Altargo: effetti collaterali e controindicazioni

Altargo 10 mg/g unguento (Retapamulina) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Trattamento a breve termine delle seguenti infezioni superficiali della cute negli adulti, adolescenti e bambini (a partire dai nove mesi) (vedere paragrafo 5.1):

Impetigine.

Altargo 10 mg/g unguento: effetti collaterali

Come tutti i farmaci, però, anche Altargo 10 mg/g unguento ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Altargo 10 mg/g unguento, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Altargo 10 mg/g unguento: controindicazioni

Adulti (di età compresa tra 18 e 65 anni), adolescenti (di età compresa tra 12 e 17 anni), pazienti pediatrici (di età compresa tra nove mesi e 11 anni).

Pubblicità

Un sottile strato di unguento deve essere applicato sull’area interessata due volte al giorno per cinque giorni.

L’area trattata può essere coperta con un bendaggio sterile o con una garza. La sicurezza e l’efficacia non sono state stabilite nelle seguenti condizioni:

lesioni da impetigine di numero maggiore a 10 ed eccedenti i 100 cm2 nella superficie totale.

lesioni infette che superano i 10 cm di lunghezza o una superficie totale maggiore di 100 cm2.

Nei pazienti di età inferiore ai 18 anni la superficie totale trattata non deve essere maggiore del 2% della superficie corporea totale.

I pazienti che non mostrano una risposta clinica entro due o tre giorni devono essere rivalutati e deve essere considerata una terapia alternativa (vedere paragrafo 4.4).

Popolazioni speciali

Anziani (dai 65 anni di età in poi)

Non è necessario alcun aggiustamento posologico.

Compromissione renale

Non è necessario alcun aggiustamento posologico. Vedere paragrafo 5.3.

Compromissione epatica

Non è necessario alcun aggiustamento posologico. Vedere paragrafo 5.3.

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l’efficacia di retapamulina unguento nei bambini con meno di 9 mesi non è stata stabilita. I dati al momento disponibili sono riportati nel paragrafo 5.2, ma non può essere fatta alcuna raccomandazione riguardante la posologia.

Via di somministrazione

Retapamulina è solo per uso cutaneo.

Altargo 10 mg/g unguento: effetti collaterali

Riassunto del profilo di sicurezza:

Negli studi clinici in cui Altargo è stato applicato a 2150 pazienti con infezioni superficiali della cute, la reazione avversa più comunemente riportata è stata irritazione nel sito di applicazione che ha riguardato circa l’1% dei pazienti.

Elenco delle reazioni avverse:

La seguente convenzione è stata usata per la classificazione della frequenza: molto comune (>1/10), comune (da>1/100 a <1/10), non comune (da >1/1000 a <1/100), rara (da >1/10.000 a <1/1000), molto rara (<1/10.000), non nota (non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

All’interno di ciascuna classe di frequenza, le reazioni avverse sono riportate in ordine decrescente di gravità.

Organo/sistema Comune Non comune Non nota
Disturbi del sistema immunitario Ipersensibilità incluso angioedema
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Dermatite da contatto
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Reazioni nel sito di applicazione: irritazione Reazioni nel sito di applicazione: dolore, prurito, eritema Irritazione nel sito di applicazione (inclusa sensazione di bruciore)

Popolazione pediatrica:

Frequenza, tipo e gravità delle reazioni avverse nella popolazione pediatrica è la stessa degli adulti.

Altargo 10 mg/g unguento: avvertenze per l’uso

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eeccipienti elencati al paragrafo 6.1.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.