Home Schede Tecniche Detrusitol Retard: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Detrusitol Retard: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Detrusitol Retard

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Detrusitol Retard: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Detrusitol

INDICE DELLA SCHEDA

Detrusitol Retard: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

DETRUSITOL Retard 2 mg capsule rigide a rilascio prolungato DETRUSITOL Retard 4 mg capsule rigide a rilascio prolungato

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni capsula rigida a rilascio prolungato contiene: tolterodina tartrato 2 mg o 4 mg corrispondenti rispettivamente a 1,37 mg e 2,74 mg di tolterodina.

Ogni capsula rigida a rilascio prolungato da 2 mg contiene un massimo di 61,52 mg di saccarosio. Ogni capsula rigida a rilascio prolungato da 4 mg contiene un massimo di 123,07 mg di saccarosio.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Capsule rigide a rilascio prolungato.

La capsula rigida a rilascio prolungato da 2 mg è blu-verde con impressione in bianco (simbolo e 2). La capsula rigida a rilascio prolungato da 4 mg è blu con impressione in bianco (simbolo e 4).

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento sintomatico dell’incontinenza da urgenza e/o dell’aumentata frequenza e urgenza urinaria in pazienti con sindrome da vescica iperattiva.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Adulti (compresi i pazienti anziani):

La dose raccomandata è di 4 mg una volta al giorno, tranne che in pazienti con alterazioni della funzionalità epatica e grave alterazione della funzionalità renale (GFR < 30 ml/min) per i quali la dose raccomandata è di 2 mg una volta al giorno (Vedì paragrafo 4.4 e 5.2). In caso di effetti indesiderati fastidiosi la dose può essere ridotta da 4 mg a 2 mg una volta al giorno.

Le capsule rigide a rilascio prolungato possono essere assunte con o senza cibo e devono essere inghiottite intere.

L’effetto del trattamento deve essere rivalutato dopo 2-3 mesi (Vedì paragrafo 5.1).

Pazienti pediatrici:

Non è stata dimostrata l’efficacia di Detrusitol Retard nei bambini (Vedì paragrafo 5.1). Pertanto Detrusitol Retard non è raccomandato nei bambini.

04.3 Controindicazioni

Indice

Tolterodina è controindicata in pazienti con:

Ritenzione urinaria

Glaucoma ad angolo stretto non controllato

Miastenia grave

Nota ipersensibilità alla tolterodina o agli eccipienti

Colite ulcerativa grave

Megacolon tossico

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Tolterodina deve essere usata con cautela in pazienti con:

Significativa ostruzione del collo vescicale con rischio di ritenzione urinaria

Disturbi gastrointestinali ostruttivi, es. stenosi pilorica

Insufficienza renale (Vedì paragrafo 4.2 e 5.2)

Malattia epatica (Vedì paragrafo 4.2 e 5.2)

Neuropatia a carico del sistema nervoso autonomo

Ernia iatale.

Rischio di diminuita motilità gastrointestinale.

E’ stato osservato che la somministrazione di dosi giornaliere multiple da 4 mg (terapeutiche) e 8 mg (sovraterapeutiche) di tolterodina a rilascio immediato determina un prolungamento dell’intervallo QTc (vedere paragrafo 5.1). La rilevanza clinica di questi dati non è chiara e dipende dai fattori di rischio e dalle sensibilità del singolo paziente. La tolterodina deve essere usata con cautela nei pazienti con fattori di rischio per un prolungamento del QT compreso:

Prolungamento del QT congenito o acquisito e documentato

Disturbi elettrolitici quali ipokaliemia, ipomagnesiemia e ipocalcemia

Bradicardia

Malattie coronariche importanti pre-esistenti (cardiomiopatia, ischemia miocardica, aritmia, scompenso cardiaco)

Somministrazione concomitante di farmaci che prolungano l’intervallo QT inclusi farmaci di Classe 1A (p.es. chinidina, procainamide) e di Classe III (p.es. amiodarone, sotalolo), antiaritmici.

Ciò si applica particolarmente in caso di assunzione di un potente inibitore del CYP3A4 (Vedì paragrafo 5.1). Il trattamento concomitante con potenti inibitori del CYP3A4 deve essere evitato (Vedì paragrafo 4.5 Interazìonì).

Come per tutti gli altri trattamenti per sintomi di urgenza urinaria o incontinenza da urgenza, prima del trattamento, devono essere considerate possibili cause organiche per l’urgenza e la frequenza.

I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, malassorbimento di glucosio – galattosio o insufficienza di saccarasi – isomaltasi, non devono assumere questo medicinale.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Nei pazienti con scarsa capacità di metabolizzazione del CYP2D6, il trattamento sistemico concomitante con potenti inibitori del CYP3A4 quali gli antibiotici macrolidi (eritromicina e claritromicina), agenti antimicotici (chetoconazolo e itraconazolo) e inibitori delle proteasi non è raccomandato a causa di aumenti delle concentrazioni sieriche della tolterodina, con (conseguente) rischio di sovradosaggio (Vedì paragrafo 4.4).

Il trattamento concomitante con altri farmaci che posseggono proprietà antimuscariniche, può determinare effetto terapeutico e reazioni avverse più pronunciati. Al contrario, l’effetto terapeutico della tolterodina può essere ridotto a seguito del trattamento concomitante con agonisti del recettore muscarinico colinergico.

L’effetto di farmaci procinetici come metoclopramide e cisapride può essere diminuito dalla tolterodina.

Il trattamento concomitante con fluoxetina (un potente inibitore del CYP2D6), non determina un’interazione clinicamente significativa poiché la tolterodina e il suo metabolita CYP2D6-dipendente, 5-idrossimetil tolterodina, sono equivalenti.

Studi di interazione del farmaco non hanno evidenziato interazioni con warfarina o contraccettivi orali in associazione (etinilestradiolo/levonorgestrel).

Uno studio clinico ha indicato che la tolterodina non è un inibitore metabolico di CYP2D6, 2C19, 2C9, 3A4 o 1A2. Pertanto non è prevedibile un aumento dei livelli plasmatici dei farmaci metabolizzati attraverso questi isoenzimi quando somministrati in combinazione con la tolterodina.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Non esistono dati adeguati sull’uso di tolterodina in donne in stato di gravidanza.

Studi condotti nell’animale hanno dimostrato effetti di tossicità sulla riproduzione (Vedì paragrafo 5.3). Il potenziale rischio nell’uomo non è noto.

Pertanto DETRUSITOL Retard non è raccomandato durante la gravidanza.

Allattamento

Non sono disponibili dati relativi all’escrezione della tolterodina nel latte materno. L’uso di tolterodina deve essere evitato durante l’allattamento.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Poiché questo farmaco può causare disturbi di accomodazione e influenzare il tempo di reazione, la capacità di guidare e di usare macchinari può essere modificata negativamente.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

In considerazione del su effetto farmacologico, la tolterodina può causare effetti antimuscarinici da lievi a moderati, come secchezza delle fauci, dispepsia e occhi asciutti.

La tabella che segue riporta i dati ottenuti con DETRUSITOL Retard negli studi clinici e quelli provenienti dall’esperienza post-marketing. La reazione avversa riportata più comunemente è stata la secchezza delle fauci, che si è verificata nel 23,4% dei pazienti trattati con DETRUSITOL Retard e nel 7,7% dei pazienti trattati con placebo.

Molto comune(≥1/10) Comune(≥1/100 e≤1/10) Non comune(≥1/1000 e≤1/100) Non nota (lafrequenza nompuò esseredefinita sullabase dei datidisponibili)
Infezioni ed infestazioniSinusite
Disturbi del sistema immunitarioIpersensibilità non altrimenti specificataReazioni anafilattoidi
Disturbi psichiatriciNervosismoConfusione, allucinazioni, disorientamento
Patologie del sistema nervosoCapogiri, sonnolenza, cefaleaParestesia, compromissione della memoria
Patologie dell’occhioOcchi asciutti, visione anormale (inclusa accomodazione anormale)
Patologie dell’orecchio e del labirintoVertigini
Patologie cardiachePalpitazioni, insufficienza cardiaca, aritmiaTachicardia
Patologie vascolariArrossamento della cute
Patologie gastrointestinaliSecchezza delle fauciDispepsia, stitichezza, dolore addominale, flatulenza, diarreaRiflusso gastroesofageo, vomito
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneoAngioedema, cute secca
Patologie renali e urinarieDisuriaRitenzione urinaria
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazioneAffaticamento, edema perifericoDolore toracico

Dopo l’inizio della terapia con tolterodina in pazienti che assumevano inibitori della colinesterasi per il trattamento della demenza, sono stati segnalati casi di peggioramento dei sintomi della demenza (es. confusione, disorientamento, illusione).

Pazienti pediatrici

In due studi pediatrici di fase III in doppio cieco controllati verso placebo randomizzati condotti su 710 pazienti pediatrici per 12 settimane, la percentuale di pazienti con infezione del tratto urinario, diarrea e comportamento anomalo è stata più alta nei pazienti trattati con tolterodina rispetto a quelli trattati con placebo (infezione del tratto urinario: tolterodina 6,8%, placebo 3,6%; diarrea: tolterodina 3,3%, placebo 0,9%; comportamento anomalo: tolterodina 1,6%, placebo 0,4% (Vedi paragrafo 5.1)

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale.

Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo: www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

04.9 Sovradosaggio

Indice

La dose più elevata di tolterodina tartrato somministrata come dose singola, a volontari sani nella formulazione a rilascio immediato, è stata di 12,8 mg. Gli effetti avversi più gravi osservati, furono disturbi dell’accomodazione e difficoltà di minzione.

In caso di sovradosaggio, praticare una lavanda gastrica e somministrare carbone attivo. Trattare i sintomi come segue:

gravi effetti anticolinergici centrali (es. allucinazioni, grave eccitazione):

somministrare fisostigmina.

Convulsioni o eccitazione pronunciata: somministrare benzodiazepine.

Insufficienza respiratoria: praticare la respirazione artificiale.

Tachicardia: somministrare ß-bloccanti.

Ritenzione urinaria: utilizzo del catetere.

Midriasi: somministrazione gocce oculari di pilocarpina e/o tenere il paziente al buio.

Un aumento dell’intervallo QT è stato osservato con una singola dose giornaliera di 8 mg di tolterodina a rilascio immediato (due volte la dose giornaliera raccomandata della formulazione standard e tre volte l’esposizione massima della formulazione a rilascio prolungato) somministrata nell’arco di 4 giorni. In caso di sovradosaggio di tolterodina, devono essere adottate le misure standard di supporto per la gestione del prolungamento dell’intervallo QT.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Gruppo farmacoterapeutico: antispastici urinari.

Codice ATC: G04B D07.

La tolterodina è uno specifico antagonista competitivo dei recettori muscarinici che in vivo dimostra selettività per la vescica urinaria rispetto alle ghiandole salivari. Uno dei metaboliti della tolterodina (5-idrossimetile derivato), mostra un profilo farmacologico simile a quello del composto progenitore.

Nei metabolizzatori veloci questo metabolita contribuisce significativamente all’effetto terapeutico della tolterodina (vedi paragrafo 5.2).

Gli effetti del trattamento possono essere attesi entro 4 settimane.

Nel programma di Fase III l’endpoint primario fu la riduzione del numero di episodi di incontinenza per settimana e gli endpoints secondari furono la riduzione del numero di minzioni nelle 24 ore e l’aumento del volume medio di urina per minzione. Tali parametri sono riportati nella tabella che segue.

Effetti del trattamento con DETRUSITOL 4 mg Retard, una volta al giorno, dopo 12 settimane, in confronto a placebo. Variazioni assolute e percentuali rispetto al basale. Differenza del trattamento DETRUSITOL vs. placebo: variazione media stimata secondo il metodo dei Minimi Quadrati e intervallo di confidenza al 95%.

DetrusitolRetard 4 mgl volta/die (n=507) Placebo(n=508) Differenza trattamento vs statistica vs.placebo: Variazionemedia e 95% CI Significativitàplacebo (p- value)
Numero di episodi di incontinenza per settimana-11,8-6,9-4,8<0,001
(-54%)(-28%)(-7,2; -2,5)*
Numero di minzioni nelle 24 ore-1,8-1,2-0,60,005
(-13%)(-8%)(-1,0; -0,2)
Volume medio per minzione (ml)+34+14+20<0,001
(+27%)(+12%)(14; 26)

* Intervallo di confidenza al 97,5% secondo Bonferroni.

Dopo 12 settimane di trattamento il 23,8% (121/507) nel gruppo trattato con DETRUSITOL Retard e il 15,7% (80/508) nel gruppo trattato con placebo riferirono che soggettivamente avevano minimi o nessun problema alla vescica.

Gli effetti della tolterodina sono stati valutati in pazienti, sottoposti ad esame per la valutazione urodinamica di base che, a seguito del risultato dei test urodinamici, sono stati collocati nei gruppi urodinamico positivo (urgenza motoria) o urodinamico negativo (urgenza sensitiva). Nell’ambito di ciascun gruppo, i pazienti sono stati randomizzati per ricevere sia la tolterodina che il placebo. Lo studio non ha prodotto prove convincenti che la tolterodina abbia effetti rispetto al placebo in pazienti con urgenza sensitiva.

Gli effetti clinici della tolterodina sull’intervallo QT i si basano sugli ECG ottenuti da oltre 600 pazienti trattati, inclusi pazienti anziani e pazienti con pre-esistenti malattie cardiovascolari. Le alterazioni dell’intervallo QT non hanno presentato differenze significative tra il gruppo placebo ed il gruppo trattato con farmaco attivo.

L’effetto della tolterodina sul prolungamento del QT è stato analizzato ulteriormente su 48 volontari sani (maschi e femmine) di età 18-55 anni. Ai soggetti sono stati somministrati 2 mg bid e 4 mg bid di tolterodina nella formulazione a rilascio immediato. I risultati (corretti secondo la formula di Fridericia) alle concentrazioni massime di tolterodina (1 ora) hanno evidenziato un incremento medio dell’intervallo QTc di 5.0 e 11.8 msec per le dosi di tolterodina rispettivamente da 2 mg bid e 4 mg bid e di 19.3 msec per la mofloxacina (400 mg) utilizzata quale farmaco di controllo. Un modello di farmacocinetica/farmacodinamica ha evidenziato che l’intervallo QTc aumenta nei metabolizzatori lenti (privi di CYP2D6) trattati con tolterodina 2 mg bid in modo sovrapponibile a quanto osservato nei metabolizzatori veloci trattati con 4 mg bid. Ad entrambe le dosi di tolterodina, nessun soggetto, indipendentemente dal profilo metabolico, ha superato i 500 msec del valore assoluto di QTcF o ha evidenziato variazioni rispetto al basale di 60 msec. Tali variazioni sono considerate valori soglia particolarmente significativi. La dose di 4 mg bid corrisponde ad una esposizione massima (Cmax) pari a tre volte quella ottenuta con la dose terapeutica più alta delle capsule di Detrusitol a rilascio prolungato.

Pazienti pediatrici

L’efficacia nella popolazione pediatrica non è stata dimostrata. Sono stati condotti due studi di fase III in doppio cieco controllati verso placebo randomizzati della durata di 12 settimane con le capsule di tolterodina a rilascio prolungato. Sono stati studiati 710 pazienti pediatrici (486 trattati con tolterodina e 224 trattati con placebo) di età compresa tra 5 e 10 anni con aumentata frequenza urinaria e urgenza urinaria.

In entrambi gli studi, non si è osservata nessuna variazione significativa rispetto al basale tra i due gruppi, per quanto riguarda il numero totale di episodi di incontinenza/settimana (vedi paragrafo 4.8).

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Caratteristiche farmacocinetiche specifiche per questa formulazione: Tolterodina capsule a rilascio prolungato dà luogo a un assorbimento di tolterodina più lento rispetto a quello delle compresse a rilascio immediato. Come risultato, le massime concentrazioni sieriche vengono osservate 4 (2-6) ore dopo la somministrazione delle capsule. L’emivita apparente della tolterodina somministrata sotto forma di capsule è di circa 6 ore nei metabolizzatori veloci e di circa 10 ore nei metabolizzatori lenti (con deficit di CYP2D6).

Dopo la somministrazione delle capsule, le concentrazioni allo steady state sono raggiunte entro 4 giorni.

Non c’è alcun effetto del cibo sulla biodisponibilità delle capsule.

Assorbimento: Dopo somministrazione orale, tolterodina è soggetta ad un metabolismo di primo passaggio a livello epatico catalizzato dal CYP2D6, che porta alla formazione del metabolita 5- idrossimetile, un metabolita maggiore farmacologicamente equipotente.

La biodisponibilità assoluta della tolterodina è del 17% nei metabolizzatori veloci e del 65% nei metabolizzatori lenti (deficit di CYP2D6).

Distribuzione: La tolterodina e il 5-idrossimetile metabolita si legano principalmente all’orosomucoide. Le frazioni non legate sono rispettivamente il 3,7% e il 36%. Il volume di distribuzione della tolterodina è di 113 litri.

Eliminazione: A seguito di somministrazione orale la tolterodina è ampiamente metabolizzata a livello del fegato.

La via metabolica primaria è mediata dall’enzima polimorfico CYP2D6 e porta alla formazione del 5- idrossimetile metabolita. Ulteriori metabolizzazioni portano alla formazione dei metaboliti acido 5- carbossilico e dell’acido 5-carbossilico N-dealchilato, che costituiscono rispettivamente il 51% e il 29% dei metaboliti ritrovati nelle urine. Una quota (circa il 7%) della popolazione è deficitaria dell’attività CYP2D6. Il profilo di metabolizzazione identificato per tali pazienti (con scarsa capacità di metabolizzazione) è la dealchilazione attraverso gli enzimi CYP3A4 alla N-tolterodina dealchilata, che non determina effetti clinici.

La rimanente parte della popolazione è costituita da metabolizzatori veloci. Nei metabolizzatori veloci la clearance sistemica sierica della tolterodina è di circa 30 l/ora. Nei pazienti con scarsa capacità di metabolizzazione la ridotta clearance determina concentrazioni sieriche significativamente aumentate di tolterodina (circa 7 volte) e vengono riscontrate concentrazioni non determinabili del 5-idrossimetile metabolita.

Il metabolita 5-idrossimetile è farmacologicamente attivo ed equipotente rispetto alla tolterodina.

A causa delle differenze nelle caratteristiche del legame proteico della tolterodina e del 5-idrossimetile metabolita, l’esposizione (AUC) della tolterodina libera nei pazienti con scarsa capacità di metabolizzazione è simile a quella combinata di tolterodina libera e 5-idrossimetile derivato nei pazienti con attività CYP2D6, quando somministrata allo stesso dosaggio. La sicurezza, la tollerabilità e la risposta clinica sono simili, a prescindere dal fenotipo.

L’escrezione di radioattività dopo somministrazione di [14C]-tolterodina è circa il 77% nell’urina e il 17% nelle feci. Meno dell’1% della dose è escreto come farmaco invariato e circa il 4% come

metabolita 5-idrossimetile. Il metabolita carbossilato e il corrispondente metabolita dealchilato rappresentano rispettivamente circa il 51% e il 29% del ricupero urinario.

Nell’intervallo del dosaggio terapeutico, la farmacocinetica è lineare.

Particolari gruppi di pazienti

Alterazione della funzionalità epatica: nei soggetti affetti da cirrosi epatica viene riscontrata un’esposizione di circa 2 volte superiore di tolterodina libera e del suo metabolita 5-idrossimetile (Vedì paragrafo 4.2 e 4.4).

Alterazione della funzionalità renale: l’esposizione media di tolterodina libera e del suo metabolita 5- idrossimetile è raddoppiata nei pazienti con grave alterazione della funzionalità renale [clearance dell’inulina (GFR) < 30 ml/min].

In tali pazienti i livelli plasmatici degli altri metaboliti erano notevolmente aumentati (sino a 12 volte). Non è nota la rilevanza clinica dell’aumentata esposizione di tali metaboliti.

Non sono disponibili dati in caso di alterazione della funzionalità renale da lieve a moderata (Vedì paragrafo 4.2 e 4.4).

Pazienti pediatrici

L’esposizione della sostanza attiva per dose/mg è simile negli adulti e negli adolescenti. L’esposizione media della sostanza attiva per dose/mg è circa due volte superiore nei bambini tra 5 e 10 anni rispetto agli adulti (Vedì paragrafo 4.2 e 5.1)

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Negli studi di tossicologia, mutagenesi, carcinogenesi e di sicurezza farmacologica non sono stati osservati effetti clinicamente significativi, tranne quelli correlati con gli effetti farmacologici del farmaco.

Studi sulla riproduzione sono stati condotti sui topi e conigli.

Nel topo non c’erano effetti della tolterodina sulla fertilità o sulla funzione riproduttiva.

La tolterodina ha determinato mortalità embrionale e malformazioni fetali a seguito di esposizione plasmatica (Cmax o AUC) di 20 o 7 volte più elevata rispetto a quelle osservate negli uomini trattati.

Nei conigli non sono stati osservati effetti sulle malformazioni, ma gli studi furono condotti a valori di esposizione plasmatica (Cmax o AUC) di 20 o 3 volte più elevati rispetto a quelli attesi nell’uomo dopo dosi terapeutiche.

La tolterodina, così come i suoi metaboliti attivi nell’uomo, prolunga la durata del potenziale di azione (90% della ripolarizzazione) nelle fibre canine di purkinje (14-75 volte i livelli terapeutici) e blocca il flusso di K+ nei canali hERG (cloned human ether-a-go-go-related gene) (0,5-26,1 volte i livelli terapeutici).

Negli studi condotti nei cani a seguito di somministrazione di tolterodina e dei suoi metabolici attivi nell’uomo (dosi da 3,1 a 61,0 volte superiori ai livelli terapeutici), è stato osservato un lieve prolungamento dell’intervallo QT.

Non è nota la rilevanza clinica di tale effetto.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Contenuto della capsula a rilascio prolungato:

Sfere di zucchero (contenenti saccarosio e amido di mais) Ipromellosa

Surelease E-7-19010 limpido: Etilcellulosa

Trigliceridi a catena media Acido oleico

Contenuto della capsula a rilascio prolungato (guscio):

Gelatina

Inchiostro per impressione:

Lacca (Shellac) Titanio diossido (E171) Glicole propilenico Simeticone

Coloranti nella capsula a rilascio prolungato da 2 mg (blu-verde):

Indigo carmine (E132) Ferro ossido giallo (E172) Titanio diossido (E171)

Coloranti nella capsula a rilascio prolungato da 4 mg (blu):

Indigo carmine (E132) Titanio diossido (E171)

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

2 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Non conservare a temperatura superiore ai 30°C. Flaconi: conservare nel contenitore originale.

Blister: conservare il blister nella confezione originale.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

DETRUSITOL Retard capsule rigide a rilascio prolungato sono confezionate in blister di PVC/PVDC e foglio d’alluminio con un rivestimento termosaldante di PVDC o in flaconi di HDPE con tappi di LDPE.

Confezioni

DETRUSITOL Retard capsule rigide a rilascio prolungato da 2 e 4 mg è disponibile in blister in confezioni da 7, 14, 28, 49, 84, 98, 280 capsule e in flaconi da 30, 100 e 200 capsule.

Le confezioni ospedaliere sono disponibili in blister da 80, 160 e 320 capsule. E’ possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Il prodotto inutilizzato o materiale di scarto deve essere smaltito secondo la normativa locale.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Pfizer Italia S.r.l.

Via Isonzo, 71 – 04100 Latina

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

DETRUSITOL Retard 2 mg capsule rigide a rilascio prolungato:

Scatola da 7 capsule AIC n. 034168031

Scatola da 14 capsule AIC n. 034168043

Scatola da 28 capsule AIC n. 034168056

Scatola da 49 capsule AIC n. 034168068

Scatola da 84 capsule AIC n. 034168070

Scatola da 98 capsule AIC n. 034168272

Scatola da 280 capsule AIC n. 034168082

Flacone da 30 capsule AIC n. 034168120

Flacone da 100 capsule AIC n. 034168144

Confezioni ospedaliere (in blister):

Scatola da 80 capsule AIC n. 034168094

Scatola da 160 capsule AIC n. 034168106

Scatola da 320 capsule AIC n. 034168118

DETRUSITOL Retard 4 mg capsule rigide a rilascio prolungato:

Scatola da 7 capsule AIC n. 034168157

Scatola da 14 capsule AIC n. 034168169

Scatola da 28 capsule AIC n. 034168171

Scatola da 49 capsule AIC n. 034168183

Scatola da 84 capsule AIC n. 034168195

Scatola da 98 capsule AIC n. 034168284

Scatola da 280 capsule AIC n. 034168207

Flacone da 30 capsule AIC n. 034168245

Flacone da 100 capsule AIC n. 034168260

Confezioni ospedaliere (in blister):

Scatola da 80 capsule AIC n. 034168219

Scatola da 160 capsule AIC n. 034168221

Scatola da 320 capsule AIC n. 034168233

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

25 febbraio 2003 / 23 marzo 2006

10.0 Data di revisione del testo

Indice

27/03/2014

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Detrusitol – Retard 14 Cps 2 mg (Tolterodina Tartrato)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Prontuario terapeutico regionale ATC: G04BD07 AIC: 034168043 Prezzo: 43 Ditta: Pfizer Italia Srl


Detrusitol – Retard 14 Cps 4 mg (Tolterodina Tartrato)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Prontuario terapeutico regionale ATC: G04BD07 AIC: 034168169 Prezzo: 43 Ditta: Pfizer Italia Srl


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983