Home Schede Tecniche Escapelle: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Escapelle: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Escapelle

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Escapelle: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Escapelle

INDICE DELLA SCHEDA

Escapelle: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Escapelle 1500 microgrammi, compressa.

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

microgrammi di levonorgestrel. Eccipiente con effetti noti: 142,5 mg di lattosio monoidrato.

Per l’elenco completo degli eccipienti vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compressa.

Compressa biancastra, piatta, bordata, con diametro di circa 8 mm e con impresso su un lato “G00”.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Contraccezione di emergenza da utilizzare entro 72 ore da un rapporto sessuale non protetto o in caso di mancato funzionamento di un sistema anticoncezionale.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Per somministrazione orale. Posologia

La compressa deve essere presa prima possibile, preferibilmente entro le 12 ore e non più tardi di 72 ore dal rapporto sessuale non protetto (vedere paragrafo 5.1).

Se la paziente vomita entro tre ore dall’assunzione della compressa, dovrà assumere immediatamente un’altra compressa.

Si raccomanda alle donne che hanno usato induttori enzimatici durante le ultime 4 settimane e che necessitano di una contraccezione di emergenza di usare un contraccettivo di emergenza non ormonale, ovvero la spirale intrauterina in rame (Cu-IUD), o di assumere una doppia dose di levonorgestrel (ovvero 2 compresse assunte insieme) per quelle donne che non sono in grado o che non vogliono utilizzare un dispositivo intrauterino in rame (Cu-IUD) (vedere paragrafo 4.5).

Escapelle può essere somministrato in qualsiasi momento del ciclo mestruale a meno che la mestruazione non sia in ritardo.

Dopo l’adozione della contraccezione d’emergenza, si raccomanda di usare un metodo locale di barriera (profilattico, diaframma, spermicida, cappuccio cervicale) fino all’inizio del successivo ciclo mestruale. L’uso del levonorgestrel non controindica la continuazione della regolare contraccezione ormonale.

Popolazione pediatrica:

Escapelle non è raccomandato nei bambini.

Sono disponibili dati molto limitati sull’uso del medicinale in donne di età inferiore a 16 anni.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

La contraccezione d’emergenza è una misura occasionale. In nessun caso deve sostituire un regolare metodo contraccettivo.

La contraccezione d’emergenza è una misura occasionale. In nessun caso deve sostituire un regolare metodo contraccettivo.

La contraccezione d’emergenza non previene la gravidanza in tutti i casi. Se vi è incertezza circa la distanza temporale dal rapporto sessuale non protetto, o se, nel corso dello stesso ciclo mestruale, tale rapporto è avvenuto da oltre 72 ore, il concepimento potrebbe essere avvenuto. Il trattamento con levonorgestrel successivo ad un secondo rapporto sessuale potrebbe quindi essere inefficace nel prevenire una gravidanza. Se la mestruazione è ritardata di più di 5 giorni, oppure se alla data stabilita per la mestruazione si verifica un sanguinamento anomalo, o se si sospetta l’instaurarsi di una gravidanza per qualsiasi altra ragione, sarà necessario escludere una gravidanza.

Se una gravidanza si instaura dopo il trattamento con levonorgestrel, dovrà essere presa in considerazione l’eventualità di una gravidanza ectopica. Il rischio assoluto di una gravidanza ectopica è prevedibilmente basso, poiché il levonorgestrel previene l’ovulazione e la fecondazione. La gravidanza ectopica può continuare, nonostante il verificarsi di sanguinamento uterino.

Quindi, il levonorgestrel non è raccomandato nelle pazienti che sono a rischio di gravidanza ectopica (anamnesi di salpingiti o di gravidanza ectopica).

Il levonorgestrel non è raccomandato nelle pazienti con grave disfunzione epatica.

Gravi sindromi di malassorbimento, quale la malattia di Crohn, potrebbero ridurre l’efficacia del levonorgestrel.

Il medicinale contiene lattosio monoidrato. Le pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, carenza di Lapp lattasi o malassorbimento di glucosio-galattosio non devono assumere questo medicinale.

Dopo l’assunzione di Escapelle, di norma i cicli mestruali si mantengono regolari e si verificano alla data attesa. A volte possono anticipare o ritardare di pochi giorni. É raccomandabile programmare una visita medica allo scopo di iniziare o mettere a punto un regolare metodo di contraccezione. Se, in corso di contraccezione ormonale, si verificasse l’assenza della mestruazione nel periodo di intervallo tra due cicli di trattamento, dopo l’utilizzo del levonorgestrel, dovrà essere esclusa l’evenienza di una gravidanza in atto.

La somministrazione ripetuta durante uno stesso ciclo mestruale non è consigliabile a causa del possibile disturbo del ciclo.

Dati limitati e non conclusivi suggeriscono che con l’aumentare del peso corporeo o dell’indice di massa corporea (BMI) l’efficacia Escapelle possa essere ridotta (vedere paragrafo 5.1). In tutte le donne, dopo un rapporto non protetto, la contraccezione di emergenza deve essere presa in considerazione il prima possibile, indipendentemente dal peso corporeo o dal BMI della donna.

Il levonorgestrel non è così efficace come un regolare metodo contraccettivo ed è idoneo unicamente come misura d’emergenza. Le donne che si presentano ripetutamente per la somministrazione di un trattamento contraccettivo di emergenza devono essere consigliate nella scelta di un metodo contraccettivo di lunga durata.

La contraccezione d’emergenza non elimina la necessità delle opportune precauzioni per la protezione dalle malattie a trasmissione sessuale.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Il metabolismo del levonorgestrel è aumentato dall’uso concomitante di induttori degli enzimi epatici, principalmente dagli induttori dell’enzima CYP3A4. È stato rilevato che la somministrazione concomitante di efavirenz riduce i livelli plasmatici di levonorgestrel (AUC) di circa il 50%.

I medicinali che potrebbero avere tale capacità di ridurre i livelli plasmatici di levonorgestrel comprendono i barbiturici (compreso il primidone), la fenitoina, la carbamazepina, i medicinali a base di erbe contenenti Hypericum perforatum (erba di S. Giovanni), la rifampicina, il ritonavir, la rifabutina e la griseofulvina.

Per le donne che hanno usato nelle ultime 4 settimane medicinali che si comportano da induttori enzimatici e necessitano di una contraccezione di emergenza, deve essere considerato l’uso di una contraccezione di emergenza non ormonale (ovvero spirale intrauterina in rame, Cu-IUD). L’assunzione di una doppia dose di levonorgestrel (ovvero 3000 mcg entro 72 ore dopo rapporti non protetti) è un’opzione per le donne che non possono o che non desiderano utilizzare un dispositivo intrauterino in rame (Cu-IUD), anche se questa specifica combinazione (una dose doppia di levonorgestrel durante l’uso concomitante di un induttore enzimatico) non è stata studiata.

I medicinali a base di levonorgestrel possono aumentare il rischio di tossicità da ciclosporina a causa della possibile inibizione del metabolismo della ciclosporina.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Il levonorgestrel non deve essere somministrato a donne in gravidanza. Il levonorgestrel non è in grado di interrompere una gravidanza in atto. In caso di gravidanza, i pochi dati epidemiologici disponibili indicano l’assenza di effetti indesiderati a carico del feto, ma non ci sono dati clinici sulle potenziali conseguenze se vengono assunte dosi maggiori di 1,5 mg di levonorgestrel (vedere paragrafo 5.3).

Allattamento

Il levonorgestrel viene escreto nel latte materno. La potenziale esposizione del lattante al levonorgestrel può essere ridotta se la madre assume le compresse immediatamente dopo la poppata ed evita il successivo allattamento per almeno 8 ore dopo la somministrazione del levonorgestrel.

Fertilità

Il levonorgestrel aumenta la possibilità di disturbi nel ciclo che possono a volte portare ad ovulazione anticipata o ritardata che può causare una modifica nel periodo di fertilità. Benché non vi siano dati sulla fertilità a lungo termine, dopo il trattamento con levonorgestrel si prevede un rapido ritorno alla normale fertilità e pertanto dopo l’uso della contraccezione di emergenza con levonorgestrel deve essere continuata la regolare contraccezione o deve essere iniziata il prima possibile.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono stati effettuati studi sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

L’effetto indesiderato comunemente più segnalato è la nausea.

Classificazione per sistemi e organi secondoMedDRA 16.1 Frequenza delle reazioni avverse
Molto comune (10%) Comune (1/100 – <1/10)
Patologie del sistema nervosoCefaleaCapogiro
Patologie gastrointestinaliNauseaDiarrea
Dolore addominale inferioreVomito
Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammellaSanguinamento non correlato alle mestruazioni*Ritardo delle mestruazioni più di 7 giorni **
Mestruazioni irregolari
Dolorabilità mammaria
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazioneAffaticamento

*Il quadro mestruale può risultare temporaneamente disturbato, ma la maggior parte delle donne avrà la successiva mestruazione entro 5-7 giorni dalla data presunta.

**Se la mestruazione successiva ritarda di oltre 5 giorni, è necessario escludere una gravidanza.

Dagli studi di sorveglianza post marketing aggiunti, sono stati segnalati anche i seguenti effetti indesiderati:

Patologie gastrointestinali

Molto raro (<1/10.000): dolore addominale

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Molto raro (<1/10.000): eruzione cutanea, orticaria, prurito, Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella Molto raro (<1/10.000): dolore pelvico, dismenorrea

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Molto raro (<1/10.000): edema facciale

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non sono stati descritti effetti indesiderati gravi dopo l’ingestione di dosi elevate di contraccettivi orali. Il sovradosaggio può provocare nausea e si può verificare emorragia da sospensione. Non esistono antidoti specifici ed il trattamento deve essere sintomatico.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Ormoni sessuali e modulatori dell’apparato genitale, contraccettivi d’emergenza, codice ATC: G03AD01

Meccanismo d’azione

Ai dosaggi indicati, si ritiene che il levonorgestrel agisca principalmente prevenendo l’ovulazione e la fecondazione quando il rapporto sessuale sia avvenuto nella fase pre- ovulatoria, quando la probabilità della fecondazione è più elevata. Levonorgestrel non è efficace se il processo di impianto è già iniziato.

Efficacia e sicurezza clinica

I risultati da un recente studio clinico randomizzato in doppio cieco condotto nel 2001 (Lancet 2002; 360:1803-1810) ha mostrato che una singola dose di 1500 microgrammi di levonorgestrel (assunto entro le 72 ore di un rapporto sessuale non protetto) previene l’84% delle gravidanze attese (paragonate al 79% quando le due compresse da 750 microgrammi sono state assunte con un intervallo di 12 ore).

Ci sono dati limitati e non conclusivi relativamente all’effetto del peso corporeo elevato/BMI elevato, sull’efficacia contraccettiva. In tre studi dell’OMS non sono stati osservati trend di efficacia ridotta con l’aumentare del peso corporeo/BMI (Tabella 1), mentre in altri due studi (Creinin et al., 2006 e Glasier et al., 2010) è stata osservata un’efficacia contraccettiva ridotta con l’aumentare del peso corporeo o del BMI (Tabella 2). Entrambe le meta-analisi hanno escluso l’assunzione oltre le 72 ore dopo un rapporto non protetto (ad es. uso off-label di levonorgestrel) e le donne che avevano avuto ulteriori rapporti non protetti.

Tabella 1: Meta-analisi su tre studi dell’OMS (Von Hertzen et al., 1998 e 2002; Dada et al., 2010)

BMI (kg/m²) Sottopeso0 – 18,5 Normali 18,5-25 Sovrappeso25-30 Obese≥ 30
N totale60039521051256
N di gravidanze113963
Percentuale di gravidanze1,83%0,99%0,57%1,17%
Intervallo di Confidenza0,92 – 3,260,70 – 1,350,21 – 1,240,24 – 3,39

Tabella 2: Meta-analisi sugli studi di Creinin et al., 2006 e Glasier et al., 2010

BMI (kg/m²) Sottopeso0 – 18,5 Normale18,5-25 Sovrappeso25-30 Obese≥ 30
N totale64933339212
N di gravidanze19811
Percentuale di gravidanze1,56%0,96%2,36%5,19%
Intervallo di Confidenza 0,04 – 8,400,44 – 1,821,02 – 4,602,62 – 9,09

Ai dosaggi indicati, non si ritiene che il levonorgestrel possa indurre significative modifiche dei fattori della coagulazione, del metabolismo lipidico e di quello dei carboidrati.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

Somministrato per via orale il levonorgestrel viene rapidamente e quasi completamente assorbito.

Distribuzione

I risultati di uno studio di farmacocinetica condotto su 16 donne sane hanno mostrato che dopo l’assunzione di una compressa di Escapelle da 1500 microgrammi i valori massimi del farmaco nel siero corrispondenti a 18,5 ng/ml, sono stati ritrovati dopo 2 ore. Dopo

aver raggiunto i valori massimi nel siero, i livelli di levonorgestrel diminuiscono secondo un’emivita di eliminazione media di 26 ore circa.

Biotrasformazione

Il levonorgestrel non viene eliminato in forma immodificata, ma sotto forma di metaboliti.

Eliminazione

I metaboliti del levonorgestrel vengono eliminati in parti quasi uguali nell’urina e nelle feci. La biotrasformazione segue le vie note del metabolismo degli steroidi, il levonorgestrel viene idrossilato a livello epatico e i metaboliti sono escreti come glucuronoconiugati. Non sono noti metaboliti farmacologicamente attivi.

Il levonorgestrel è legato all’albumina sierica e alla globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG). Solo l’1,5% circa del totale è presente sotto forma di steroide libero nel siero ma il 65% è legato in modo specifico alla SHBG.

La biodisponibilità assoluta del levonorgestrel è risultata essere quasi del 100% della dose somministrata.

Circa lo 0,1% della dose può essere trasferita al neonato con il latte materno.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Esperimenti sull’animale con levonorgestrel hanno mostrato, ad alte dosi, la virilizzazione del feto femminile.

I dati non-clinici non rivelano rischi particolari per l’uomo sulla base di studi convenzionali di sicurezza farmacologica, tossicità a dosi ripetute, genotossicità, potenziale cancerogeno oltre alle informazioni contenute in altri paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Amido di patata amido di mais

silice colloidale anidra magnesio stearato talco

lattosio monoidrato.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

5 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Blister in PVC/alluminio contenente una compressa. Il blister è confezionato in un astuccio di cartone.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

GEDEON RICHTER Plc.

Gyomroi ut 19-21,

1103 Budapest Ungheria

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

AIC n. 038802017

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Data della prima autorizzazione: 02/04/2009 Data del rinnovo più recente:

10.0 Data di revisione del testo

Indice

10/11/2016

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Escapelle – 1 Cpr 1500 mcg (Levonorgestrel)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Tipo: Etico Info: Necessaria esibizione di documento di identità per la dispensazione SOP ATC: G03AD01 AIC: 038802017 Prezzo: 13,3 Ditta: Gedeon Richter Italia Srl


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983