Pubblicità

Safedex

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Safedex: ultimo aggiornamento pagina: (Fonte: A.I.FA.)

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Safedex 50 mg – compresse rivestite con film

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Una compressa contiene 50 mg di bicalutamide. Eccipienti: contiene 64,4 mg di lattosio monoidrato.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere il paragrafo 6.1.

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compressa rivestita con film.

Compressa di colore bianco o quasi bianco, rotonda, biconvessa, rivestita con film, con inciso "L" su un lato e "RG" sull’altro.

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento del carcinoma della prostata in stadio avanzato in associazione con terapia con analogo dell’ormone di liberazione dell’ormone luteinizzante (LHRH) o castrazione chirurgica.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Maschi adulti, compresi i soggetti anziani. Una compressa da 50 mg 1 volta al giorno. Via di somministrazione: orale.

Le compresse devono essere ingerite intere con del liquido.

La terapia con la bicalutamide deve essere cominciata almeno 3 giorni prima di iniziare il trattamento con un analogo LHRH, oppure allo stesso momento della castrazione chirurgica.

Bambini e adolescenti

La bicalutamide non è indicata nei bambini e negli adolescenti.

Insufficienza renale

Nei pazienti con insufficienza renale non è necessaria alcuna correzione della dose. Non c’è esperienza dell’uso della bicalutamide nei pazienti con grave insufficienza renale (clearance della creatinina <30 ml/min) (vedere ìl paragrafo 4.4).

Insufficienza epatica

Nei pazienti con lieve insufficienza epatica, non è necessaria alcuna correzione della dose. Il farmaco può accumularsi nei soggetti con insufficienza epatica da moderata a grave (vedere ìl paragrafo 4.4).

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità alla bicalutamide o ad uno qualsiasi degli eccipienti. L’uso della bicalutamide è controindicato nelle donne e nei bambini.

La co-somministrazione di terfenadina, astemizolo o cisapride è controindicata (vedere ìl paragrafo 4.5).

Pubblicità

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Il trattamento deve essere iniziato sotto la diretta supervisione di uno specialista ed è necessario attuare successivamente un regolare monitoraggio dei pazienti.

La bicalutamide è metabolizzata a livello epatico. I risultati della ricerca suggeriscono che l’eliminazione della bicalutamide può essere più lenta nei pazienti con grave insufficienza epatica e che ciò potrebbe indurre un accumulo del farmaco, pertanto, la bicalutamide deve essere utilizzata con cautela nei pazienti con insufficienza epatica da moderata a grave.

Raramente sono stati osservati gravi danni epatici con la somministrazione di bicalutamide (vedere paragrafo 4.8). La terapia con bicalutamide deve essere interrotta qualora si manifestino gravi alterazioni.

Si raccomanda di effettuare dei controlli periodici della funzionalità epatica al fine di evidenziare eventuali danni a carico dell’organo. Si prevede che la maggioranza delle alterazioni si manifesti entro i primi 6 mesi della terapia con bicalutamide.

Poiché non c’è esperienza dell’uso della bicalutamide nei pazienti con grave insufficienza renale (clearance della creatinina <30 ml/min), in tali pazienti il farmaco deve essere impiegato con cautela.

Nei pazienti cardiopatici, è consigliabile eseguire il monitoraggio periodico della funzionalità cardiaca.

Il prodotto contiene lattosio. I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, di deficit della Lapp-lattasi o malassorbimento di glucosio-galattosio non devono assumere questo medicinale.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non sono state dimostrate interazioni farmacologiche o farmacocinetiche tra la bicalutamide e gli analoghi LHRH.

Studi in vitro hanno mostrato che l’enantiomero R della bicalutamide è un inibitore del CYP 3A4 con inferiori effetti inibitori sull’attività del CYP 2C9, 2C19 e 2D6.

Sebbene gli studi in vitro abbiano indicato un possibile effetto inibitorio della bicalutamide sul citocromo 3A4, numerosi studi clinici mostrano che la dimensione di tale inibizione per la maggior

parte dei farmaci metabolizzati dal citocromo P450 è probabilmente non significativa dal punto di vista clinico.

Ciò nondimeno, per i farmaci con un ristretto indice terapeutico che sono metabolizzati a livello epatico, l’inibizione del CYP 3A4 causata dalla bicalutamide potrebbe essere di rilevanza. In considerazione di questo quadro, la co-somministrazione di terfenadina, astemizolo e cisapride è controindicata.

È opportuno osservare cautela nella co-somministrazione della bicalutamide con composti quali ciclosporina e bloccanti dei canali del calcio. Può essere necessario ridurre la dose di questi farmaci specialmente in presenza di evidenze di effetti dannosi o amplificati del farmaco. Per quanto riguarda la ciclosporina, si raccomanda un attento monitoraggio delle concentrazioni plasmatiche e della condizione clinica del paziente dopo l’inizio o l’interruzione del trattamento con bicalutamide.

È necessario osservare cautela nella somministrazione della bicalutamide ai pazienti in terapia con medicinali che inibiscono i processi ossidativi a livello epatico, ovvero cimetidina e ketoconazolo in quanto ne potrebbe derivare un incremento delle concentrazioni plasmatiche di bicalutamide le quali in teoria potrebbero portare a un aumento degli effetti indesiderati.

Gli studi in vitro hanno mostrato che la bicalutamide può spiazzare l’anticoagulante cumarinico, il warfarin, dal suo sito di legame sulle proteine. Si raccomanda quindi un attento monitoraggio del tempo di protrombina in caso di avvio della terapia con bicalutamide in pazienti già in trattamento con anticoagulanti cumarinici.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Non pertinente, poiché il farmaco non è utilizzato nelle donne.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono stati condotti studi sulla capacità di guidare veicoli e di usare macchinari. Tuttavia, è opportuno notare che si possono manifestare occasionalmente capogiri o sonnolenza (vedere paragrafo 4.8). I pazienti che accusano tali sintomi devono osservare cautela.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Molto comuni (≥1/10), comuni (≥1/100 a <1/10), non comuni (≥1/1.000 a <1/100), rari (≥1/10.000 a

<1/1.000) e molto rari (<1/10.000), non noti (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Disturbi del sistema immunitario

Non comuni: reazioni di ipersensibilità, comprese orticaria e angioedema

Disturbi psichiatrici

Non comuni: depressione

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche Non comuni: malattia polmonare interstiziale

Patologie gastrointestinali

Comuni: diarrea, nausea Rari: vomito

Patologie epatobiliari

Comuni: alterazioni epatiche (innalzamento del livello delle transaminasi, colelitiasi e ittero)¹ Molto rari: insufficienza epatica²

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Comuni: prurito

Rari: secchezza cutanea

Patologie renali e urinarie Non comuni: ematuria

Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella Molto comuni: dolorabilità mammaria³, ginecomastia³

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Molto comuni: vampate³

Comuni: astenia

¹ Le alterazioni epatiche sono raramente gravi e spesso si sono rivelate transitorie, risolvendosi o migliorando con il protrarsi della terapia o dopo interruzione della stessa (vedere paragrafo 4.4).

² Molto raramente nei pazienti trattati con bicalutamide si è verificata l’insorgenza di insufficienza epatica, ma una relazione causale non è stata stabilita con sicurezza. È opportuno quindi considerare un controllo periodico della funzionalità epatica (vedere paragrafo 4.4).

³ Può essere ridotta dalla concomitante castrazione.

Sono stati inoltre descritti i seguenti effetti indesiderati verificatisi nell’ambito degli studi clinici durante il trattamento con bicalutamide con o senza associazione ad analogo LHRH:

Patologie del sistema emolinfopoietico Comuni: anemia

Molto rari: trombocitopenia

Disturbi del metabolismo e della nutrizione Comuni: diabete mellito, incremento ponderale

Non comuni: anoressia, iperglicemia, calo ponderale

Patologie del sistema nervoso Comuni: capogiri, insonnia Non comuni: sonnolenza

Patologie cardiache

Molto rari: insufficienza cardiaca, angina, difetti della conduzione tra cui prolungamenti dell’intervallo PR e QT, aritmie e alterazioni aspecifiche dell’ECG.

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

Non comuni: dispnea

Patologie gastrointestinali Comuni: stipsi

Non comuni: secchezza delle fauci, dispepsia, flatulenza

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Comuni: eruzione cutanea, sudorazione, irsutismo Non comuni: alopecia

Patologie renali e urinarie Non comuni: nicturia

Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella

Molto comuni: calo della libido, disfunzione erettile, impotenza

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Comuni: edema, dolore generalizzato, dolore pelvico, brividi

Non comuni: dolore addominale, dolore toracico, cefalea, dolore al rachide, dolore al collo

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non è stato segnalato nessun caso di sovradosaggio. Poiché la bicalutamide è un composto anilidico, in teoria vi è il rischio di sviluppo di una metaemoglobinemia. La metaemoglobinemia è stata osservata negli animali a seguito di sovradosaggio del farmaco, per cui un paziente con un’intossicazione acuta può avere un aspetto cianotico. Non esiste alcuno specifico antidoto e il trattamento deve essere sintomatico. È inoltre improbabile che la dialisi possa essere di aiuto in quanto la bicalutamide è legata estesamente alle proteine e non si ritrova inalterata nelle urine per cui si consiglia una terapia generale di supporto che includa un frequente monitoraggio dei segni vitali.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: antagonisti ormonali e agenti correlati, anti-androgeni Codice ATC: L02BB03.

La bicalutamide è un antiandrogeno non steroideo, privo di altra azione endocrina. Si lega al recettore androgeno normale o al tipo selvaggio senza attivazione dell’espressione del gene e inibendo quindi lo stimolo androgeno. La regressione dei tumori prostatici è l’esito di questa inibizione. Dal punto di vista clinico vi è la possibilità che in un sottogruppo di pazienti la sospensione della bicalutamide induca una "sindrome da sospensione dell’antiandrogeno".

La bicalutamide è un racemo che esercita una propria azione antiandrogena quasi esclusivamente associata con l’enantiomero R.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

La bicalutamide ha un buon assorbimento in seguito all’assunzione per via orale. Non vi è evidenza di alcun effetto clinicamente rilevante del cibo sulla biodisponibilità del farmaco.

L’enantiomero S è eliminato con rapidità rispetto all’enantiomero R che ha un’emivita di eliminazione plasmatica di circa 1 settimana.

In seguito a una somministrazione di bicalutamide protratta nel tempo, le concentrazioni plasmatiche massime dell’enantiomero R sono circa 10 volte maggiori rispetto ai livelli misurati dopo la somministrazione di una dose singola da 50 mg.

Uno schema posologico che prevede la somministrazione di 50 mg/die produrrà concentrazioni dell’enantiomero R allo stato stazionario di 9 μg/ml, e in conseguenza della sua lunga emivita lo stato stazionario è raggiunto dopo circa 1 mese di trattamento.

La farmacocinetica dell’enantiomero R non è influenzata dall’età, dall’insufficienza renale o dall’insufficienza epatica di grado moderato-grave. Vi sono evidenze che l’eliminazione plasmatica dell’enantiomero R è più lenta nei pazienti con grave compromissione della funzionalità epatica.

La bicalutamide è estesamente legata con le proteine (racemo fino al 96%, enantiomero R 99%) ed è ampiamente metabolizzata (per ossidazione o glucuronidazione). I suoi metaboliti sono eliminati attraverso i reni e la bile in proporzioni più o meno equivalenti.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

La bicalutamide risulta essere un antagonista del recettore per gli androgeni puro e potente, sia negli studi su animali che sull’uomo. La sua principale azione secondaria di tipo farmacologico consiste nell’induzione delle ossidasi a funzione mista CYP450 dipendenti. L’induzione enzimatica non è stata osservata nell’uomo. I cambiamenti negli organi bersaglio rilevati negli animali, sono chiaramente correlati all’azione farmacologica primaria e secondaria della bicalutamide. Tali cambiamenti comprendono l’involuzione dei tessuti androgeno-dipendenti, adenomi follicolari tiroidei, cancro o neoplasie e iperplasie delle cellule epatiche e di Leydig, alterazioni della differenziazione sessuale della prole di sesso maschile, compromissione reversibile della fertilità nel maschio. Gli studi di genotossicità non hanno evidenziato alcun potenziale mutageno della bicalutamide. Tutti gli effetti indesiderati osservati negli studi animali non sono considerati di rilevanza alcuna per il trattamento dei pazienti con cancro prostatico avanzato.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Nucleo della compressa: Silice colloidale anidra Magnesio stearato Povidone K-30

Sodio amido glicolato (tipo A) Lattosio monoidrato.

Film di rivestimento:

Opadry bianco II 33G28523 (triacetina, macrogol 3350, lattosio monoidrato, titanio diossido (E171), ipromellosa).

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo prodotto medicinale non richiede speciali condizioni per la conservazione.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Confezioni in blister in PVC/PVDC/ foglio d’alluminio, da 10, 14, 20, 28, 30, 40, 50, 56, 80, 84, 90,

100, 140, 200, 280 compresse rivestite con film.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessun requisito particolare.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Sandoz Spa

Largo U Boccioni 1, 21040 Origgio(VA) Italia.

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

SAFEDEX 50 mg compresse rivestite con film- 28 compresse; AIC n. 038536049/M

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Nov. 2008

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: ———-

 


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Torna all’indice


2 Comments

  1. Qual è il modo migliore di assumere il sopra citato prodotto ? Prima o Dopo pranzo oppure a stomaco vuoto ? Il sottoscritto è un paziente operato di prostatectomia radicale facente uso di tale prodotto da molti anni – C è assuefazione al prodotto ? Quale è la differenza con gli equivalenti ? Grazie per l attenzione e per eventuale gradita risposta – Cordiali saluti

    ERCOLE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *