Home Schede Tecniche Ibitazina: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Ibitazina: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Ibitazina

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Ibitazina: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Ibitazina

INDICE DELLA SCHEDA

Ibitazina: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Ibitazina 2 g + 250 mg/4 ml polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Un flaconcino di polvere contiene: Principi attivi:

Piperacillina sodica 2,085 g, equivalente a piperacillina 2 g Tazobactam sodico 268,3 mg, equivalente a tazobactam 250 mg

Ogni flaconcino di Ibitazina 2 g / 0.25 g contiene 4.70 mmol (108 mg) of sodio Una fiala solvente contiene 4 ml di lidocaina cloridrato

Per l’elenco completo degli eccipienti vedere paragrafo 6.1

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare (la fiala solvente è per esclusivo uso intramuscolare).

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Ibitazina è indicato per il trattamento delle seguenti infezioni negli adulti e nei bambini sopra i 2 anni di età (vedere paragrafì 4.2 e 5.1):

Polmonite grave compresa polmonite acquisita in ospedale e associata alla ventilazione meccanica

Infezioni complicate delle vie urinarie (inclusa pielonefrite)

Infezioni complicate intra-addominali

Infezioni complicate della cute e dei tessuti molli (incluse le infezioni del piede nel diabetico)

Trattamento di pazienti con setticemia concomitante, o sospetta, con una delle infezioni riportate sopra.

Ibitazina è indicato nel trattamento di pazienti neutropenici con febbre che possa essere riconducibile a infezione batterica.

Bambini di età tra i 2 e i 12 anni

Infezioni complicate intra-addominali

Ibitazina è indicato nel trattamento di bambini neutropenici con febbre che possa essere riconducibile a infezione batterica.

Devono essere prese in considerazione le linee guida ufficiali sul corretto uso dei prodotti antibatterici.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

IBITAZINA può essere somministrato per via intramuscolare che endovenosa. La fiala di solvente con lidocaina acclusa alla confezione di IBITAZINA 2 g + 250 mg, va impiegata solo per la somministrazione intramuscolare.

IBITAZINA, diluito con appositi solventi, può essere somministrato per infusione (durata 30 min).

Posologia

Il dosaggio e la frequenza di somministrazione di IBITAZINA dipendono dalla gravità e dalla localizzazione dell’ infezione e dei batteri sospetti.

Pazienti adulti e ragazzi

Infezioni

Il dosaggio abituale è 4 g piperacillina / 0.5 g tazobactam ogni 8 ore.

Per le polmoniti ospedaliere e le infezioni batteriche in pazienti neutropenici, il dosaggio raccomandato è 4 g piperacillina / 0.5 g tazobactam ogni 6 ore. Questo regime può essere applicabile anche per trattare pazienti nelle altre indicazioni, quando particolarmente gravi.

La seguente tabella raccoglie il dosaggio e la frequenza del trattamento negli adulti e nei ragazzi in base alla indicazione o alla condizione:

Frequenza del trattamento Piperacillina/Tazobactam 4 g/0.5 g
Ogni 6 orePolmonite grave
Adulti neutropenici con sospetto di febbre riconducibile a infezioni batteriche
Ogni 8 oreinfezioni complicate delle vie urinarie (inclusa pielonefrite
infezioni complicate intra-addominali
infezioni complicate della cute e dei tessuti molli (incluse le infezioni del piede nel diabetico)

Adulti e ragazzi di età superiore ai 12 anni con insufficienza renale

Nei pazienti con insufficienza renale il dosaggio endovenoso deve essere adeguato in base al grado della residua funzionalità renale (ogni paziente deve essere monitorato attentamente in caso di segni di sospetta tossicità; i dosaggi endovenosi e gli intervalli di somministrazione devono essere corretti conseguentemente).

Le dosi giornaliere suggerite sono le seguenti:

Clearance della creatinina (ml/min) Dosaggio raccomandato di IBITAZINA
>40Non è necessario alcun adeguamento posologico
20 – 40Posologia massima consigliata: 4 g/0.5 g ogni 8 ore
<20Posologia massima consigliata: 4 g/0.5 g ogni 12 ore

Poiché l’emodialisi rimuove dal 30% al 50% di piperacillina in 4 ore, i pazienti sottoposti a dialisi dovrebbero ricevere una dose aggiuntiva di IBITAZINA 2 g/0.250 g dopo ogni trattamento dialitico.

Pazienti con alterata funzionalità epatica

Nei pazienti con alterata funzionalità epatica non è necessario procedere ad alcun aggiustamento posologico (vedi sezione 5.2).

Pazienti anziani

Non è necessario procedere ad alcun aggiustamento posologico negli anziani con funzione renale o clearance della creatinina superiore a 40 ml/min.

Bambini (2-12 anni di età)

Infezioni

La seguente tabella raccoglie il dosaggio e la frequenza del trattamento in bambini tra 2 e 12 anni di età in relazione al peso, alla indicazione o alla condizione:

Dose per peso e frequenza del trattamento Indicazione/condizione
80 mg Piperacillina / 10 mg Tazobactam per kg / ogni 6 oreBambini neutropenici con sospetto di febbre riconducibile a infezioni batteriche*
100 mg Piperacillina / 12.5 mg Tazobactam per kg / ogni 8 oreInfezioni complicate intra-addominali*

* Non superare la dose massima di 4 g / 0.5 g ogni 30 minuti.

Insufficienza renale

Il dosaggio endovenoso deve essere adeguato in base al grado della residua funzionalità renale (ogni paziente deve essere monitorato attentamente in caso di segni di sospetta tossicità; i dosaggi endovenosi e gli intervalli di somministrazione devono essere corretti conseguentemente).

Le dosi giornaliere suggerite sono le seguenti:

Creatinine clearance (ml/min) Piperacillina/Tazobactam (dose raccomandata)
>50Non è necessario alcun adeguamento posologico
≤5070 mg piperacillina / 8.75 mg tazobactam / kg ogni 8 ore

I bambini sottoposti a dialisi devono ricevere una dose aggiuntiva di 40 mg piperacillina/ 5 mg tazobactam dopo ogni trattamento dialitico.

Bambini al di sotto dei 2 anni

Poiché non ci sono dati disponibili sulla sicurezza e sulla efficacia di Piperacillina/Tazobactam nei bambini al di sotto dei 2 anni, l’uso di IBITAZINA non è raccomandato in tale fascia di età.

Durata del trattamento

La durata della terapia, per la maggior parte delle indicazioni, è di almeno 5 giorni fino ad un massimo di 14 giorni. Comunque, deve essere regolata in base alla gravità dell’infezione e alla risposta clinica e batteriologica del paziente.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità ai principi attivi, ad altre penicilline o ad uno qualsiasi degli eccipienti, elencati al paragrafo 6.1.

Ipersensibilità alla lidocaina (solvente per uso intramuscolare).

Anamnesi di gravi reazioni allergiche acute ad altri prodotti beta-lattamici (es. cefalosporine, monobactami o carbapenemi).

Ibitazina, con lidocaina per iniezione intramuscolare, non deve essere assunto durante la gravidanza e l’allattamento.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Nella scelta del trattamento di un paziente con piperacillina/tazobactam deve essere presa in considerazione l’appropriatezza sull’uso di una penicillina semi-sintetica ad ampio spettro, basata su fattori come la gravità dell’infezione e la prevalenza di resistenza rispetto ad altri prodotti antibatterici disponibili.

Prima di iniziare la terapia con piperacillina/tazobactam, deve essere fatta un’attenta indagine su precedenti reazioni di ipersensibilità alle penicilline, ad altri antibiotici beta-lattamici (es. cefalosporine, monobactami o carbapenemi) e ad altri allergeni.

Sono state riportate gravi e occasionalmente fatali reazioni di ipersensibilità (anafilattiche/anafilattoidi [incluso lo shock]) in pazienti trattati con penicilline, incluso piperacillina/ tazobactam. Queste reazioni avvengono più frequentemente in pazienti con un’anamnesi di sensibilizzazione a diversi allergeni. Le reazioni gravi di ipersensibilità richiedono l’interruzione dell’antibiotico, e possono richiedere la somministrazione di epinefrina e altre misure di emergenza.

In pazienti trattati con piperacillina/tazobactam sono state riscontrate gravi reazioni a carico della cute come la sindrome di Stevens-Johnson e la necrolisi epidermica tossica (Vedere paragrafo 4.8). Se i pazienti sviluppano rash cutaneo devono essere monitorati attentamente e se le lesioni peggiorano piperacillina/tazobactam deve essere sospeso.

La colite pseudomembranosa provocata dall’antibiotico si può manifestare con una diarrea grave e persistente che può essere pericolosa per la vita.

L’insorgenza dei sintomi della colite pseudomembranosa può manifestarsi durante o dopo il trattamento antibatterico.

E’ importante considerare questa diagnosi in caso di diarrea o colite significativa nel corso della terapia con Ibitazina. In questi casi Ibitazina deve essere sospesa.

La terapia con Ibitazina può causare lo sviluppo di batteri resistenti, che potrebbero causare super- infezioni.

Manifestazioni di tipo emorragico sono state riportate in alcuni pazienti trattati con antibiotici beta- lattamici. Queste reazioni sono state associate, talvolta, ad anormalità delle prove di coagulazione, quali tempo di sanguinamento, aggregazione piastrinica e tempo di protrombina; tali fenomeni si verificano più frequentemente nei pazienti con insufficienza renale. In caso di manifestazioni emorragiche, sospendere il trattamento con Ibitazina e istituire una terapia adeguata.

Possono manifestarsi leucopenia e neutropenia, particolarmente dopo una terapia prolungata; pertanto, deve essere fatto un controllo periodico della funzione emopoietica.

Come con altre penicilline si possono verificare, in caso di somministrazione di dosi più elevate di quelle raccomandate, eccitabilità neuromuscolare o convulsioni, specialmente in pazienti con insufficienza renale.

Ogni flaconcino di Ibitazina 2 g / 0.25 g contiene 4.70 mmol (108 mg) di sodio. Pertanto questo dato deve essere preso in considerazione in quei pazienti che seguono una dieta iposodica.

Può verificarsi ipocaliemia nei pazienti che hanno ridotte riserve di potassio o nei pazienti che assumono contemporaneamente altri farmaci che possono abbassare i livelli di potassio; in tali pazienti sono consigliabili determinazioni periodiche dell’elettrolita.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Miorilassanti di tipo non depolarizzante

La piperacillina quando utilizzata contemporaneamente con il vecuronio è stata coinvolta nel prolungamento del blocco neuromuscolare indotto dal vecuronio.

A causa del loro meccanismo d’azione simile, si prevede che il blocco neuromuscolare prodotto da uno qualsiasi dei rilassanti muscolari non depolarizzanti può essere prolungato in presenza di piperacillina.

Anticoagulanti orali

Durante la somministrazione simultanea di eparina, anticoagulanti orali ed altri farmaci che possono interferire con la coagulazione del sangue, compresa la funzione trombocitica, i parametri della coagulazione devono essere controllati più frequentemente e monitorati regolarmente.

Metotressato

La piperacillina può ridurre l’eliminazione del metotressato. Pertanto, i livelli sierici del metotressato devono essere monitorati per evitare gli effetti tossici del farmaco.

Probenecid

Come per altre penicilline, la somministrazione contemporanea di probenecid e piperacillina e tazobactam determina una più lunga emivita di tazobactam e una più bassa clearance di piperacillina e tazobactam. Tuttavia, le concentrazioni plasmatiche massime e l’area sotto la curva (AUC) per entrambe le sostanze non cambiano in modo significativo.

Aminoglicosidi

La piperacillina sia sola che con tazobactam non produce importanti alterazioni cliniche sulla farmacocinetica della tobramicina in pazienti con funzione renale normale e con insufficienza renale lieve o moderata. La farmacocinetica della piperacillina, del tazobactam e del metabolita M1 non viene modificata significativamente dalla somministrazione di tobramicina.

L’inattivazione di tobramicina e gentamicina da parte della piperacillina è stata dimostrata in pazienti con grave insufficienza renale.

Per informazioni relative alla somministrazione di piperacillina e tazobactam con gli aminoglicosidi fare riferimento ai paragrafi 6.2 e 6.6.

Vancomicina

Non sono state rilevate importanti interazioni farmacocinetiche tra piperacillina e tazobactam e vancomicina in soggetti sani con funzione renale normale.

Interferenza con i test di laboratorio

Come per altre penicilline, si può determinare una reazione di falsa positività per il glucosio nell’urina quando è utilizzato un metodo non enzimatico. Si raccomanda l’utilizzo di test del glucosio basati sulla reazione enzimatica durante la terapia con Piperacillina/Tazobactam.

Un certo numero di test delle proteine potrebbero dare falsi positivi con metodi di misurazione chimica. Non sono alterati i test delle proteine con stick.

Sono stati riportati dei risultati positivi utilizzando il test Platelia Aspergillus EIA della Bio-Rad Laboratoires in pazienti trattati con piperacillina/tazobactam. Sono state riportate reazioni crociate di polisaccaridi non-Aspergillus e polifuranosi con il test Platelia Aspergillus EIA della Bio-Rad Laboratoires.

Pertanto i risultati positivi in pazienti che ricevono piperacillina/tazobactam devono essere interpretati con cautela e confermati da altri metodi diagnostici.

Il test di Coombs diretto potrebbe essere positivo.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Fertilità

Uno studio sulla fertilità nei topi non ha mostrato effetti sulla fertilità e sull’ accoppiamento dopo somministrazione intraperitoneale di tazobactam o di piperacillina/tazobactam (vedere sezìone 5.3).

Gravidanza

Ci sono pochi dati sull’uso di piperacillina/tazobactam in gravidanza.

Studi sugli animali hanno dimostrato tossicità in età evolutiva, ma nessun effetto teratogeno, a dosi tossiche per la madre (vedere sezìone 5.3).

Piperacillina e tazobactam attraversano la placenta.

Le donne in stato di gravidanza devono essere trattate con Ibitazina solo se il beneficio atteso supera i possibili rischi per la donna in stato di gravidanza ed il feto.

Ibitazina, con Lidocaina per iniezione intramuscolare, non deve essere assunto durante la gravidanza e l’allattamento.

Allattamento

La piperacillina viene escreta in basse concentrazioni nel latte umano; le concentrazioni di tazobactam nel latte umano non sono state studiate. Le donne in allattamento devono essere trattate solo se il beneficio atteso supera i possibili rischi per la donna ed il bambino.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non ci sono studi sulla capacità di guidare veicoli o sull’uso di macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti indesiderati più comuni riportati (tra 1 e 10 pazienti su 100) sono diarrea, vomito, nausea e arrossamento. Nella seguente tabella sono riportati gli effetti indesiderati per sistemi e termini MedDRA.

MedDRAClassificazione per Sistemi e Organi Frequenza Effetti indesiderati
Infezioni e infestazioniNon comuneSuperinfezioni da candida
Patologie del sistema emolinfopoieticoNon comuneLeucopenia, neutropenia, trombocitopenia
RaroAnemia, anemia emolitica, porpora, epistassi, allungamento del tempo di sanguinamento, eosinofilia
Molto raroAgranulocitosi, pancitopenia, prolungamento del tempo di tromboplastina parziale, positività test di Coombs diretto, allungamento del tempo di protrombina, trombocitemia
Disturbi del sistema immunitarioNon comuneReazioni di ipersensibilità
RaroReazioni anafilattiche anafilattoidi (incluso lo shock)
Disturbi del metabolismo e della nutrizioneMolto raroIpopotassiemia, ipoalbuminemia, ipoglicemia, ipoproteinemia
Patologie del sistema nervosoNon comuneCefalea, insonnia
Patologie vascolariNon comuneBassa pressione (ipotensione), flebite, tromboflebite
RaroVampate di calore
Patologie gastrointestinaliComuneDiarrea, nausea, vomito
Non comuneIttero, costipazione, dispepsia, stomatite
RaroColite pseudomembranosa, dolore addominale
Patologie epatobiliariNon comuneAumento degli enzimi epatici (AST, ALT)
RaroEpatite, aumento della bilirubina, della fosfatasi alcalina e della gamma-glutamiltransferasi (g-GT)
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneoComuneRash, incluso rash maculopapulare
Non comunePrurito, orticaria
RaroEritema multiforme, dermatite bollosa, esantema
Molto raroNecrolisi epidermica tossica, Sindrome di Stevens-Johnson
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivoRaroArtralgia, mialgia
Patologie renali e urinarieNon comuneAumento della creatininemia
RaroInsufficienza renale, nefrite interstiziale
Molto raroAumento dell’urea ematica
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazioneNon comuneFebbre, reazioni nel sito di iniezione
RaroBrividi

La terapia con piperacillina è stata associata ad una aumentata incidenza di febbre e rash nei pazienti con fibrosi cistica.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomatologia

Nel post-marketing sono stati segnalati casi di sovradosaggio con piperacillina e tazobactam. La maggioranza di quegli eventi di cui si ha esperienza, compresi nausea, vomito e diarrea sono stati riportati con i dosaggi soliti raccomandati. I pazienti possono sperimentare eccitabilità neuromuscolare o convulsioni se sono somministrate per via endovenosa dosi più elevate di quelle raccomandate (in modo particolare in presenza di insufficienza renale).

Trattamento

In caso di sovradosaggio, il trattamento con Ibitazina deve essere sospeso. Non si conosce un antidoto specifico.

II trattamento deve essere di supporto e sintomatico secondo la presentazione clinica del paziente. Eccessive concentrazioni sieriche della piperacillina o del tazobactam potrebbero essere ridotte con l’emodialisi (vedere paragrafo 4.4).

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: antibatterici per uso sistemico. Associazione di penicilline ed inibitori delle beta-lattamasi.

Codice ATC: J01CR05.

Meccanismo di azione

Piperacillina è una penicillina semisintetica ad ampio spettro la cui attività antibatterica si espleta attraverso l’inibizione della sintesi del setto e della parete batterica.

La piperacillina, attiva contro molti batteri Gram-positivi e Gram-negativi, inibisce la formazione del setto e la sintesi della parete cellulare, quindi con un effetto antibatterico.

Tazobactam, un beta-lattamico correlato strutturalmente alle penicilline, è un inibitore di molte beta-lattamasi, che causano comunemente resistenza alle penicilline e alle cefalosporine ma non inibisce gli enzimi AmpC o le metallo beta-lattamasi. Tazobactam potenzia lo spettro antibiotico della piperacillina contro numerosi altri ceppi batterici, produttori di beta-lattamasi, normalmente resistenti alla piperacillina e ad altri antibiotici beta-lattamici.

Correlazioni Farmacocinetiche/Farmacodinamiche

Il tempo sopra la concentrazione minima inibitoria (T>MIC) è considerato il maggior parametro farmacodinamico di efficacia per piperacillina.

Meccanismo di resistenza

I due principali meccanismi di resistenza a piperacillina/tazobactam sono:

• inattivazione della piperacillina da parte di quelle beta-lattamasi non inibite da tazobactam: beta-lattamasi nella classe Molecolare B,C e D. inoltre, tazobactam non da la sua protezione verso le beta-lattamasi a spettro esteso ((ESBLs) nei gruppi di enzimi della classe Molecolare A e D;

• alterazione delle proteine che trasportano piperacillina (PBPs), che risulta in una riduzione di affinità della piperacillina per l’obiettivo molecolare nei batteri.

In aggiunta, alterazioni della permeabilità della membrana batterica, così come espressione di pompe di efflusso multi-farmaco, possono causare o contribuire alla resistenza batterica verso piperacillina/tazobactam, specie nei batteri Gram-negativi.

Breakpoints

EUCAST breackpoints MIC cliniche per Piperacillina/Tazobactam (2009-12-02, v 1). A scopo di verifica della sensibilità, la concentrazione di Tazobactam è fissata a 4 mg /l.

Microorganismo patogeno Breackpoints specie-correlati (S≤/R>)
Enterobacteriaceae8/16
Pseudomonas16/16
Anaerobi Gram-negativi e Gram-positivi8/16
Specie non correlate ai breackpoints4/16

La sensibilità dello streptococco è riferita alla sensibilità verso la penicillina.

La sensibilità dello streptococco è riferita alla sensibilità verso l’oxacillina.

Sensibilità

La prevalenza della resistenza acquisita può variare geograficamente e con il tempo per specie selezionate. È importante tenere in considerazione le informazioni locali sulle resistenze, specie nel trattamento di infezioni gravi. Fare riferimento alle linee guida locali per un corretto test di sensibilità all’antibiotico.

Intervallo europeo di resistenza microbiologica stimata per Piperacillina/Tazobactam
SPECIE COMUNEMENTE SENSIBILI
Microorganismi Aerobi Gram-positivi
Enterococcus faecalis
Listeria monocytogenes
Staphylococcus aureus, meticillino-sensibile
Staphylococcus species, coagulase negative, meticillino-sensibile
Streptococcus pyogenes
Group B streptococci
Enterococcus faecalis
Listeria monocytogenes
Staphylococcus aureus, meticillino-sensibile
Microorganismi Aerobi Gram-negativi
Citrobacter koseri
Haemophilus influenza
Moraxella catarrhalis
Proteus mirabilis
Microorganismi Anaerobi Gram-positivi
Clostridium species
Eubacterium species
Peptostreptococcus species
Microrganismi Anaerobi Gram-negativi
Bacteroides fragilis group
Fusobacterium species
Porphyromonas species
Prevotella species
SPECIE PER LE QUALI LA RESISTENZA ACQUISITA POTREBBE ESSERE UN PROBLEMA
Microrganismi Aerobi Gram-positivi
Enterococcus faecium $,+
Streptococcus pneumonia
Streptococcus viridans (gruppo)
Microrganismi Aerobi Gram-negativi
Acinetobacter baumannii
Burkholderia cepacia
Citrobacter freundii
Enterobacter species
Escherichia coli
Klebsiella pneumonia
Morganella morganii
Proteus vulgaris
Providencia ssp.
Pseudomonas aeruginosa
Serratia species
SPECIE RESISTENTI
Microrganismi Aerobi Gram-positivi
Corynebacterium jeikeium
Microrganismi Aerobi Gram-negativi
Legionella species Stenotrophomonas maltophilia +,$
Altri:
Chlamydophila pneumoniae
Mycoplasma pneumoniae
Specie con sensibilità naturale intermedia. Specie per le quali è stato osservato un alto grado di resistenza (più del 50%) in una o più aree/paesi/regioni dentro la EU. Tutti gli stafilococchi meticillino-resistenti sono resistenti a piperacillina/tazobactam.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

Piperacillina e tazobactam viene assorbito bene dopo somministrazione intramuscolare con una biodisponibilità del 71% per la piperacillina e dell’84% per il tazobactam.

II picco delle concentrazioni plasmatiche di piperacillina e tazobactam dopo un’infusione endovenosa di oltre 30 minuti sono rispettivamente di 298 μg/ml e 34 μg/ml.

Distribuzione

L’entità del legame con le proteine plasmatiche è approssimativamente del 30%, sia per piperacillina sia per tazobactam.

Il legame proteico di piperacillina o tazobactam non è influenzato dalla presenza di altri composti. Il legame del metabolita tazobactam alle proteine è trascurabile.

Piperacillina/tazobactam è ampiamente distribuito nei tessuti e fluidi corporei tra cui mucosa intestinale, cistifellea, polmone, la bile, e le ossa. Le concentrazioni tessutali medie sono generalmente dal 50 al 100% di quelle plasmatiche. La distribuzione nel liquido cerebrospinale è bassa nei soggetti con meningi non infiammate, come con altre penicilline.

Biotrasformazione

Piperacillina viene metabolizzato in un metabolita minore disetil, microbiologicamente attivo. Tazobactam viene metabolizzato in un singolo metabolita, microbiologicamente inattivo.

Eliminazione

Piperacillina e tazobactam viene eliminato rapidamente dal rene, per filtrazione glomerulare e secrezione attiva.

Piperacillina viene escreto rapidamente nelle urine come sostanza immodificata, per il 68% della dose somministrata. Tazobactam e il suo metabolita sono eliminati principalmente tramite escrezione renale, per l’80% della dose somministrata compare come sostanza immodificata e il resto come suo metabolita unico. Piperacillina, tazobactam e disetil-piperacillina sono secreti nella bile.

A seguito di dosi singole o multiple di piperacillina/tazobactam a soggetti sani, l’emivita plasmatica di piperacillina e tazobactam varia da 0,7 a 1,2 ore ed è influenzata dalla dose o dalla durata dell’infusione. L’emivita di eliminazione sia di piperacillina sia di tazobactam sono aumentate con la diminuzione della clearance renale.

Non ci sono cambiamenti significativi nella farmacocinetica di piperacillina dovuti a tazobactam. Piperacillina sembra ridurre moderatamente la clearance di tazobactam.

Popolazioni particolari

L’emivita di piperacillina e tazobactam aumenta di circa il 25% e 18%, rispettivamente, nei pazienti con cirrosi epatica rispetto ai soggetti sani.

L’emivita di piperacillina e tazobactam aumenta con la diminuzione della clearance della creatinina. L’aumento di emivita è di due volte e quattro volte per piperacillina e tazobactam, rispettivamente, con una clearance della creatinina inferiore a 20 ml/min rispetto ai pazienti con normale funzione renale.

L’emodialisi rimuove dal 30% al 50% di piperacillina/tazobactam, con un ulteriore 5% della dose di tazobactam rimosso come metabolita del tazobactam. La dialisi peritoneale rimuove rispettivamente circa il 6% e il 21% delle dosi di piperacillina e tazobactam, fino al 18% della dose tazobactam rimosso come metabolita tazobactam.

Popolazione pediatrica

In una analisi farmacocinetica di popolazione, la clearance stimata per pazienti da 9 mesi a 12 anni, era paragonabile agli adulti, con una popolazione media (SE) del valore di 5,64 (0,34) ml/min/kg. La stima della clearance piperacillina è 80% di questo valore per i pazienti pediatrici 2-9 mesi di età. La media della popolazione (SE) per il volume di distribuzione è piperacillina 0,243 (0,011) l / kg ed è indipendente dall’età.

Pazienti anziani

L’emivita media di piperacillina e tazobactam sono il 32% e 55% in più, rispettivamente, negli anziani rispetto ai soggetti più giovani. Questa differenza può essere dovuta a cambiamenti relativi all’età nella clearance della creatinina.

Razza

Nessuna differenza nella farmacocinetica di piperacillina o tazobactam è stata osservata tra asiatici (n

= 9) e caucasici (n = 9) dei volontari sani che hanno ricevuto dosi di 4 g / 0,5 g.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Dati preclinici, basati su studi convenzionali di dosi ripetute per tossicità e genotossicità, non hanno mostrato rischi particolari per l’uomo. Non sono stati condotti studi sulla carcinogenicità con piperacillina/tazobactam.

In uno studio sulla fertilità con l’associazione piperacillina e tazobactam, dopo somministrazione intra peritoneale nei ratti sono stati osservati una diminuzione della fertilità e un aumento di feti con ritardo della ossificazione e alterazioni delle costole. La fertilità della generazione F1 e lo sviluppo embrionale della generazione F2 non sono stati alterati.

Gli studi di teratogenicità con la somministrazione endovenosa di tazobactam o la combinazione piperacillina/tazobactam in topi e ratti hanno mostrato una lieve riduzione del peso fetale di ratto a dosi tossiche per la madre, ma non ha mostrato effetti teratogeni.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Fiala solvente: Lidocaina cloridrato, acqua per preparazione iniettabile

06.2 Incompatibilità

Indice

Questo medicinale non deve essere mescolato con altri medicinali ad eccezione di quelli menzionati nel paragrafo 6.6.

Quando Ibitazina è usata contemporaneamente ad altri antibiotici, specie aminoglicosidi, i medicinali non devono essere mescolati in soluzioni endovenose o somministrati contemporaneamente, per incompatibilità fisica.

Mescolare Ibitazina con un aminoglicoside in vitro può determinare l’inattivazione dell’aminoglicoside.

Ibitazina non deve essere mescolato con altri medicinali nella siringa o nel flacone per infusione se non ne è stata stabilita la compatibilità.

Ibitazina non deve essere aggiunta a derivati del sangue o albumine idrolisate.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni

Dopo la ricostituzione, la soluzione deve essere somministrata immediatamente.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare a temperatura non superiore a 25 °C

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Astuccio contenente 1 flaconcino di vetro tipo I contente la polvere e 1 fiala di vetro di tipo I contenente 4 ml di solvente per uso intramuscolare.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

ISTRUZIONI PER LA RICOSTITUZIONE E LA DILUIZIONE A. Somministrazione intramuscolare

Ibitazina 2g + 250 mg deve essere ricostituita con la fiala di solvente acclusa alla confezione, contenente 4 ml di una soluzione di lidocaina allo 0,5 %.

La fiala di solvente con Lidocaina, acclusa alla confezione, deve essere impiegata solo per la somministrazione intramuscolare.

Non superare la dose di 2 g + 250 mg di piperacillina/tazobactam per sito iniettivo.

Per una corretta ricostituzione osservare la seguente procedura

Agitare il flaconcino contenente il liofilizzato da ricostituire in modo da ottenere il distacco della polvere dal fondo del flaconcino.

Rimuovere il cappuccio di plastica con apertura rovesciabile dal flaconcino per scoprire la porzione centrale del tappo di gomma e conservarlo (Fig. 1).

Evitare sempre di toccare con la mano la porzione centrale del tappo di gomma.

Con una siringa prelevare il solvente contenente lidocaina e introdurlo nel flaconcino contenente il liofilizzato.

Adagiare il cappuccio di plastica sul tappo di gomma per evitare di toccare con le dita la porzione centrale del tappo. Agitare vigorosamente fino a completa dissoluzione della polvere. Sotto agitazione costante, la ricostituzione dovrebbe avvenire entro 10 minuti (Fig. 2)

Lasciare riposare la soluzione ottenuta fino a scomparsa della schiuma e all’ottenimento di una soluzione limpida. Assicurarsi che non vi siano particelle residue indisciolte.

Rimuovere il cappuccio di plastica e prelevare la soluzione con una siringa da 5 ml per somministrazione intramuscolare.

B. Somministrazione endovenosa

Da effettuarsi unicamente da personale sanitario.

Ricostituire il prodotto con 10 ml di solvente, utilizzando una delle soluzioni compatibili elencate di seguito

Soluzioni compatibili:

Acqua per preparazioni iniettabili

Soluzione fisiologica

Acqua per preparazioni iniettabili con alcool benzilico

Soluzione fisiologica con alcool benzilico

Acqua per preparazioni iniettabili con parabeni

Soluzione fisiologica con parabeni

Destrosio 5%

Agitare il flaconcino contenente il liofilizzato da ricostituire in modo da ottenere il distacco della polvere dal fondo del flaconcino.

Con una siringa prelevare un idoneo solvente e introdurlo nel flaconcino contenente il liofilizzato. Agitare vigorosamente fino a completa dissoluzione della polvere. Sotto agitazione costante, la ricostituzione dovrebbe avvenire entro 10 minuti.

Lasciare riposare la soluzione ottenuta fino a scomparsa della schiuma e all’ottenimento di una soluzione limpida. Assicurarsi che non vi siano particelle residue indisciolte prima di prelevarla con idonea siringa.

Se la ricostituzione è stata effettuata come indicato, la soluzione aspirata conterrà la quantità di piperacillina e tazobactam dichiarata in etichetta.

La soluzione ricostituita può essere ulteriormente diluita al volume desiderate (50-150 ml) tramite uno dei seguenti diluenti compatibili con la somministrazione endovenosa:

Acqua per preparazioni iniettabili (il volume massimo raccomandato di acqua per preparazioni iniettabili è di 50 ml per dose)

Soluzione fisiologica

Soluzione glucosata al 5%

Destrano 6% in soluzione fisiologica

Dopo la ricostituzione, la soluzione deve essere somministrata immediatamente. Le soluzioni non utilizzate vanno eliminate.

Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivanti da tale medicinale, devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Ibigen S.r.l.- Via Fossignano, 2 – Aprilia (LT)

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

Ibitazina 2 g + 250 mg/4 ml polvere e solvente per soluzione iniettabile – 1 flaconcino di polvere + fiala solvente da 4 ml AIC n. 038110019

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Gennaio 2009

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Giugno 2014

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Ibitazina – im 1 fl 2 G+250 mg/4 ml (Piperacillina Sodica+tazobactam Sodico)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: 55 Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Prontuario terapeutico regionale ATC: J01CR05 AIC: 038110019 Prezzo: 6,66 Ditta: Ibigen Srl


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983