID-19 sintomatico 433 6658,4 883 6400,4 52,9
(47,1 58,1)
Età da 18 a 64 anni 393 5549,9 790 5330,5 52,2
(46,0; 57,8)
65 anni e oltre 40 1108,5 93 1069,9 58,5
(39,3; 72,1)
75 anni e oltre 9 196,0 10 169,3 22,3
(-112,8; 72,1)
COVID-19 severo 46 6733,8 176 6542,1 74,6
(64,7; 82,1)
Età da 18 a 64 anni 38 5619,2 150 5460,5 75,4
(64,7; 83,2)
65 anni e oltre 8 1114,6 26 1081,6 70,1
(32,1; 88,3)
75 anni e oltre 2 197,2 5 170,1 65,5
(-110,7; 96,7)

COVID-19 sintomatica che ha richiesto un risultato positivo alla RT-PCR e almeno 1 segno o sintomo respiratorio o 2 altri segni o sintomi sistemici, come definito nel protocollo.

La determinazione finale dei casi di COVID-19 severa è stata effettuata da un comitato di valutazione indipendente che ha assegnato la severità della malattia in accordo alla definizione delle linee guida dell’FDA.

endpoint co-priomiario come definito nel protocollo.

popolazione dell’analisi di efficacia per protocollo.

Dopo 14 giorni dopo la vaccinazione, 18 vs 74 casi di COVID-19 confermati tramite test molecolare sono stati ospedalizzati, rispettivamente nel gruppo JCOVDEN vs gruppo placebo, risultando in un efficacia del vaccino del 76,1% (IC aggiustato al 95%: 56,9; 87,7). Un totale di 5 casi nel gruppo JCOVDEN vs 17 casi nel gruppo placebo hanno richiesto il il ricovero in unità di terapia intensiva (UTI) e 4 vs 8 casi hanno richiesto la ventilazione meccanica rispettivamente nel gruppo JCOVDEN e nel gruppo placebo.

L’efficacia del vaccino contro le infezioni asintomatiche almeno 28 giorni dopo la vaccinazione è stata del 28,9% (IC al 95%: 20,0; 36,8) e del 41.7% (IC al 95%: 36,3; 46,7) contro tutte le infezioni da SARS-CoV-2.

Le analisi dei sottogruppi delle misure di esito primarie di efficacia hanno mostrato una stima dell’efficacia simile per i soggetti di sesso maschile e femminile, e per i soggetti con e senza comorbidità associate ad alto rischio di COVID-19 severa.

Un riassunto dell’efficacia del vaccino in base alle varianti del ceppo è mostrata nella Tabella 5 di seguito: Tabella 5: Riassunto dell’efficacia del vaccino anti-COVID 19 sintomaticoa e severob in base alla varianti del ceppo dopo una singola dose.

Variante Insorgenza Severità
COVID-19
% Efficacia del vaccino
(IC al 95%)
COVID-19 severo
% Efficacia del vaccino
(IC al 95%)
Almeno 14 giorni dopo la 71,5% 89,7%
vaccinazione (57,3; 81,4) (57,3; 98,84)
Almeno 28 giorni dopo la 58,2% 93,1%
Riferimento vaccinazione (34,96; 73,72) (54,39; 99,8)
Almeno 14 giorni dopo la 70,1% 51,1%
vaccinazione (35,1; 87,6) (-241,2; 95,6)
Almeno 28 giorni dopo la 70,2% 51,4%
Alpha (B.1.1.7) vaccinazione (35,3; 87,6) (-239,0; 95,6)
Almeno 14 giorni dopo la 38,1% 70,2%
vaccinazione (4,2; 60,4) (28,4; 89,2)
Almeno 28 giorni dopo la 51,9% 78,4%
Beta (B.1.351) vaccinazione (19,0; 72,2) (34,5; 94,7)
Almeno 14 giorni dopo la 36,4% 63,3%
vaccinazione (13,9; 53,2) (18,3; 85,0)
Almeno 28 giorni dopo la 36,5% 63,6%
Gamma (P.1) vaccinazione (14,1; 53,3) (18,8; 85,1)
Almeno 14 giorni dopo la 64,8% 91,1%
vaccinazione (47,3; 77,0) (38,8; 99,8)
Almeno 28 giorni dopo la 64,1% 87,9%
Zeta (P.2) vaccinazione (42,5; 78,3) (9,4; 99,8)
Almeno 14 giorni dopo la 35,8% 79,4%
vaccinazione (1,5; 58,6) (38,0; 94,9)
Almeno 28 giorni dopo la 35,9% 79,5%
Mu (B.1.621) vaccinazione (1,7; 58,7) (38,5; 94,9)
Almeno 14 giorni dopo la 10,0% 67,4%
vaccinazione (-39,5; 42,0) (-30,6; 94,3)
Almeno 28 giorni dopo la 10,1% 67,6%
Lambda (C.37) vaccinazione (-39,2; 42,1) (-29,8; 94,4)
Almeno 14 giorni dopo la -6,0% NV*
vaccinazione (-178,3; 59,2) NV*
Delta Almeno 28 giorni dopo la -5,7% NV*
(B.1.617.2/AY.1/AY.2) vaccinazione (-177,7; 59,2) NV*
Almeno 14 giorni dopo la 73,2% 81.4%
vaccinazione (65,4; 79,4) (59,8; 92,5)
Almeno 28 giorni dopo la 69,0% 75.7%
Altro vaccinazione (59,1; 76,8) (46,2; 90,3)

COVID-19 sintomatica che ha richiesto un risultato poistivo alla RT-PCR e almeno 1 segno o sintomo respiratorio o 2 altri segni o sintomi sistemici, come definito nel protocollo La determinazione finale dei casi di COVID-19 severa è stata effettuata da un comitato di valutazione indipendente che ha assegnato la severità della malattia in accordo alla definizione delle linee guida dell’FDA * Se meno di 6 casi sono stati osservati per un endpoint, l’efficacia del vaccino non è stata mostrata. NV= non valutabile.

Efficacia di due dosi di JCOVDEN somministrate a 2 mesi di distanza

Un’analisi finale (data liomite 25 Giugno 2021) è stata realizzata su uno studio di Fase 3 (COV3009) multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo condotto in Nord America e America Latina, Africa, Europa e Asia al fine di valutare l’efficacia, la sicurezza e l’immunogenicità di 2 dosi di JCOVDEN somministrate con un intervallo di 56 giorni. Sono stati esclusi dallo studio i soggetti con funzionalità alterata del sistema immunitario derivante da una condizione clinica, soggetti in trattamento con terapie immunosopprossive entro 6 mesi e le donne in gravidanza. I partecipanti con un’infezione da HIV stabile in trattamento non sono stati esclusi. I vaccini autorizzati, esclusi i vaccini vivi, potevano essere somministrati più di 14 giorni o più di 14 giorni dopo la vaccinazione dello studio. I vaccini vivi attenuati potevano essere somministrati più di 28 giorni prima o più di 28 giorno dopo la vaccinazione della studio.

Un totale di 31300 soggetti sono stati randomizzati nella fase in doppio cieco dello studio. In totale, 14492 (46,3%) soggetti sono stati inclusi nella popolazione di efficacia per protocollo (7484 soggetti hanno ricevuto il JCOVDEN e 7008 soggetti hanno ricevuto placebo). I partecipanti sono stati seguiti per una mediana di 36 giorni (intervallo: 0-172 giorni) dopo la vaccinazione.

Le caratteristiche demografiche e al basale erano simili tra i soggetti che hanno ricevuto almeno due dosi di JCOVDEN e coloro che hanno ricevuto placebo. Nell’ analisi di popolazione di efficacia primaria, i soggetti che avevano ricevuto almeno due dosi di JCOVDEN, l’età mediana era di 50,0 anni (intervallo: 18-99 anni); l’87,0% (N=6512) dei soggetti aveva un età comprsa tra i 18 e i 64 anni [con il 13,0% (N=972) di 65 anni e oltre e l’1,9% (N=144) di 75 anni e oltre]; il 45,4% dei soggetti era di sesso femminile; il 37.5% proveniva dal Nord America (Stati Uniti), il 51,0% proveniva dall’Europa (compreso il Regno Unito), il 5,4% proveniva dal Sud Africa, l’1,9% dalle Filippine e il 4,2% dall’America Latina. Un totale di 2747 (36,7%) soggetti presentavano al basale almeno una co- morbidità preesistente associata a un aumentato rischio di progressione a COVID- 19 severo. Le comorbidità includevano: obesità definita come IMC ≥ 30 kg/m2 (24,6%), ipertensione (8,9%), apnea nel sonno (6,7%), diabete di tipo 2 (5,2%), condizioni cardiache serie (3,6%), asma (1,7%) e infezione da HIV stabile/ ben controllata (1,3%). Altre comorbidità erano presenti in ≤ 1% dei soggetti.

L’efficacia del vaccino anti-COVID-19 sintomatico e severo è presentata nella Tabella 6 di seguito: Tabella 6: Analisi dell’efficacia del vaccino anti-COVID-19 sintomaticoa e severob – 14 giorni dopo la dose di richiamo (seconda dose)

Endpoint JCOVDEN N=7484c Placebo N=7008c % Efficacia del Vaccino
(IC 95%)d
COVID-19
Casi (n)
Persona- Anni COVID-19
Casi (n)
Persona- Anni
COVID-19
sintomatico
14 1730.00 52 1595,0 75,2
(54,6; 87,3)
COVID-19 severo 0 1730,7 8 e 1598,9 100
(32,6; 100,0)

COVID-19 sintomatica che ha richiesto un risultato positivo alla RT-PCR e almeno 1 segno o sintomo respiratorio o 2 altri segni o sintomi sistemici, come definito nel protocollo.

La determinazione finale dei casi di COVID-19 severa è stata effettuata da un comitato di valutazione indipendente che ha assegnato la severità della malattia in accordo alla definizione delle linee guida dell’FDA.

Popolazione di efficacia per protocollo.

Gli intervalli di confidenza sono stati aggiustati per implementare il controllo degli errori di tipo I per test multipli.

Degli 8 partecipanti con malattia severa, 1 ha richiesto il ricovero in unità di terapia intensiva.

A partire da questa analisi (luglio 2021), è stato sequenziato circa il 68% dei ceppi confermati a livello centrale. I risultati delle analisi preliminari delle varianti con casi sufficienti disponibili per interpretazioni significative (Alpha [B.1.1.7)] e Mu [B.1.621]) mostrano che, dopo la prima dose del JCOVDEN, l’efficacia 14 giorni dopo la somministrazione della dose 1 (Giorno 15-Giorno 56) per queste 2 varianti era del 71,6% [IC 95%: 43,2; 86,9] e 43,9% [IC 95%: -43,4; 79,6], rispettivamente. Dopo la seconda dose (≥71 giorni) l’efficacia per Alpha e Mu è stata rispettivamente del 94,2% [IC 95%: 62,9; 99,9] e del 63,1% [IC 95%: -27,9; 91,6]. Pertanto, non è stata dimostrata un’efficacia statisticamente significativa per Mu. Ci sono stati solo pochi casi Delta (rispettivamente 2 nel gruppo JCOVDEN e 1 nel gruppo placebo) e nessun caso di ceppi di riferimento né nel gruppo JCOVDEN né nel gruppo placebo nel periodo di osservazione di 14 giorni dopo la dose di richiamo (≥71 giorni).

L’efficacia del vaccino contro le infezioni asintomatiche almeno 14 giorni dopo la seconda vaccinazione è stata del 34,2% (IC al 95%: -6,4; 59,8).

Immunogenicità di una dose di richiamo (seconda dose) dopo la vaccinazione primaria con il JCOVDEN Deve essere messo in evidenza che non è stata stabilita una correlazione tra anticorpi e protezione. In uno studio di Fase 2 (COV2001), i soggetti di età compresa tra 18 e 55 anni e di età pari o superiore a 65 anni hanno ricevuto una dose di richiamo di JCOVDEN circa 2 mesi dopo la prima vaccinazione. L’immunogenicità è stata valutata misurando gli anticorpi neutralizzanti contro il ceppo SARS-CoV-2 Victoria/1/2020 utilizzando un test di neutralizzazione del virus wild-type qualificato (wtVNA). I dati sull’immunogenicità sono disponibili da 39 soggetti, di cui 15 di età pari o superiore a 65 anni, e sono riassunti nella Tabella 7.

Table 7: Neutralizzazione di SARS-CoV-2 Wild Type VNA-VICTORIA/1/2020 (IC50), Study COV2001 Guppo 1 Gruppo di Immunogenicità Per-Protocollo*

Basale (Giorno 1) 28 Giorni dopo la Vaccinazione primaria
(Giorno 29)
Dose Pre-
richiamo (Giorno 57)
14 giorni Dopo la Dose di Richiamo
(Giorno 71)
28 Giorni Dopo la Dose di Richiamo
(Giorno 85)
N 38 39 39 39 38
Titolo medio geometrico (IC
95%)
<LLOQ (<LLOQ,
<LLOQ)
260 (196;
346)
212 (142;
314)
518 (354;
758)
424 (301;
597)
Aumento delle volte della media geometrica (IC
95%) dal pre- richiamo
n/a n/a n/a 2,3
(1,7; 3,1)
1,8
(1,4; 2,4)

LLOQ = limite più basso di quantificazione

* PPI set: La popolazione di immunogenicità per protocollo include tutti i soggetti randomizzati e vaccinati per i quali sono disponibili dati sull’immunogenicità, esclusi i soggetti con importanti deviazioni del protocollo che si prevede influiranno sugli esiti dell’immunogenicità. Inoltre, i campioni ottenuti dopo vaccinazioni mancate o soggetti con infezione naturale da SARS-CoV-2 verificatisi dopo lo screening (se applicabile) sono stati esclusi dall’analisi.

L’aumento degli anticorpi neutralizzanti e degli anticorpi leganti contro i ceppi di riferimento di SARS-CoV-2 è stato anche osservato negli studi COV1001, COV1002 e COV2001 in un numero limitato di partecipanti allo studio dopo una dose di richiamo somministrata a 2, 3 e 6 mesi, aumentando con l’intervallo, quando confrontati verso i valori prima della dose di richiamo.

Complessivamente, gli aumenti di GMTs prima del richiamo fino a 1 mese dopo il richiamo sono stati compresi nell’intervallo da 1,5 a 4,4 volte per gli anticorpi neutralizzanti, e nell’intervallo da 2,5 a 5,8 volte per gli anticorpi leganti. È stato osservata una diminuzione di 2 volte dei livelli di anticorpi 4 mesi dopo la dose di richiamo somministrato dopo 2 mesi, confrontato rispetto a 1 mese dopo la dose di richiamo somministrata dopo 2 mesi. I livelli di anticorpi erano ancora più alti rispetto ai livelli di anticorpi dopo la singola dose a un tempo simile.Questi dati supportano la somministrazione della dose di richiamo quando somministrata dopo un intervallo pari o superiore ai 2 mesi dalla vaccinazione primaria.

Immunogenicità di una dose di richiamo dopo la vaccinazione primaria con un vaccino anti-COVID- 19 a mRNA approvato Uno studio clinico in aperto di Fase 1/2 indipendente (NCT04889209) condotto negli Stati Uniti ha valutato una dose di richiamo eterologa del JCOVDEN. L’immunogenicità è stata valutata utilizzando un saggio di neutralizzazione che usa uno pseudovirus (psVNA) basato su un lentivirus che esprimeva la proteina Spike del SARS-CoV-2 con una mutazione D614G. A causa della dimensione limitata del campione, le differenze osservate sono solo descrittive. In questo studio, adulti che avevano completato la vaccinazione primaria con 2 dosi di Spikevax (N=151), una singola di JCOVDEN (N=156), o 2 dosi di Comirnaty (N=151) almeno 12 settimane prima dell’arruolamento e che non hanno riportato storia di infezione da SARS-CoV-2 sono stati randomizzati 1:1:1 a ricevere una dose di richiamo di uno dei tre vaccini: Spikevax, JCOVDEN o Comirnaty. I titoli anticorpali neutralizzanti, sono stati valutati il Giorno 1 prima della somministrazione della dose di richiamo e il Giorno 15 e il Giorno 29 dopo la dose di richiamo. Una risposta alla dose di richiamo al JCOVDEN è stata dimostrata indipendentemente dalla vaccinazione primaria. Il livello di anticorpi al Giorno 15 dopo la dose di richiamo eterologa con JCOVDEN è minore rispetto ai livelli dopo la dose di richiamo omologa con un vaccino a mRNA autorizzato, mentre al Giorno 29, il titolo degli anticorpi neutralizzanti era approssimativamente simile tra i due regimi. I dati indicano che il regime omologo con JCOVDEN induce una risposta anticorpale minore rispetto alla dose di richiamo eterologa con un vaccino a mRNA autorizzato. La rilevanza clinica di ciò non è nota. Sono disponibili solo dati di immunogenicità a breve termine, la protezione a lungo termine e la memoria immunologica non sono al momento non note.

Popolazione anziana

JCOVDEN è stato valutato in soggetti di età pari o superiore a 18 anni. L’efficacia di JCOVDEN è stata coerente tra gli anziani (≥65 anni) e i soggetti più giovani (18-64 anni).

Popolazione pediatrica

L’Agenzia europea dei medicinali ha rinviato l’obbligo di presentare i risultati degli studi con JCOVDEN in uno o più sottogruppi della popolazione pediatrica per la prevenzione di COVID-19 (vedere paragrafo 4.2 per informazioni sull’uso pediatrico).

Approvazione subordinata a condizioni

Questo medicinale è stato autorizzato con procedura “subordinata a condizioni”. Ciò significa che devono essere forniti ulteriori dati su questo medicinale.

L’Agenzia europea dei medicinali esaminerà almeno annualmente le nuove informazioni su questo medicinale e il riassunto delle caratteristiche del prodotto (RCP) verrà aggiornato, se necessario.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Non pertinente.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

I dati preclinici non rivelano rischi particolari per l’uomo sulla base di studi convenzionali di tossicità a dosi ripetute e di tolleranza locale, nonché di tossicità della riproduzione e dello sviluppo.

Genotossicità e cancerogenicità

JCOVDEN non è stato valutato per il suo potenziale genotossico o cancerogeno. Non si prevede che i componenti del vaccino abbiano potenziale genotossico o cancerogeno.

Tossicità della riproduzione e fertilità

La tossicità della riproduzione e la fertilità femminile sono state valutate in uno studio combinato sullo sviluppo embrio-fetale e pre- e postnatale nel coniglio. In questo studio una prima vaccinazione di JCOVDEN è stata somministrata per via intramuscolare a femmine di coniglio 7 giorni prima dell’accoppiamento, a una dose equivalente a 2 volte la dose raccomandata nell’uomo, seguita da due vaccinazioni con la stessa dose durante il periodo gestazionale (ossia nei giorni 6 e 20 della gestazione). Non vi è stato alcun effetto avverso sulla fertilità femminile, sulla gravidanza o sullo sviluppo embrio-fetale o della prole. Le madri, i feti e la prole presentavano titoli anticorpali specifici per la proteina S di SARS-CoV-2, a indicare che gli anticorpi materni erano stati trasferiti ai feti durante la gestazione. Non ci sono dati disponibili per JCOVDEN relativamente all’escrezione del vaccino nel latte materno.

Inoltre, uno studio convenzionale di tossicità (a dosi ripetute) con JCOVDEN sui conigli non ha rivelato sugli organi sessuali maschili effetti che potrebbero alterare la fertilità maschile.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

confezione da 10 flaconcini

2-idrossipropil-β-ciclodestrina (HBCD) Acido citrico monoidrato

Etanolo

Acido cloridrico Polisorbato 80 Sodio cloruro Sodio idrossido

Citrato trisodico diidrato

Acqua per preparazioni iniettabili confezione da 20 flaconcini

2-idrossipropil-β-ciclodestrina (HBCD) Acido citrico monoidrato

Etanolo

Acido cloridrico Polisorbato 80 Sodio cloruro Sodio idrossido

Acqua per preparazioni iniettabili

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Questo medicinale non deve essere miscelato con altri medicinali o diluito.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

Flaconcino non aperto

2 anni se conservato a una temperatura compresa tra -25 °C e -15 °C.

Una volta rimosso dal congelatore, il flaconcino del vaccino non aperto può anche essere conservato in frigorifero a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C, protetto dalla luce, per un singolo periodo di massimo 11 mesi, senza mai superare la data di scadenza stampata (Scad./EXP).

Una volta scongelato, il vaccino non deve essere ricongelato.

Per le precauzioni particolari per la conservazione, vedere paragrafo 6.4.

Flaconcino aperto (dopo la prima perforazione)

La stabilità chimica e fisica durante l’utilizzo, incluso durante il trasporto, è stata dimostrata per 6 ore a una temperatura compresa tra 2 °C e 25 °C. Dal punto di vista microbiologico, il prodotto deve preferibilmente essere utilizzato immediatamente dopo la prima perforazione del flaconcino; tuttavia, può essere conservato a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C per un massimo di 6 ore oppure rimanere a temperatura ambiente (non superiore a 25 °C) fino a 3 ore dopo la prima perforazione del flaconcino. Oltre questo periodo, la conservazione in corso di utilizzo è di responsabilità dell’utente.

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare e trasportare in congelatore a una temperatura compresa tra -25 °C e -15 °C. La data di scadenza per la conservazione a una temperatura compresa tra -25 °C e -15 °C è stampata sul flaconcino e sulla scatola esterna dopo “Scad./EXP”.

Quando conservato in congelatore a una temperatura compresa tra -25 °C e -15 °C, il vaccino deve essere scongelato a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C o a temperatura ambiente: temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C: una scatola da 10 o 20 flaconcini richiederà circa 13 ore per lo scongelamento, mentre il singolo flaconcino richiederà circa 2 ore.

temperatura ambiente (non superiore a 25 °C): una scatola da 10 o 20 flaconcini richiederà circa 4 ore per lo scongelamento, mentre il singolo flaconcino richiederà circa 1 ora.

Il vaccino può anche essere conservato in frigorifero o trasportato a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C per un singolo periodo fino a 11 mesi, senza superare la data di scadenza originale (Scad./EXP). Al momento di spostare il prodotto alla temperatura di conservazione compresa tra 2 °C e 8 °C, la data di scadenza aggiornata deve essere scritta sulla scatola esterna e il vaccino dovrà essere utilizzato o smaltito entro tale data di scadenza aggiornata. La data di scadenza originale deve essere barrata. Il vaccino può anche essere trasportato a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C, a condizione che siano garantite adeguate condizioni di conservazione (temperatura, periodo di tempo).

Una volta scongelato, il vaccino non deve essere ricongelato.

Tenere i flaconcini nella scatola originale per proteggere il medicinale dalla luce.

Il flaconcino non aperto di JCOVDEN è stabile per un totale di 12 ore a una temperatura compresa tra 9 °C e 25 °C. Non si tratta di una condizione di conservazione o spedizione raccomandata, ma può orientare le decisioni relative all’uso in caso di escursioni termiche temporanee durante gli 11 mesi di conservazione a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C.

Per le condizioni di conservazione dopo la prima apertura del medicinale, vedere paragrafo 6.3.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

2,5 mL di sospensione in un flaconcino multidose (vetro di tipo I) con tappo in gomma (clorobutile rivestito di fluoropolimero), ghiera in alluminio e cappuccio blu di plastica. Ogni flaconcino contiene 5 dosi da 0,5 mL.

Confezioni da 10 o 20 flaconcini multidose.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Istruzioni per la manipolazione e la somministrazione

Questo vaccino deve essere manipolato da professionisti sanitari usando una tecnica asettica al fine di garantire la sterilità di ogni dose.

Il vaccino è pronto per l’uso dopo lo scongelamento.

Il vaccino può essere fornito congelato a una temperatura compresa tra -25 °C e -15 °C oppure scongelato a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C.

Non ricongelare il vaccino una volta scongelato.

Tenere i flaconcini nella scatola originale per proteggerli dalla luce e registrare la data di scadenza per le diverse condizioni di conservazione, laddove pertinente.

a. Conservazione alla ricezione del vaccino SE SI RICEVE IL VACCINO CONGELATO A UNA TEMPERATURA COMPRESA TRA –

tra-25 °C e -15 °C

<.. image removed ..> tra 2 °C e 8 °C

<.. image removed ..> 25 °C e -15°C, è possibile:

O Conservare in congelatore

Il vaccino può essere conservato e trasportato in congelatore a una temperatura compresa tra -25 °C e -15 °C.

La data di scadenza per la conservazione è stampata sul flaconcino e sulla scatola esterna dopo “Scad./ EXP” (vedere paragrafo 6.4.

Conservare in frigorifero

Il vaccino può anche essere conservato e trasportato a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C per un singolo periodo di massimo 11 mesi, senza superare la data di scadenza originale (Scad./ EXP).

Quando si sposta il prodotto in frigorifero a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C, la data di scadenza aggiornata deve essere riportata sulla scatola esterna e il vaccino deve essere utilizzato o smaltito entro la data di scadenza aggiornata. La data di scadenza originale deve essere barrata (vedere paragrafo 6.4).

SE SI RICEVE IL VACCINO SCONGELATO A UNA TEMPERATURA COMPRESA TRA

2 °C e 8 °C, deve essere conservato in frigorifero:

tra 2 °C e 8 °C

<.. image removed ..> <.. image removed ..> Non ricongelare se si riceve il prodotto già scongelato a una temperatura compresa fra 2 °C e 8 °C.

Nota: se si riceve il vaccino conservato in frigorifero a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C, verificare che la data di scadenza sia stata aggiornata dal fornitore locale alla ricezione. Se non si riesce a individuare la nuova data di scadenza (Scad./ EXP), contattare il fornitore locale per confermare la data di scadenza del prodotto conservato in frigorifero. Scrivere la nuova data di scadenza sulla scatola esterna prima di riporre il vaccino in frigorifero. La data di scadenza originale deve essere resa barrata (vedere paragrafo 6.4).

Tra 2 °C e 8 °C

Scongelare per 13 ore

b. In caso di conservazione in congelatore, scongelare i flaconcini in frigorifero o a temperatura ambiente prima della somministrazione <.. image removed ..> Fino ad un massimo di 25 °C

Scongelare per 1 ora

Scongelare per 4 ore

<.. image removed ..> O Scongelare in frigorifero

Se conservati in congelatore a una temperatura compresa fra -25 °C e -15

°C, una scatola da 10 o 20 flaconcini richiederà circa 13 ore per lo scongelamento, mentre i singoli flaconcini richiederanno circa 2 ore per lo scongelamento a una temperatura compresa fra 2 °C e 8 °C.

Se il vaccino non viene usato immediatamente, vedere le istruzioni riportate nel paragrafo “Conservazione in frigorifero”.

Il flaconcino deve essere conservato nella scatola originale per proteggerlo dalla luce e registrare la data di scadenza Scongelare a temperatura ambiente

Se conservati in congelatore a una temperatura compresa fra -25 °C e -15

°C, una scatola da 10 o 20 flaconcini o i singoli flaconcini devono essere scongelati a una temperatura ambiente massima di 25 °C.

Una scatola da 10 o 20 flaconcini richiederà circa 4 ore per lo scongelamento.

I singoli flaconcini richiederanno circa

1 ora per lo scongelamento.

Il vaccino è stabile per un totale di

12 ore a una temperatura compresa fra 9 °C e 25 °C. Non si tratta di una condizione di conservazione o spedizione raccomandata, ma può per le diverse condizioni di conservazione, laddove pertinente.

<.. image removed ..> Una volta scongelato non ricongelare.

orientare le decisioni relative all’uso in caso di escursioni termiche temporanee.

Se il vaccino non viene usato immediatamente, vedere le istruzioni riportate nel paragrafo “Conservazione in frigorifero”.

Una volta scongelato non ricongelare.

c. Ispezione del flaconcino e del vaccino JCOVDEN è una sospensione da incolore a leggermente gialla, da limpida a molto opalescente (pH 6-6,4).

Il vaccino deve essere ispezionato visivamente per verificare la presenza di particolato e alterazioni del colore prima della somministrazione.

Prima della somministrazione, il flaconcino deve essere ispezionato visivamente per escludere la presenza di incrinature o anomalie, come segni di manomissione.

Non somministrare il vaccino in caso di presenza di una di queste anomalie.

d. Preparazione e somministrazione del vaccino <.. image removed ..> <.. image removed ..> <.. image removed ..> Roteare il flaconcino delicatamente

Prima della somministrazione di una dose di vaccino, roteare il flaconcino delicatamente in posizione verticale per 10 secondi.

Non agitare.

Prelevare 0,5 mL

<.. image removed ..> Prelevare una dose singola da 0,5 mL dal flaconcino multidose, utilizzando un ago sterile e una siringa sterile (vedere paragrafo 4.2).

Da ogni flaconcino multidose è possibile prelevare un massimo di 5 dosi. Smaltire l’eventuale vaccino residuo nel flaconcino dopo il prelievo di 5 dosi

Iniettare 0,5 mL

Somministrare esclusivamente per via intramuscolare nel muscolo deltoide del braccio (vedere paragrafo 4.2).

<.. image removed ..> Tra 2 °C e 8 °C

Conservare per 6 ore max

<.. image removed ..> Fino ad un massimo di 25 °C

Conservare per 3 ore max

e. Conservazione dopo la prima perforazione <.. image removed ..> O Riportare la data e l’ora in cui smaltire il flaconcino

Dopo la prima perforazione del flaconcino, riportare sull’etichetta di ciascun flaconcino la data e l’ora in cui smaltire il flaconcino.

<.. image removed ..> Usare preferibilmente subito dopo la prima perforazione.

Dopo la prima perforazione del flaconcino, il vaccino può essere tenuto a una temperatura compresa tra 2 °C e 8 °C per un massimo di 6 ore.

Smaltire se il vaccino non viene usato entro questo periodo di tempo.

Dopo la prima perforazione del flaconcino, il vaccino può essere tenuto a temperatura ambiente (fino a un massimo di 25 °C) per un singolo periodo di tempo fino a 3 ore (vedere paragrafo 6.3).

Smaltire se il vaccino non viene usato entro questo periodo di tempo.

f. Smaltimento Il vaccino non utilizzato e i rifiuti derivati da tale vaccino devono essere smaltiti in conformità alle linee guida locali per i rifiuti farmaceutici. Le potenziali fuoriuscite devono essere disinfettate con agenti ad attività virucida contro gli adenovirus.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Janssen-Cilag International NV Turnhoutseweg 30 B-2340 Beerse Belgio

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

EU/1/20/1525/001 EU/1/20/1525/002

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Data della prima autorizzazione: 11 marzo 2021 Data del rinnovo più recente: 03 gennaio 2022

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: 31/05/2022

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.