Home Schede Tecniche Nimbisan: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Nimbisan: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Nimbisan

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Nimbisan: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Nimbisan: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

NIMBISAN

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Compresse:

1 compressa contiene:

brotizolam 0,25 mg

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento a breve termine dell’insonnia.

Le benzodiazepine sono indicate solamente quando il disturbo è grave, disabilitante o sottopone il soggetto a grave disagio.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Il trattamento deve essere il più breve possibile. Generalmente tale durata varia da pochi giorni a due settimane, fino ad un massimo di quattro settimane, compreso un periodo di sospensione graduale. In determinati casi, puo’ essere necessaria l’estensione oltre il periodo massimo di trattamento; in caso affermativo, non deve avvenire senza rivalutazione della condizione del paziente. Il farmaco deve essere assunto appena prima di andare a letto.

Dosaggio

Adulti: 0,25 mg (1 compressa)

Anziani: 0,125 mg (½ compressa)

In circostanze eccezionali la dose può essere aumentata a 0,25 mg.

Pazienti con funzione epatica e/o renale alterata: 0,125 mg (½ compressa)

Il trattamento deve essere iniziato alla minima dose raccomandata. La dose massima non deve essere superata.

04.3 Controindicazioni

Indice

Miastenia grave – Ipersensibilità alle benzodiazepine o agli altri componenti del prodotto – Insufficienza respiratoria grave – Sindrome da apnea notturna – Insufficienza epatica grave – Somministrazione a bambini – Gravidanza e allattamento (v. anche Sezione 4.6).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Tolleranza:

Dopo un uso ripetuto per alcune settimane, si può verificare una certa perdita di efficacia agli effetti ipnotici delle benzodiazepine.

Dipendenza:

L’uso delle benzodiazepine può condurre allo sviluppo di dipendenza fisica e psichica da questi farmaci. Il rischio di dipendenza aumenta con la dose e la durata del trattamento; è inoltre maggiore nei pazienti con una storia di abuso di alcool o di droga. Nei casi in cui si sia sviluppata dipendenza fisica, il termine brusco del trattamento sarà accompagnato dai sintomi da astinenza, che possono includere: cefalea, dolori muscolari, ansia estrema, tensione, irrequietezza, confusione e irritabilità. In casi gravi possono verificarsi i seguenti sintomi: derealizzazione, depersonalizzazione, iperacusia, intorpidimento e formicolio delle estremità, ipersensibilità alla luce, al rumore e al contatto fisico, allucinazioni o scosse epilettiche.

Insonnia di rimbalzo :

All’ interruzione del trattamento può verificarsi una sindrome transitoria che consiste nella ricomparsa, in forma aggravata, dei sintomi che avevano indotto al trattamento con una benzodiazepina. Essa può essere accompagnata da altre reazioni, quali cambiamenti d’umore, ansia e irrequietezza o disturbi del sonno.

Poichè il rischio di sintomi da astinenza o da rimbalzo è maggiore dopo la sospensione brusca del trattamento, si raccomanda di diminuire gradualmente il dosaggio.

Durata del trattamento

La durata del trattamento deve essere la più breve possibile (v. anche Sezione “4.2.”) e non deve superare le quattro settimane, compreso un periodo di sospensione graduale. L’ estensione della terapia oltre questo periodo non deve avvenire senza rivalutazione della situazione clinica.

Può essere utile informare il paziente, all’inizio del trattamento, che questo sarà di durata limitata e spiegare esattamente come il dosaggio deve essere progressivamente diminuito.

Inoltre, è importante che il paziente sia a conoscenza della possibilità che si verifichino fenomeni da rimbalzo , riducendo così al minimo l’ansia provocata da tali sintomi nel caso questi dovessero insorgere nella fase di sospensione del farmaco.

Sembra che, nel caso benzodiazepine con una breve durata di azione, i sintomi da astinenza possano manifestarsi nell’intervallo fra due assunzioni, soprattutto se il dosaggio è alto.

Amnesia:

Le benzodiazepine possono indurre amnesia anterograda. Il più delle volte questo effetto si manifesta diverse ore dopo l’assunzione del farmaco; quindi, per ridurre tale rischio, i pazienti devono assicurarsi di poter avere un periodo ininterrotto di sonno di 7-8 ore (v. anche Sezione “Effetti indesiderati”).

Reazioni psichiatriche e “paradosse“:

Durante l’uso di benzodiazepine possono verificarsi: irrequietezza , agitazione, irritabilità, aggressività, delusione, collera, incubi notturni, allucinazioni, psicosi, alterazioni del comportamento. Qualora ciò si verificasse, l’uso del farmaco deve essere sospeso.

Tali reazioni sono più frequenti nei bambini e negli anziani.

Gruppi specifici di pazienti:

Bambini: le benzodiazepine non devono essere date ai bambini senza valutazione attenta dell’ effettiva necessità del trattamento; la durata del trattamento deve essere la più breve possibile.

Anziani: gli anziani devono assumere una dose ridotta (v. anche Sezione 4.2).

Una dose inferiore è raccomandata egualmente per i pazienti con insufficienza respiratoria cronica, a causa del rischio di depressione respiratoria.

Le benzodiazepine non sono indicate nei pazienti con grave insufficienza epatica, poichè questi farmaci possono far precipitare un’encefalopatia.

Le benzodiazepine non sono raccomandate per il trattamento primario della malattia psicotica.

Le benzodiazepine non devono essere utilizzate da sole per il trattamento della depressione o dell’ansia associata a depressione (in tali pazienti potrebbero aumentare le tendenze suicidarie).

Le benzodiazepine devono essere usate con estrema attenzione in pazienti con precedenti di abuso di alcool o di droga.

Tenere il medicinale fuori dalla portata dei bambini.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

L’assunzione contemporanea di alcool va evitata.

L’effetto sedativo può essere aumentato se il farmaco viene assunto in concomitanza con alcool. Ciò influenza negativamente la capacità di guidare autoveicoli o usare macchinari.

Tenere in considerazione: l’associazione con farmaci ad effetto deprimente sul SNC.

In caso di uso in associazione con antipsicotici (neurolettici), ipnotici, ansiolitici/sedativi, antidepressivi, analgesici narcotici, farmaci anti-epilettici, anestetici e antistaminici sedativi, si può verificare un aumento dell’effetto deprimente a livello centrale. Nel caso di analgesici narcotici, si può manifestare anche un’accentuazione del senso di euforia, che conduce ad un aumento della dipendenza psichica.

Le sostanze che inibiscono alcuni enzimi epatici (particolarmente il citocromo P450), possono aumentare l’attività delle benzodiazepine. In grado inferiore, questo si applica anche alle benzodiazepine che sono metabolizzate soltanto per coniugazione.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Non sono disponibili dati sul brotizolam sufficienti ad accertarne la sicurezza d’impiego durante la gravidanza e l’allattamento. Se il farmaco viene prescritto a una donna in età fertile, questa deve essere avvertita di contattare il medico per la sospensione del trattamento, nel caso intenda intraprendere una gravidanza o sospetti di essere gravida. Se, per assolute necessità mediche, il brotizolam deve essere somministrato in fase avanzata di gravidanza, o durante il parto, si possono prevedere sul neonato effetti quali: ipotermia, ipotonia e depressione respiratoria moderata, causati dall’azione farmacologica del farmaco. Inoltre, i bambini nati da madri che assumevano benzodiazepine cronicamente durante le ultime fasi della gravidanza, possono sviluppare dipendenza fisica e possono presentare un certo rischio per sviluppare sintomi da astinenza nel periodo post-natale. Poichè le benzodiazepine sono escrete nel latte materno, il brotizolam non deve essere somministrato alle madri che allattano al seno.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Effetti quali sedazione, amnesia, l’alterazione della concentrazione e della funzione muscolare possono influenzare negativamente la capacità di guidare autoveicoli o usare macchinari. Nel caso di insufficiente durata del sonno, può aumentare la probabilità di riduzione della vigilanza (v. anche Sezione “Interazioni”).

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Sonnolenza durante il giomo, ottundimento delle emozioni, riduzione della vigilanza, confusione, affaticamento, dolori di testa, vertigini, debolezza muscolare, atassia, sdoppiamento della visione. Questi fenomeni possono verificarsi principalmente all’inizio della terapia e solitamente scompaiono proseguendo il trattamento. Occasionalmente sono state riportate altr reazioni avverse, quali: disturbi gastrointestinali, alterazioni della libido e reazioni cutanee.

Amnesia

Amnesia anterograda può verificarsi ai dosaggi terapeutici ma il rischio è maggiore a dosi più elevate. Gli effetti amnesici possono associarsi ad alterazioni del comportamento (v. anche Sezione “Avvertenze speciali e precauzioni per l’uso”).

Depressione

Durante l’uso di benzodiazepine possono rendersi manifesti stati di depressione preesistenti.

Reazioni psichiatriche e “paradosse

È noto che durante l’uso di benzodiazepine possono verificarsi le seguenti reazioni: irrequietezza, agitazione, irritabilità, aggressività, delusione, collera, incubi, allucinazioni, psicosi, alterazioni del comportamento. Tali reazioni possono essere abbastanza gravi. Sono più probabili nei bambini e negli anziani.

Dipendenza

L’uso (anche alle dosi terapeutiche) può portare allo sviluppo di dipendenza fisica: la sospensione della terapia può causare fenomeni di rimbalzo o da astinenza (v. anche Sezione “Avvertenze speciali e precauzioni per l’uso”). Si può verificare dipendenza psichica. Sono stati riportati casi di abuso di benzodiazepine.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Come con altre benzodiazepine, una dose eccessiva non dovrebbe rappresentare un pericolo mortale a meno che queste non siano state assunte contemporaneamente ad altre sostanze deprimenti il SNC (incluso l’alcool). Nel trattamento del sovradosaggio di qualsiasi specialità medicinale, è necessario tenere presente che potrebbero essere state assunte più sostanze. In caso di sovradosaggio di benzodiazepine per uso orale, bisogna indurre il vomito (entro 1 ora) se il paziente è cosciente oppure effettuare una lavanda gastrica, con protezione delle vie respiratorie, se il paziente è in stato di incoscienza. Se lo svuotamento dello stomaco non dovesse portare ad alcun vantaggio, somministrare carbone attivo per ridurre l’assorbimento. Le funzioni cardiovascolari e respiratorie devono essere attentamente monitorizzate nell’unità di terapia d’urgenza. Il sovradosaggio con benzodiazepine si manifesta solitamente con vari gradi di depressione del SNC, che variano dall’obnubilamento al coma. Nei casi di lieve entità, i sintomi includono obnubilamento, confusione mentale e letargia; nei casi più gravi i sintomi possono includere atassia, ipotonia, ipotensione, depressione respiratoria, raramente coma e molto raramente morte. Il flumazenil può essere un utile antidoto.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: ipnotici e sedativi, derivati benzodiazepinici codice ATC N05CD09.

Brotizolam è una tienotriazolodiazepina (etrazepina).

Brotizolam si fissa specificamente e con alta affinità ai recettori benzodiazepinici del sistema nervoso centrale. Oltre gli effetti ipnoinducenti, brotizolam ha dimostrato in studi effettuati sugli animali, effetti ansiolitici, sedativi e muscolorilassanti.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Dopo ingestione di una compressa contenente 0,25 mg di brotizolam, il picco di concentrazione plasmatica è raggiunto entro un’ora (0,5 – 2,0) in soggetti giovani sani e dopo 1,7 ore (0,5 – 3,0) in pazienti anziani. La biodisponibilità assoluta è del 70%. L’emivita di eliminazione dal plasma è tra le 3 e le 6 ore. In pazienti anziani l’emivita media di eliminazione dal plasma fu 9,1 ore (4,0 – 19,5). L’assunzione giornaliera di 0,25 mg di brotizolam non portò ad accumulo o a cambiamenti dell’emivita in pazienti anziani.

L’emivita media di eliminazione dal plasma è aumentata a 6,9 – 8,15 ore in pazienti con vari gradi di insufficienza renale (creatinina clearance < 15 ml/min).

In pazienti con cirrosi epatica, l’eliminazione può essere considerevolmente diminuita. Il valore medio delle emivite di eliminazione in uno studio fu 12,8 (9,4 – 25) ore.

La frazione non legata alle proteine è 8,4 ± 0,7%.

Il volume di distribuzione dopo 0,25 mg è 0,66 ± 0,19 l/kg.

Circa due terzi di brotizolam somministrato per via orale è eliminato per via renale, il rimanente con le feci.

Brotizolam è principalmente metabolizzato tramite biotrasformazione, nel fegato le prime tappe sono l’idrossilazione nelle posizioni 9-metil e 6-idrossimetilbrotizolam, il metabolita principale, è debolmente attivo sui recettori benzodiazepinici.

Da misure dei livelli plasmatici di brotizolam e dei suoi metaboliti usando differenti metodi, furono calcolate le emivite di eliminazione dei principali metaboliti. Queste corrisposero approssimativamente a quella del brotizolam.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

In acuto, il brotizolam ha un indice di tossicità molto basso: i valori di DL50 orale sono > 10 g/Kg nel topo e nel ratto e > 2 g/Kg nel coniglio e nel cane.

In tutte le specie studiate sono state osservate atassia e sedazione.

In studi per os a dose ripetuta per periodi di 4, 5, 13 e 78 settimane, i ratti hanno mostrato di tollerare 0,5 mg/Kg con il giudizio NOAEL (No Observed Adverse Effect Level). I ratti trattati con 100, 400 o 1000 mg/Kg dimostrano un aumento della sedazione e della aggressività. Durante lo studio, si è sviluppata tolleranza al farmaco. Non si sono verificati decessi. Al termine dello studio, i ratti trattati con 400 o 1000 mg/Kg mostravano epatomegalia e aumento del colesterolo sierico. Alla interruzione del trattamento si sono verificati segni di astinenza. Tutti i sintomi erano reversibili e non furono riscontrate lesioni istopatologiche. Tra i ratti trattati con 400 mg/Kg nella dieta, si è manifestato un aumento della mortalità a partire dalla 27° settimana, dovuta alle cattive condizioni generali degli animali.

Le scimmie (tipo RHESUS) hanno tollerato 1 mg/Kg per 13 settimane, sempre con giudizio NOAEL.

A 10 o 100 mg/Kg sono stati osservati atassia, aumento dell’appetito, spasmi muscolari iperriflessivi ed aumentato peso del fegato come anche segni di astinenza all’interruzione del trattamento. Tutti i sintomi riscontrati si sono rilevati reversibili. In uno studio di 52 settimane, scimmie trattate con 7 o 50 mg/Kg hanno mostrato segni di aumento dell’appetito, atassia e sonnolenza. A partire dalla 4° settimana nel gruppo trattato con 50 mg/Kg sono stati osservati spasmi muscolari iperriflessivi.

Il brotizolam non è embriotossico nè teratogeno, come evidenziato dagli studi del segmento II in dosi fino a 30 mg/Kg (ratto) e 3 mg/Kg (coniglio) per via orale. La fertilità non viene compromessa, come risulta dagli studi del segmento I a dosi fino a 10 mg/Kg. Il livello a cui non sono stati osservati eventi avversi durante lo sviluppo peri- e post-natale, negli studi di segmento III, è di 0,05 mg/Kg. Numerosi studi (Ames test, test del micronucleo, test citogenici e dominant lethal test) non hanno mostrato evidenza di alcun potenziale mutageno.

Il brotizolam non è risultato cancerogeno negli studi di carcinogenesi sul topo trattato con dosi fino a 200 mg/Kg. Nello studio sul ratto, la dose a cui non sono stati osservati eventi avversi è risultata di 10 mg/Kg. A 200 mg/Kg furono riscontrate reazioni iperplastiche e neoplastiche a livello tiroideo, nel sistema linforeticolare e nell’utero, ma sono considerate specie-specifiche e non rilevanti per l’uso del farmaco nell’uomo.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Lattosio, amido di mais, amido sodio glicolato, cellulosa microgranulare, gelatina, magnesio stearato.

06.2 Incompatibilità

Indice

Nessuna incompatibilità accertata.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare a temperatura ambiente.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Blister in Al/PVC – PVDC opaco.

Astuccio da 30 compresse.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Per liberare una compressa è necessario premere sul blister dalla parte in plastica.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Farmaceutici Caber S.p.A.

Viale Città d’Europa n. 681 – Roma

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

A.I.C. n.: 027803028

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

01.07.1992 / 01.07.2002

10.0 Data di revisione del testo

Indice

01/02/2005

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983