Pubblicita'

Paracetamolo Fenil 500

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Paracetamolo Fenil 500: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

 

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Paracetamolo e Fenilefrina Sandoz 500 mg/12,2 mg polvere per soluzione orale

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Una bustina contiene:

Paracetamolo 500 mg

Fenilefrina cloridrato 12,2 mg, equivalenti a fenilefrina 10,0 mg

Eccipienti con effetti noti: Saccarosio 1,83 g Aspartame (E951) 17,5 mg Sorbitolo (E420) 1 mg

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Polvere per soluzione orale

Polvere fluida e bianca, con profumo di limone

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento sintomatico a breve termine di raffreddore e influenza (dolori, febbre), quando associati a congestione nasale.

Paracetamolo e Fenilefrina Sandoz è indicato negli adulti e nei bambini sopra i 16 anni.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Posologia

Adulti e adolescenti sopra i 16 anni

Una bustina sciolta (mescolando) in una piccola tazza (125 ml) di acqua calda.

La somministrazione può essere ripetuta dopo 4-6 ore. Non devono essere assunte più di quattro dosi nelle 24 ore

Popolazione pediatrica

Bambini sotto i 16 anni di età :

Paracetamolo e Fenilefrina Sandoz non è raccomandato nei bambini di età inferiore ai 16 anni senza la supervisione del medico.

Compromissione della funzionalità epatica

Nei pazienti con compromissione della funzionalità epatica o con sindrome di Gilbert, la dose deve essere ridotta, oppure deve essere prolungato l’intervallo di somministrazione.

Compromissione della funzionalità renale

In caso di grave compromissione della funzionalità renale (clearance della creatinina <10 ml/min), l’intervallo di dosaggio deve essere di almeno 8 ore.

Anziani

Non vi è alcuna indicazione secondo la quale il dosaggio dovrebbe essere modificato nei pazienti anziani.

Si raccomanda l’intervento del medico se i sintomi non si alleviano o peggiorano dopo 3 giorni di terapia con Paracetamolo e Fenilefrina Sandoz.

Modo di somministrazione

Somministrazione orale, dopo dissoluzione in acqua.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1

Malattia coronarica grave

Pubblicita'

Ipertensione

Glaucoma

Ipertiroidismo

Uso nei pazienti che assumono antidepressivi triciclici

Uso nei pazienti che stanno assumendo, o hanno assunto nelle ultime 2 settimane, inibitori della monoamino-ossidasi (IMAO)

Grave compromissione della funzionalità epatica

Epatite acuta

Alcolismo.

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Usare con cautela nei pazienti affetti da:

Fenomeno di Raynaud

Diabete

Insufficienza renale moderata e grave

Disturbi della funzionalità epatica: insufficienza epatocellulare da lieve a moderata (inclusa sindrome di Gilbert), insufficienza epatica grave (Child-Pugh >9), epatite acuta e trattamento concomitante con medicinali che compromettono le funzioni epatiche.

Anemia emolitica

Disidratazione

Abuso di alcolici

Malnutrizione cronica

Deplezione di glutatione, causata da carenze metaboliche

Ipertrofia prostatica

Feocromocitoma.

Questo prodotto non deve essere combinato con altri medicinali contenenti paracetamolo. Dosaggi più elevati di quelli raccomandati possono provocare gravi danni al fegato. I segni clinici di danno epatico normalmente diventano evidenti 2 giorni dopo l’ingestione. L’eventuale antidoto deve essere somministrato il più presto possibile. Vedere anche paragrafo 4.9.

Durante l’assunzione di questo medicinale devono essere evitate le bevande alcoliche, perché l’uso di alcool in combinazione con paracetamolo può causare danni al fegato.

I pazienti non devono assumere in concomitanza altri prodotti contenenti simpaticomimetici, ivi compresi altri prodotti decongestionanti per il naso o per gli occhi.

Ogni bustina contiene 1,8 g di saccarosio.

Questo deve essere tenuto in considerazione da parte dei pazienti con diabete mellito.

Contiene saccarosio e sorbitolo (E420). I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, malassorbimento di glucosio-galattosio o da insufficienza di sucrasi isomaltasi non devono assumere questo medicinale.

Contiene aspartame (E951), una fonte di fenilalanina. Può essere dannoso per le persone affette da fenilchetonuria.

Occorre particolare attenzione nei pazienti con asma che sono sensibili all’acido acetilsalicilico, poiché in associazione con paracetamolo sono stati riportati lievi broncospasmi (reazione crociata).

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Paracetamolo

Le sostanze che inducono gli enzimi microsomiali epatici, come alcol, barbiturici, anticonvulsivanti, come fenitoina, fenobarbital, metilfenobarbital e primidone, rifampicina, inibitori delle monoamino ossidasi e antidepressivi triciclici, possono aumentare l’epatotossicità di paracetamolo, in particolare dopo un sovradosaggio.

La velocità di assorbimento del paracetamolo può essere diminuita dai medicinali anticolinergici (come glicopirronio, propanteline), e aumentata da metoclopramide o domperidone e l’assorbimento ridotto da colestiramina. L’isoniazide riduce la clearance di paracetamolo, con possibile potenziamento della sua azione e/o tossicità, attraverso l’inibizione del suo metabolismo nel fegato. L’effetto anticoagulante di warfarina e di altri medicinali cumarinici può essere aumentato dall’uso quotidiano regolare e prolungato di paracetamolo, con un aumento del rischio di sanguinamento; dosi occasionali non hanno alcun effetto significativo. Il probenecid riduce la clearance di paracetamolo inibendo la coniugazione con acido glucuronico.

L’uso regolare di paracetamolo potrebbe ridurre il metabolismo di zidovudina (aumento del rischio di neutropenia).

L’emivita di eliminazione di cloramfenicolo può essere prolungata da paracetamolo.

Fenilefrina

La fenilefrina può interagire negativamente con altri simpaticomimetici, vasodilatatori, alfa- e beta- bloccanti e altri antipertensivi (compresa guanetidina)

Gli effetti vasopressori di fenilefrina possono essere potenziati da digossina, MAO inibitori, antidepressivi triciclici, come amitriptilina, amoxapina, clomipramina, desipramina e doxepina o tetraciclici, quali maprotilina; antidepressivi come fenelzina, acido carbossilico, nialamide, tranilcipromina, moclobemide; i medicinali per il morbo di Parkinson, come selegilina, e altri come furazolidone.

E’ controindicata nei pazienti che stanno assumendo inibitori della monoamino-ossidasi (IMAO), o che ne hanno interrotto l’assunzione da meno di due settimane.

Popolazione pediatrica

Si prevede che la frequenza, il tipo e la gravità delle interazioni negli adolescenti di età superiore ai 16 anni siano gli stessi degli adulti.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Paracetamolo

Studi epidemiologici sulla gravidanza umana non hanno mostrato effetti negativi dovuti a paracetamolo utilizzato ai dosaggi raccomandati, ma le pazienti devono seguire le indicazioni del medico per quanto riguarda il suo uso.

Fenilefrina

Esistono dati limitati sull’uso di fenilefrina nelle donne in gravidanza. La vasocostrizione dei vasi uterini e il ridotto flusso ematico uterino associati all’uso di fenilefrina possono causare ipossia fetale. Fino a quando non saranno disponibili ulteriori informazioni, l’uso di fenilefrina deve essere evitato durante la gravidanza.

Allattamento

Paracetamolo

Paracetamolo viene escreto nel latte materno, ma non in quantità clinicamente significative. I dati pubblicati disponibili non controindicano l’allattamento al seno.

Fenilefrina

Non ci sono dati disponibili relativi a una possibile escrezione di fenilefrina nel latte materno e non esistono segnalazioni sugli effetti di fenilefrina sul lattante. Finché non saranno disponibili ulteriori dati, l’uso di fenilefrina deve essere evitato nelle donne in allattamento.

Riassumendo, Paracetamolo e Fenilefrina Sandoz non è raccomandato durante la gravidanza e l’allattamento

Fertilità

Gli studi non clinici non hanno prodotto alcuna evidenza che indichi eventuali effetti di paracetamolo sulla fertilità maschile o femminile a dosi clinicamente rilevanti. Gli effetti di fenilefrina sulla fertilità maschile o femminile non sono stati studiati.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono stati condotti studi relativi agli effetti sulla capacità di guidare veicoli e di usare macchinari. Finora non è stato descritto alcun effetto simile.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

La frequenza di insorgenza degli effetti indesiderati viene in genere classificata come segue Molto comuni (≥1/10)

Comuni (da ≥1/100 a <1/10)

Non comuni (da ≥1/1000 a <1/100) Rari (da ≥1/10.000 a <1/1000) Molto rari (<1/10.000)

Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Paracetamolo

Classificazione per Sistemi e Organi Frequenza Sintomi
Patologie del sistema emolinfopoietico Rara Discrasie ematiche, inclusi disturbi piastrinici, agranulocitosi, leucopenia, trombocitopenia, anemia emolitica, pancitopenia
Disturbi del sistema immunitario Rara Reazioni allergiche o di ipersensibilità, incluse eruzioni cutanee, orticaria, anafilassi e broncospasmo
Patologie gastrointestinali Molto rara Pancreatite acuta
Patologie epatobiliari Rara Funzionalità epatica anomala (aumento delle transaminasi epatiche), insufficienza epatica, necrosi epatica, ittero.
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Rara Ipersensibilità, inclusi rash cutaneo e orticaria, prurito, sudorazione, porpora, angioedema
Patologie renali e urinarie Molto rara Nefrite interstiziale dopo un uso prolungato di dosi elevate di paracetamolo Piuria sterile (urina torbida)

Eritema multiforme, edema della laringe, shock anafilattico, anemia, alterazioni del fegato ed epatite, alterazione renale (grave insufficienza renale, ematuria, anuresi), effetti gastrointestinali e vertigini sono stati riportati con una frequenza non nota.

In casi molto rari sono state segnalate gravi reazioni cutanee.

Popolazione pediatrica

Si prevede che la frequenza, il tipo e la gravità delle interazioni negli adolescenti di età superiore ai 16 anni siano gli stessi degli adulti.

Fenilefrina

Classificazione per Sistemi e Organi Frequenza Sintomi
Disturbi del sistema immunitario Rara Reazioni allergiche o di ipersensibilità, incluse eruzione cutanea, orticaria, anafilassi e broncospasmo
Patologie del sistema nervoso Molto rara Possono verificarsi insonnia, nervosismo, tremori, ansia, irrequietezza, confusione, irritabilità, capogiri e cefalea
Patologie cardiache Rara Tachicardia, palpitazioni
Patologie vascolari Rara Aumento della pressione sanguigna
Patologie gastrointestinali Comune Anoressia, nausea e vomito

Popolazione pediatrica

Si prevede che la frequenza, il tipo e la gravità delle interazioni negli adolescenti di età superiore ai 16 anni siano gli stessi degli adulti.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

Esiste il rischio di avvelenamento, in particolare nei soggetti anziani, nei bambini, nei pazienti con malattia epatica, nei casi di alcolismo cronico, nei pazienti con malnutrizione cronica. In questi casi il sovradosaggio può essere fatale.

I sintomi insorgono generalmente entro le prime 24 ore e comprendono: nausea, vomito, anoressia, pallore e dolore addominale.

Il sovradosaggio di paracetamolo in una singola somministrazione negli adulti o nei bambini provoca necrosi delle cellule epatiche con probabile induzione di necrosi completa e irreversibile, con conseguente insufficienza epatocellulare, acidosi metabolica ed encefalopatia, che possono provocare il coma e la morte. Allo stesso tempo si osserva un aumento dei livelli di transaminasi epatiche (AST, ALT), lattato deidrogenasi e bilirubina, insieme a un aumento dei livelli di protrombina, che possono insorgere da 12 a 48 ore dopo la somministrazione.

Il danno epatico è probabile negli adulti che hanno assunto una quantità di paracetamolo superiore a quella raccomandata (singola dose di paracetamolo da 10 g o più). L’ingestione di una singola dose di 5 g o più di paracetamolo può provocare danni al fegato se il paziente presenta fattori di rischio (vedere sotto).

Il danno epatico è probabile negli adulti che hanno assunto una quantità di paracetamolo superiore a quella raccomandata. Si ritiene che i quantitativi in eccesso del metabolita tossico (in genere adeguatamente detossificati da glutatione quando vengono ingerite dosi normali di paracetamolo), si leghino irreversibilmente al tessuto epatico.

Alcuni pazienti possono essere a rischio aumentato di danno epatico da tossicità di paracetamolo. I fattori di rischio comprendono:

Se il paziente;

È in trattamento a lungo termine con carbamazepina, fenobarbital, fenitoina, primidone, rifampicina, erba di San Giovanni o altri medicinali che inducono gli enzimi epatici. oppure

Consuma regolarmente etanolo in quantità superiori a quelle raccomandate oppure

c È probabile che soffra di deplezione di glutatione a causa per esempio di disturbi alimentari, fibrosi cistica, infezione da HIV, malnutrizione, cachessia.

Sintomi:

I sintomi di sovradosaggio di paracetamolo nelle prime 24 ore sono pallore, nausea, vomito, anoressia e dolore addominale. Il danno epatico può diventare evidente da 12 a 48 ore dopo l’ingestione. Possono verificarsi anomalie del metabolismo del glucosio e acidosi metabolica. Nell’avvelenamento grave, l’insufficienza epatica può degenerare in encefalopatia, emorragia, ipoglicemia, edema cerebrale e morte. L’insufficienza renale acuta con necrosi tubulare acuta fortemente suggerita da dolore lombare, ematuria e proteinuria, si può sviluppare anche in assenza di gravi danni epatici. Sono state riportate aritmie cardiache e pancreatite.

Dopo l’uso prolungato di dosi elevate di paracetamolo si può sviluppare ipokaliemia.

Procedura di emergenza Trasferimento immediato in ospedale

Analisi del sangue per determinare la concentrazione plasmatica iniziale di paracetamolo Lavanda gastrica

Somministrazione per via endovenosa (o orale, se possibile) dell’antidoto N-acetilcisteina il più presto possibile e prima di 10 ore dal sovradosaggio

Deve essere somministrato un trattamento sintomatico.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Analgesici, altri analgesici e antipiretici Codice ATC: N02BE51

Meccanismo d’azione

Paracetamolo

In vivo il paracetamolo esercita attività sia analgesica sia antipiretica, che si ritiene essere mediata attraverso l’inibizione della via della ciclo-ossigenasi (COX) all’interno del sistema nervoso centrale. Sebbene questo meccanismo sia condiviso con i medicinali anti-infiammatori non steroidei (FANS), il paracetamolo non esercita una significativa attività anti-infiammatoria né inibisce la produzione di trombossani pro-coagulazione. Vie supplementari, come le vie discendenti (serotoninergiche) del dolore, possono essere coinvolte nell’effetto antinocicettivo di paracetamolo.

Fenilefrina

Fenilefrina è un potente agonista alfa1-adrenergico. La sua azione sui recettori periferici alfa1 induce vasocostrizione, che nella mucosa nasale riduce l’edema e il gonfiore nasale. Quando somministrata per via endovenosa, fenilefrina aumenta in modo continuo la resistenza periferica totale (TPR), la pressione arteriosa sistolica (SBP) e diastolica (DBP), mentre la frequenza cardiaca diminuisce a causa di bradicardia riflessa. Le alterazioni emodinamiche indotte da fenilefrina somministrata per via endovenosa possono variare a seconda dell’età e della pressione al basale. I soggetti giovani normotesi mostreranno diminuzioni di frequenza cardiaca più marcate e aumenti di SBP inferiori rispetto ai giovani ipertesi e agli anziani normotesi, mentre gli anziani ipertesi mostreranno la bradicardia riflessa meno pronunciata e l’aumento di SBP più marcato. Il medicinale somministrato per via orale non ha dimostrato effetti cardiovascolari consistenti alle dosi raccomandate di 10-12,2 mg QID, e dosi orali di 40-60 mg sono necessarie per provocare effetti cardiovascolari clinicamente significativi, come l’aumento della pressione sanguigna diastolica e il rallentamento del riflesso cardiaco.

Tra le amine simpaticomimetiche, come fenilefrina e gli inibitori delle monoamino ossidasi, si verificano interazioni ipertensive. Fenilefrina può ridurre l’efficacia dei beta-bloccanti e dei medicinali antipertensivi.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Paracetamolo

Assorbimento/Distribuzione

La biodisponibilità assoluta di paracetamolo somministrato per via orale è del 75%, ed è probabilmente soggetta a metabolismo di primo passaggio. La Tmax, sebbene formulazione- dipendente, è in genere tra 30 e 120 minuti. Il grado di assorbimento non è tuttavia formulazione- dipendente.

Eliminazione

L’emivita è di circa 2- 2,5 ore.

Biotrasformazione

I principali metaboliti sono glucuronide e solfato coniugati (>80%) che vengono escreti nelle urine. Una piccola quantità (<10%) di paracetamolo viene ossidato nel fegato dal citocromo P4502E1 (CYP2E1). Questa reazione produce il metabolita altamente reattivo N-acetil-p benzochinone-imina (NAPQI), che è responsabile per la caratteristica epatotossicità centrolobulare associata a dosi eccessive di paracetamolo.

Fenilefrina

Assorbimento/Distribuzione

Quando somministrata per infusione endovenosa, la concentrazione libera di 3H-fenilefrina raggiunge il suo picco al termine dell’infusione, dopo di che la concentrazione sierica diminuisce secondo un modello bi-esponenziale, con una diminuzione dell’80% nei primi 15 minuti, seguita da una diminuzione più lenta, con un’emivita media di 2 ore. Se assunta per via orale, fenilefrina viene assorbita dal tratto gastrointestinale con un picco sierico tra 45 e 75 minuti.

Eliminazione

Dopo una breve fase di eliminazione rapida, l’emivita di eliminazione media è di 2,5 ore. Allo stato stazionario, il volume di distribuzione è di 340 l: questo indica un accumulo in alcuni compartimenti organici. La clearance renale è solo una frazione della clearance plasmatica totale.

Biotrasformazione

A causa di un importante metabolismo di primo passaggio, la biodisponibilità totale di fenilefrina è di circa il 38%, di cui l’1% è fenilefrina in forma parentale attiva, non coniugata.

Fenilefrina mantiene l’attività di decongestionante nasale quando viene somministrata per via orale, con il medicinale che si distribuisce attraverso la circolazione sistemica verso il letto vascolare della mucosa nasale. Se assunta per via orale come decongestionante nasale, fenilefrina viene di solito somministrata a intervalli di 4-6 ore.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

I dati non-clinici non rivelano rischi particolari per l’uomo, sulla base di studi convenzionali di sicurezza farmacologica, tossicità a dosi ripetute, genotossicità, potenziale cancerogeno, tossicità per la riproduzione e lo sviluppo.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Acido ascorbico Saccarosio Aspartame (E951)

Aromi di limone (contenenti: oli naturali di limone e sostanze aromatizzanti identiche a quelle naturali, maltodestrina,mannitolo (E 421) gluconolattone, gomma di acacia, sorbitolo (E420) silice colloidale anidra e α-tocoferolo (E 307))

Saccarina sodica Silice colloidale anidra Acido citrico

Sodio citrato.

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

2 anni

Soluzione ricostituita in acqua calda: 1 ora.

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo medicinale non richiede alcuna temperatura particolare di conservazione. Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce e dall’umidità.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Confezioni:

6, 10, 20 bustine

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Sandoz S.p.A., L.go U. Boccioni 1, 21040 Origgio (VA)

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

042744019 – "500 MG/12,2 MG POLVERE PER SOLUZIONE ORALE" 6 BUSTINE IN AL/CARTA

042744021 – "500 MG/12,2 MG POLVERE PER SOLUZIONE ORALE" 10 BUSTINE IN AL/CARTA

042744033 – "500 MG/12,2 MG POLVERE PER SOLUZIONE ORALE" 20 BUSTINE IN AL/CARTA

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Data della prima autorizzazione:

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

02/05/2015

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Paracetamolo fenilefrina – 10 Bst (Paracetamolo+fenilefrina Cloridrato)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta non richiesta (Farmaco da banco) Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: N02BE51 AIC: 042744021 Prezzo: 5,2 Ditta: Sandoz Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

  • Paracetamolo Fenil 500 – 10 Bst

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *