Pubblicita'

Cabergolina sandoz gmbh compresse

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Cabergolina sandoz gmbh compresse: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

 

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Cabergolina Sandoz Gmbh 1 mg compresse Cabergolina Sandoz Gmbh 2 mg compresse

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Cabergolina Sandoz Gmbh 1 mg compresse: Ogni compressa contiene 1 mg di cabergolina.

Cabergolina Sandoz Gmbh 2 mg compresse: Ogni compressa contiene 2 mg di cabergolina.

Eccipiente con effetti noti:

Cabergolina Sandoz Gmbh 1 mg compresse: Ogni compressa contiene 75, 4 mg di lattosio anidro.

Cabergolina Sandoz Gmbh 2 mg compresse: Ogni compressa contiene 150, 8 mg di lattosio anidro.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compressa

Cabergolina Sandoz Gmbh 1 mg compresse: compressa bianca, ovale, non rivestita, con una linea di frattura e l’incisione “C 1” su un lato.

Cabergolina Sandoz Gmbh 2 mg compresse: compressa bianca, ovale, non rivestita, biconvessa, con una linea di frattura e l’incisione “C 2” su un lato.

La compressa può essere divisa in due dosi uguali.

 

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento del morbo di Parkinson.

Quando viene ritenuto opportuno il trattamento dei segni e dei sintomi del morbo di Parkinson con un farmaco agonista della dopamina, la cabergolina è indicata come terapia di seconda linea nei pazienti intolleranti o che non abbiano risposto al trattamento con farmaci non derivati dall’ergotamina, sia in monoterapia sia in associazione alla levodopa in combinazione con un inibitore della dopa-decarbossilasi.

Il trattamento deve essere intrapreso sotto la supervisione di un medico specialista. Il beneficio derivante da un trattamento continuato deve essere periodicamente rivalutato, tenendo conto del rischio di reazioni fibrotiche e valvulopatia (vedere paragrafì 4.3, 4.4 e 4.8).

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

La cabergolina deve essere somministrata per via orale. Al fine di ridurre il rischio di effetti indesiderati di tipo gastrointestinale, si raccomanda di assumere la cabergolina, per tutte le indicazioni terapeutiche, durante i pasti.

La dose massima è 3 mg di cabergolina al giorno.

Pazienti adulti ed anziani:

Come noto per gli agonisti dopaminergici, la dose ottimale in termini sia di efficacia che di effetti indesiderati sembra essere legata alla sensibilità individuale. L’ottimizzazione della dose deve essere ottenuta con una lenta titolazione, cominciando da dosi giornaliere iniziali di 0,5 mg di cabergolina (nei pazienti di nuova diagnosi) e 1 mg di cabergolina (nei pazienti già in trattamento con levodopa). Nel caso di somministrazione concomitante, il dosaggio di levodopa deve essere gradualmente ridotto, mentre il dosaggio di cabergolina viene aumentato, fino al raggiungimento dell’equilibrio ottimale tra i due farmaci. In considerazione della lunga emivita del farmaco, gli incrementi della dose giornaliera pari a 0,5-1 mg di cabergolina devono essere effettuati settimanalmente (nelle settimane iniziali) o ad intervalli bisettimanali, fino al raggiungimento della dose ottimale.

La dose terapeutica raccomandata varia da 2 a 3 mg di cabergolina /die in terapia associata con levodopa/carbidopa. La cabergolina deve essere somministrata in dose singola giornaliera.

Uso nei bambini e negli adolescenti:

La sicurezza e l’efficacia della cabergolina nei bambini o negli adolescenti non sono state stabilite, poichè il morbo di Parkinson non colpisce questa fascia di popolazione.

Uso nei pazienti con disfunzione epatica o renale

Per i pazienti con grave disfunzione epatica o insufficienza renale allo stadio terminale, vedere paragrafi 4.3 e 4.4.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità alla cabergolina, ad altri alcaloidi dell’ergot o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Pubblicita'

Anamnesi di malattia fibrotica polmonare, pericardica e retroperitoneale. Per il trattamento a lungo termine: Evidenza di valvulopatia cardiaca, confermata da ecocardiografia eseguita prima del trattamento (vedere paragrafo 4.4 – Fìbrosì e valvulopatìa cardìaca e fenomenì clìnìcì possìbìlmente correlatì).

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Osservazioni generali

Come con altri derivati dell’ergot, la cabergolina deve essere somministrata con cautela nei soggetti con grave malattia cardiovascolare, ipotensione, sindrome di Raynaud, ulcera peptica o emorragia

gastrointestinale. Gli effetti del’alcol sulla tollerabilità generale della cabergolina sono al momento sconosciuti.

La cabergolina deve essere somministrata con cautela nei pazienti con anamnesi di gravi malattie mentali, in particolare psicotiche.

Insufficienza epatica

Nei pazienti con insufficienza epatica grave devono essere prese in considerazione dosi più basse di cabergolina. Un aumento dei valori di AUC è stato osservato nei pazienti con insufficienza epatica grave (classe C del punteggio Child-Pugh) che avevano ricevuto una singola dose da 1 mg, rispetto ai volontari sani e a quelli con un grado più basso di insufficienza epatica.

Ipotensione posturale

Può verificarsi ipotensione posturale in seguito alla somministrazione della cabergolina, in particolare durante i primi giorni di somministrazione della cabergolina. Deve essere prestata attenzione nella somministrazione della cabergolina in concomitanza con altri medicinali noti per abbassare la pressione sanguigna.

Fibrosi e valvulopatia cardiaca e fenomeni clinici possibilmente correlati: Dopo uso prolungato di derivati dell’ergot, con attività agonista sui recettori serotoninergici 5HT2B, come la cabergolina, sono stati riportati disturbi fibrosici ed infiammatori a carico delle sierose come pleurite, versamento pleurico, fibrosi pleurica, fibrosi polmonare, pericardite, versamento pericardico, valvulopatia cardiaca con interessamento di una o più valvole (aortica, mitralica e tricuspide) o fibrosi retroperitoneale. In alcuni casi, i sintomi o le manifestazioni di valvulopatia cardiaca sono migliorati dopo interruzione del trattamento con la cabergolina.

In associazione a versamento pleurico/fibrosi è stato osservato un aumento anomalo della velocità di eritrosedimentazione (VES). Pertanto, in caso di inspiegato aumento della VES a valori anomali si raccomanda l’esecuzione di un radiografia del torace. Le misurazioni della creatinina sierica possono anche essere di aiuto nella diagnosi di patologia fibrotica. A seguito di diagnosi di versamento pleurico/fibrosi polmonare o valvulopatia, è stato riportato che l’interruzione del trattamento con cabergolina ha determinato un miglioramento dei segni e sintomi (vedere paragrafo 4.3).

La valvulopatia è stata associata a dosi cumulative, pertanto i pazienti devono essere trattati con la dose minima efficace. Ad ogni controllo si deve riesaminare per ogni paziente il rapporto rischio/beneficio del trattamento con cabergolina, per valutare la necessità di proseguire la terapia.

Prima di iniziare il trattamento a lungo termine:

Tutti i pazienti devono essere sottoposti a valutazione cardiovascolare, compreso ecocardiogramma, per valutare la presenza potenziale di malattia valvolare asintomatica. Prima di iniziare la terapia è appropriato eseguire inoltre indagini basali sulla velocita di eritrosedimentazione o altri

marcatori di infiammazione, test di funzionalità polmonare/esame radiografico del torace e funzionalità renale.

Nei pazienti con reflusso valvolare non è noto se il trattamento con la cabergolina possa aggravare la malattia di base. Se viene accertata malattia valvolare fibrotica, il paziente non deve essere trattato con cabergolina (vedere paragrafo 4.3).

Durante il trattamento a lungo termine:

Le malattie fibrotiche possono avere un esordio insidioso ed il paziente deve quindi essere regolarmente monitorato per possibili manifestazioni di fibrosi progressiva.

Pertanto, durante il trattamento, si deve prestare attenzione ai segni e sintomi di:

Malattia pleuropolmonare, come dispnea, mancanza di fiato, tosse

persistente o dolore toracico.

Insufficienza renale o ostruzione vascolare dell’uretere/addome, che può manifestarsi con dolore alla zona lombare/fianchi ed edema agli arti inferiori, e presenza di qualsiasi tipo di massa o dolorabilità addominale che può indicare fibrosi retroperitoneale.

Insufficienza cardiaca, poichè casi di fibrosi valvolare e pericardica si sono spesso manifestati con insufficienza cardiaca. Pertanto, se si verificano tali sintomi si deve escludere la presenza di fibrosi valvolare (e pericardite costrittiva).

È essenziale effettuare controlli clinici e diagnostici per eventuale sviluppo di malattie fibrotiche, secondo necessità. Dopo l’inizio del trattamento, il primo ecocardiogramma deve essere eseguito entro 3-6 mesi, mentre successivamente la frequenza del monitoraggio ecocardiografico deve essere determinata in base ad un’appropriata valutazione clinica individuale, con particolare attenzione ai segni e sintomi sopra menzionati, ma sempre con una frequenza minima di almeno 6-12 mesi.

L’assunzione della cabergolina deve essere interrotta se l’ecocardiogramma rivela un nuovo reflusso valvolare o l’aggravamento di un reflusso già esistente, restringimento valvolare o ispessimento dei lembi valvolari o malattia fibrotica valvolare (vedere paragrafo 4.3).

La necessità di ulteriori controlli clinici (per es. esame obiettivo compresa auscultazione cardiaca, radiografia, TAC) deve essere determinata su base individuale.

Indagini appropriate aggiuntive come velocità di eritrosedimentazione e creatinina sierica devono essere eseguite, se necessario, per supportare una diagnosi di malattia fibrotica.

Ipotensione

Nelle 6 ore seguenti la somministrazione di cabergolina può verificarsi ipotensione sintomatica: si deve prestare quindi particolare attenzione quando si somministra cabergolina in concomitanza con altri medicinali che abbassano la pressione sanguigna. A causa della sua emivita di

eliminazione, gli effetti ipotensivi della cabergolina possono persistere per qualche giorno dopo la cessazione della terapia. Si raccomandano controlli periodici della pressione sanguigna nei primi 3-4 giorni dopo l’inizio del trattamento.

Sonnolenza/sonno ad insorgenza improvvisa

La cabergolina è stata associata a sonnolenza ed episodi di sonno con insorgenza improvvisa, in particolare nei pazienti con morbo di Parkinson. E’ stata riportata insorgenza improvvisa di sonno durante le attività diurne, in alcuni casi senza consapevolezza o segni premonitori. I pazienti devono essere informati di questa possibilità e avvertiti di usare cautela durante la guida di veicoli o l’uso di macchinari nel corso del trattamento con cabergolina. I pazienti che hanno manifestato sonnolenza e/o un episodio di sonno improvviso devono astenersi dal guidare veicoli o usare macchinari (vedere paragrafo 4.7). Inoltre, può essere presa in considerazione una riduzione del dosaggio o l’interruzione della terapia (vedere paragrafo 4.7).

Disturbi del controllo degli impulsi psichiatrici:

I pazienti devono essere periodicamente monitorati per lo sviluppo di disturbi del controllo degli impulsi. I pazienti e chi si prende cura di loro devono essere consapevoli che i sintomi comportamentali di disturbi del controllo degli impulsi, inclusi gioco d’azzardo patologico, aumento della libido, ipersessualità, tendenza compulsiva a spendere o fare acquisti, bulimia e alimentazione compulsiva, possono verificarsi in pazienti trattati con agonisti della dopamina, incluso la cabergolina. Se tali sintomi si sviluppano si deve prendere in considerazione la riduzione della dose/sospensione graduale.

Insufficienza renale

Non sono state osservate differenze generali nella farmacocinetica della cabergolina in presenza di malattia renale da moderata a grave. La farmacocinetica della cabergolina non è stata studiata nei pazienti con insufficienza renale allo stadio terminale o nei pazienti emodializzati; questi pazienti devono essere pertanto trattati con cautela.

Altro

Questo medicinale contiene lattosio. I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, da deficit di lattasi o da malassorbimento di glucosio-galattosio non devono assumere questo medicinale.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Pubblicita'

L’uso concomitante di agonisti non-dopaminergici antiparkinson (ad esempio selegilina, amantadina, biperiden, triexifenidile) è stato permesso negli studi clinici nei pazienti trattati con cabergolina.

Negli studi in cui sono state valutate le interazioni farmacocinetiche di cabergolina con L-dopa o selegilina, non sono state osservate interazioni.

Non sono disponibili informazioni sulle possibili interazioni tra cabergolina ed altri alcaloidi dell’ergot. Pertanto, il trattamento a lungo termine con la cabergolina in associazione con questi medicinali non è consigliato.

Precauzioni

Devono essere prese in considerazione interazioni con altri medicinali che riducono la pressione sanguigna. Le interazioni farmacocinetiche con altri medicinali non possono essere predette sulla base delle informazioni disponibili sul metabolismo della cabergolina. Dal momento che la cabergolina esercita il suo effetto terapeutico attraverso la stimolazione diretta dei recettori della dopamina, non deve essere somministrato in concomitanza con medicinali che hanno attività antagonista della dopamina (quali fenotiazine, butirrofenoni, tioxanteni, metoclopramide) dal momento che questi potrebbero ridurre l’effetto terapeutico di cabergolina.

Come con altri derivati dell’ergot, cabergolina non deve essere utilizzato in associazione con antibiotici macrolidi (come l’eritromicina) a causa della maggiore disponibilità sistemica.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Non vi sono studi adeguati e ben controllati sull’uso di cabergolina in donne in gravidanza. Gli studi sugli animali non hanno dimostrato effetti teratogeni, ma una riduzione della fertilità ed embrio-tossicità sono state osservate in associazione con l’attività farmacodinamica (vedere paragrafo 5.3).

In uno studio osservazionale di dodici anni sugli esiti della gravidanza dopo la terapia con la cabergolina, sono disponibili informazioni su 256 gravidanze. Diciassette di queste 256 gravidanze (6,6%) sono risultate nelle principali malformazioni congenite o l’aborto. Le informazioni sono disponibili in 23/258 bambini che hanno avuto un totale di 27 anomalie neonatali, maggiori e minori. Le malformazioni muscoloscheletriche erano le anomalie neonatali più comuni (10), seguite da anomalie cardio- polmonari (5). Non ci sono informazioni sui disturbi perinatali e lo sviluppo a lungo termine dei bambini esposti alla cabergolina intra-uterina. Sulla base della letteratura pubblicata di recente, è stato segnalato che la prevalenza di malformazioni congenite maggiori nella popolazione generale è pari o superiore a 6,9%. I tassi di anomalia congenita variano tra le diverse popolazioni. Non è possibile determinare con precisione se vi è un rischio maggiore in quanto non è stato incluso il gruppo di controllo.

Si raccomanda di utilizzare misure contraccettive durante il trattamento con cabergolina.

La cabergolina deve essere utilizzata durante la gravidanza solo se espressamente indicato e dopo un’accurata valutazione del rapporto rischio/beneficio.

A causa della lunga emivita del farmaco e dei dati limitati sull’esposizione in utero, le donne che pianificano una gravidanza devono interrompere la cabergolina un mese prima della data prevista di concepimento. Se il concepimento avviene durante la terapia, il trattamento deve essere

interrotto non appena la gravidanza è confermata per limitare l’esposizione del feto al medicinale.

Come misura precauzionale, le donne che iniziano una gravidanza devono essere monitorate per individuare eventuali segni di ingrossamenti ipofisari, dal momento che, durante la gestazione, può verificarsi un’espansione di tumori ipofisari pre-esistenti.

Fertilità

La cabergolina ripristina l’ovulazione e la fertilità nelle donne affette da ipogonadismo iperprolattinemico: poichè può verificarsi una gravidanza prima della ripresa delle mestruazioni, si raccomanda l’esecuzione di un test di gravidanza durante il periodo di amenorrea e, una volta che le mestruazioni sono state ripristinate, ogni volta che il ciclo ritarda per più di tre giorni. Le donne che non desiderano una gravidanza devono essere avvisate di usare un efficace metodo di contraccezione non ormonale durante il trattamento e dopo la sospensione della cabergolina per almeno 4 settimane.

Allattamento

Nei ratti, cabergolina e/o i suoi metaboliti vengono escreti nel latte. Non sono disponibili informazioni sull’escrezione nel latte materno umano, tuttavia, la cabergolina dovrebbe inibire/sopprimere la lattazione, in vista delle sue proprietà di agonista della dopamina

Le madri devono essere allertate di evitare l’allattamento durante l’assunzione della cabergolina.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

La cabergolina riduce la pressione sanguigna, e quindi può compromettere le reazioni di alcuni pazienti. Ciò va tenuto in considerazione in situazioni che richiedono un’alta vigilanza, come la guida di veicoli o l’uso di macchinari.

All’inizio del trattamento, i pazienti devono prestare attenzione quando si eseguono operazioni che richiedono una capacità di reazione rapida e accurata.

I pazienti trattati con la cabergolina che manifestano sonnolenza e/o episodi di sonno improvviso devono essere informati di astenersi dalla guida o dall’intraprendere qualsiasi attività che possa esporre loro stessi o altri al rischio di grave danno o di morte (ad es. usare macchinari), fino a quando tali episodi e la sonnolenza non si siano risolti (vedere paragrafo

4.4 – Sonnolenza/sonno ad ìnsorgenza ìmprovvìsa).

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti indesiderati sono solitamente dose dipendente e possono essere ridotti tramite la riduzione graduale della dose.

Negli studi clinici, circa 1070 pazienti affetti da parkinson hanno ricevuto la cabergolina in associazione alla terapia con levodopa; di questi il 74% ha sviluppato almeno un evento avverso, prevalentemente di entità da lieve a moderata e di natura transitoria, che ha richiesto l’interruzione del trattamento solo in una piccola percentuale di casi.

Negli studi clinici, sono stati osservati aumenti dei trigliceridi che superavano del 30% il limite superiore del range di riferimento di laboratorio nel 6,8% dei pazienti trattati con cabergolina, i quali presentavano valori basali normali. Nella maggioranza dei casi gli aumenti sono stati di natura transitoria. Nel gruppo generale dei pazienti trattati con la cabergolina non sono emerse indicazioni chiare circa possibili aumenti nel tempo o variazioni significative da valori normali a valori fuori range.

I seguenti effetti indesiderati sono stati osservati e segnalati durante il trattamento con la cabergolina con le seguenti frequenze: molto comune (≥;1/10), comune (da ≥;1/100 a <1/10), non comune (da ≥;1/1000 a <1/100), raro (da ≥;1/10.000 a <1/1000), molto raro (<1/10.000) e non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Pazienti con Parkinson di nuova diagnosi
Classificazione per sistemi e organi secondo MedRA Frequenza Effetti indesiderati
Disturbi psichiatrici Comune Allucinazioni, disturbi del sonno
Patologie del sistema nervoso Comune Capogiro, discinesia
Patologie vascolari Comune Ipotensione posturale
Patologie gastrointestinali Molto comune Nausea
Comune Costipazione, dispepsia, gastrite, vomito
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Molto comune Edema periferico
Pazienti in terapia addizionale con levodopa
Classificazione per sistemi e organi secondo MedRA Frequenza Effetti indesiderati
Disturbi psichiatrici Comune Confusione, allucinazioni
Patologie del sistema nervoso Comune Capogiro, discinesia
Non Comune Ipercinesia
Patologie cardiache Comune Angina
Patologie vascolari Comune Ipotensione posturale
Non Comune Eritromelalgia
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche Non Comune Essudato pleurico, fibrosi polmonare
Patologie gastrointestinali Molto comune Nausea
Comune Dispepsia, gastrite, vomito
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Comune Edema periferico
Esami diagnostici Comune Diminuzione dei valori dell’emoglobina e dell’ematocrito e/o diminuzione della conta degli eritrociti (>15% vs basale)
Sorveglianza post-marketing
Classificazione per sistemi e organi secondo MedRA Frequenza Effetti indesiderati
Disturbi del sistema immunitario Non Comune Reazioni di ipersensibilità
Disturbi psichiatrici Comune Aumento della libido
Non Comune Delusioni, disturbi psicotici
Non Nota Aggressività, ipersessualità, gioco d’azzardo patologico
Patologie del sistema nervoso Comune Cefalea, sonnolenza
Non nota Sonno ad esordio improvviso, sincope
Patologie cardiache Molto comune Valvulopatia cardiaca (compreso reflusso) e disturbi correlati (pericardite e versamento perdicardico).
Patologie vascolari Non nota Vasospasmo digitale
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche Comune Dispnea
Molto Raro Fibrosi
Non nota Disturbi respiratori, insufficienza respiratoria
Patologie epatobiliari Non Comune Funzione epatica anormale
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Non Comune Rash
Non nota Alopecia
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo Non nota Crampi alle gambe
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Comune Astenia
Non Comune Edema, affaticamento
Esami diagnostici Comune Test di funzionalità epatica anomali
Non nota Aumento della creatin fosfochinasi ematica

Altro

Altri eventi avversi, non elencati precedentemente, sono stati segnalati con dosi minori di

cabergolina (0,25 – 2 mg alla settimana), compresi i seguenti:

Comune (da ≥;1/100 a <1/10)

Disturbi psichiatrici: Depressione

Patologie del sistema nervoso: Parestesia

Patologie cardiache: Palpitazioni

Pubblicita'

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo: Arrossamento del viso

Non comune (da ≥;1/1000 a <1/100)

Patologie dell’occhio: Emianopsia

Patologie vascolari: Epistassi

Raro (da ≥;1/10.000 a <1/1000)

Patologie del sistema muscoloscheletrico, del tessuto connettivo e delle ossa: Crampi alle dita

Disturbi del controllo degli impulsi

Gioco d’azzardo patologico, aumento della libido, ipersessualità, tendenza compulsiva a spendere o fare acquisti, bulimia e alimentazione compulsiva possono verificarsi in pazienti trattati con agonisti della dopamina, inclusa la cabergolina (vedere paragrafo 4.4).

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

I sintomi di sovradosaggio sarebbero probabilmente quelli dovuti all’iperstimolazione dei recettori dopaminergici, quali nausea, vomito, disturbi gastrici, ipotensione posturale, diminuzione della pressione sanguigna, confusione/psicosi o allucinazioni. Se necessario, devono essere adottate misure di supporto per eliminare il farmaco non assorbito e per mantenere stabile la pressione sanguigna. Inoltre, può essere consigliabile la somministrazione di antagonisti della dopamina.

 

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Agonisti della dopamina. Codice ATC: N04BC06

La cabergolina è un alcaloide sintetico dell’ergot ed un derivato dell’ergolina, con un prolungato effetto dopamino-agonista e proprietà inibenti la prolattina. L’effetto dopaminergico centrale della cabergolina si ottiene tramite stimolazione dei recettori D2 a dosi maggiori di quelle necessarie per ridurre i livelli sierici di prolattina.

Studi clinici controllati hanno dimostrato che la cabergolina è efficace ad una dose media di 4 mg/die dopo titolazione (fino a 5-6 mg di cabergolina/die nei diversi studi). Tuttavia, a causa del rischio di valvulopatia cardiaca e disturbi correlati (pericardite e versamento pericardico), la dose non deve superare 3 mg/giorno di cabergolina. La cabergolina riduce le fluttuazioni giornaliere della funzione motoria nei pazienti con morbo di Parkinson trattati con levodopa/carbidopa. Nei pazienti di nuova diagnosi, l’incidenza di miglioramento clinico dopo somministrazione della cabergolina in monoterapia è risultata un po’ inferiore rispetto a quella della levodopa/carbidopa.

Per quanto riguarda gli effetti endocrini della cabergolina non correlati all’azione antiprolattinemica, i dati disponibili nell’uomo confermano le osservazioni sperimentali ottenute negli animali, indicando che il medicinale è dotato di un’azione molto selettiva, senza alcun effetto sulla secrezione basale di altri ormoni ipofisari o di cortisolo.

Le azioni farmacodinamiche della cabergolina non correlate all’effetto terapeutico riguardano la diminuzione della pressione sanguigna. Il massimo effetto ipotensivo della cabergolina in dose singola si verifica generalmente entro 6 ore dall’assunzione del farmaco ed è dose- dipendente sia in termini di diminuzione massima che di frequenza.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

Dopo somministrazione orale la cabergolina viene assorbita rapidamente dal tratto gastrointestinale, infatti il picco di concentrazione plasmatica si raggiunge entro 0,5 – 4 ore dalla somministrazione.

Il cibo non sembra interferire con l’assorbimento e la disponibilità della cabergolina.

Distribuzione

Sperimentazioni in-vitro hanno mostrato che la cabergolina, a concentrazioni di 0,1 – 10 ng/ml, si lega per il 41-42% alle proteine plasmatiche.

Biotrasformazione

Il metabolita principale identificato nell’urina è la 6-allil-8ß-carbossi- ergolina, pari al 4-6% della dose. Altri tre metaboliti sono stati identificati nell’urina, per un totale inferiore al 3% della dose. Si è osservato che i metaboliti sono molto meno potenti della cabergolina nella inibizione della secrezione di prolattina “in-vitro”.

Eliminazione

L’emivita di eliminazione della cabergolina è lunga (63-68 ore nei volontari sani e 79-115 ore nei pazienti iperprolattinemici.

Sulla base dell’emivita di eliminazione, le condizioni di stato stazionario si raggiungono dopo 4 settimane, come confermato dal picco medio dei livelli plasmatici della cabergolina ottenuto dopo dose singola (37 ± 8 pg/ml) e dopo 4 settimane di somministrazioni ripetute (101 ± 43 pg/ml) con una dose di cabergolina da 0,5 mg.

Dieci giorni dopo la soministrazione, il 18% ed il 72% della dose viene rinvenuto rispettivamente nell’urina e nelle feci. La quota di cabergolina immodificata nell’urina è pari al 2-3% della dose.

Linearità/Non-linearità

Il profilo farmacinetico risulta lineare fino a 7 mg al giorno.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Quasi tutte le evidenza riportate in una serie di studi preclinici di sicurezza sono una conseguenza degli effetti dopaminergici centrali o di inibizione prolungata della prolattina in specie (roditori) con una specifica fisiologia ormonale, diversa da quella umana. Gli studi preclinici sulla sicurezza della cabergolina indicano un grande margine di sicurezza per questo composto nel roditore e nella scimmia, come pure un’assenza di potenziale teratogeno, mutageno o cancerogeno.

 

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Pubblicita'

Indice

Lattosio anidro L-Leucina

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente

 

06.3 Periodo di validità

Indice

2 anni.

Dopo prima apertura: 3 mesi

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Tenere il flacone ben chiuso per proteggere il medicinale dalla luce e dall’umidità.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Flacone in vetro ambrato con tappo in PP con rivestimento sigillato a caldo contenente uno strato di alluminio e un gel di silica come essiccante: 2, 4, 8, 10, 16, 20, 30, 40, 48, 60, 90, 96 e 100 compresse.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

Pubblicita'

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Sandoz GmbH Biochemiestrasse, 10

6250 Kundl (Austria)

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

AIC n. 042248068 "1 mg compresse" 2 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248070 "1 mg compresse" 4 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248082 "1 mg compresse" 8 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248094 "1 mg compresse" 10 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248106 "1 mg compresse" 16 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248118 "1 mg compresse" 20 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248120 "1 mg compresse" 30 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248132 "1 mg compresse" 40 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248144 "1 mg compresse" 48 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248157 "1 mg compresse" 60 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248169 "1 mg compresse" 90 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248171 "1 mg compresse" 96 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248183 "1 mg compresse" 100 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248195 "2 mg compresse" 2 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248207 "2 mg compresse" 4 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248219 "2 mg compresse" 8 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248221 "2 mg compresse" 10 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248233 "2 mg compresse" 16 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248245 "2 mg compresse" 20 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248258 "2 mg compresse" 30 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248260 "2 mg compresse" 40 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248272 "2 mg compresse" 48 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248284 "2 mg compresse" 60 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248296 "2 mg compresse" 90 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248308 "2 mg compresse" 96 compresse in flacone in vetro AIC n. 042248310 "2 mg compresse" 100 compresse in flacone in vetro

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Data della prima autorizzazione:

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

11/06/2016

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

  • Actualene 0,5 mg compresse – fl 8 Cpr 0,5 mg
  • Cabaser – fl 20 Cpr 2 mg
  • Cabergolina ratiopharm 0,5 mg compresse – fl 8 Cpr 0,5 mg
  • Cabergolina ratiopharm 1 mg compresse – fl 20 Cpr 1 mg
  • Cabergolina ratiopharm 2 mg compresse – fl 20 Cpr 2 mg
  • Cabergolina sndoz gmbh 0,5 mg compresse – fl 8 Cpr 0,5 mg
  • Dostinex 0,5 mg compresse – fl 8 Cpr 0,5 mg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *