Terbinafina My: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Terbinafina My

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Terbinafina My: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Terbinafina My: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Terbinafina Mylan Generics 250 mg compresse

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni compressa contiene terbinafina cloridrato, equivalente a terbinafina 250 mg.

Per gli eccipienti vedere paragrafo 6.1

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse.

Compresse bianche o biancastre, rotonde, biconvesse con impresso “TF/250” su di un lato e “G” sull’altro. Le compresse hanno una linea di frattura per consentirne la divisione.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Tinea capitis;

Trattamento delle infezioni micotiche quali Tinea corporis, Tinea cruris, Tinea pedis, quando la terapia orale è giustificata dalla localizzazione, dalla gravità o dalla estensione dell’infezione.

Onicomicosi causate da dermatofiti.

NB: le compresse orali di terbinafina non sono efficaci contro la Pityriasis versicolor.

Devono essere tenute presenti le linee-guida ufficiali locali, per esempio le raccomandazioni nazionali sul corretto uso e sulla prescrizione dei farmaci antimicrobici.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Adulti:

250 mg una volta al giorno.

Per i pazienti con disturbi della funzionalità renale (clearance della creatinina < 50 ml/min o con creatinina sierica superiore a 300 micromoli/l) la dose deve essere di 125 mg (mezza compressa da 250 mg).

Insufficienza epatica.

Il trattamento non è raccomandato nell’insuffcienza epatica grave (vedì sezìone 4.4 “Specìalì avvertenze e opportune precauzìonì d’ìmpìego”).

La durata del trattamento dipende dalle indicazioni e dalla gravità dell’infezione.

Infezioni della cute: Come linea-guida:

Tinea pedis (interdigitale, plantare/tipo mocassino) 2-6 settimane

Tinea corporis o Tinea cruris 2-4 settimane.

Possono essere necessarie alcune settimane dopo la guarigione micologica, prima che i disturbi ed i segni dell’infezione scompaiano completamente.

Infezioni dei capelli e del cuoio capelluto: Come linea-guida:

Tinea capitis 4 settimane

La Tinea capitis compare principalmente nei bambini. Onicomicosi:

Il trattamento richiede di solito da 6 a 12 settimane. Onicomicosi delle unghie della mano:

6 settimane sono sufficienti in quasi tutti i casi. Onicomicosi delle unghie dei piedi:

12 settimane sono sufficienti in quasi tutti i casi.

Il trattamento può richiedere un periodo più lungo (fino a 6 mesi o più) per alcuni pazienti con scarsa crescita delle unghie.

L’effetto clinico ottimale sulle infezioni micotiche delle unghie viene raggiunto diversi mesi dopo la guarigione micologica e la fine della terapia e dipende dal tempo di crescita di unghie sane.

Pazienti anziani:

Non vi sono indicazioni secondo cui i pazienti anziani richiedano una dose diversa da quelli più giovani. Tuttavia, deve essere tenuta presente la possibilità di una pregressa ridotta funzionalità renale ed epatica (vedì sezìone 4.4 “Specìalì avvertenze e opportune precauzìonì d’ìmpìego”).

Bambini dall’età di 2 anni:

Peso 15 – 20 kg 62,5 mg al giorno (deve essere usata una formulazione alternativa)

Peso 20 – 40 kg 125 mg (mezza compressa da 250 mg) al giorno Peso > 40 kg 250 mg (una compressa da 250 mg) al giorno

I dati sul trattamento di bambini con meno di 2 anni sono insufficienti.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità nota alla terbinafina o a uno degli altri costituenti del farmaco. Grave insufficienza epatica.

Grave insufficienza renale.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Se un paziente dimostra segni o sintomi che possono suggerire un disturbo epatico, come una inesplicabilmente persistente nausea, anoressia, stanchezza, ittero, urine scure o feci pallide, deve essere verificata l’esistenza di una causa epatica, e il trattamento con terbinafina deve essere sospeso (vedì sezìone 4.8 “Effettì ìndesìderatì”).

Studi farmacocinetici con dosi singole in pazienti con pre-esistenti disturbi epatici hanno mostrato che la clearance della terbinafina può essere ridotta di circa il 50%.

L’uso terapeutico di terbinafina in pazienti con malattie epatiche croniche o attive, non è stato studiato in studi clinici prospettici e pertanto non può

essere raccomandato in questi pazienti. Per i pazienti con disturbi della funzionalità renale (clearance della creatinina < 50 ml/min o con creatinina sierica superiore a 300 micromoli/l) la dose deve essere la metà di quella normale.

Studi in vitro hanno dimostrato che la terbinafina inibisce il metabolismo del CYP2D6. Per questo motivo è importante monitorare i pazienti che sono trattati contemporaneamente con farmaci che vengono metabolizzati principalmente da questo enzima, come gli antidepressivi triciclici, β- bloccanti, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), inibitori delle monoamino-ossidasi (MAO-inibitori) di tipo B, se il farmaco somminstrato in co-medicazione ha un ristretto margine terapeutico (vedì sezìone 4.5 “Interazìonì con altrì farmacì ed altre forme dì ìnterazìone”).

I pazienti devono essere avvisati di interrompere immediatamente il trattamento e di rivolgersi ad un medico se compaiono i seguenti sintomi: febbre alta o mal di gola, prurito, disturbi cutanei disseminati o disturbi cutanei che coinvolgono le mucose (vedì sezìone 4.8 “Effettì ìndesìderatì”).

Terbinafina debe essere usata con cautela in pazienti con psoriasi, in quanto sono stati riportati casi molto rari di riacutizzazione della psoriasi (vedì sezìone 4.8 “Effettì ìndesìderatì”).

Bambini

Non sono disponibili dati sull’uso di questo farmaco in bambini al di sotto dei 2 anni.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Studi in vitro e su volontari sani suggeriscono che terbinafina ha solo un trascurabile effetto sul metabolismo dell’antipirina, un farmaco utilizzato come modello per le sostanze che sono convertite dal citocromo CYP4503A4 (per esempio ciclosporina, terfenadina, triazolam, tolbutamide e contraccettivi orali).

Tuttavia, studi in vitro hanno mostrato che la terbinafina inibisce il metabolismo mediato dal CYP2D6. Questi dati in vitro possono essere clinicamente rilevanti per le associazioni che metabolizzate principalmente da questo enzima come gli antidepressivi triciclici, (TCA) β-bloccanti, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), inibitori delle monoamino-ossidasi (MAO-inibitori) di tipo B, se il farmaco associato ha un ristretto margine terapeutico (vedì sezìone 4.4 “Specìalì avvertenze e opportune precauzìonì d’ìmpìego”).

Numerosi casi di disturbi mestruali e di emorragie spontanee sono stati riportati durante il trattamento contemporaneo con terbinafina e contraccettivi orali. Il meccanismo di questa possibile interazione non è ancora stato spiegato. Inoltre, l’eliminazione plasmatica della terbinafina può essere accelerata dai farmaci che inducono il metabolismo (come la rifampicina) e rallentata dai farmaci che inibiscono il citocromo P450 (come la cimetidina). In uno studio su volontari sani, la concomitante somministrazione di una dose singola di 100 mg di fluconazolo, un inibitore del citocromo P450, ha portato ad un aumento della Cmax e dell’AUC rispettivamente del 50% e del 70%. Se è necessaria la somministrazione simultanea di tali farmaci, può essere necessario aggiustare di conseguenza la dose della terbinafina compresse.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

I dati sull’uso di questo farmaco durante la gravidanza sono insufficienti a valutare la sua possibile pericolosità per la specie umana. Finora non vi sono indicazioni di pericolosità negli studi sugli animali.

Poichè l’esperienza clinica nelle donne in gravidanza è limitata, la terbinafina non deve essere usata in gravidanza, eccetto che in casi di assoluta necessità.

La terbinafina viene eliminata attraverso il latte materno, le donne in allattamento non devono essere trattati con terbinafina.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono attesi effetti sulla capacità di guidare e di usare macchine.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Effetti collaterali sono comparsi in circa il 10% dei pazienti che hanno partecipato agli studi clinici. Gli effetti collaterali sono solitamente transitori e quelli che compaiono con maggior frequenza riguardano il tratto gastrointestinale (5%).

Alterazioni dell’apparato gastrointestinale

Comuni (>1/100, <1/10): senso di gonfiore allo stomaco, mancanza di appetito, dispepsia, nausea, moderato dolore addominale o diarrea.

Non comuni (>1/1000, <1/100): disturbi o perdita del senso del gusto solitamente reversibili entro alcune settimane o mesi dalla fine del trattamento.

Alterazioni dell’epidermide e del derma

Comuni (>1/100, <1/10): rash, orticaria.

Rari (>1/10000, <1/1000): gravi reazioni cutanee (ad es. sindrome di Stevens- Johnson/necrolisi epidermica tossica o reazioni anafilattiche). Fotosensibilità. Il trattamento deve essere interrotto se compare un rash cutaneo ingravescente.

Estremamente rari, incluse segnalazioni occasionali (<1/10000): riacutizzazione della psoriasi.

Alterazioni del sistema nervoso

Comuni (>1/100, <1/10): cefalea.

Rari (>1/10000, <1/1000): parestesia, ipoestesia, capogiri, malessere e stanchezza.

Alterazioni dello scheletro, dell’apparato muscolo scheletrico e del tessuto interstiziale

Rari (>1/10000, <1/1000): artralgia e mialgia. Questi possono comparire come parte di una reazione di ipersensibilità in connessione con reazioni allergiche cutanee.

Organi di senso

Non comuni (>1/1000, <1/100): disturbi o perdita del senso del gusto solitamente reversibili entro alcune settimane o mesi dalla fine del trattamento.

Alterazioni del fegato e delle vie biliari

Rari (>1/10000, <1/1000): disfunzioni epato-biliari, specialmente in forma di colestasi ed in rari casi di insufficienza epatica (vedì sezìone 4.4 “Specìalì avvertenze e opportune precauzìonì d’ìmpìego”).

Alterazioni del sangue e del sistema linfatico

Rari (>1/10000, <1/1000): neutropenia, trombocitopenia (frequenza <0,02%). Estremamente rari, incluse segnalazioni occasionali (<1/10.000): disturbi ematologici come neutropenia, trombocitopenia ed agranulocitosi.

Disturbi psichiatrici

Estremamente rari, incluse segnalazioni occasionali (<1/10.000): disturbi psichici come depressione e ansia.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomi

Sono stati riportati diversi casi di sovradosaggio. L’assunzione di quantità di terbinafina fino a 5 g porta a cefalea, conati di vomito, dolore di stomaco e capogiri. La guarigione è stata completa.

Trattamento

L’assorbimento può essere prevenuto inducendo il vomito o mediante svuotamento gastrico, seguito da somministrazione di carbone attivo (assorbente) e sodio solfato (lassativo). Se necessario praticare trattamento sintomatico di supporto.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Codice ATC: D01 BA02

Gruppo farmacoterapeutico: antimicotici sistemici per uso dermatologico.

Terbinafina è un’allilamina con attività anti-micotica ad ampio spettro. Terbinafina a basse concentrazioni ha un effetto fungicida sul dermatofito e su alcuni miceti dimorfi. Ha effetto fungicida o fungistatico sui lieviti a seconda delle specie.

La terbinafina interferisce specificamente con un passaggio iniziale della biosintesi degli steroli fungini. Ciò provoca una diminuzione dell’ergosterolo ed un accumulo intracellulare di squalene, con conseguente morte delle cellule fungine. Il meccanismo d’azione della terbinafina si basa sull’inibizione della squalene-epossidasi nelle membrane cellulari fungine.

L’enzima squalene-epossidasi non è legato al sistema enzimatico del citocromo P450, per cui la terbinafina non influenza il metabolismo ormonale o di altri farmaci.

Dopo la somministrazione orale il farmaco si concentra nella cute,nei capelli e nelle unghie ad una concentrazione tale da permettere l’attività fungicida.

La prevalenza della resistenza può variare per i vari ceppi nel tempo e secondo la locazione. Per tale motivo sono necessarie informazioni locali,

particolarmente per il trattamento di infezioni gravi. Le informazioni riportate qui di seguito sono solo un tentativo di fornire una linea-guida sulle probabilità che un microrganismo sia sensibile o meno alla terbinafina.

CATEGORIA MIC90(mcg/ml) CATEGORIA MIC90(mcg/ml)
SENSIBILI
Funghi
A. flavus0.000125 – 2.7 A. glaucus0.4
A. janus0.8 A. niger0.5 – 8.7
A. terreus0.03 – 0.8 A. ustus0.5
A.versicolor1 Acremonium sp.0.031- 8.0
Alternaria sp.0.13 Aspergillus fumigatus0.00005 – 1.6
Aspergillus sp.0.03 Bipolaris sp.0.13
Chrysosporium sp.0.03 – 0.13 Cladosporium sp.0.03 – 3.4
Curvularia sp.0.06 – 0.13 Epidermophyton floccosum0.000001 – 0.03
Exophiala sp.0.03 – 0.13 Exserohilum sp.0.5
Fusarium sp.0.0005 – >128 Geotrichum sp.1.0
Microsporum canis0.000006 – 0.03 Microsporum gypseum0.015 – 0.016
Paecilomyces sp0.01 – 64. Penicillum sp.0.03 – 0.06
Phialophora sp.0.06 Pseudallescheria boydii0.5
Rhizopus sp.0.0005 – >100.0 Scedosporium sp.<0.032 – 16.0
Sporothrix sp.0.03 – 0.13 Syncephalastrum sp.0.13
Trichophyton mentagrophytes<0.001 – 0.016 Trichophyton rubrum<0.0001 – 0.25
Trichophyton tonsurans0.001 – 2.0 Wangiella sp.0.03
Lieviti
C. guilliermondii0.25 – 2.0 C. lusitaniae0.13 – 1.0
C. parapsilosis0.03 – >16.0 C. tropicalis0.06 – 16.0
Candida albicans0.13 – >16.0 Candida glabrata2.0 – 16.0
Cryptococcus neoformans0.06 – >16.0 Trichosporon beigelii0.13 – 1.0
NON SENSIBILI
Funghi
Aspergillus fumigatus>16.0 Mucor sp.16.0 – >128.0
Scedosporium apiospermum>32.0 Scedosporium prolificans16 – 32.0
Lieviti
C. kefyr>16.0

Non vi sono rapporti di sviluppo di resistenza di funghi patogeni nell’uomo associati con l’uso di terbinafina. Tuttavia, numerosi studi in vitro sui substrati suggeriscono che i sistemi di efflusso che compaiono frequentemente tra gli azoli sono presenti in alcune specie di lieviti e che questi possono costituire la base dei meccanismi di resistenza alla terbinafina. Poiché l’uso della terbinafina è crescente, in futuro ci si può aspettare la comparsa in clinica di resistenze acquisite. Può riscontrarsi un certo grado di resistenza crociata tra azoli e terbinafina.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Dopo una singola dose orale di 250 mg di terbinafina il picco di concentrazione plasmatica viene raggiunto in 2 ore ed è pari a 0,97 µg/ml. La biodisponibilità della terbinafina è influenzata dall’assunzione di cibo, ma non a livelli tali da richiedere un aggiustamento posologico.

La terbinafina si lega fortemente alle proteine plasmatiche (99%).

Essa diffonde rapidamente attraverso il derma e si concentra nello strato corneo lipofilo. È secreta col sebo e quindi raggiunge elevate concentrazioni nei bulbi piliferi e nelle zone cutanee ricche di peli e di sebo. È stato inoltre dimostrato che la terbinafina si distribuisce nelle unghie già durante le prime settimane di trattamento. In vitro è stato dimostrato che la terbinafina viene metabolizzata da almeno 7 CYP-isoenzimi e che il maggior contributo è dato

dagli isoenzimi CYP2C9, CYP1A2, CYP3A4, CYP2C8 e CYP2C19. In vivo la terbinafina viene rapidamente ed estesamente metabolizzata in metaboliti privi di attività antimicotica. Terbinafina ed i suoi metaboliti sono escreti principalmente con le urine. L’emivita di eliminazione è di 17 ore. Non c’è evidenza di accumulo del farmaco.

Le proprietà farmacocinetiche della terbinafina allo steady state delle concentrazioni plasmatiche non sembrano dipendere dall’età dei pazienti. Tuttavia, la velocità di eliminazione può risultare ridotta in soggetti con alterata funzionalità epatica o renale, con conseguente aumento dei livelli ematici di terbinafina.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Studi a lungo termine per via orale (fino ad 1 anno) effettuati sul ratto e sul cane non hanno evidenziato effetti tossici marcati in ciascuna specie fino alle dosi orali di circa 100 mg/kg/die. Ad alti dosaggi orali, il fegato e probabilmente anche il rene sono stati identificati quali potenziali organi bersaglio.

In uno studio di cancerogenesi nel topo trattato per via orale per 2 anni, non si sono evidenziate neoplasie o altre anomalie attribuibili al trattamento con dosi fino a 130 mg/kg/die (maschi) e a 156 mg/kg/die (femmine). Nel ratto trattato oralmente per 2 anni ai dosaggi più elevati pari a 69 mg/kg/die, è stato osservato nei maschi un aumento dell’incidenza dei tumori epatici. Queste alterazioni che possono essere associate alla proliferazione dei perossisomi sono risultate essere specie-specifiche in quanto non sono state riscontrate in studi di carcinogenesi nel topo, cane e scimmia.

In studi ad alte dosi nella scimmia sono stati osservati disturbi della rifrazione della retina alle dosi più alte (livello di dose non tossico: 50 mg/kg). Queste alterazioni sono state associate alla presenza di un metabolita della terbinafina nel tessuto oculare e sono scomparse dopo l’interruzione del trattamento. Esse non sono state accompagnate da alterazioni istologiche.

Una batteria di tests di genotossicità in vitro e in vivo, non ha evidenziato alcun potenziale mutageno o clastogeno.

Negli studi condotti nel ratto o nel coniglio non si sono osservati effetti sulla fertilità o sugli altri parametri riproduttivi.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Silice colloidale (E551) Croscarmellosa sodica Magnesio stearato (E470b)

Cellulosa microcristallina (E460) Povidone

Talco (E553b)

06.2 Incompatibilità

Indice

Nessuna nota.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare nella confezione originale.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Blister in Polivinil cloruro/Alluminio, confezionati in astucci in cartone contenenti: 6, 7, 8, 14, 28, 30, 42, 50, 56, 60, 90, 98 compresse e 100, 250 e

500 compresse (EAV).

Flaconi in HDPE contenenti: 6, 7, 8, 14, 28, 30, 42, 50, 56, 60, 90, 98,100, 250

o 500 compresse.

E’ possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

MYLAN S.p.A.

Via Vittor Pisani, 20 – 20124 Milano, Italia

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

A.I.C. n. 036747018/M - 250 mg compresse 6 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747020/M - 250 mg compresse 7 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747032/M - 250 mg compresse 8 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747044/M - 250 mg compresse 14 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747057/M - 250 mg compresse 28 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747069/M - 250 mg compresse 30 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747071/M - 250 mg compresse 42 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747083/M - 250 mg compresse 50 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747095/M - 250 mg compresse 56 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747107/M - 250 mg compresse 60 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747119/M - 250 mg compresse 90 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747121/M - 250 mg compresse 98 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747133/M - 250 mg compresse 100 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747145/M - 250 mg compresse 250 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747158/M - 250 mg compresse 500 compresse in blister PVC/AL

A.I.C. n. 036747160/M - 250 mg compresse 6 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747172/M - 250 mg compresse 7 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747184/M - 250 mg compresse 8 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747196/M - 250 mg compresse 14 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747208/M - 250 mg compresse 28 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747210/M - 250 mg compresse 30 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747222/M - 250 mg compresse 42 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747234/M - 250 mg compresse 50 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747246/M - 250 mg compresse 56 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747259/M - 250 mg compresse 60 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747261/M - 250 mg compresse 90 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747273/M - 250 mg compresse 98 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747285/M - 250 mg compresse 100 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747297/M - 250 mg compresse 250 compresse in flacone HDPE

A.I.C. n. 036747309/M - 250 mg compresse 500 compresse in flacone HDPE

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Ottobre 2005

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Ottobre 2008

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Terbinafina my – 8 Cpr 250 mg (Terbinafina Cloridrato)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Generico Info: Prontuario terapeutico regionale ATC: D01BA02 AIC: 036747032 Prezzo: 9,69 Ditta: Mylan Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983