Pubblicità

Cefamandolo

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Cefamandolo: ultimo aggiornamento pagina: (Fonte: A.I.FA.)

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

CEFAMANDOLO K24 PHARMACEUTICALS

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Un flacone contiene:
Principio attivo
Cefamandolo Nafato 1,108 g 1,108 g
Equivalente a Cefamandolo 1 g 1 g
Eccipiente
Carbonato di sodio anidro
63,0 mg 63,0 mg
La fiala solvente contiene: Lidocaina cloridrato 20 mg
Acqua per preparazioni iniettabili q.b.a 4 ml

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Polvere e solvente per soluzione iniettabile per esclusivo uso intramuscolare – 1 flaconcino polvere 1 g + 1 fiala solvente 4 ml (Lidocaina Cloridrato 0.5%)

Polvere per soluzione iniettabile – 50 flaconcini Polvere per soluzione iniettabile – 100 flaconcini

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Di uso elettivo e specifico in infezioni batteriche gravi di accertata o presunta origine da germi Gram-negativi “difficili” o da flora mista con presenza di Gram-negativi resistenti ai più comuni antibiotici. In dette infezioni il prodotto trova indicazione in particolare, in pazienti defedati e/o

immunodepressi.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Adulti: 0,5 – 2 g ogni 4-8 ore a seconda della gravità dell’infezione. La posologia giornaliera massima è di 12 g per via intramuscolare ed endovenosa

Lattanti oltre 3 mesi e bambini: 50-100 mg/kg di peso corporeo al giorno, in relazione alla gravità dell’infezione, in 3-6 somministrazioni. Il dosaggio massimo è di 150 mg/kg di peso corporeo al giorno per via intramuscolare.

L’iniezione intramuscolare deve essere effettuata profondamente in un grosso muscolo. Funzionalità renale ridotta: nella funzionalità renale ridotta dopo le dosi iniziali di 1-2 g, a seconda della gravità dell’infezione, la dose di mantenimento deve essere diminuita, secondo la seguente tabella:

Guida per la dose di mantenimento nei pazienti con insufficienza renale

Clearance della creatinina
(ml/min/1,73 m2)
Funzione renale Infezioni potenzialmente mortali: Dosaggi massimi Infezioni meno gravi
> 80 Normale 2 g ogni 4 ore 1-2 g ogni 6 ore
80-50 Leggera insufficienza 1,5 g ogni 4 ore, oppure 0,75-1,5 g ogni 6 ore
2 g ogni 6 ore
50-25 Moderata insufficienza 1,5 g ogni 6 ore, oppure 0,75-1,5 g ogni 8 ore
2 g ogni 8 ore
25-10 Forte insufficienza 1 g ogni 6 ore, oppure 0,5-1 g ogni 8 ore
1,25 g ogni 8 ore
10-2 Grave insufficienza 0,67 g ogni 8 ore, oppure 0,5-0,75 g ogni 12 ore
1 g ogni 12 ore
< 2 Nulla 0,5 g ogni 8 ore, oppure 0,25-0,5 g ogni 12 ore
0,75 g ogni 12 ore

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Soggetti con accertata ipersensibilità alle cefalosporine.

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Precauzioni per l’uso

Prima di iniziare la terapia con cefamandolo, deve essere accertato accuratamente se il paziente ha mostrato in precedenza reazioni di ipersensibilità a cefalosporine, penicilline o altri farmaci.

Il cefamandolo deve essere somministrato con cautela a pazienti sensibili alla penicillina. Gli antibiotici devono essere somministrati con cautela ad ogni paziente che abbia mostrato forme di allergia, in particolare ai farmaci.

Nei neonati sono stati riportati casi di accumulo di antibiotici cefalosporanici (con conseguente prolungamento dell’emivita del farmaco).

Pubblicità

Uso nell’infanzia: il cefamandolo è stato impiegato con efficacia in questi pazienti, ma non si sono potuti studiare ampiamente tutti i parametri di laboratorio nei bambini di età tra uno e sei mesi. Non è stata stabilita la sicurezza di questo farmaco nei prematuri e nei neonati di età inferiore ad un mese. Per questo motivo, se il cefamandolo viene somministrato a neonati, il medico deve stabilire se i vantaggi potenziali superano i rischi possibili.

Il cefamandolo con lidocaina deve essere somministrato esclusivamente per via intramuscolare.

In caso di marcata insufficienza renale, la posologia delle cefalosporine in genere e quindi anche del cefamandolo deve essere opportunamente ridotta sulla base delle prove di funzionalità renale. L’uso contemporaneo di altri farmaci nefrotossici aumenta la tossicità renale e la funzione del rene va assiduamente controllata.

L’uso prolungato di antibiotici può favorire lo sviluppo di microrganismi non sensibili. In tale evenienza, adottare le opportune misure terapeutiche.

La somministrazione delle cefalosporine può interferire con alcune prove di laboratorio, causando pseudo positività della glicosuria con i metodi di Benedict, Fehling e “Clinitest”, ma non con i metodi enzimatici.

Le cefalosporine devono essere usate con cautela in pazienti con anamnesi positiva per disturbi gastrointestinali, in particolare colite. Infatti l’uso delle cefalosporine può causare colite pseudomembranosa.

In pazienti trattati con cefamandolo si sono verificati rari casi di ipoprotrombinemia. Sono a rischio i pazienti deficitari di vitamina K e soggetti con disordini primari e secondari della emocoagulazione (trombocitopenia, trombopatia e disordini della coagulazione del sangue). In tali casi occorre effettuare il test di Quick ogni 2-3 giorni e somministrare vitamina K (10mg/settimana).

Avvertenze

Le cefalosporine vanno impiegate con cautela nei soggetti allergici alle penicilline. Sia al livello clinico che di laboratorio vi è evidenza di parziale allergenicità crociata fra penicilline e cefalosporine e, per quanto rari, sono state segnalati casi di pazienti che hanno presentato reazioni ad entrambi i farmaci, talora anche di tipo anafilattico, specie dopo somministrazione parenterale.

Le cefalosporine di III generazione, come altre betalattamine, possono indurre resistenza microbica e tale evenienza è maggiore verso organismi opportunisti, specialmente Enterobacteriaceae e Pseudomonas in soggetti immunodepressi e probabilmente associando tra loro più betalattamine.

Nonostante la sostanza influenzi la funzionalità renale soltanto raramente, si raccomanda un controllo della stessa, in particolare nei pazienti gravemente ammalati che ricevono le dosi massime.

L’uso prolungato del cefamandolo può dar luogo a sviluppo di organismi non sensibili. L’osservazione del paziente è essenziale.

Se si verifica una superinfezione durante la terapia deve essere instaurato un appropriato trattamento.

Nel determinare il glucosio urinario si possono avere reazioni erratamente positive se si usano: le soluzioni di Benedict o di Fehling o tavolette Clinitest: ciò non avviene però con il Tes-Tape. La dimostrazione dell’albumina nelle urine mediante acidi o denaturazione può risultare erratamente positiva.

Casi di colite pseudomembranosa sono stati descritti in concomitanza con l’uso di cefalosporine (ed altri antibiotici a largo spettro): è importante prendere in considerazione tale diagnosi in pazienti che presentano diarrea durante tale terapia. Il trattamento con antibiotici a largo spettro altera la normale flora del colon e ciò può consentire la crescita di Clostridi. Casi lievi di colite possono regredire con l’interruzione del trattamento. Si consiglia la somministrazione di soluzioni di elettroliti e di proteine quando si manifestano casi di colite di media o grave entità. Se la colite non regredisce con l’interruzione del trattamento o se è grave, somministrare vancomicina per via orale. Sono state segnalate, in corso di trattamento con cefalosporine, positività dei test di Coombs, talora false.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Il cefamandolo inibisce l’enzima acetaldeide deidrogenasi, il che può causare accumulo di acetaldeide quando vi è assunzione di etanolo in concomitanza alla terapia. Si possono verificare: nausea, vomito e disturbi vasomotori con ipotensione e vasodilatazione periferica (effetto Antabuse).

In caso di associazione con farmaci nefrotossici, quali ad esempio gli aminoglicosidici, il rischio di nefrotossicità aumenta, per cui i dosaggi devono essere congrui ed i controlli più assidui ed approfonditi. Non si deve mescolare il cefamandolo con un aminoglicoside nella stessa fleboclisi. La somministrazione contemporanea di probenecid per via orale inibisce ulteriormente la secrezione tubulare, derivandone concentrazioni sieriche di cefamandolo più elevate e più prolungate nel tempo.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Nelle donne in stato di gravidanza e nella primissima infanzia la sostanza va somministrata nei casi di effettiva necessita, sotto il diretto controllo del medico.

Il cefamandolo passa nel latte materno: pertanto è consigliabile sospendere l’allattamento in caso di somministrazione del farmaco.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Il cefamandolo non ha effetti sulla capacità di guidare e sull’uso di macchine.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Disturbi gastrointestinali: raramente glossite, nausea, vomito, diarrea, pirosi gastrica, dolori addominali, raramente colite pseudomembranosa.

Reazioni da ipersensibilità: reazioni anafilattiche ed allergiche della pelle, eosinofilia e febbre da farmaci si possono manifestare specie nei soggetti allergici, particolarmente in quelli allergici alla penicilline.

Pubblicità

Reazioni ematologiche: è stata segnalata una lieve riduzione dei leucociti neutrofili. Neutropenia reversibile si verifica del resto con tutti gli antibiotici beta-lattamici.

Fegato: aumento transitorio di SGOT, SGPT e fosfatasi alcalina e della bilirubina totale.

Reni: aumento dell’azoto ureico nel sangue e riduzione della clearance della creatinina, in particolare nei pazienti con preesistente funzionalità renale ridotta.

Reazioni locali: sono rari i dolori dopo iniezione intramuscolare. Tromboflebite in casi sporadici. Altre reazioni osservate sono state: vertigini, senso di costrizione toracica, vaginite da Candida in rapporto anche con lo sviluppo di microrganismi non sensibili.

Raramente questi fenomeni collaterali sono stati cosi intensi da richiedere l’interruzione della terapia.

Sono stati segnalati casi di anemia emolitica in seguito a trattamento con cefalosporine.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

La somministrazione di dosi eccessivamente elevate di cefalosporina per uso parenterale può causare convulsioni, specie nei pazienti con compromissione renale.

La riduzione del dosaggio è necessaria quando la funzione renale è compromessa (vedere: “Posologia”).

Nel caso in cui sopravvengano crisi convulsive, il farmaco deve essere rapidamente sospeso. Può essere instaurata una terapia anticonvulsiva, se è clinicamente indicato.

È possibile ricorrere all’emodialisi nel caso in cui il sovradosaggio sia rientrato.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Il cefamandolo è un antibiotico cefalosporinico semisintetico ad ampio spettro con attività in vitro su batteri sia Gram-positivi che Gram-negativi anche beta-lattamasi producenti.

Il cefamandolo ha azione battericida dovuta alla inibizione della sintesi della membrana batterica. La gran parte dei ceppi di Bacteroides fragilis è resistente. Pseudomonas, Acinetobacter calcoacoticus (precedentemente specie Mima ed Herelleae) e la gran parte dei ceppi di Seratia sono resistenti alle cefalosporine. Il cefamandolo è resistente alla degradazione da parte di beta-lattamasi prodotte da alcuni ceppi delle Enterobacteriaceae.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Il cefamandolo nafato non è apprezzabilmente assorbito dal tratto gastro-intestinale per cui deve essere somministrato per via parenterale.

È rapidamente idrolizzato nel plasma a cefamandolo che possiede una più elevata attività antibatterica. Circa l’85-99% della attività antibatterica nel siero è dovuta al cefamandolo. I picchi ematici nell’uomo, per somministrazione intramuscolare, vengono raggiunti dopo 30’-60’ e sono proporzionali alla dose iniettata. Dopo iniezione di 500 mg, il picco dopo 1 ora risulta di 12,2 mcg/ml. L’emivita plasmatica è di circa 1 ora. Per somministrazione endovenosa il picco viene raggiunto già dopo 15 minuti e risulta pari a 139,1 mcg/ml per iniezione di 1 g e pari a 240,5 mcg/ml per 2 g. L’emivita è di circa 34 minuti. Il cefamandolo, dopo somministrazione ripetuta, non dà origine ad accumulo.

Circa l’85% del farmaco è escreto attraverso i reni entro 8 ore. Ne conseguono tassi urinari particolarmente elevati, maggiori per somministrazione intramuscolare. Alla somministrazione di 500 mg e di 1 g intramuscolo corrispondono rispettivamente concentrazioni urinarie di 254 mcg/ml e di 1357 mcg/ml. Alla somministrazione di 1 e 2 g endovenosa corrispondono rispettivamente concentrazioni di 750 mcg/ml e di 1380 mcg/ml.

Circa il 70% del cefamandolo iniettato si lega alle proteine del siero. Il cefamandolo raggiunge livelli terapeutici nei liquidi pleurico ed articolare, nella bile o nel tessuto osseo.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

La DL50 per via endovenosa nel topo risulta compresa tra 3650 e 4535 mg/kg; nel ratto è pari a 3336 mg/kg; nel cane e nel gatto è superiore a 100 mg/kg. Inoltre la somministrazione sottocutanea di dosi di 1 g/kg non ha provocato nelle ratte e nelle topine effetti teratogeni.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Carbonato di sodio anidro: questo prodotto contiene 1,015 mmol/flacone di sodio. Da prendere in considerazione per pazienti che seguono una dieta controllata in contenuto di sodio.

Pubblicità

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Calcio gluconato e glucoeptonato, aminoglicosidici.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

Il prodotto allo stato secco in confezionamento integro è valido per 3 anni quando conservato a temperatura inferiore a 25°C.

Il prodotto dopo ricostituzione può essere conservato per 24 ore in frigorifero (fra +2 e +8 °C).

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

N.A.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Il CEFAMANDOLO K24 PHARMACEUTICALS è confezionato in flaconi di vetro incolore tipo III con tappo di gomma butilica e capsula di alluminio.

Il solvente (soluzione acquosa di lidocaina cloridrato allo 0,5%) è confezionato in fiale di vetro di tipo I.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Cefamandolo K24 Pharmaceuticals può essere somministrato endovena o per iniezione intramuscolare profonda in una grossa massa muscolare (come glutei o la zona laterale della coscia), per minimizzare il dolore.

Somministrazione intramuscolare: Ogni grammo di cefamandolo può essere somministrato anche per via intramuscolare disciolto con almeno 3 ml di uno dei seguenti solventi (oltre alla soluzione acquosa di lidocaina cloridrato 0.5% annessa alle confezioni): acqua sterile per iniezioni, soluzione di cloruro di sodio allo 0.9% per iniezioni. Agitare bene fino a completa soluzione; Somministrazione endovenosa:La via endovenosa può essere preferibile nei pazienti con setticemia batterica, ascessi parenchimali localizzati (come ad esempio ascessi intra-addominali), peritonite od altre infezioni gravi o potenzialmente mortali, specie complicate da condizioni di deficit immunitario nel paziente. Nei pazienti con funzione renale normale il dosaggio endovenoso per tali infezioni è di 3-12 g di cefamandolo al giorno. In situazioni come la setticemia batterica possono essere somministrati inizialmente 6 – 12g al giorno per alcuni giorni per via endovenosa; il dosaggio può quindi essere gradualmente ridotto a seconda della risposta clinica e dei risultati di laboratorio. Se è indicata una terapia di associazione con cefamandolo e aminoglicosidico, ciascun antibiotico

deve essere somministrato separatamente. Non mescolare un aminoglicosidico con cefamandolo nella stessa fleboclisi.

La soluzione isotonica può essere ottenuta aggiungendo 22 mI di acqua sterile per iniezioni ogni grammo di cefamandolo.

La scelta di una soluzione salina, contenente destrosio o contenente elettroliti od il volume che deve essere utilizzato è consigliata dal trattamento con liquidi ed elettroliti che deve essere di volta in volta effettuato.

NELL’IMPIEGO ENDOVENOSO L’ANTIBIOTICO DEVE ESSERE SCIOLTO IN ACQUA PER PREPARAZIONI INIETTABILI, SOLUZIONE FISIOLOGICA O GLUCOSATA AL 5%.

Somministrazione endovenosa diretta intermittente: ogni grammo di cefamandolo deve essere disciolto con 10 ml di acqua sterile per iniezioni, destrosio al 5% o soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% per iniezioni. Iniettare lentamente la soluzione in vena in un periodo di tempo di 3 – 5 minuti o iniettare nel tubo di una fleboclisi, quando il paziente riceve le seguenti soluzioni per infusione parenterale:

soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% per iniezioni

soluzione di destrosio al 5 % per iniezioni

soluzione di destrosio al 10 % per iniezioni

soluzione di destrosio al 5% e soluzione di cloruro di sodio allo 0,9 % per iniezioni

soluzione di destrosio al 5% e soluzione di cloruro di sodio allo 0,45 % per iniezioni

soluzione di destrosio al 5% e soluzione di cloruro di sodio allo 0,2 % per iniezioni

Pubblicità

sodio lattato per iniezioni

Somministrazione endovenosa intermittente con tubo a Y: Può essere utilizzata mentre vengono somministrati altri liquidi per via endovenosa. E’ preferibile in questo caso, durante l’infusione, della soluzione contenente cefamandolo, interrompere l’altra somministrazione. Impiegando questa tecnica bisogna prestare molta attenzione al volume della soluzione contenente cefamandolo che deve essere iniettata, cosi che la dose calcolata possa essere infusa.

Quando si impiega il tubo a Y, aggiungere 100 ml del solvente appropriato al flaconcino da 1 g. Diluire con circa 20 ml di acqua sterile per iniezioni, per evitare una soluzione ipotonica.

Somministrazione endovenosa continua: Ogni grammo di cefamandolo deve essere disciolto con 10 ml di acqua sterile per iniezioni. Una quantità adeguata della soluzione risultante può essere aggiunta ad un flacone per endovena contenente una delle seguenti soluzioni:

soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% per iniezioni

soluzione di destrosio al 5 % per iniezioni

soluzione di destrosio al 10 % per iniezioni

soluzione di destrosio al 5% e soluzione di cloruro di sodio allo 0,9 % per iniezioni

soluzione di destrosio al 5% e soluzione di cloruro di sodio allo 0,45 % per iniezioni

soluzione di destrosio al 5% e soluzione di cloruro di sodio allo 0,2 % per iniezioni

sodio lattato per iniezioni

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

K24 Pharmaceuticals S.r.l. – Via Generale Orsini, 46 – 80132 Napoli.

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Pubblicità

Indice

1 g Polvere e solvente per soluzione iniettabile 1 flaconcino polvere + fiala solvente 4 ml: AIC n. 033445040

1 g Polvere per soluzione iniettabile – 50 flaconcini: AIC n. 033445053 1 g Polvere per soluzione iniettabile – 100 flaconcini: AIC n. 033445065

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Novembre 2005

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: ———-

 


 

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Informazioni aggiornate al: 21/10/2020
Torna all’indice


Cefamandolo – Iniet 50 fl 1 G (Cefamandolo Nafato)
Classe H: Nota AIFA: Nessuna   Ricetta: Ospedaliero Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: J01DC03 AIC: 033445053 Prezzo: 140,45 Ditta: K24 Pharmaceuticals Srl


 


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Torna all’indice


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *