Home Schede Tecniche Citalopram Hexal 20 mg: Scheda Tecnica del Farmaco

Citalopram Hexal 20 mg: Scheda Tecnica del Farmaco

Citalopram Hexal 20 mg

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Citalopram Hexal 20 mg: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Citalopram Hexal 20 mg: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

CITALOPRAM HEXAL 20 mg, compresse rivestite con film CITALOPRAM HEXAL 40 mg, compresse rivestite con film

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Citalopram 20 mg

Ogni compressa rivestita con film contiene 24,99 mg di citalopram bromidrato (equivalente a 20 mg di citalopram)

Citalopram 40 mg

Ogni compressa rivestita con film contiene 49,98 mg di citalopram bromidrato (equivalente a 40 mg di citalopram)

Eccipienti con effetto noto:

Citalopram 20 mg: ogni compressa rivestita con film contiene 23 mg di lattosio monoidrato Citalopram 40 mg: ogni compressa rivestita con film contiene 46 mg di lattosio monoidrato Per l’elenco completo degli eccipienti, si veda il paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse rivestite con film.

Citalopram 20 mg

Compressa rivestita con film oblunga e biconvessa, di colore bianco, con inciso C20 in rilievo su un unico lato.

Citalopram 40 mg

Compressa rivestita con film oblunga e biconvessa, di colore bianco, con inciso C40 in rilievo su un unico lato.

Le compresse possono essere divise in due dosi uguali.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento degli episodi di depressione maggiore.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Citalopram deve essere somministrato in un’unica dose orale, la mattina o la sera e può essere assunto indifferentemente durante o lontano dai pasti, purchè con del liquido.

L’effetto antidepressivo si manifesta dopo almeno 2 settimane dall’inizio del trattamento. Il trattamento deve essere proseguito fino a quando il paziente non avverte più i sintomi, per un periodo di 4-6 mesi.

Nel caso in cui si prevede di interrompere il trattamento, è consigliabile ridurre il dosaggio in maniera graduale per un periodo di almeno una o due settimane.

Adulti

La dose iniziale raccomandata è di 20 mg di citalopram al giorno. Se necessario, sulla base della risposta clinica individuale del paziente, la dose può essere aumentata fino a un massimo di 40 mg/die.

Anziani (età superiore a 65 anni)

Ai pazienti anziani, deve essere somministrata metà della dose consigliata, vale a dire 10-20 mg/die. In base alla risposta clinica individuale del paziente, la dose può essere aumentata fino a un massimo di 20 mg al giorno.

Bambini e adolescenti di età inferiore ai 18 anni

CITALOPRAM HEXAL non deve essere utilizzato per il trattamento di bambini e adolescenti al di sotto dei 18 anni di età (si veda il paragrafo 4.4).

Funzionalità renale ridotta

Nei pazienti affetti da compromissione renale, di entità da lieve a moderata, non è necessario un aggiustamento del dosaggio. Mancano ancora dati sufficienti sul trattamento di pazienti affetti da compromissione renale grave (clearance della creatinina inferiore a 20 ml/min).

Funzionalità epatica ridotta

È raccomandata una dose iniziale di 10 mg al giorno per le prime due settimane di trattamento in pazienti con compromissione epatica lieve o moderata. In base alla risposta individuale del paziente, la dose può essere aumentata fino a un massimo di 20 mg al giorno. Si raccomanda cautela e una titolazione del dosaggio estremamente accurata in pazienti con funzione epatica gravemente ridotta (vedere paragrafo 5.2).

Metabolizzatori lenti del CYP2C19

Per i metabolizzatori lenti del CYP2C19 una dose iniziale di 10 mg al giorno per le prime due settimane di trattamento è raccomandata. In funzione dell’ esito del trattamento la dose può essere successivamente aumentata a 20 mg (si veda il paragrafo 5.2)

Sintomi da sospensione osservati dopo l’interruzione del SSRI

La brusca interruzione deve essere evitata. Quando si interrompe il trattamento con citalopram la dose deve essere gradualmente ridotta per un periodo di almeno una o due settimane in modo da ridurre il rischio delle reazioni da sospensione ( paragrafo 4.4 e paragrafo 4.8). Se si presentano sintomi intollerabili in seguito alla diminuzione della dose o dopo l’interruzione del trattamento, allora si deve considerare di ritornare alla dose prescritta precedentemente. In seguito il medico può continuare la riduzione della dose, ma più in modo più graduale.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Citalopram è controindicato nei pazienti con noto prolungamento dell’intervallo QT o sindrome congenita del QT lungo.

Citalopram è controindicato insieme ad altri medicinali che sono noti per prolungare l’intervallo QT (vedere paragrafo 4.5).

Citalopram non deve essere somministrato a pazienti in corso di trattamento con inibitori delle monoaminossidasi (MAO-Is), inclusa la selegilina in dosi giornaliere che superano i 10mg/die. Citalopram non deve essere somministrato, nel caso di terapia con inibitori irreversibili delle Monoamminossidasi (MAOI), nei 14 giorni successivi alla sospensione del trattamento o, nel caso di inibitori reversibili delle Monoamminossidasi (RIMA), per un periodo di tempo diverso in accordo con quanto previsto dalle relative monografie. La somministrazione di MAO-inibitori non deve avvenire prima che siano trascorsi almeno sette giorni dall’interruzione del trattamento con citalopram.

Sono state descritte reazioni gravi e talvolta fatali in pazienti che hanno assunto in combinazione inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e MAO-inibitori, inclusa la selegilina, inibitore selettivo delle monoaminossidasi e la moclobemide, inibitore reversibile delle MAO (RIMA) nonchè in pazienti che avevano da poco interrotto il trattamento con SSRI e iniziato il trattamento con MAO-inibitori.

In alcuni casi sono state riscontrate manifestazioni simili alla sindrome da serotonina. I sintomi dell’interazione di una sostanza attiva con MAO-inibitori includono: ipertermia, rigidità, mioclono, instabilità del sistema nervoso autonomo con possibili rapide variazioni dei segni vitali, alterazioni dello stato mentale che includono confusione, irritabilità, agitazione estrema che possono portare progressivamente al delirio e al coma.

Trattamento concomitante con pimozide (si veda anche il paragrafo 4.5).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Assunzione da parte di bambini e adolescenti di età inferiore ai 18 anni

CITALOPRAM HEXAL non deve essere utilizzato per il trattamento di bambini e adolescenti al di sotto dei 18 anni di età. Comportamenti suicidari (tentativi di suicidio e ideazione suicidaria) e ostilità (essenzialmente aggressività, comportamento di opposizione e collera) sono stati osservati con maggiore frequenza negli studi clinici effettuati su bambini e adolescenti trattati con antidepressivi rispetto a quelli trattati con placebo. Qualora, in base ad esigenze mediche, dovesse essere presa la decisione di effettuare il trattamento, il paziente deve essere sorvegliato attentamente per quanto concerne la comparsa di sintomi suicidari. Per di più, non sono disponibili i dati sulla sicurezza a lungo termine per i bambini e gli adolescenti per quanto concerne la crescita, la maturazione e lo sviluppo cognitivo e comportamentale.

Suicidio/Pensieri suicidari o peggioramento clinico

La depressione è associata ad aumentato rischio di pensieri suicidari, autolesionismo e suicidio (suicidio/eventi correlati). Tale rischio persiste fino a che si verifichi una remissione significativa. Poiché possono non verificarsi miglioramenti durante le prime settimane di trattamento o in quelle immediatamente successive, i pazienti devono essere attentamente controllati fino ad avvenuto miglioramento. È esperienza clinica in generale che il rischio di suicidio può aumentare nelle prime fasi del miglioramento.

Pazienti con anamnesi positiva per eventi correlati al suicidio, o che manifestano un grado significativo di ideazione suicidaria prima dell’inizio del trattamento, sono a rischio maggiore di pensieri suicidari o di tentativi di suicido, e devono essere attentamente controllati durante il trattamento. Una metanalisi degli studi clinici condotti con farmaci antidepressivi in confronto con placebo nella terapia di disturbi psichiatrici, ha mostrato un aumento del rischio di comportamento suicidario nella fascia di età inferiore a 25 anni dei pazienti trattati con antidepressivi rispetto a placebo.

La terapia farmacologica con antidepressivi deve essere sempre associata ad una stretta sorveglianza dei pazienti, in particolare di quelli ad alto rischio, specialmente nelle fasi iniziali del trattamento e dopo cambiamenti di dose. I pazienti (e chi si prende cura di loro) devono essere avvertiti della necessità di monitorare e di riportare immediatamente al proprio medico curante qualsiasi peggioramento del quadro clinico, l’insorgenza di comportamento o pensieri suicidari o di cambiamenti comportamentali.

Acatisia/Irrequietezza psicomotoria

L’uso di citalopram è stato associato allo sviluppo di acatisia, caratterizzata da una sensazione di soggettiva irrequietezza sgradevole e angosciante e bisogno di muoversi spesso accompagnato da incapacità di sedersi e stare immobile. Ciò è più probabile che accada entro le prime settimane di trattamento. In pazienti che sviluppano questi sintomi, L’aumento del dosaggio può essere dannoso.

Sintomi da sospensione osservati in seguito ad interruzione del trattamento

I sintomi da sospensione osservati quando il trattamento è interrotto sono comuni, in particolare in caso di brusca interruzione (si veda il paragrafo 4.8).

Il rischio di comparsa dei sintomi da sospensione può dipendere da diversi fattori, compresi la durata della terapia, il dosaggio e il tasso di riduzione della dose.

Le reazioni più comuni riportate sono capogiri, disturbi del sensorio (comprese parestesia), disturbi del sonno (compresi insonnia e sogni vividi), agitazione o ansia, nausea e/o vomito, tremore e cefalea. Generalmente l’intensità di tali sintomi è da lieve a moderata, tuttavia in alcuni pazienti può essere grave. In genere compaiono entro i primi giorni di sospensione del trattamento, ma vi sono stati casi molto rari nei quali sono comparsi in pazienti che avevano inavvertitamente saltato una dose. Generalmente tali sintomi sono auto-limitanti, e di solito si risolvono entro due settimane, sebbene in alcuni individui possono durare più a lungo (2-3 mesi o più). Si consiglia pertanto di ridurre gradualmente la dose di citalopram, quando si sospende il trattamento, nel corso di un periodo di diverse settimane o mesi, in base alle necessità del paziente (si veda “Sintomi da sospensione osservati in seguito ad interruzione del trattamento con citalopram”, paragrafo 4.2).

Citalopram non deve essere somministrato contemporaneamente ad altri medicinali con effetti serotonergici quali sumatriptan e altri triptani, tramadolo, oxitriptano e triptofano.

Nei pazienti diabetici, il trattamento con un SSRI può alterare il controllo glicemico. Di conseguenza può rendersi necessario l’aggiustamento del dosaggio dell’insulina e/o degli ipoglicemizzanti orali.

Il trattamento con Citalopram deve essere interrotto nei pazienti nei quali si manifestano attacchi epilettici. Il Citalopram non deve essere somministrato nei pazienti con epilessia instabile mentre i pazienti con epilessia stabile devono essere strettamente monitorati. Il trattamento con citalopram deve essere interrotto se gli attacchi epilettici si verificano con maggiore frequenza.

Dato che non esiste ancora una sufficiente esperienza clinica, si raccomanda cautela nel caso di concomitante terapia elettroconvulsivante in corso di trattamento con citalopram.

Citalopram deve essere somministrato con cautela nei pazienti con storia maniacale/ipomaniacale. Il trattamento con citalopram deve essere interrotto se il paziente entra nella fase maniacale.

Durante il trattamento con SSRIs, sono stati riportati casi di allungamento del tempo di emorragia e/o anomalie quali ecchimosi, emorragie ginecologiche, emorragie gastrointestinali ed altre forme emorragiche cutanee e delle mucose (si veda il paragrafo 4.8). Si deve prestare particolare attenzione ai pazienti trattati contemporaneamente con SSRIs e con farmaci noti per i loro effetti sull’aggregazione piastrinica o con sostanze che possono aumentare il rischio di emorragie, così come con i pazienti con una storia di sanguinamenti (si veda il paragrafo 4.5).

In pazienti, cui venivano somministrati gli SSRI, in rari casi, è stata riferita una sindrome da serotonina. Una combinazione di sintomi quali agitazione, tremore, mioclono, ipertermia, può indicare lo sviluppo di questa sindrome. Se ciò si verifica, il trattamento con citalopram deve essere interrotto immediatamente e deve essere iniziato un trattamento per i sintomi.

Il citalopram nei pazienti psicotici con episodi depressivi può accrescere i sintomi psicotici.

La somministrazione di citalopram in pazienti affetti da compromissione renale grave (clearance della creatinina inferiore a 20 ml/min.), è da evitare, poiché non sono disponibili informazioni sufficienti su questo tipo di pazienti (si veda il paragrafo 4.2).

In caso di compromissione epatica, il dosaggio deve essere ridotto (si veda il paragrafo 4.2) e la funzionalità epatica deve essere strettamente monitorata.

In rari casi sono stati riferiti episodi di iponatriemia e di sindrome da inappropriata secrezione dell’ ormone anti-diuretico (SIADH), soprattutto in persone anziane. Generalmente tali sintomi sono reversibili e cessano quando viene interrotta la terapia.

Gli effetti indesiderati possono essere più comuni in caso di somministrazione contemporanea di citalopram e preparati erboristici che contengono ”Erba di San Giovanni” (Hypericum perforatum). Di conseguenza, il citalopram e i preparati erboristici che contengono ”Erba di San Giovanni” non devono essere assunti contemporaneamente (si veda il paragrafo 4.5).

All’inizio del trattamento, possono verificarsi insonnia ed agitazione e, in tal caso, può rivelarsi utile un aggiustamento del dosaggio.

Prolungamento dell’intervallo QT

È stato dimostrato che citalopram causa un prolungamento dose-dipendente delle QT. Durante il periodo post-marketing sono stati riportati casi di prolungamento dell’intervallo QT e di aritmia ventricolare incluse torsioni di punta, prevalentemente in pazienti di sesso femminile, con ipopotassiemia, o con preesistente prolungamento dell’intervallo QT o altre malattie cardiache (vedere paragrafì 4.3, 4.5, 4.8, 4.9 e 5.1).

Si consiglia cautela nei pazienti con bradicardia significativa; o in pazienti con recente infarto miocardico acuto o insufficienza cardiaca scompensata.

Alterazioni elettrolitiche come ipopotassiemia e ipomagnesiemia aumentano il rischio di gravi aritmie e devono essere corrette prima di iniziare il trattamento con citalopram.

Se si sta trattando pazienti con malattia cardiaca stabile, si deve effettuare un esame ECG prima di iniziare il trattamento.

Se si verificano segni di aritmia cardiaca durante il trattamento con citalopram, il trattamento deve essere sospeso e deve essere eseguito un esame ECG.

Le compresse contengono lattosio. I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, deficit di Lapp lattasi o da malassorbimento di glucosio-galattosio non devono assumere questo medicinale.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Combinazioni controindicate

Prolungamento dell’intervallo QT

Non sono stati eseguiti studi di farmacocinetica e farmacodinamica tra citalopram e altri medicinali che prolungano l’intervallo QT. Non si può escludere un effetto ulteriore di citalopram e questi medicinali. Pertanto, è controindicata la co-somministrazione di citalopram con medicinali che prolungano l’intervallo QT, come antiaritmici della classe IA e III, antipsicotici (ad esempio derivati della fentiazina, pimozide, aloperidolo), antidepressivi triciclici, alcuni antimicrobici (es. sparfloxacina, moxifloxacina, eritromicina IV, pentamidina, quelli per un trattamento anti-malarico in particolare alofantrina), alcuni antistaminici (astemizolo, mizolastina), ecc,.

L’uso concomitante di citalopram e di MAO-inibitori può provocare effetti indesiderati gravi, inclusa la sindrome serotoninergica (vedere ìl paragrafo 4.3).

L’uso contemporaneo di citalopram e pimozide è controindicato (si veda il paragrafo 4.3). La somministrazione concomitante di una singola dose di 2 mg di pimozide a volontari sani, che erano stati trattati con citalopram 40 mg al giorno per 11 giorni, ha causato soltanto un minore aumento dell’AUC e della Cmax di pimozide approssimativamente del 10%, che non è statisticamente significativo. Nonostante il minore aumento nel plasma dei livelli di pimozide,

l’intervallo QTc era più prolungato dopo la somministrazione concomitante di citalopram e pimozide (su una media di 10 ms) rispetto a quello dopo la somministrazione di una singola dose di solo pimozide (su una media di 2 ms). Poiché questa interazione era già stata osservata dopo somministrazione di una singola dose di pimozide, il trattamento concomitante con citalopram e pimozide è controindicato.

L’effetto serotonergico del sumatriptan può essere potenziato dagli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Fintanto che non saranno disponibili maggiori informazioni, è da evitare il trattamento concomitante di citalopram e 5-HT agonisti, quali il sumatriptan ed altri triptani (si veda il paragrafo 4.4).

Si deve fare attenzione ai pazienti trattati contemporaneamente con anticoagulanti, farmaci che possono influenzare l’aggregazione piastrinica, quali i NSAIDs (farmaci antiinfiammatori non steroidei), acido acetilsalicilico, dipiridamolo, ticlopidina o altri farmaci (antipsicotici atipici, fenotiazina, antidepressivi triciclici) che possono aumentare il rischio di emorragie (si veda il paragrafo 4.4).

La cautela è giustificata per l’uso concomitante di altri medicinali che prolungano l’intervallo QT o dei farmaci che inducono ipocaliemia/ipomagnesia che come il citalopram prolungano anche l’intervallo QT.

SSRI possono abbassare la soglia delle crisi epilettiche. E’ consigliata cautela quando vengono usati in concomitanza altri prodotti medicinali capaci di abbassare la soglia delle crisi epilettiche (per esempio antidepressivi (triciclici, SSRI), neurolettici (fenotiazie, tioxantine e butirrofenoni), mefloquina, bupropione e tramadolo).

Fino ad oggi, non sono state riportate interazioni clinicamente rilevanti del citalopram con i neurolettici. Tuttavia, così come per gli altri SSRI, la possibilità di un’interazione farmacodinamica non può essere esclusa a priori.

Gli effetti indesiderati possono essere più frequenti in caso di somministrazione contemporanea di citalopram e preparati erboristici, che contengono ”Erba di San Giovanni” (Hypericum perforatum) (si veda il paragrafo 4.4).

Non sono state osservate reazioni farmacodinamiche o farmacocinetiche fra il citalopram e l’alcool. Ad ogni modo, l’associazione di citalopram e di bevande alcoliche è sconsigliata.

Interazioni farmacocinetiche

Escitalopram (l’enantiomero attivo del citalopram) è un inibitore dell’enzima CYP2D6. E’ raccomandata cautela quando citalopram è somministrato contemporaneamente con prodotti medicinali che sono principalmente metabolizzati da questo enzima e che hanno un basso indice terapeutico, per esempio flecainide, propafenone e metoprololo (quando usato nell’insufficienza cardiaca), o alcuni prodotti medicinali agenti sul CNS che sono maggiormente metabolizzati da CYP2D6, per esempio antidepressivi come desipramina, clomipramina e nortriptilina o antipsicotici come risperidone, tioridazina e aloperidolo. Se il citalopram viene somministrato contemporaneamente al metoprololo (substrato del CYP2D6), i livelli plasmatici di metoprololo raddoppiano.

Il metabolismo di escitalopram è principalmente mediato da CYPC19. CYP3A4 e CYP2D6 possono anche contribuire al metabolismo sebbene in misura minore. Il metabolismo del metabolita maggiore S-DCT (escitalopram demetilato) sembra parzialmente catalizzato da CYP2D6.

La cimetidina, un potente inibitore del CYP2D6, 3A4 e 1A2, provoca un moderato aumento dei livelli plasmatici del citalopram allo steady state. Bisogna fare attenzione quando si somministra citalopram contemporaneamente a cimetidina. Si consiglia un aggiustamento della dose.

La somministrazione contemporanea di escitalopram con omeprazolo 30 mg una volta al giorno (un inibitore CYP2C19) risulta in un moderato aumento della concentrazione plasmatica di escitalopram (approssimativamente 50%).

Perciò, bisogna avere cautela quando vengono usati in contemporanea inibitori di CYP2C19 (per esempio omeprazolo esomeprazolo, fluvoxamina, lansoprazolo, ticlopidina) o cimetidina. Può essere necessaria una riduzione della dose di escitalopram basata sul monitoraggio degli effetti indesiderati durante trattamento contemporaneo.

Il citalopram non presenta alcuna interazione farmacocinetica con il litio. Tuttavia, sono stati riportati aumenti degli effetti serotonergici quando venivano somministrati SSRI in combinazione con il litio o il triptofano. E’ necessario, di conseguenza, prestare una particolare attenzione in caso di somministrazione contemporanea di citalopram e di queste sostanze. In generale, i livelli di Litio devono essere routinariamente monitorati.

In uno studio di farmacocinetica non è stato evidenziato nessun effetto sui livelli di citalopram e imipramina, sebbene il livello di desipramina, il metabolita primario dell‘ imipramina, sia risultato aumentato. Quando la desipramina è somministrata contemporaneamente al citalopram, si è riscontrato un aumento della concentrazione plasmatica di desipramina. Può quindi essere necessaria una riduzione del dosaggio di desipramina.

Non è stata osservata nessuna interazione farmacocinetica fra il citalopram e la levomepromazina, la digossina o la carbamazepina e il suo metabolita carbamazepina-epossido.

L’assorbimento e le altre proprietà farmacocinetiche del citalopram non risultano essere influenzate dalla dieta.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Esistono dati limitati relativi alla somministrazione di citalopram durante la gravidanza. Gli studi preclinici effettuati sui ratti hanno dimostrato effetti teratogeni con dosi elevate, che provocavano una tossicità materna (si veda il paragrafo 5.3 “Dati preclinici di sicurezza”). Il potenziale rischio negli esseri umani non è noto. Durante la gravidanza, citalopram deve essere somministrato esclusivamente nel caso in cui venga ritenuto strettamente necessario.

Casi di sintomi da sospensione nei bambini appena nati sono stati riportati dopo l’uso di SSRI al termine della gravidanza. I neonati devono essere tenuti sotto osservazione se l’ uso materno di citalopram continua negli ultimi stadi della gravidanza. L’improvvisa interruzione deve essere evitata durante la gravidanza.

Dati epidemiologici suggeriscono che l’uso di SSRI in gravidanza, particolarmente nelle fasi avanzate della gravidanza, può aumentare il rischio di ipertensione polmonare persistente nel neonato (persistent pulmonary hypertension in the newborn, PPHN). Il rischio osservato è approssimativamente pari a 5 casi su 1000 gravidanze. Nella popolazione generale tale rischio è pari a 1-2 casi su 1000 gravidanze.

I seguenti sintomi possono presentarsi nei neonati dopo l’uso materno di SSRI/SNRI negli ultimi stadi della gravidanza: distress respiratorio, cianosi, apnea, crisi epilettiche, instabilità della temperatura, difficoltà a nutrirsi, vomito ipoglicemia, ipertonia, ipotonia, iperriflessia, tremori, nervosismo, irritabilità, letargia, pianto costante, sonnolenza e difficoltà a dormire. Questi sintomi possono essere dovuti sia agli effetti serotoninergici che ai sintomi da sospensione. Nella maggior parte dei casi le complicazioni iniziano immediatamente i subito dopo il parto (< 24 ore).

Allattamento

Il citalopram viene escreto nel latte materno in piccole quantità. I vantaggi dell’allattamento al seno, ad ogni modo, devono superare i potenziali effetti indesiderati per il bambino.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Il citalopram ha un’influenza scarsa o moderata sulla capacità di guidare e di usare macchinari. Tutti i farmaci psicoattivi possono ridurre la capacità di valutare e di reagire alle emergenze. È necessario, pertanto, informare i pazienti di questi effetti e avvertire che la capacità di guidare e di usare macchinari può essere influenzata.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Le reazioni avverse, osservate con citalopram, sono generalmente di lieve entità e transitorie. Esse si manifestano soprattutto durante le prime settimane di trattamento e, solitamente, si attenuano man mano che migliora lo stato depressivo.

Effetti indesiderati che sono emersi nel corso del trattamento e riscontrati negli studi clinici:

Effetto Molto comuni (> 1/10) Comuni (> 1/100, < 1/10) Non comune (> 1/1000, < 1/100) Rari (> 1/10.000, < 1/1.000) Altri eventi riportati dopo l’autorizzazione di Citalopram
Patologie del sistema emolinfopoietico Emorragia (per esempio emorragia ginecologica, emorragia gastrointestinale, ecchimosi e e altre forme di emorragia della pelle o sanguinamento delle membrane mucose.
Disturbi del metabolismo e della nutrizione Diminuzione di peso, aumento di peso
Disturbi Psichiatrici Sonnolenza, insonnia, agitazione, nervosismo Sisturbi del sonno, compromissione della capacità di concentrazione, alterazioni oniriche, amnesia, ansia, diminuzione della libido, aumento dell’appetito, anoressia, apatia, confusione Euforia, aumento della libido Allucinazioni, mania, depersonalizzazione, attacchi di panico (questi sintomi possono essere dovuti ad uno stato patologico pre-esistente) pensieri e comportamenti suicidari (si veda il paragrafo 4.4)
Patologie del Sistema Nervoso Cefalea, tremori, capogiri Emicrania, parestesia Disturbi extrapiramidali, convulsioni Agitazione psicomotoria/acatisia (si veda il paragrafo 4.4)
Patologie dell’occhio Anomalie dell’accomodazione Anomalie della visione
Patologie dell’orecchio e del labirinto Tinnito
Patologie cardiache Palpitazioni Tachicardia Bradicardia (può essere più frequente nei pazienti anziani > 65 anni) Aritmie sopraventricolari e ventricolari
Patologie del sistema vascolare Ipotensione posturale, ipotensione, ipertensione
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche Rinite, sinusite Tosse
Patologie gastrointestinali Nausea, secchezza delle fauci, stipsi, diarrea Dispepsia, vomito, dolori addominali, flatulenza, aumento della salivazione
Patologie epatobiliari Aumento degli enzimi epatici
Patologie della cute e dei tessuti sottocutanei Sudorazione eccessiva Rush, prurito Fotosensibilità Angioedema
Patologie dell’apparato muscolo-scheletrico e del tessuto connettivo Mialgia Artralgia
Patologie renali e delle vie urinarie Disturbi della minzione, poliuria Iponatriemia e sindrome da inappropriata secrezione dell’ormone anti-diuretico (SIADH), principalmente negli anziani (si veda paragrafo 4.4)
Patologie dell’apparato riproduttivo e delle mammelle Incapacità di eiaculazione, anorgasmia femminile, dismenorrea, impotenza Galattorrea
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Astenia Fatica, sbadigli, anomalie del gusto Reazioni allergiche, sincope, malessere sindrome da serotonina Reazioni anafilattoidi

* Casi di ideazioni suicidarie e comportamenti suicidari sono stati riportati durante la terapia con citalopram o subito dopo l’interruzione del trattamento (si veda il paragrafo 4.4).

Reazioni in seguito a interruzione del trattamento con SSRI

L’interruzione del trattamento (in particolare quando avviene bruscamente), può comunemente causare reazioni da sospensione capogiri disturbi sensoriali (inclusa la parestesia), disturbi del sonno (inclusa insonnia e sogni vividi), agitazione o ansia, nausea e/o vomito, tremore e cefalea sono le reazioni più comunemente riportate. Generalmente questi eventi sono da lievi a moderati e sono auto-limitanti, comunque, in alcuni pazienti possono essere gravi e/o prolungati. Si consiglia pertanto, quando il trattamento con citalopram non è più neccesario, la graduale interruzione attraverso la diminuzione graduale della dose (si vedano il paragrafo 4.2 e il paragrafo 4.4).

04.9 Sovradosaggio

Indice

La dose letale non è nota. Pazienti che hanno assunto una dose fino a 2 g di citalopram sono sopravvissuti. Gli effetti da sovradosaggio sono potenziati dalla contemporanea assunzione di alcool. Si può verificare una possibile interazione con antidepressivi triciclici e inibitori MAO.

Sintomi

Sono stati riportati casi di nausea, vomito, sudorazione, tachicardia, sonnolenza, coma, distonia, convulsioni, iperventilazione e iperpiressia.

Sono state osservate disfunzioni cardiache tra le quali ritmo nodale, prolungamento dell’intervallo QT ed allargamento del complesso QRS. Sono stati inoltre riportati casi di bradicardia prolungata con grave ipotensione e sincope.

Raramente, in gravi casi di intossicazione, possono comparire caratteristiche della “sindrome della serotonina”. Tra queste vi sono alterazioni dello stato mentale, iperattività neuromuscolare e instabilità del sistema nervoso autonomo. Può inoltre verificarsi iperpiressia ed innalzamento della dei livelli di creatinchinasi sierica. La rabdomiolisi è rara.

Trattamento

Deve essere eseguito un ECG. Negli adulti e bambini che abbiano assunto una dose superiore a 5 mg/kg entro 1 ora deve essere presa in considerazione la somministrazione di carbone attivo per via orale.

Controllare le convulsioni tramite la somministrazione endovenosa di diazepam, se frequenti e prolungate.

Il trattamento deve essere sintomatico e di supporto e include il mantenimento della pervietà delle vie aeree ed il monitoraggio delle funzioni cardiache e dei segni vitali fino a quando questi ritornano ad essere stabili.

Un monitoraggio dell’ECG è consigliabile in caso di sovradosaggio nei pazienti con insufficienza cardiaca congestizia/bradiaritmia, nei pazienti con terapia concomitante con medicinali che prolungano l’intervallo QT o in pazienti con alterato metabolismo, come ad esempio insufficienza epatica.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: antidepressivo, inibitore selettivo della serotonina Codice ATC: N06A B04

Citalopram è un antidepressivo che possiede un potente, e selettivo, effetto inibitorio sulla ricaptazione della 5-idrossitriptamina (5-HT, serotonina).

Meccanismo d’azione ed effetti farmacodinamici

Lo sviluppo di tolleranza, sulla attività inibitoria sulla ricaptazione della 5-HT, non si verifica nel trattamento a lungo termine con citalopram. E’ probabile che l’effetto antidepressivo sia collegato alla specifica inibizione della ricaptazione della serotonina nei neuroni del cervello.

Citalopram non provoca quasi nessun effetto sulla ricaptazione neuronale della noradrenalina, della dopamina e dell’acido gamma-aminobutirico. Citalopram non ha nessuna, o poca, affinità per i recettori colinergici e istaminergici e per numerosi recettori adrenergici, serotonergici e dopaminergici.

Il citalopram è un derivato biciclico dell’isobenzofurano e non è chimicamente correlato ai derivati triciclici, tetraciclici e ad altri antidepressivi disponibili.

I metaboliti principali di citalopram sono inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, sebbene in misura minore. Non è riportato che i metaboliti contribuiscano all’effetto terapeutico.

In uno studio in doppio cieco, ECG controllato con placebo in soggetti sani, la variazione dal basale del QTc (correzione Fridericia) è stata del 7,5 (90% Cl 5,9-9,1) msec alla dose di 20 mg al giorno e 16,7 (90% Cl 15,0 -18,4) msec alla dose di 60 mg al giorno (vedere paragrafì 4.3, 4.4, 4.5,

4.8 e 4.9).

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Caratteristiche generali della sostanza attiva

Assorbimento

Citalopram viene rapidamente assorbito dopo somministrazione per via orale; la massima concentrazione plasmatica viene raggiunta in media dopo circa 4 (1-7) ore. L’assorbimento è indipendente dall’assunzione di cibo.

La biodisponibilità orale è di circa dell’80%.

Distribuzione

Il volume apparente di distribuzione è di 12-17 l/kg.

Il legame del citalopram e dei suoi metaboliti con le proteine plasmatiche è inferiore all’80%.

Biotrasformazione

Citalopram è metabolizzato in demetilcitalopram, didemetilcitalopram, citalopram N-ossido e nel derivato deaminato dell’acido propionico. Il derivato dell’acido propionico è farmacologicamente inattivo. Il Demetilcitalopram, il didemetilcitalopram ed il citalopram N-ossido, sono inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, sebbene in misura inferiore rispetto al citalopram.

Il principale metabolizzatore è l’enzima CYP2C19. E’ possibile qualche contributo da CYP3A4 e CYP2D6.

Eliminazione

L’emivita plasmatica è di circa 1 giorno e mezzo. La clearance plasmatica, dopo somministrazione sistemica, è di circa 0,3-0,4 l/min, e la clearance plasmatica dopo somministrazione orale è di circa 0,4 l/min. Citalopram viene eliminato soprattutto attraverso il fegato (85%), ma in parte (15%) anche attraverso i reni. Il 12-23% della dose somministrata di citalopram viene eliminato immodificato nell’urina.

La clearance epatica è di circa 0,3 l/min, e quella renale di 0,05-0,08 l/min. Le concentrazioni allo steady state vengono raggiunte dopo 1-2 settimane.

E’ stata dimostrata una relazione lineare fra le concentrazioni allo steady state e la dose somministrata. Con un dosaggio di 40 mg / die, si raggiunge una concentrazione plasmatica

media di circa 300 nmol/l. Non è stata dimostrata nessuna chiara relazione fra la concentrazione plasmatica di citalopram e l’effetto terapeutico o i possibili effetti indesiderati.

Caratteristiche relative ai diversi pazienti

Sono state riscontrate nei pazienti anziani emivite plasmatiche più lunghe e una minore clearance, derivante da un ridotto metabolismo.

Citalopram viene eliminato più lentamente nei pazienti con ridotta funzionalità epatica. L’emivita plasmatica del citalopram è approssimativamente due volte più lunga e la concentrazione plasmatica allo steady state è circa due volte più alta rispetto ai pazienti che con una normale funzionalità epatica.

Citalopram viene eliminato più lentamente nei pazienti affetti da compromissione renale da lieve a moderata. Sono stati osservati una più lunga emivita e un lieve aumento nell’esposizione al citalopram senza che ciò influenzi in maniera rilevante la farmacocinetica del citalopram. Non ci sono dati sufficienti relativi al trattamento di pazienti affetti da grave compromissione renale (clearance inferiore a 20 ml / minuto).

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Dati preclinici sulla base studi convenzionali sulla sicurezza farmacologica, genotossica e carcinogenica, non hanno rivelato particolari rischi per gli esseri umani. Questa affermazione si basa su dati derivati da studi farmacologici convenzionali di sicurezza, e su dati relativi alla tossicità a dosi ripetute, alla genotossicità ed alla potenziale carcinogenicità. In studi relativi alla tossicità dopo somministrazioni ripetute su ratti, è stata riscontrata fosfolipidosi in diversi organi. Questo effetto reversibile è conosciuto per diverse amine lipofiliche e non è connesso agli effetti morfologici e funzionali. La rilevanza clinica non è chiara. Studi di embriotossicità nei ratti hanno mostrato che il citalopram, se somministrato ad alte dosi alla madre, provoca anomalie scheletriche nel feto. Gli effetti possono essere dovuti all’attività farmacologica o possono essere un effetto indiretto dovuto alla tossicità materna. Studi peri- e postnatali hanno rivelato una ridotta sopravvivenza nei figli durante il periodo di allattamento. Il potenziale rischio per gli esseri umani non è noto.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Nucleo: cellulosa microcristallina; glicerolo 85 %; magnesio stearato; amido di mais; lattosio monoidrato; copovidone; sodio amidoglicolato (tipo A). Rivestimento: macrogol 6000; ipromellosa; talco; titanio diossido (E 171).

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo medicinale non richiede nessuna speciale precauzione per la conservazione.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Le compresse sono confezionate in blister in PVDC-PVC/alluminio, inserito in un astuccio di cartone.

Citalopram 20 mg

Confezioni da:

12, 14, 20, 28, 30, 50, 56, 98, 100, 250 compresse rivestite con film.

Citalopram 40 mg

Confezioni da:

14, 20, 28, 30, 50, 56, 98, 100 compresse rivestite con film.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione in particolare

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

HEXAL S.p.A.

Largo U. Boccioni, 1 21040 Origgio (VA)

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

A.I.C. n. 036367124/M – 12 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367136/M – 14 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367148/M – 20 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367151/M – 28 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367163/M – 50 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367175/M – 56 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367187/M – 98 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367199/M – 100 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367201/M – 250 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367213/M – 100 x 1 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367225/M – 250 x 1 compresse rivestite con film da 20 mg

A.I.C. n. 036367340/M – 14 compresse rivestite con film da 40 mg

A.I.C. n. 036367353/M – 20 compresse rivestite con film da 40 mg

A.I.C. n. 036367365/M – 28 compresse rivestite con film da 40 mg

A.I.C. n. 036367377/M – 50 compresse rivestite con film da 40 mg

A.I.C. n. 036367389/M – 56 compresse rivestite con film da 40 mg

A.I.C. n. 036367391/M – 98 compresse rivestite con film da 40 mg

A.I.C. n. 036367403/M – 100 compresse rivestite con film da 40 mg

A.I.C. n. 036367415/M – 100 x 1 compresse rivestite con film da 40 mg

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Dicembre 2004

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Luglio 2008

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Citalopram hex – 28 Cpr Riv 20 mg (Citalopram Bromidrato)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Generico Info: Prontuario terapeutico regionale ATC: N06AB04 AIC: 036367151 Prezzo: 6,8 Ditta: Sandoz Spa


Citalopram hex – 14 Cpr Riv 40 mg (Citalopram Bromidrato)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Generico Info: Prontuario terapeutico regionale ATC: N06AB04 AIC: 036367340 Prezzo: 6,8 Ditta: Sandoz Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983