Tramadolo

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Tramadolo: ultimo aggiornamento pagina: 06/04/2019 (Fonte: A.I.FA.)

Indice della scheda

Tramadolo: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Tramadolo Krka 50 mg capsule rigide

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

tramadolo cloridrato. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Capsula rigida (capsula)

Il corpo della capsula è bianco e il cappuccio è blu. Le capsule sono riempite di polvere bianca o quasi bianca. La dimensione della capsula è n. 4. La lunghezza delle capsule riempite è 14-15 mm.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento sintomatico del dolore da moderato a severo negli adulti e negli adolescenti di 12 anni di età e oltre.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Posologia

Il dosaggio deve essere adattato all’intensità del dolore ed alla sensibilità del singolo paziente. Generalmente deve essere considerato il dosaggio efficace più basso per ottenere l’effetto analgesico.

Non deve essere superata la dose giornaliera di 400 mg di principio attivo, tranne che in circostanze eccezionali.

Se non prescritto diversamente, Tramadolo Krka deve essere somministrato come segue:

Adulti e adolescenti di 12 anni di età e oltre

Forma di dosaggio Dose singola Dose totale giornaliera
Tramadolo Krka 50-100 mg
Ogni 4 – 6 ore
(da 1 a 2 capsule rigide)
(vedere paragrafo 5.1)
400 mg
(più di 8 capsule rigide)

Se non vi è sufficiente sollievo dal dolore dopo somministrazione di una singola dose di tramadolo cloridrato 50 mg entro 30-60 minuti, può essere somministrata una seconda dose singola di 50 mg.

Se nel dolore severo la probabilità è elevata, può essere somministrata come dose iniziale la dose singola più elevata di Tramadolo Krka (100 mg di tramadolo cloridrato).

Dolore acuto: normalmente è necessaria una dose iniziale di 100 mg. Questa può essere seguita da dosi di 50 o 100 mg ogni 4 – 6 ore di intervallo, e la durata del trattamento deve essere abbinata alla necessità clinica.

Dolore associato a condizioni croniche: è raccomandata una dose iniziale di 50 mg e di seguito una titolazione a seconda della gravità del dolore. La necessità di un trattamento continuo deve essere valutata ad intervalli regolari in quanto sono stati segnalati sintomi da sospensione e dipendenza (vedere paragrafo 4.4).

Popolazione pediatrica

Tramadolo Krka capsule non è indicato per i bambini sotto i 12 anni di età.

Anziani

Di solito non è necessario alcun adeguamento della dose nei pazienti fino a 75 anni, senza insufficienza renale o epatica clinicamente manifeste. Nei pazienti anziani oltre i 75 anni, l’eliminazione può essere prolungata. Pertanto, se necessario, l’intervallo di somministrazione dovrà essere adeguato sulla base delle necessità del paziente.

Insufficienza renale/dialisi ed insufficienza epatica

Nei pazienti con insufficienza renale e o insifficienza epatica, l’eliminazione del tramadolo è ritardata. In tali pazienti deve essere attentamente considerato un prolungamento degli intervalli di somministrazione, sulla base delle necessità del paziente.

Metodo di somministrazione Per sommnistrazione orale.

Le capsule devono essere assunte intere, non divise nè masticate, con una sufficiente quantità di liquido, con o senza cibo.

Durata della somministrazione

Tramadolo Krka non deve essere somministrato in nessun caso per più tempo di quanto sia assolutamente necessario. Se è necessario un trattamento del dolore a lungo termine con Tramadolo Krka, bisogna prendere in considerazione la natura e la gravità della malattia, quindi è necessario eseguire un monitoraggio attento e regolare (se necessario con interruzioni di trattamento) per stabilire se e in quale misura siano necessari ulteriori trattamenti.

04.3 Controindicazioni

Pubblicita'

Indice

Tramadolo Krka è controindicato:

Nei casi di ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Nei casi di intossicazione acuta da alcool, medicinali ipnotici, analgesici, oppioidi o altri psicotropi.

Nei pazienti cui sono stati somministrati inibitori MAO o che li hanno assunti negli ultimi 14 giorni (vedere paragrafo 4.5)

Nei pazienti con epilessia non adeguatamente controllati dal trattamento.

Per uso nel trattamento di ritiro del narcotico.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Tramadolo Krka può essere utilizzato solo con particolare cautela nei pazienti oppiaceo-dipendenti, pazienti con lesioni alla testa, shock, in stato alterato di coscienza di origine incerta, disturbi del centro respiratorio o della funzionalità, aumento della pressione intracranica.

Nei pazienti sensibili agli oppiacei il prodotto deve essere utilizzato con cautela.

Sono state segnalate convulsioni in pazienti in trattamento con tramadolo al limite della dose raccomandata. Il rischio può essere aumentato quando le dosi di tramadolo superano il limite massimo giornaliero raccomandato (400 mg). Inoltre, il tramadolo può aumentare il rischio di crisi nei pazienti che assumono altri medicinali che abbassano la soglia convulsiva (vedere paragrafo 4.5). I pazienti con epilessia o quelli soggetti a convulsioni devono essere trattati con tramadolo solo se assolutamente necessario.

Si deve prestare cautela quando vengono trattati pazienti con depressione respiratoria, o se vengono somministrati in concomitanza medicinali depressivi del SNC (vedere paragrafo 4.5), o se il dosaggio raccomandato viene notevolmente superato (vedere paragrafo 4.9) in quanto in queste situazioni non può essere esclusa la possibilità di depressione respiratoria.

Il tramadolo ha un basso potenziale di dipendenza. Un utilizzo a lungo termine può determinare dipendenza psichica e fisica. Nei pazienti che tendono ad abusare di stupefacenti o che soffrono di dipendenza, il trattamento con tramadolo deve essere eseguito solo per brevi periodi sotto stretto controllo medico.

Il tramadolo non è indicato come trattamento sostitutivo nei pazienti oppioidi- dipendenti. Pur essendo un agonista degli oppiacei, il tramadolo non può sopprimere i sintomi di astinenza da morfina.

Questo medicinale contiene meno di 1 mmol (23mg) di sodio per capsula, cioè essenzialmente

‘senza sodio’.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Tramadolo Krka non deve essere associato agli inibitori delle MAO (vedere paragrafo 4.3).

Nei pazienti trattati con MAO–inibitori nei 14 giorni precedenti la somministrazione dell’oppioide petidina, sono state osservate interazioni a livello del sistema nervoso centrale e della funzione respiratoria e cardiovascolare pericolose per la vita del paziente. Non possono essere escluse le stesse interazioni tra MAO–inibitori e Tramadolo Krka.

La somministrazione concomitante di Tramadolo Krka con altri medicinali depressori del sistema nervoso centrale, incluso alcol, può potenziare gli effetti sul SNC (vedere paragrafo 4.8).

I risultati di studi di farmacocinetica hanno finora dimostrato che la concomitante o precedente somministrazione di cimetidina (inibitore enzimatico) non genera interazioni clinicamente rilevabili.

La somministrazione concomitante o precedente di carbamazepina (induttore enzimatico) può ridurre l’effetto analgesico e diminuire la durata di azione.

Il tramadolo può indurre convulsioni e potenziare l’effetto convulsivo degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), degli inibitori della ricaptazione della serotonina norepinefrina (SNRI), degli antidepressivi triciclici, degli antipsicotici e di altri medicinali che abbassano la soglia convulsivante (come bupropione, mirtazapina, tetraidrocannabinolo).

L’uso terapeutico di tramadolo in associazione con medicinali serotoninergici quali gli inibitori selettivi della ricaptazione di serotonina (SSRIs), gli inibitori della ricaptazione di serotonina-noradrenalina (SNRIs), gli inibitori delle MAO (vedere paragrafo 4.3), gli antidepressivi triciclici e la mirtazapina, può causare tossicità serotoninica. Segni di sindrome da serotonina possono essere:

clono spontaneo

clono inducibile od oculare con stato di agitazione o diaforesi

tremore ed iperreflessia

ipertonia e temperatura corporea superiore a 38 °C con clono inducibile od oculare.

La sospensione dei farmaci serotoninergici determina generalmente un rapido miglioramento. Il trattamento dipende dal tipo e dalla gravità dei sintomi.

Si deve prestare cautela in caso di trattamento concomitante di tramadolo e derivati della cumarina (per es. warfarin), a causa di casi segnalati di incremento dell’INR con maggiore sanguinamento ed ecchimosi in alcuni pazienti.

Altri principi attivi, noti come inibitori del CYP3A4, quali ketoconazolo ed eritromicina, possono inibire il metabolismo del tramadolo (N-demetilazione), e probabilmente anche del metabolita attivo O–demetilato. La rilevanza clinica di questa interazione non è stata studiata (vedere paragrafo 4.8).

In un limitato numero di studi pre e post-intervento l’uso dell’antiemetico ondansetron antagonista 5-HT3 ha aumentato la richiesta di tramadolo da parte di pazienti con dolore post-intervento.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Pubblicita'

Gravidanza

Gli studi condotti su animali con tramadolo a dosi molto alte hanno rilevato un effetto sullo sviluppo degli organi, ossificazione e mortalità neonatale. Il tramadolo supera la placenta. Non è disponibile una adeguata evidenza sulla sicurezza del tramadolo nelle donne in gravidanza. Pertanto Tramadolo Krka non deve essere utilizzato in donne in gravidanza.

Il tramadolo – somministrato prima o durante la nascita – non influenza la contrattilità uterine. Nei neonati può indurre cambiamenti nel ritmo respiratorio che solitamente non hanno rilevanza clinica. L’uso cronico durante la gravidanza può portare a sintomi di astinenza neonatale.

Allattamento

Durante l’allattamento, circa lo 0,1% della dose materna viene escreta nel latte. Tramadolo Krka non è raccomandata durante l’allattamento. Dopo la somministrazione di una dose singola di tramadolo non è necessario sospendere l’allattamento.

Fertilità

La sorveglianza post-marketing non suggerisce un effetto del tramadolo sulla fertilità. Gli studi sugli animali non hanno mostrato un effetto del tramadolo sulla fertilità.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Quando assunto secondo le indicazioni, Tramadolo Krka può causare effetti quali sonnolenza e capogiri e pertanto può influenzare la capacità di guidare veicoli e utilizzare macchinari. Questo è riferibile in particolare in combinazione con altre sostanze psicotrope, in particolare alcol.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Nella valutazione degli effetti indesiderati, le frequenze sono definite come segue:

Molto comune (≥1/10)

– Comune (≥1/100, <1/10)

– Non comune (≥1/1.000, <1/100)

– Raro (≥1/10.000, <1/1.000)

– Molto raro (<1/10.000)

– Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili)

Gli effetti indesiderati segnalati più comunemente sono nausea e capogiri, entrambi verificatisi in più del 10% di pazienti.

Molto comun e Comune Non comune Raro Molto raro
Disturbi del sistema immunitari o Reazioni allergiche (per es.
dispnea, broncospasmo, respiro sibillante, edema angioneurotico) e anafilassi
Disturbi del metabolism o e della nutrizione Modifica dell’appetito Ipoglice mia
Disturbi Allucinazioni,
psichiatrici confusione,
disturbi del
sonno, delirio,
ansia ed incubi.
Reazioni
psichiche
avverse possono
verificarsi a
seguito della
somministrazion
e di tramadolo
che possono
variare in
intensità e
natura a
seconda del
soggetto
(dipendenza
dalla personalità
e dalla durata
del trattamento).
Questo include
cambiamenti
dell’umore
(normalmente
euforia,
occasionalmente
disforia),

cambiamenti nell’attività (normalmente calo, occasionalmente aumento) e cambiamenti nelle capacità cognitive e sensoriali (per es. prendere decisioni, disturbi della percezione). Può verificarsi dipendenza da farmaco.

Possono verificarsi sintomi da sindrome da astinenza da farmaco, simili a quelli che si verificano durante la sospensione degli oppiacei, come: agitazione, ansia, nervosismo, insonnia, ipercinesia, tremore e sintomi gastrointestinali. Altri sintomi che sono stati osservati raramente con l’interruzione del tramadolo includono: attacchi di panico, ansia grave, allucinazioni, parestesia, tinnito e sintomi inusuali del SNC (per es. confusione, delusione, depersonalizzazi

one, derealizzazione, paranoia)
Patologie del sistema nervoso Capogir i Cefalea, sonnolenza Parestesia, tremore, contrazioni involontarie dei muscoli, coordinazione anormale, sincope, disturbi del linguaggio.
Le convulsioni si sono verificate soprattutto dopo la somministrazion e di alte dosi di tramadolo o dopo il trattamento concomitante con medicinali che possono abbassare la soglia convulsiva (vedere paragrafì 4.4 e
4.5)
Patologie dell’occhio Miosi, midriasi, visione offuscata
Patologie cardiache Regolazione cardiovascol are (palpitazioni, tachicardia).
Queste reazioni averse possono verificarsi specialmente durante la somministra zione endovenosa e in pazienti psicologicam ente stressati
Bradicardia
Patologie vascolari Regolazione cardiovascol are (ipotensione posturale o
collasso cardiovascol are).
Queste reazioni averse possono verificarsi specialmente durante la somministra zione endovenosa e in pazienti fisicamente stressati
Patologie respiratorie
, toraciche e mediastinic he
Depressione respiratoria, dispnea.
Se le dosi raccomandate sono considerevolmen te superate e sono somministrate in concomitanza alter sostanze depressive a livello centrale (vedere paragrafo 4.5), può verificarsi depressione respiratoria.
E’ stato segnalato un peggioramento dell’asma, anche se non è stata stabilita una relazione di causalità
Patologie gastrointes tinali Nausea. Vomito, costipazion e, bocca secca Conati; disturbi gastrointesti nali (una sensazione di peso sullo stomaco, gonfiore), diarrea
Patologie epatobiliari In alcuni casi isolati è stato
segnalat o un aumento dei valori degli enzimi epatici in connessi one temporal e con l’uso terapeuti co di tramadol o
Patologie della cute e del tessuto sottocutan eo Iperidrosi Reazioni dermiche (per es.
prurito, rossore della cute, orticaria)
Patologie del sistema muscolo scheletrich e e del tessuto connettivo Debolezza motoria.
Patologie renali e urinarie Disturbi della minzione (disuria e ritenzione urinaria)
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministr azione Stanchezza
Esami diagnostici Aumento della pressione sanguigna

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione- avversa

vverse.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomi

In linea di principio, ci si può aspettare che l’intossicazione da tramadolo possa determinare sintomi simili a quelli degli altri farmaci analgesici ad azione centrale (oppioidi). In particolare questi includono: miosi, vomito, collasso cardiovascolare, disturbi dello stato di coscienza fino al coma, convulsioni e depressione respiratoria fino all’arresto respiratorio.

Trattamento

Seguire le norme generali d’emergenza. Mantenere libere le vie respiratorie (aspirazione!), supportare la funzionalità respiratoria e circolatoria a seconda dei sintomi. L’antidoto per la depressione respiratoria è il naloxone. In studi su animali il naloxone non ha avuto effetto sulle convulsioni. In alcuni casi deve essere somministrato diazepam per via endovenosa.

In caso di intossicazione per via orale, è raccomandata solo entro 2 ore dopo l’assunzione del tramadolo la decontaminazione gastrointestinale con carbone attivo o lavaggio gastrico.

La decontaminazione gastrointestinale eseguita in ritardo può essere utile in caso di intossicazione con eccezionali larghe quantità.

Tramadolo viene minimamente eliminato dal siero durante l’emodialisi o l’emofiltrazione. Pertanto il trattamento di una intossicazione acuta con Tramadolo Krka con emodialisi ed emofiltrazione da soli non sono sufficienti per la detossificazione.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Pubblicita'

Indice

Gruppo farmacoterapeutico: analgesici, altri oppioidi, codice ATC: N02AX02.

Meccanismo di azione

Il tramadolo è un analgesico oppioide ad azione centrale. E’ un antagonista puro non selettivo ai recettori oppiodi µ, δ e κ con una alta affinità per il recettore μ. Altri meccanismi che possono contribuire al suo effetto analgesico sono l’inibizione della ricaptazione neuronale della noradrenalina e il miglioramento del rilascio di serotonina.

Efficacia e sicurezza clinica

Il tramadolo ha un effetto antitosse. In contrasto con la morfina, le dosi analgesiche di tramadolo su una vasta gamma non hanno alcun effetto respiratorio depressivo. Anche la motilità gastrointestinale è meno colpita. Gli effetti sul sistema cardiovascolare tendono ad essere lievi. La potenza del tramadolo è stata riportata a 1/10 (un decimo) rispetto a 1/6 (un sesto) della morfina.

Popolazione pediatrica

Gli effetti della somministrazione enterale e parenterale di tramadolo sono stati studiati in studi clinici che hanno coinvolto più di 2000 pazienti pediatrici che vanno dall’età di neonato a 17 anni. Le indicazioni per il trattamento del dolore studiate in questi studi comprendevano dolore dopo intervento chirurgico (soprattutto addominale), dopo estrazioni chirurgiche dentarie, a causa di fratture, ustioni e traumi e altre condizioni dolorose che potevano richiedere un trattamento analgesico per almeno 7 giorni.

A singole dosi fino a 2 mg/kg o a dosi multiple fino a 8 mg/kg al giorno (fino ad un massimo di 400 mg al giorno), l’efficacia del tramadolo è risultata superiore al placebo e superiore o uguale a paracetamolo, nalbupina, fetidina o morfina a bassa dose. Gli studi condotti hanno confermato l’efficacia del tramadolo. Il profilo di sicurezza del tramadolo è risultato simile nei pazienti adulti e pediatrici più vecchi di un anno (vedere paragrafo 4.2).

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

Più del 90% del tramadolo viene assorbito dopo somministrazione orale.

La biodisponibilità media assoluta è approssimativamente del 70%, indipendentemente dalla somministrazione concomitante di cibo.

La differenza tra tramadolo disponibile e non metabolizzato è probabilmente dovuta al basso effetto di primo passaggio. L’effetto del primo passaggio dopo somministrazione orale è massimo del 30%.

Distribuzione

Dopo uso orale di tramadolo 100 mg in forma liquida, le concentrazioni plasmatiche di picco dopo 1,2 ore sono state calcolate per ottenere una Cmax

= 309 ± 90 ng / ml. Dopo la stessa dose in forma orale solida, le concentrazioni plasmatiche di picco dopo 2 ore danno una Cmax = 280 ± 49 ng / ml. Tramadolo ha un’elevata affinità (V d, ß = 203 + 40 l). Ha un legame alle proteine plasmatiche di circa il 20%. Tramadolo passa la barriera ematoencefalica e la barriera placentare. Quantità molto piccole di sostanza e del suo derivato O-desmetil sono state trovate nel latte materno (0,1% e 0,02% rispettivamente della dose applicata).

Biotrasformazione

Negli esseri umani il tramadolo è principalmente metabolizzato mediante N- e O-demetilazione e coniugazione dei prodotti O-demetilati con acido glucuronico. Solo O-desmetil-tramadolo è farmacologicamente attivo. Ci sono considerevoli differenze quantitative interindividuali tra gli altri metaboliti. Finora sono stati trovati undici metaboliti nell’urina. Gli esperimenti sugli animali hanno dimostrato che O- desmetil-tramadolo è più potente della sostanza parentale per il fattore 2 – 4. La sua emivita t 1/2, ß (6 volontari sani) è 7,9 ore (range 5,4 – 9,6 ore) ed è approssimativamente in forma di tramadolo.

L’inibizione di uno o entrambi i tipi di isoenzima CYP3A4 e CYP2D6 coinvolti nella biotrasformazione del tramadolo può influenzare la concentrazione plasmatica di tramadolo o dei suoi metaboliti attivi. Fino ad ora non sono state segnalate interazioni clinicamente rilevanti.

Eliminazione

Tramadolo e i suoi metaboliti sono quasi completamente escreti attraverso i reni. L’escrezione urinaria cumulativa è del 90% della radioattività totale della dose somministrata. L’emivita di eliminazione t 1/2, ß è di circa 6 ore, indipendentemente dal metodo di somministrazione. Nei pazienti di età superiore ai 75 anni può essere prolungato per un fattore di circa 1,4. Nei casi di compromissione epatica e della funzionalità renale l’emivita può essere leggermente prolungata. Nei pazienti con cirrosi epatica è stata determinata l’emivita di eliminazione a 13,3 ± 4,9 ore (tramadolo) e 18,5 ± 9,4 ore (O- desmetil-tramadolo), in casi estremi 22,3 ore e 36 ore rispettivamente. In pazienti con insufficienza renale (clearance della creatinina <5 ml / min) i valori erano 11 ± 3,2 ore e 16,9 ± 3 ore, in casi estremi rispettivamente 19,5 ore e 43,2 ore.

Linearità/non-linearità

Tramadolo presenta un profilo farmacocinetico lineare entro l’intervallo del dosaggio terapeutico.

Relazione(i) farmacocinetica/farmacodinamica

La relazione tra le concentrazioni sieriche e l’effetto analgesico è dose dipendente, ma varia consideratamente in casi isolati. Una concentrazione sierica di 100 – 300 ng/ml normalmente è efficace.

Popolazione pediatrica

La farmacocinetica del tramadolo e dell’O-desmetil-tramadolo dopo somministrazione orale di una dose singola e di una multi-dose a soggetti di età compresa tra 1 e 16 anni di età è risultata generalmente simile a quella negli adulti quando la dose viene adattata al peso corporeo, ma con una maggiore variabilità nei soggetti di età compressa tra 8 anni e meno.

E’ stata studiata la farmacocinetica del tramadolo e dell’O-desmetil-tramadolo nei bambini di età inferiore a 1 anno, ma non sono stati completamente caratterizzati. Le informazioni provenienti da studi che includono questo gruppo di età indica che il tasso di formazione di O-desmetil-tramadolo via CYP2D6 aumenta continuamente nei neonati e si assume che i livelli di attività di CYP2D6 per adulti siano raggiunti a circa 1 anno di età. Inoltre, i sistemi di glucuronidazione immaturi e la funzionalità renale immatura possono causare una lenta eliminazione e un accumulo di O-desmetil-tramadolo nei bambini di età inferiore a 1 anno.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Dopo somministrazione ripetuta orale e parenterale di tramadolo per 6 – 26 settimane nei ratti e nei cani e dopo somministrazione orale per 12 mesi nei cani, le indagini ematologiche, clinico-chimiche e istologiche non hanno mostrato alcuna evidenza di alterazioni sostanziali. Le manifestazioni nervose centrali si sono verificate solo dopo dosi elevate notevolmente superiori alla gamma terapeutica: irrequietezza, salivazione, convulsioni e riduzione del peso. Ratti e cani tollerano rispettivamente dosi orali di 20 mg/kg e 10 mg/kg per peso corporeo e cani tollerano dosi rettali di 20 mg / kg per peso corporeo senza alcuna reazione.

Nei ratti dosi di tramadolo da 50 mg/kg/giorno e oltre hanno causato effetti tossici nelle madri e aumentato la mortalità neonatale. Un fattore di ritardo nella prole si è verificato in forma di disturbi di ossificazione e di ritardo nell’apertura vaginale e degli occhi. La fertilità maschile non è stata compromessa. Dopo dosi più elevate (50 mg/kg/giorno e oltre) le femmine hanno mostrato un tasso di gravidanza ridotto. Nei conigli si sono verificati effetti tossici nelle madri da 125 mg/kg e oltre e nelle anomalie scheletriche nella prole.

In alcuni sistemi di test in vitro sono stati evidenziati effetti mutagenici. Gli studi in vivo non hanno mostrato tali effetti. Secondo le conoscenze acquisite finora, il tramadolo può essere classificato come non mutagenico.

Sono stati effettuati studi sul potenziale tumorigenico del tramadolo cloridrato nei ratti e nei topi. Lo studio sui ratti non ha mostrato alcuna prova di un aumento sostenuto nell’incidenza di tumori. Nello studio sui topi vi è stata una maggiore incidenza di adenomi di cellule epatiche negli animali maschi (un aumento dose-dipendente, non significativo con 15 mg/kg e oltre) e un aumento dei tumori polmonari nelle femmine di tutti i gruppi di dosaggio (significativo, ma non dipendente dalla dose).

Pubblicita'

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Contenuto della capsula Cellulosa microcristallina Amido di sodio glicolato (tipo A) Talco

Magnesio stearato (E470b)

Involucro della capsula Titanio diossido (E171) Carminio d’indaco (E132) Gelatina

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

5 anni

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Non conservare a temperatura superiore ai 30 °C.

Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dall’umidità.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Blister (PVC/foglio Al): 10, 20, 30, 50, 60, 90 e 100 capsule rigide, in una scatola.

Pubblicita'

É possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

KRKA, d.d. Novo mesto, Šmarješka cesta 6, 8501 Novo mesto, Slovenia

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

AIC n. 045569011 – "50 mg capsule rigide" 10 capsule in blister PVC/Al AIC n. 045569023 – "50 mg capsule rigide" 20 capsule in blister PVC/Al AIC n. 045569035 – "50 mg capsule rigide" 30 capsule in blister PVC/Al AIC n. 045569047 – "50 mg capsule rigide" 50 capsule in blister PVC/Al AIC n. 045569050 – "50 mg capsule rigide" 60 capsule in blister PVC/Al AIC n. 045569062 – "50 mg capsule rigide" 90 capsule in blister PVC/Al AIC n. 045569074 – "50 mg capsule rigide" 100 capsule in blister PVC/Al

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Data della prima autorizzazione: Data del rinnovo più recente:

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: 08/03/2019

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *