Flobacin

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Flobacin: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Flobacin: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

FLOBACIN

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Una compressa contiene:

Principio attivo Flobacin 200 mg compresse rivestite Flobacin 300 mg compresse rivestite

ofloxacina mg 200 mg 300

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse rivestite.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Il Flobacin è indicato nel trattamento delle infezioni delle vie urinarie e delle vie respiratorie sostenute da germi sensibili all’ofloxacina.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Flobacin va assunto per via orale. Il dosaggio varia in rapporto alla gravità del singolo caso da 200 a 900 mg/die in 2-3 somministrazioni.

La posologia media consigliata è la seguente:

infezioni delle vie urinarie: 400 mg in due somministrazioni (Flobacin 200 mg compresse rivestite: 2 compresse al dì);

infezioni delle alte e basse vie respiratorie: 600 mg in due somministrazioni (Flobacin 300 mg compresse rivestite: 2 compresse al dì).

L’uso del prodotto è riservato al trattamento di pazienti adulti.

La durata del trattamento è in rapporto alla gravità della malattia ed al germe in causa.

La terapia con Flobacin va proseguita per almeno 3 giorni dopo la scomparsa dei sintomi clinici o la negativizzazione delle colture batteriche.

In mancanza di adeguata esperienza clinica la terapia non dovrà superare le 4 settimane.

04.3 Controindicazioni

Indice

Flobacin è controindicato nei pazienti che presentano ipersensibilità al farmaco o ad altri farmaci appartenenti alla classe dei chinolonici. E’ controindicato nei soggetti con deficit di G6PD.

Come altri chinolonici, il Flobacin non deve essere somministrato in pazienti epilettici, con precedenti anamnestici di convulsioni, o nei pazienti con alterazioni del sistema nervoso centrale che inducono un abbassamento della soglia convulsiva (lesioni craniche o cerebrali, processi infiammatori del sistema nervoso centrale, ictus).

Pubblicita'

Non essendone stata stabilita la sicurezza d’impiego ed in particolare non potendosi escludere la possibilità di danni alle cartilagini articolari negli organismi non ancora sviluppati, il Flobacin non deve essere somministrato nelle donne in stato di gravidanza sospetta o confermata, durante l’allattamento, nei pazienti in età pediatrica e nei ragazzi con incompleto sviluppo scheletrico.

Flobacin non deve essere somministrato nei pazienti con precedenti tendinopatie da fluorochinolonici.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Venendo eliminato prevalentemente dal rene, nei pazienti con accertata riduzione della funzionalità renale il dosaggio di Flobacin deve essere opportunamente ridotto e se ne eviterà l’uso in quelli affetti da grave insufficienza. I pazienti in trattamento dovrebbero ricevere un’adeguata idratazione.

Va usata particolare cautela nei pazienti con anamnesi di psicosi o malattie psichiatriche.

Nelle gravi epatopatie l’escrezione di Flobacin può essere ridotta. Il prodotto deve essere usato con cautela nei pazienti affetti da miastenia.

In casi sporadici in corso di terapia con fluorochinolonici si possono manifestare infiammazioni e lesioni con rottura dei tendini. In caso di comparsa di dolore e/o edema al tendine di Achille interrompere il trattamento ed istituire una terapia idonea. Fattori predisponenti alle tendiniti o alla rottura dei tendini sono età superiore a 60 anni, esercizio fisico intenso, trattamento a lungo termine con corticosteroidi, fase precoce di deambulazione di pazienti a letto.

Al fine di evitare possibili fenomeni di fotosensibilizzazione i pazienti in trattamento con Flobacin non dovranno esporsi alla luce solare o ad irradiazioni UV, lampade abbronzanti.

L’attività dell’Ofloxacina sul Mycobatterio tubercolare può negativizzare la ricerca del BK in particolare in corso di TBC polmonare o osteoarticolare.

Molto raramente, talvolta già dopo la prima somministrazione, si possono presentare reazioni anafilattiche o anafilattoidi.

Queste si possono manifestare ad esempio con ipertensione, bruciore degli occhi, tosse e secrezione nasale, edema cutaneo e delle mucose, (p.es. del volto, della lingua e della glottide) raucedine, dispnea. Nei casi più gravi si possono manifestare grave dispnea con broncocostrizione e/o collasso circolatorio (shock).

In questi casi Flobacin va immediatamente sospeso, ed è necessaria una terapia medica che può richiedere in alcuni casi misure di rianimazione.

Nel caso si manifestasse una diarrea grave e persistente, durante o dopo la terapia, è opportuno consultare il medico, poichè tale sintomatologia può essere indicativa di una grave affezione intestinale (colite pseudomembranosa), che richiede un immediato trattamento. In questi casi interrompere immediatamente la terapia con Flobacin ed adottare una terapia adeguata (per es. vancomicina per via orale, 250 mg 4 volte/die). Sono controindicati farmaci che inibiscono la peristalsi.

Non può essere escluso che Flobacin possa scatenare, nei pazienti predisposti, un attacco di porfiria.

In singoli casi si possono manifestare aumento o diminuzione anormali del glucosio ematico, soprattutto nei pazienti con diabete mellito. La terapia antibiotica può favorire le infezioni fungine.

Tenere il medicinale fuori dalla portata dei bambini.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

La somministrazione contemporanea di antiacidi, di sucralfato e di preparati a base di ferro potrebbe causare una diminuzione dell’attività di Flobacin. Pertanto è opportuno assumere Flobacin a distanza di 2 ore dall’assunzione di questi prodotti.

È possibile una riduzione della soglia convulsiva con l’assunzione contemporanea di chinolonici e FANS o di altri farmaci che diminuiscono questa soglia (p.es. teofillina). Inoltre l’uso concomitante di chinolonici e teofillina può provocare un prolungamento dell’emivita della teofillina con aumento delle concentrazioni e rischio di effetti collaterali legati alla teofillina.

Come per altri chinolonici, anche con Flobacin si può manifestare un aumento nell’attività degli anticoagulanti, con un prolungamento dei tempi di coagulazione. Si consiglia pertanto di sorvegliare attentamente questi pazienti.

Ofloxacina può causare lievi aumenti dei livelli ematici della glibenclamide; i pazienti trattati contemporaneamente con ofloxacina e glibenclamide vanno pertanto attentamente controllati.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Non essendone stata stabilita la sicurezza d’impiego ed in particolare non potendosi escludere la possibilità di danni alle cartilagini articolari negli organismi non ancora sviluppati, il Flobacin non deve essere somministrato nelle donne in stato di gravidanza sospetta o confermata, durante l’allattamento.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Pubblicita'

L’ofloxacina può alterare le capacità di reazione, anche se usato con dosaggio normale, in maniera tale da influenzare la guida di automobili o l’uso di macchine.

Ciò vale in particolar modo con l’assunzione contemporanea di alcool.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Sono stati segnalati:

Manifestazioni allergiche e reazioni cutanee

Con l’assunzione di Flobacin si possono manifestare reazioni di ipersensibilità immediata o ritardata soprattutto a carico della pelle o delle mucose.

Molto raramente si possono manifestare arrossamenti transitori con sensazione di calore (flush) o reazioni cutanee, talvolta gravi come eritema multiforme o sindrome di Lyell, oppure come espressione di una infiammazione dei vasi (vasculite). La vasculite si può manifestare con emorragie puntiformi sottocutanee (petecchie), con formazione di vescicole emorragiche e piccoli noduli, e può anche interessare gli organi interni.

Molto raramente si può manifestare sensibilizzazione cutanea alla luce intensa (fotosensibilizzazione).

Durante la terapia con Flobacin si possono manifestare molto raramente febbre, eosinofilia e polmoniti allergiche, reazioni anafilattiche o anafilattoidi.

Disturbi del tratto gastro-intestinale

Nausea, anoressia, gastralgia e dolori addominali, vomito, diarrea.

Disturbi del sistema nervoso

Cefalea, vertigini, disturbi del sonno, agitazione, ansia e confusione.

Molto raramente possono presentarsi: stordimento, disturbi della deambulazione e tremori (alterazioni della coordinazione muscolare); convulsioni; neuropatie; torpore degli arti, parestesie; disturbi della vista come visione confusa, diplopia ed alterazioni dei colori; alterazioni del gusto e dell’olfatto; tinnito, alterazioni dell’udito e dell’equilibrio; molto raramente possono presentarsi sogni vividi o incubi, reazioni psicotiche come stati di eccitazione o di panico, depressione ed allucinazioni, fino al comportamento autolesivo.

Queste reazioni possono talvolta presentarsi già dopo la prima somministrazione.

In questi casi va immediatamente sospeso il Flobacin ed informato il medico curante.

Disturbi circolatori

Si possono manifestare tachicardia ed ipotensione transitoria. Molto raramente si può avere collasso.

Alterazioni ematologiche

Molto raramente si sono manifestate anemia, eosinofilia, leucopenia, agranulocitosi, trombocitopenia, pancitopenia correlate o no a depressione midollare o anemia emolitica.

Alterazioni epatiche

Molto raramente vi può essere alterazione transitoria della funzionalità epatica: aumento degli enzimi epatici, aumento della bilirubina ematica con ittero a causa di una diminuita escrezione della bilirubina (ittero colestatico), epatite.

Alterazioni renali

Molto raramente vi possono essere effetti sulla funzionalità renale, ad esempio aumento della creatinina ematica, nefrite interstiziale, insufficienza renale acuta.

Altri effetti

Durante la terapia con Flobacin si possono manifestare sudorazione e molto raramente astenia (di particolare importanza p.es. nei pazienti con miastenia grave), disturbi muscolari ed articolari (p.es. dolori).

In casi sporadici, in corso di terapia con i fluorochinolonici si possono manifestare infiammazioni e lesioni con rottura dei tendini (per esempio del tendine di Achille).

Tranne casi estremamente rari (singoli casi di alterazioni di olfatto, gusto e udito), gli effetti avversi osservati si sono risolti con l’interruzione della terapia con Flobacin.

Pubblicita'

04.9 Sovradosaggio

Indice

In caso di sovradosaggio acuto, si procederà allo svuotamento dello stomaco mediante vomito indotto o lavanda gastrica. Il paziente andrà tenuto sotto stretta osservazione ed opportunamente idratato.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

L’ofloxacina è un antibatterico di sintesi,somministrabile per via orale. Primo chinolonico sistemico, caratterizzato dalla presenza dell’anello benzossazinico, è dotato di spettro d’azione molto ampio e di elevata attività battericida.

Attività antibatterica e meccanismo d’azione

Flobacin è attivo nei confronti di batteri aerobi ed anaerobi, gram positivi e gram negativi, in particolare verso tutti quegli agenti patogeni che sono maggiormente responsabili dell’instaurarsi di processi infettivi dell’apparato respiratorio e delle vie urinarie.

Il suo meccanismo d’azione è basato sull’inattivazione di un enzima, la DNA girasi, presente esclusivamente nel DNA batterico. Il Flobacin è pertanto in grado di esplicare una potente attività battericida con concentrazioni minime battericide (CMB) sovrapponibili a quelle minime inibenti (CMI).

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Flobacin viene rapidamente assorbito, dopo somministrazione orale, nei primi tratti dell’intestino e raggiunge concentrazioni sieriche medie al picco, dopo unica somministrazione di 200-300-400 mg, pari rispettivamente a 3,22-3,86-5,25 mcg/ml. L’emivita media è di circa 3-5 ore e non è dose dipendente.

Il legame siero-proteico è pari al 6%.

Il Flobacin non è metabolizzato e viene eliminato prevalentemente per via renale in forma attiva.

Nelle prime 24 ore, dopo somministrazione di 200 mg, più del 90% del farmaco si

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Le prove di tossicità acuta, sub-acuta e cronica effettuate con il Flobacin non hanno messo in evidenza significativi effetti di tossicità sistemica e d’organo. In rapporto alle dosi terapeutiche indicate, il farmaco è pertanto da considerarsi privo di tossicità.

Studi di fertilità, di tossicità embrio-fetale e di tossicità peri e postnatale hanno dimostrato l’assenza di effetti tossici e/o dismorfogenetici.

Il composto è risultato inoltre privo di qualunque attività mutagena.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Nucleo: Idrossipropilcellulosa, lattosio monoidrato, amido di mais, crospovidone, magnesio stearato.

Rivestimento: titanio diossido, ipromellosa, macrogol 6000, cera carnauba.

06.2 Incompatibilità

Indice

Vedere al capitolo Interazioni.

06.3 Periodo di validità

Pubblicita'

Indice

Il prodotto ha un periodo di validità di 36 mesi, in confezionamento integro e correttamente conservato.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Il prodotto va conservato alle normali condizioni ambientali.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Le compresse sono confezionate in blister opaco PVC/alluminio, contenuti in astucci di cartone.

– 12 compresse da 200 mg

– 8 compresse da 300 mg

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

—–

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Pubblicita'

Sigma-Tau Industrie Farmaceutiche Riunite S.p.A.

Viale Shakespeare, 47 – 00144 Roma

Stabilimento : Via Pontina Km. 30,400 – 00040 Pomezia (Roma)

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

12 compresse da 200 mg AIC n. 026342028

8 compresse da 300 mg AIC n. 026342030

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Autorizzazione: Dicembre 1987

Rinnovo: Giugno 1995

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Marzo 2004

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

  • Eukinoft 0,3% collirio, soluzione – Coll fl 5 ml 0,3%
  • Exocin – Coll fl 10 ml 3 mg/ml
  • Monofloxofta 0,3% collirio, soluzione – Coll 20 fl 0,5 ml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *