Home Schede Tecniche Nifedipina Big: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Nifedipina Big: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Nifedipina Big

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Nifedipina Big: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Nifedipina Big: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

NIFEDIPINA BIG

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni capsula contiene:

Principio attivo: nifedipina mg 10

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Capsule molli uso orale

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento della cardiopatia ischemica:

– Angina pectoris cronica-stabile (angina da sforzo)

– Angina pectoris vasospastica (angina di Prinzmetal, angina variante)

Trattamento dell’ipertensione arteriosa

Trattamento delle crisi ipertensive

Trattamento della sindrome di Raynaud (primaria e secondaria)

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Il trattamento va possibilmente adattato alle necessità individuali in funzione della gravità della malattia e della risposta del paziente. Inoltre, in relazione al quadro clinico individuale, la dose basale deve essere raggiunta gradualmente.

Qualsiasi aggiustamento ai dosaggi superiori o inferiori deve essere effettuato solo sotto controllo medico.

Nei pazienti con funzionalità epatica compromessa può rendersi necessario un accurato controllo della situazione pressoria e, nei casi gravi, una riduzione del dosaggio.

Salvo diversa prescrizione medica, per l’adulto valgono le seguenti direttive posologiche:

1. In caso di cardiopatia ischemica

– angina pectoris cronica-stabile (angina da sforzo): 1 capsula di NIFEDIPINA BIG 3 volte al dì.

– angina pectoris vasospastica (angina di Prinzmetal, angina variante): 1 capsula di NIFEDIPINA BIG 3 volte al dì.

Se necessario, il dosaggio può essere incrementato gradualmente in funzione delle esigenze individuali fino ad un massimo di 60 mg al giomo, 2 capsule 3 volte al dì (3 x 20 mg).

2. In caso di ipertensione

1-2 capsule di NIFEDIPINA BIG 3 volte al dì. Se necessario, il dosaggio può essere incrementato gradualmente in funzione delle esigenze individuali fino ad un massimo di 60 mg al giomo, 2 capsule 3 volte al dì (3 x 20 mg).

3. In caso di crisi ipertensive

La dose singola è pari a 1-2 capsule al dì (10-20 mg). Qualora l’effetto sulla pressione arteriosa fosse insufficiente, può essere somministrata un’ulteriore capsula (10 mg), dopo circa 30 minuti. Se gli intervalli tra le dosi dovessero essere più brevi e/o la dose più elevata, si potrebbero manifestare pericolose condizioni d’ipotensione.

4. In caso di Sindrome di Raynaud

1 capsula di NIFEDIPINA BIG 3 volte al dì. Se necessario, il dosaggio può essere incrementato gradualmente in funzione delle esigenze individuali fino ad un massimo di 60 mg al giomo, 2 capsule 3 volte al dì (3 x 20 mg).

Durata del trattamento

La durata del trattamento deve essere stabilita dal medico curante. In relazione alla pronunciata attività antiischemica ed antiipertensiva la nifedipina dovrebbe essere sospesa gradualmente, in particolare quando vengano impiegati dosaggi elevati.

Somministrazione

In genere le capsule vanno deglutite intere con poco liquido indipendentemente dai pasti. La contemporanea assunzione di alimenti determina un ritardo, ma non una riduzione, dell’assorbimento.

In caso di dosi singole di 20 mg, l’intervallo di tempo compreso tra due assunzioni delle capsule non dovrebbe essere inferiore a 2 ore.

Qualora si rendesse necessaria un’azione particolarmente rapida, ad esempio in caso di crisi ipertensiva, la capsula va masticata e quindi deglutita.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità nota al principio attivo o ad altri componenti della formulazione.

Gravidanza accertata o presunta ed in corso di allattamento.

Marcata stenosi aortica.

Shock cardiovascolare.

Terapia concomitante con rifampicina (in quanto l’induzione enzimatica non consente di ottenere livelli plasmatici efficaci di nifedipina).

NIFEDIPINA BIG nella formulazione a rilascio immediato è controindicato nell’angina instabile e dopo infarto miocardico recente (almeno 4 settimane dall’infarto miocardico).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Si raccomanda prudenza in caso di marcata ipotensione (pressione sistolica inferiore a 90 mmHg), manifesta insufficienza cardiaca ed in pazienti in trattamento con farmaci b-bloccanti o farmaci ipotensivi.

Il principio attivo, nella formulazione a rilascio immediato, può indurre un’eccessiva caduta pressoria con tachicardia riflessa che potrebbe dare luogo a complicanze cardiovascolari. Inoltre, come con altre sostanze vasoattive, molto raramente può manifestarsi angina pectoris, in particolare all’inizio del trattamento. In tale evenienza deve essere consultato il medico curante.

In casi isolati è stata riportata l’insorgenza di infarto miocardico, sebbene non sia stato possibile distinguere tali episodi dal corso naturale della malattia di base.

Esistono alcune segnalazioni relative all’ aumento di mortalità e morbilità nel trattamento della cardiopatia ischemica specialmente con dosaggi superiori a 60 mg/die. Il trattamento con nifedipina nella formulazione a breve durata di azione può aggravare l’angina pectoris. Non esistono prove che l’uso della nifedipina a rilascio immediato sia efficace nella prevenzione secondaria dell’infarto miocardico.

In corso di gravidanza (vedi paragrafo 4.3 Controindicazioni), in situazioni di emergenza ipertensiva, quali ad esempio l’eclampsia, il farmaco deve essere utilizzato sotto la responsabilità e lo stretto controllo del medico e si raccomanda particolare cautela quando si somministri nifedipina in associazione a solfato di magnesio per via endovenosa, a causa di una possibile eccessiva caduta pressoria.

Nei pazienti con funzionalità epatica compromessa, può rendersi necessario un accurato controllo della situazione pressoria e, nei casi gravi, una riduzione del dosaggio.

Durante il trattamento di pazienti diabetici o a rischio diabetico, deve essere accuratamente controllata la glicemia; se compare iperglicemia la terapia deve essere sospesa.

Nei pazienti sotto dialisi, affetti da ipertensione maligna e insufficienza renale irreversibile con ipovolemia, occorre prestare attenzione durante la terapia, in quanto si può verificare un notevole calo pressorio a causa della vasodilatazione.

I medicinali non vanno tenuti alla portata dei bambini.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

L’effetto della nifedipina sulla pressione arteriosa può essere potenziato da quello di altri farmaci antiipertensivi.

Qualora essa si associ a farmaci b-bloccanti, il paziente dovrebbe essere accuratamente sorvegliato poiché potrebbe manifestarsi ipotensione di grado elevato. È anche noto che, in casi isolati, si è verificato un peggioramento dell’ insufficienza cardiaca. La contemporanea somministrazione di nifedipina e di digossina può condurre ad un aumento dei livelli plasmatici di digossina, legato ad una riduzione della sua clearance. A scopo precauzionale il paziente dovrebbe perciò essere controllato per rilevare l’eventuale comparsa di sintomi di sovradosaggio di digossina e, se necessario, aggiustare il dosaggio di digossina sulla base dei suoi livelli plasmatici.

In singoli casi durante la contemporanea somministrazione di nifedipina e di chinidina sono stati osservati livelli ridotti di chinidina oppure, dopo sospensione di nifedipina, un netto aumento dei livelli plasmatici di chinidina. Per questa ragione, qualora la nifedipina sia impiegata contemporaneamente alla chinidina o venga sospesa, si raccomanda di mantenere controllata la concentrazione di chinidina e, se necessario, di aggiustare il dosaggio.

La cimetidina eleva il livello plasmatico di nifedipina e può potenziare l’effetto antiipertensivo.

La rifampicina, per il suo effetto d’induzione enzimatica, accelera il metabolismo della nifedipina, riducendone potenzialmente l’efficacia; per tale motivo l’impiego di nifedipina in combinazione con rifampicina risulta controindicato.

Il diltiazem diminuisce la clearance della nifedipina, per cui i due principi attivi dovrebbero essere associati con cautela considerando, eventualmente, la riduzione di dosaggio della nifedipina.

L’ assunzione contemporanea di succo di pompelmo inibisce il metabolismo ossidativo della nifedipina con conseguente aumento della sua concentrazione plasmatica, che può quindi causare un maggiore effetto antiipertensivo.

La valutazione dei valori urinari dell’acido vanilil-mandelico effettuata con il metodo spettrofotometrico, in presenza di nifedipina, può evidenziare falsi incrementi dell’acido stesso; tali valori non vengono, invece, modificati utilizzando il metodo HPLC.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

La nifedipina è controindicata in corso di gravidanza.

La nifedipina si è dimostrata in grado di provocare effetti teratogeni nel ratto e nel coniglio, comprese le anomalie digitali. Tali anomalie sono, verosimilmente, il risultato della compromissione del flusso ematico uterino. La somministrazione del principio attivo ha comportato una varietà di effetti tossici a carico dell’embrione, della placenta e del feto, come scarso sviluppo fetale (ratto, topo, coniglio), ridotte dimensioni placentari ed ipotrofia dei villi coriali (scimmia), morte degli embrioni e dei feti (ratto, topo, coniglio) e prolungamento della gestazione/ridotta sopravvivenza neonatale (ratto; non valutati in altre specie). Tutti i dosaggi associati ad effetti teratogeni, embriotossici e fetotossici erano tossici per l’organismo materno e, comunque, risultavano di molte volte superiori alla posologia massima indicata per l’impiego umano.

Non esistono studi adeguati e ben controllati nelle donne in gravidanza.

In singoli casi di fertilizzazione in vitro, i calcio-antagonisti come la nifedipina sono stati associati ad alterazioni biochimiche reversibili in corrispondenza della parte apicale dello spermatozoo, con possibile alterazione funzionale dello sperma. Nei casi di ripetuto insuccesso della fertilizzazione in vitro, non riconducibili ad altri motivi, i calcio-antagonisti come la nifedipina dovrebbero essere considerati come possibile causa.

Allattamento

La nifedipina passa nel latte materno. Poiché non esistono dati sui possibili effetti sul neonato, qualora dovesse rendersi necessario un trattamento con nifedipina durante questo periodo, l’allattamento dovrebbe essere interrotto.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Le reazioni al farmaco, che variano da individuo ad individuo, possono compromettere la capacità di guidare o di usare macchinari. Ciò si riferisce particolarmente all’inizio del trattamento, al cambio del farmaco ed in relazione all’assunzione di bevande alcoliche.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Le reazioni avverse più comuni basate sulle sperimentazioni cliniche e classificate per frequenza ed apparato sono:

Frequenza d’incidenza&sgt;1%<10%

Organismo nel suo complesso: astenia (stanchezza)

Apparato cardiovascolare: vasodilatazione (vampate, sensazione di calore)

Disordini metabolici e nutrizionali: edema periferico

Sistema nervoso: giramento di testa, cefalea

Frequenza d’incidenza>0,1%<1%

Apparato cardiovascolare: sintomatologia pseudo-anginosa, dolore toracico, ipotensione, palpitazioni, tachicardia

Apparato digerente: stipsi, diarrea, nausea

Sistema nervoso: nervosismo

Cute ed annessi: prurito, rash (esantema)

Organi di senso: alterazione della vista

Frequenza d’incidenza>0,01%<0,1%

Organismo nel suo complesso: reazione allergica

Apparato cardiovascolare: sincope

Apparato muscolo-scheletrico: mialgia

Sistema nervoso: tremore, vertigine

Apparato respiratorio: dispnea

Apparato uro-genitale: aumento dell’escrezione urinaria giornaliera

Le reazioni avverse più comuni basate sulle segnalazioni spontanee e classificate per frequenza ed apparato, calcolate sulla popolazione esposta al farmaco sono:

Frequenza d’incidenza>0,01%<0,1%

Apparato digerente: iperplasia gengivale

Frequenza d’incidenza<0,01%

Apparato digerente: disturbi gastroenterici, alterazione degli indici di funzionalità epatica

Apparato emo-linfatico: agranulocitosi, porpora

Disordini metabolici e nutrizionali: iperglicemia

Sistema nervoso: parestesia

Cute ed annessi: ginecomastia, dermatite fotosensibile, orticaria

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomatologia

Nei casi di grave intossicazione da nifedipina sono stati osservati i seguenti sintomi: alterazione della coscienza fino al coma, calo della pressione arteriosa, disturbi del ritmo cardiaco di tipo tachi/bradicardico, iperglicemia, acidosi metabolica, ipossia, shock cardiogeno con edema polmonare.

Trattamento

Per quanto riguarda il trattamento, hanno la priorità l’eliminazione della sostanza attiva e la stabilizzazione della condizioni cardiovascolari.

Per l’ingestione orale è indicata la lavanda gastrica, eventualmente associata all’irrigazione del piccolo intestino. In caso d’ intossicazione con NIFEDIPINA BIG, l’eliminazione deve essere la più completa possibile, anche dall’intestino tenue, al fine di prevenire l’assorbimento del principio attivo.

L’emodialisi è inutile in quanto la nifedipina non è dializzabile, ma è consigliabile la plasmaforesi (per l’elevato legame proteico ed il relativamente basso volume di distribuzione).

I disturbi bradicardici del ritmo cardiaco possono essere trattati con b-simpaticomimetici mentre per le alterazioni di questo tipo, pericolose per la vita, deve essere preso in considerazione l’impiego di un “pacemaker” temporaneo. L’ipotensione, come risultato dello shock cardiogeno e della vasodilatazione arteriosa, può essere trattata con il calcio (10 – 20 ml di soluzione di calcio gluconato al 10%, da somministrarsi lentamente per via endovenosa, eventualmente da ripetersi).

Come risultato, la calcemia può raggiungere i valori alti della norma o superarli di poco. Qualora l’effetto del calcio sulla pressione sanguigna dovesse rilevarsi insufficiente, dovranno essere somministrati anche dei vasocostrittori simpaticomimetici, quali la dopamina o la noradrenalina, il cui dosaggio dovrà essere determinato esclusivamente dal risultato ottenuto.

L’ulteriore somministrazione di liquidi o di espansori plasmatici andrà effettuata con prudenza per il pericolo di sovraccarico cardiaco.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

La nifedipina è un calcio-antagonista del gruppo 1,4-diidropiridinico. I calcio- antagonisti riducono l’afflusso intracellulare transmembrana del calcio che si verifica attraverso i canali lenti del calcio. La nifedipina agisce particolarmente sulle cellule miocardiche e su quelle muscolari delle arterie coronarie e dei vasi periferici di resistenza.

A livello cardiaco la nifedipina dilata le arterie coronarie, in particolare i grandi vasi di conduttanza, ed anche i segmenti di parete libera da patologie nelle zone parzialmente stenotiche. Inoltre la nifedipina riduce il tono della muscolatura liscia vasale allo stesso livello, prevenendone il vasospasmo. Il risultato finale di queste azioni è un incremento del flusso ematico post-stenotico e, conseguentemente, un aumento dell’apporto di ossigeno.

Nello stesso tempo la nifedipina diminuisce la richiesta miocardica di ossigeno, riducendo le resistenze periferiche (post-carico). In terapia cronica, a lungo termine, la nifedipina è anche in grado di prevenire lo sviluppo di nuove lesioni arterosclerotiche a livello coronarico.

La nifedipina riduce il tono della muscolatura liscia arteriolare, pertanto, riducendo le resistenze periferiche aumentate, è in grado di abbassare la pressione arteriosa. All’inizio della terapia con nifedipina si può verificare un transitorio incremento riflesso della frequenza cardiaca, e quindi della portata cardiaca. Tuttavia l’incremento non è tale da compensare la vasodilatazione. Inoltre la nifedipina provoca un aumento della escrezione renale di acqua e sodio, sia nel trattamento a breve termine che in quello a lungo termine. L’effetto ipotensivo della nifedipina è particolarmente pronunciato nei pazienti ipertesi. Nei pazienti con Sindrome di Raynaud, la nifedipina è in grado di prevenire o ridurre gli episodi di vasospasmo alle dita.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

Dopo somministrazione orale la nifedipina viene immediatamente e quasi completamente assorbita. La biodisponibilità sistemica della nifedipina somministrata per os è del 45-56%, a causa dell’effetto di primo passaggio epatico. La massima concentrazione plasmatica e sierica viene raggiunta dopo 30-60 minuti. La contemporanea assunzione di alimenti ne ritarda l’assorbimento ma non lo riduce.

La seguente tabella mostra il picco ematico di concentrazione plasmatica (Cmax) ed il tempo al quale esso viene raggiunto (Tmax).

DOSE Cmax Tmax

mcg/l ore

10 mg 65-100 a stomaco vuoto: 0,5-1

a stomaco pieno: 1-2

Distribuzione

La nifedipina si lega per il 95% alle proteine plasmatiche (albumina).

Biotrasformazione

Dopo somministrazione orale la nifedipina viene metabolizzata a livello della parete intestinale e del fegato, principalmente attraverso un processo ossidativo. I metaboliti ossidati non presentano attività farmacologica. La via di escrezione fondamentale della nifedipina nella forma ossidata è quella renale, mentre solo il 5-15% viene escreto attraverso la bile con le feci. Il farmaco non metabolizzato si trova in tracce (meno dello 0,1%) nelle urine.

Eliminazione

L’emivita di eliminazione è di 1,7-3,4 ore. Non è stato riscontrato alcun accumulo della sostanza, alla posologia usuale, durante trattamento prolungato.

In caso di insufficienza renale non sono state rilevate sostanziali modificazioni rispetto ai volontari sani.

In presenza di compromissione della funzionalità epatica, l’emivita di eliminazione è nettamente allungata e la clearance totale del farmaco si riduce. Nei casi più severi può essere necessaria una riduzione della dose.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Tossicità acuta

La tossicità acuta è stata indagata in varie specie animali ed i risultati sono elencati in particolare nella tabella seguente:

Dose letale50 (LD50) (mg/Kg)

orale endovenosa

Topo 494 (421-572)* 4,2 (3,8-4,6)*

Ratto 1022 (950-1087)* 15,5 (13,7-17,5)*

Coniglio 250-500 2-3

Gatto circa 100 0,5-8

Cane >250 2-3

* Intervallo di confidenza 95%

Tossicità subacuta e subcronica

La somministrazione orale giornaliera a ratti (50 mg/Kg di peso) ed a cani (100 mg/Kg di peso) per periodi rispettivamente di 13 e 4 settimane è stata tollerata senza la comparsa di effetti tossici.

In somministrazione parenterale (endovenosa), i cani hanno tollerato fino a 0,1 mg/Kg di peso al dì per 6 giorni senza danni. La somministrazione endovenosa giornaliera di 2,5 mg/Kg di peso per un periodo di 3 settimane è stata tollerata dai ratti senza la comparsa di segni di danno d’organo.

Tossicità cronica

I cani hanno tollerato fino a 100 mg/Kg di peso al dì, somministrati per os per un periodo di un anno, senza presentare effetti tossici. Nei ratti sono comparsi effetti tossici con concentrazioni superiori ai 100 ppm nel cibo (circa 5-7 mg/Kg di peso corporeo).

Cancerogenesi

Uno studio a lungo termine sui ratti (2 anni) non ha fornito evidenze di alcun effetto cancerogeno della nifedipina.

Mutagenicità

Per valutare l’effetto mutageno sono stati eseguiti sul topo il test di Ames, il test della dominanza letale ed il test del micronucleo. Non è stato possibile evidenziare alcun effetto mutageno della nifedipina.

Tossicologia della riproduzione

È stato dimostrato che la nifedipina ha un effetto teratogeno nel ratto e nel coniglio con varie espressioni, tra le quali anomalie digitali. Le anomalie digitali sono probabilmente il risultato di una compromissione del flusso ematico uterino. La somministrazione di nifedipina si è associata a vari effetti tossici su embrione, placenta e feto, tra essi feti poco sviluppati (in ratto, topo, coniglio), placenta piccola e villi coriali ipoplastici (nella scimmia), morte embrionale e fetale (in ratto, topo e coniglio) ed allungamento della gestazione/ridotta sopravvivenza dei neonati (nel ratto, non valutata in altre specie). Tutte le dosi associate ad effetti teratogeni o tossici per embrione e feto negli animali risultano tossiche anche per la madre, e di parecchio superiori alla massima dose consigliata nell’uomo.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Ogni capsula contiene: glicerina F.U.; sodio saccarinato; polietilenglicole 400 F.U.; acqua depurata F.U.; essenza di menta piperita F.U.

costituenti dell’involucro: gelatina F.U.; glicerina F.U.; eritrosina; titanio biossido F.U.; sodio etile p-idrossibenzoato; sodio propile p-idrossibenzoato.

06.2 Incompatibilità

Indice

Niente da segnalare per l’uso previsto

06.3 Periodo di validità

Indice

30 mesi (2 anni e mezzo)

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

La nifedipina è altamente sensibile alla luce, pertanto le capsule non devono essere rotte perché la protezione dalla luce non è più assicurata.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Blister PVC e alluminio da 50 capsule molli

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

La sostanza fotosensibile contenuta nella capsula è sostanzialmente protetta dalla luce all’interno ed al di fuori della confezione.

Si consiglia tuttavia di non esporre a lungo le capsule alla luce solare diretta.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

BENEDETTI S.p.A.- Vicolo de’ Bacchettoni, 3 – Pistoia

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

50 capsule 024370025/G

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

26.10.1983 / 01.06.2000

10.0 Data di revisione del testo

Indice

23 novembre 2002

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983