Pubblicita'

Arfen Bugiardino. Fonte A.I.Fa.


Se sei un professionista della salute, consulta anche la Scheda Tecnica di Arfen


FOGLIO ILLUSTRATIVO: informazioni per il paziente

ARFEN 500 mg compresse Ibuprofene Lisina

Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei.

  • Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo.
  • Se ha qualsiasi dubbio, si rivolga al medico o al farmacista.
  • Questo medicinale è stato prescritto soltanto per lei. Non lo dia ad altre persone, anche se i sintomi della malattia sono uguali ai suoi, perché potrebbe essere pericoloso.
  • Se si manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4.

Contenuto di questo foglio:

  1. Che cos’è ARFEN e a che cosa serve
  2. Cosa deve sapere prima di prendere ARFEN
  3. Come prendere ARFEN
  4. Possibili effetti indesiderati
  5. Come conservare ARFEN
  6. Contenuto della confezione e altre informazioni

  1. Che cos’è ARFEN e a che cosa serve

    ARFEN contiene una sostanza chiamata ibuprofene lisina, che appartiene a un gruppo di medicinali chiamati farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

    Questo medicinale agisce riducendo l’infiammazione e alleviando il dolore, il gonfiore e la rigidità delle articolazioni e dei muscoli.

    ARFEN è usato nel trattamento cronico dei sintomi:

    • dell’artrite reumatoide (malattia infiammatoria cronica che colpisce le articolazioni del corpo);
    • dell’osteoartrite (malattia che causa la degenerazione della cartilagine articolare);
    • delle radicolo-nevriti (malattia infiammatoria dei nervi).
  2. Cosa deve sapere prima di prendere ARFEN Non prenda ARFEN

    • se è allergico all’ibuprofene o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6);
    • se ha avuto angioedema (una reazione allergica grave che causa gonfiore delle mani, dei piedi o delle caviglie, del viso e delle labbra);
    • se ha, oppure ha avuto in passato, un’ulcera o sanguinamento dello stomaco o dell’intestino;
    • se ha un’insufficienza epatica o renale grave
    • se ha avuto sanguinamento dello stomaco o dell’intestino dopo aver assunto ibuprofene, acido acetilsalicilico o altri farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS);
    • se ha una malattia che aumenta la sua tendenza a sanguinare (diatesi emorragica);
    • se ha una grave insufficienza cardiaca;
    • se sta assumendo diuretici (ossia farmaci che aiutano ad aumentare le urine) o farmaci che prevengono la coagulazione del sangue (come il warfarin);
    • se è incinta o sta allattando al seno;

      Avvertenze e precauzioni

      Rivolgersi al medico o al farmacista prima di prendere ARFEN.

      Questo medicinale deve essere preso sotto stretta supervisione medica.

      I farmaci antinfiammatori/antidolorifici come ibuprofene possono essere associati ad un modesto aumento del rischio di attacco cardiaco o ictus, specialmente se somministrati in dosi elevate.

      Non superare la dose raccomandata o la durata del trattamento.

      Deve discutere la terapia con il medico o il farmacista prima di prendere ARFEN se:

    • ha problemi cardiaci inclusi attacco cardiaco, angina (dolore al petto) o se ha precedenti di attacco cardiaco, intervento di bypass coronarico, malattia arteriosa periferica (scarsa circolazione alle gambe o ai piedi dovuta a restringimento oppure ostruzione delle arterie) oppure qualunque tipo di ictus (incluso ‘mini-ictus’ o “TIA”, attacco ischemico transitorio);
    • ha pressione alta, diabete, colesterolo alto, storia familiare di malattia cardiaca o ictus, oppure se è un fumatore;
    • ha manifestato in passato broncospasmo durante il trattamento con aspirina o altri FANS;
    • ha problemi al fegato o ai reni;
    • ha problemi di sanguinamento o di coagulazione del sangue;
    • in passato ha avuto episodi di tossicità allo stomaco o all’intestino, soprattutto negli anziani;
    • ha una malattia infiammatoria dell'intestino (come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn);
    • è una persona anziana. Gli anziani sono più predisposti agli effetti indesiderati associati ad ARFEN.

    Altri medicinali e ARFEN

    Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale.

    ARFEN può influenzare o essere influenzato da altri medicinali. Ad esempio:

    • medicinali che hanno un effetto anticoagulante (vale a dire sostanze che fluidificano il sangue impedendo la formazione di coaguli, es. aspirina/acido acetilsalicilico, warfarin, ticlopidina);
    • altri antidolorifici (come l’aspirina o altri FANS). L’associazione con questi medicinali può portare, anche se molto raramente, all’insorgenza di reazioni gravi alla pelle, alcune delle quali fatali (come la dermatite esfoliativa, la sindrome di Stevens-Johnson e la necrolisi tossica dell’epidermide). Inoltre possono aumentare il rischio di ulcera o sanguinamento dello stomaco o dell’intestino;
    • corticosteroidi (ormoni usati per trattare l’infiammazione e le allergie), possono aumentare il rischio di ulcera o sanguinamento dello stomaco o dell’intestino;
    • medicinali antiaggreganti (che prevengono i coaguli di sangue) o medicinali noti come inibitori selettivi del reuptake della Serotonina (SSRI), usati per il trattamento della depressione. Questi farmaci potrebbero aumentare il rischio di sanguinamento a livello dello stomaco e dell’intestino (soprattutto negli anziani);
    • medicinali che riducono la pressione alta (ACE-inibitori come captopril, betabloccanti come atenololo, antagonisti dell’angiotensina II come losartan).

      Anche alcuni altri medicinali possono influenzare o essere influenzati dal trattamento con ARFEN. Pertanto, consulti sempre il medico o il farmacista prima di usare ARFEN con altri

      Gravidanza e allattamento

      Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale.

      Questo medicinale non deve essere usato in gravidanza o durante l’allattamento materno senza consultare prima il medico.

      Guida di veicoli e utilizzo di macchinari

      Non sono disponibili dati per valutare l’effetto di questo medicinale sulla capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.

  3. Come prendere ARFEN

    Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente le istruzioni del medico. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

    La dose raccomandata è di 2-4 compresse al giorno, secondo indicazione del medico.

    Non superare la dose massima giornaliera di 2.500 mg (ossia 5 compresse).

    Si raccomanda di prendere la compressa durante i pasti o con un bicchiere di latte nel caso avesse disturbi allo stomaco o all’intestino.

    Il medico può decidere di variare la posologia in base alla gravità dei suoi sintomi, o all’inizio del trattamento oppure in base alla sua risposta al trattamento.

    Nei pazienti anziani, il medico potrebbe prescrivere una dose del farmaco minore rispetto a quella per adulti.

    Se usa più ARFEN di quanto deve

    Se assume un dosaggio eccessivo (sovradosaggio) di ibuprofene può presentare più comunemente i seguenti sintomi: nausea, vomito, mal di pancia , stato di sonno profondo con ridotta risposta ai normali stimoli (letargia), sonnolenza, mal di testa, ronzii nelle orecchie (tinnito), vertigini, movimenti incontrollati del corpo (convulsioni) e perdita di coscienza.

    I sintomi di un sovradosaggio possono manifestarsi entro 4 – 6 ore dall’assunzione di ibuprofene.

    Raramente può presentare i movimenti incontrollati degli occhi (nistagmo), aumento degli acidi nel sangue (acidosi metabolica), abbassamento della temperatura corporea (ipotermia), effetti a carico del rene, sanguinamento dello stomaco e dell’intestino, profonda perdita di coscienza (coma), interruzione momentanea del respiro (apnea), diarrea, riduzione dell'attività del sistema nervoso (depressione del Sistema Nervoso Centrale) e dell’attività respiratoria (depressione del sistema respiratorio).

    Inoltre, può manifestare anche disorientamento, stato di eccitazione, svenimento, abbassamento della pressione del sangue (ipotensione), diminuzione o aumento dei battiti del cuore (bradicardia o tachicardia).

    Se assume dosi significativamente elevate di ibuprofene può manifestare gravi danni a carico dei reni e del fegato.

    In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di ARFEN, avverta

    Se si ha qualsiasi dubbio sull’uso di ARFEN, si rivolga al medico o al farmacista

    Se dimentica di prendere ARFEN

    Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose.

    Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista.

  4. Possibili effetti indesiderati

    Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.

    Smetta immediatamente di prendere ARFEN e contatti subito il medico o si rivolga all’ospedale:

    • se dovesse avvertire qualche strano sintomo allo stomaco o all’intestino (come vomito con presenza di sangue, vomito color marrone scuro, feci nere e appiccicose oppure diarrea con tracce di sangue);
    • se dovesse manifestare sintomi come eruzione cutanea, lesioni alla mucosa (ad esempio della cavità orale) o altri sintomi di reazione allergica.
    • se manifesta disturbi alla vista, problemi alla funzionalità del fegato o problemi al livello del sangue, che si possono presentare con la comparsa di macchie rosse sulla pelle, prurito e dolore.

    Gli effetti indesiderati più comuni sono:

    • indigestione,
    • dolore alla parte superiore dell’addome,
    • bruciore di stomaco,
    • flatulenza,
    • eruzione cutanea.

      Altri effetti indesiderati:

    • malessere (nausea, vomito),
    • presenza di feci dure e secche (costipazione),
    • frequente necessità di evacuare, con feci molli e acquose (diarrea),
    • sanguinamento dello stomaco (con la presenza di tracce di sangue nel vomito, oppure vomito color marrone scuro) o dell’intestino (con la presenza di feci nere e appiccicose o diarrea con sangue), a volte fatale, in particolare negli anziani,
    • formazione di ulcere o perforazioni nello stomaco o nell’intestino,
    • infiammazione e ulcera nella cavità orale (stomatite ulcerosa),
    • infiammazione dello stomaco (gastrite),
    • peggioramento dell’infiammazione dell’intestino (colite e morbo di Crohn),
    • problemi a livello del sangue, come anemia, diminuzione delle piastrine (trombocitopenia) o variazioni del numero dei globuli bianchi (leucopenia, neutropenia, agranulocitosi),
    • problemi a livello del sistema nervoso (depressione, disorientamento),
    • gonfiore (edema),
    • condizioni cutanee bollose come la sindrome di Stevens – Johnson e la necrolisi tossica dell’epidermide,
    • pressione sanguigna alta (ipertensione),
    • insufficienza cardiaca,
    • attacco di cuore (infarto del miocardio),
    • ictus.

      Se gli effetti indesiderati diventano gravi, o se dovesse avvertire qualche effetto indesiderato non presente in questo foglio illustrativo, contatti il suo medico o il farmacista.

      Segnalazione degli effetti indesiderati

      Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista.

      Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo: http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

      Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

  5. Come conservare ARFEN

    Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

    Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola dopo “Scad.”. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese.

    La data di scadenza indicata si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato.

    Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.

  6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene ARFEN

    • il principio attivo è ibuprofene lisina. Una compressa contiene 500 mg di ibuprofene lisina.
    • gli altri componenti del medicinale sono: cellulosa microcristallina, carbossimetilcellulosa sodica, talco, magnesio stearato, gelatina.

Descrizione dell’aspetto di ARFEN e contenuto della confezione

Arfen 500 mg compresse si presenta in un astuccio contenente 30 compresse.

Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio Laboratorio Italiano Biochimico Farmaceutico LISAPHARMA S.p.A. Via Licinio, 11

Pubblicita'

22036 ERBA (CO) – Italia

Produttore e controllore finale

Laboratorio Italiano Biochimico Farmaceutico LISAPHARMA S.p.A. Via Licinio, 11

22036 ERBA (CO) – Italia

Questo foglio illustrativo è stato aggiornato il

FOGLIO ILLUSTRATIVO: informazioni per il paziente ARFEN 400 mg/3 ml soluzione iniettabile per uso intramuscolare Ibuprofene Lisina

Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei.

  • Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo.
  • Se ha qualsiasi dubbio, si rivolga al medico o al farmacista.
  • Questo medicinale è stato prescritto soltanto per lei. Non lo dia ad altre persone, anche se i sintomi della malattia sono uguali ai suoi, perché potrebbe essere pericoloso.
  • Se si manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4.

Contenuto di questo foglio:

  1. Che cos’è ARFEN e a che cosa serve
  2. Cosa deve sapere prima di prendere ARFEN
  3. Come prendere ARFEN
  4. Possibili effetti indesiderati
  5. Come conservare ARFEN
  6. Contenuto della confezione e altre informazioni

  1. Che cos’è ARFEN e a che cosa serve

    ARFEN contiene una sostanza chiamata ibuprofene lisina, che appartiene a un gruppo di medicinali chiamati farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

    Questo medicinale agisce riducendo l’infiammazione e alleviando il dolore, il gonfiore e la rigidità delle articolazioni e dei muscoli.

    ARFEN è usato nel trattamento del dolore acuto in pazienti con malattie infiammatorie delle articolazioni e dei muscoli.

  2. Cosa deve sapere prima di prendere ARFEN Non prenda ARFEN

    • se è allergico all’ibuprofene o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6);
    • se ha avuto angioedema (una reazione allergica grave che causa gonfiore delle mani, dei piedi o delle caviglie, del viso e delle labbra);
    • se ha, oppure ha avuto in passato, un’ulcera o sanguinamento dello stomaco o dell’intestino;
    • se ha un’insufficienza epatica o renale grave
    • se ha avuto sanguinamento dello stomaco o dell’intestino dopo aver assunto ibuprofene, acido acetilsalicilico o altri farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS);
    • se ha una malattia che aumenta la sua tendenza a sanguinare (diatesi emorragica);
    • se ha una grave insufficienza cardiaca;
    • se sta assumendo diuretici (ossia farmaci che aiutano ad aumentare le urine) o farmaci che prevengono la coagulazione del sangue;
    • se è incinta o sta allattando al seno;
    • se ha meno di 14 anni di età.

      Avvertenze e precauzioni

      Questo medicinale deve essere preso sotto stretta supervisione medica.

      I farmaci antinfiammatori/antidolorifici come ibuprofene possono essere associati ad un modesto aumento del rischio di attacco cardiaco o ictus, specialmente se somministrati in dosi elevate.

      Non superare la dose raccomandata o la durata del trattamento.

      Deve discutere la terapia con il medico o il farmacista prima di prendere ARFEN se:

    • ha problemi cardiaci inclusi attacco cardiaco, angina (dolore al petto) o se ha precedenti di attacco cardiaco, intervento di bypass coronarico, malattia arteriosa periferica (scarsa circolazione alle gambe o ai piedi dovuta a restringimento oppure ostruzione delle arterie) oppure qualunque tipo di ictus (incluso ‘mini-ictus’ o “TIA”, attacco ischemico transitorio);
    • ha pressione alta, diabete, colesterolo alto, storia familiare di malattia cardiaca o ictus, oppure se è un fumatore;
    • soffre di asma. Questo farmaco può causare broncospasmo (sintomi che includono affanno e difficoltà a respirare), shock e altre reazioni allergiche;
    • ha manifestato in passato broncospasmo durante il trattamento con aspirina o altri FANS;
    • ha problemi al fegato o ai reni;
    • ha problemi di sanguinamento o di coagulazione del sangue;
    • in passato ha avuto episodi di tossicità allo stomaco o all’intestino;
    • ha una malattia infiammatoria dell'intestino (come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn);
    • è una persona anziana. Gli anziani sono più predisposti agli effetti indesiderati associati ad ARFEN.

    Altri medicinali e ARFEN

    Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale.

    ARFEN può influenzare o essere influenzato da altri medicinali. Ad esempio:

    • medicinali che hanno un effetto anticoagulante (vale a dire sostanze che fluidificano il sangue impedendo la formazione di coaguli, es. aspirina/acido acetilsalicilico, warfarin, ticlopidina);
    • altri antidolorifici (come l’aspirina o altri FANS). L’associazione con questi medicinali può portare, anche se molto raramente, all’insorgenza di reazioni gravi alla pelle, alcune delle quali fatali (come la dermatite esfoliativa, la sindrome di Stevens-Johnson e la necrolisi tossica dell’epidermide). Inoltre possono aumentare il rischio di ulcera o sanguinamento dello stomaco o dell’intestino;
    • corticosteroidi (ormoni usati per trattare l’infiammazione e le allergie), possono aumentare il rischio di ulcera o sanguinamento dello stomaco o dell’intestino;
    • medicinali antiaggreganti (che prevengono i coaguli di sangue) o medicinali noti come inibitori selettivi del reuptake della Serotonina (SSRI), usati per il trattamento della depressione. Questi farmaci potrebbero aumentare il rischio di sanguinamento a livello dello stomaco e dell’intestino;
    • medicinali che riducono la pressione alta (ACE-inibitori come captopril, betabloccanti come atenololo, antagonisti dei recettori dell’angiotensina II come losartan).

      Anche alcuni altri medicinali possono influenzare o essere influenzati dal trattamento con ARFEN. Pertanto, consulti sempre il medico o il farmacista prima di usare ARFEN con altri medicinali.

      Gravidanza e allattamento

      Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale.

      Questo medicinale non deve essere usato in gravidanza o durante l’allattamento materno senza consultare prima il medico.

      Guida di veicoli e utilizzo di macchinari

      Non sono disponibili dati per valutare l’effetto di questo medicinale sulla capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.

      ARFEN contiene Sodio Metabisolfito

      Questo medicinale contiene Sodio Metabisolfito: può raramente causare gravi reazioni di ipersensibilità e broncospasmo.

  3. Come prendere ARFEN

    Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente le istruzioni del medico. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

    La dose raccomandata è 1-2 fiale da 400 mg al giorno, secondo indicazione del medico. ARFEN viene somministrato per via intramuscolare.

    Non superare la dose massima giornaliera di 2.500 mg.

    Il medico può decidere di variare la posologia in base alla gravità dei suoi sintomi, o all’inizio del trattamento oppure in base alla sua risposta al trattamento.

    Nei pazienti anziani, il medico potrebbe prescrivere una dose del farmaco minore rispetto a quella per adulti.

    Se prende più ARFEN di quanto deve

    Se assume un dosaggio eccessivo (sovradosaggio) di ibuprofene può presentare più comunemente i seguenti sintomi: nausea, vomito, mal di pancia , stato di sonno profondo con ridotta risposta ai normali stimoli (letargia), sonnolenza, mal di testa, ronzii nelle orecchie (tinnito), vertigini, movimenti incontrollati del corpo (convulsioni) e perdita di coscienza.

    I sintomi di un sovradosaggio possono manifestarsi entro 4 – 6 ore dall’assunzione di ibuprofene.

    Raramente può presentare movimenti incontrollati degli occhi (nistagmo), aumento degli acidi nel sangue (acidosi metabolica), abbassamento della temperatura corporea (ipotermia), effetti a carico del rene, sanguinamento dello stomaco e dell’intestino, profonda perdita di coscienza (coma), interruzione momentanea del respiro (apnea), diarrea, riduzione dell'attività del sistema nervoso (depressione del Sistema Nervoso Centrale) e dell’attività respiratoria (depressione del sistema respiratorio).

    Inoltre, può manifestare anche disorientamento, stato di eccitazione, svenimento, abbassamento della pressione del sangue (ipotensione, diminuzione o aumento dei battiti del cuore (bradicardia o tachicardia).

    Se assume dosi significativamente elevate di ibuprofene può manifestare gravi danni a carico dei reni e del fegato.

    In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di ARFEN, avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale.

    Se dimentica di prendere ARFEN

    Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose.

    Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista.

  4. Possibili effetti indesiderati

    Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.

    Smetta immediatamente di prendere ARFEN e contatti subito il medico o si rivolga all’ospedale:

    • se dovesse avvertire qualche strano sintomo allo stomaco o all’intestino (come vomito con presenza di sangue, vomito color marrone scuro, feci nere e appiccicose oppure diarrea con tracce di sangue);
    • se dovesse manifestare sintomi come eruzione cutanea, lesioni alla mucosa (ad esempio della cavità orale) o altri sintomi di reazione allergica.

    Gli effetti indesiderati più comuni sono:

    • indigestione,
    • dolore alla parte superiore dell’addome,
    • bruciore di stomaco,
    • flatulenza,
    • eruzione cutanea.

      Altri effetti indesiderati:

    • malessere (nausea, vomito),
    • presenza di feci dure e secche (costipazione),
    • frequente necessità di evacuare, con feci molli e acquose (diarrea),
    • sanguinamento dello stomaco (con la presenza di tracce di sangue nel vomito, oppure vomito color marrone scuro) o dell’intestino (con la presenza di feci nere e appiccicose o diarrea con sangue), a volte fatale,
    • formazione di ulcere o perforazioni nello stomaco o nell’intestino,
    • infiammazione e ulcera nella cavità orale (stomatite ulcerosa),
    • infiammazione dello stomaco (gastrite),
    • peggioramento dell’infiammazione dell’intestino (colite e morbo di Crohn),
    • problemi a livello del sangue, come anemia, diminuzione delle piastrine (trombocitopenia) o variazioni del numero dei globuli bianchi (leucopenia, neutropenia, agranulocitosi),
    • problemi a livello del sistema nervoso (depressione, disorientamento),
    • gonfiore (edema),
    • condizioni cutanee bollose come la sindrome di Stevens – Johnson e la necrolisi tossica dell’epidermide,
    • pressione sanguigna alta (ipertensione),
    • insufficienza cardiaca,
    • attacco di cuore (infarto del miocardio),
    • ictus.

      Se gli effetti indesiderati diventano gravi, o se dovesse avvertire qualche effetto indesiderato non presente in questo foglio illustrativo, contatti il suo medico o il farmacista.

      Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista.

      Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo : http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

      Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

  5. Come conservare ARFEN

    Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

    Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola dopo “Scad.”. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese.

    Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.

  6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene ARFEN

  • il principio attivo è ibuprofene lisina. Una fiala (3ml) contiene 400 mg di ibuprofene lisina.
  • gli altri componenti del medicinale sono sodio metabisolfito e acqua per preparazione iniettabile.

Descrizione dell’aspetto di ARFEN e contenuto della confezione

Pubblicita'

Arfen 400 mg/3 ml soluzione iniettabile per uso intramuscolare si presenta in una scatola contenente 6 fiale.

Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio Laboratorio Italiano Biochimico Farmaceutico LISAPHARMA S.p.A. Via Licinio, 11

22036 ERBA (CO) – Italia

Produttore e controllore finale

Laboratorio Italiano Biochimico Farmaceutico LISAPHARMA S.p.A. Via Licinio, 11

22036 ERBA (CO) – Italia

Questo foglio illustrativo è stato aggiornato il

FOGLIO ILLUSTRATIVO: informazioni per il paziente

ARFEN 10 mg/ml Soluzione vaginale Ibuprofene Lisina

Pubblicita'

Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei.

– Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo.

  • Se ha qualsiasi dubbio, si rivolga al medico o al farmacista.
  • Questo medicinale è stato prescritto soltanto per lei. Non lo dia ad altre persone, anche se i sintomi della malattia sono uguali ai suoi, perché potrebbe essere pericoloso.
  • Se si manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4.

    Contenuto di questo foglio:

    1. Che cos’è ARFEN e a che cosa serve
    2. Cosa deve sapere prima di usare ARFEN
    3. Come usare ARFEN
    4. Possibili effetti indesiderati
    5. Come conservare ARFEN
    6. Contenuto della confezione e altre informazioni

    1. Che cos’è ARFEN e a che cosa serve

      ARFEN contiene una sostanza attiva chiamata ibuprofene, che appartiene a un gruppo di medicinali chiamati farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

      ARFEN è usato nel trattamento di malattie infiammatorie dell’apparato genitale femminile (vaginiti, vulviti e cervico-vaginiti) e nella prevenzione durante la chirurgia ginecologica prima e dopo interventi chirurgici.

      Agisce riducendo l’infiammazione e alleviando il dolore.

    2. Cosa deve sapere prima di usare ARFEN Non usi ARFEN

  • Se è allergico all’ibuprofene o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6);
  • se ha un’ulcera o presenta sanguinamento dello stomaco o dell’intestino oppure se ha avuto in passato, episodi ripetuti di ulcera o sanguinamento.;
  • se ha avuto sanguinamento dello stomaco o dell’intestino dopo aver assunto ibuprofene, acido acetilsalicilico (per es. aspirina) o altri farmaci simili anti-infiammatori non steroidei (FANS);
  • se ha una grave insufficienza cardiaca.

Avvertenze e precauzioni

Rivolgersi al medico o al farmacista prima di usare ARFEN. Soluzione destinata al solo uso esterno.

Faccia particolare attenzione se

  • sta già prendendo altri farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS);
  • sta assumendo farmaci che prevengono la coagulazione del sangue (come il warfarin);
  • ha la pressione sanguigna alta (ipertensione) o problemi di cuore;
  • ha problemi di sanguinamento o di coagulazione del sangue, se ha una malattia infiammatoria dell'intestino (come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn);
  • è incinta o sta allattando al seno;
  • è una persona anziana. Gli anziani sono più predisposti agli effetti indesiderati associati ad ARFEN.

Altri medicinali e ARFEN

Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale.

Non sono note interazioni negative con altri farmaci di comune impiego nel trattamento delle malattie per cui è impiegato questo medicinale.

Pubblicita'

ARFEN può influenzare o essere influenzato da altri medicinali.

In particolare, informi il medico o il farmacista se sta assumendo uno dei seguenti medicinali:

  • anticoagulanti (medicinali che rendono il sangue più fluido, come il warfarin). ARFEN può aumentare l’effetto di questi medicinali.
  • altri antidolorifici (come l’aspirina o altri FANS).
  • corticosteroidi (ormoni usati per trattare l’infiammazione e le allergie), possono aumentare il rischio di ulcera o sanguinamento dello stomaco o dell’intestino.
  • medicinali antiaggreganti (che prevengono i coaguli di sangue) o medicinali noti come inibitori selettivi del reuptake della Serotonina (SSRI), usati per il trattamento della depressione. Questi farmaci potrebbero aumentare il rischio di sanguinamento a livello dello stomaco e dell’intestino.

    Gravidanza e allattamento

    Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di usare questo medicinale.

    L’uso di questo medicinale è sconsigliato durante la gravidanza e durante l’allattamento materno.

    Guida di veicoli e utilizzo di macchinari

    ARFEN non altera la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari.

    1. Come usare ARFEN

      Usi questo medicinale seguendo sempre esattamente le istruzioni del medico. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

      La dose raccomandata è di una o due lavande vaginali al giorno, secondo il parere del medico.

      La soluzione può essere utilizzata a temperatura ambiente oppure tiepida, ponendo il flacone sotto un flusso di acqua calda.

      <.. image removed ..>

      Istruzioni per l’uso

      1. Eliminare il sigillo di garanzia e chiusura, spingendo lateralmente;
      2. Estrarre dall’involucro protettivo la cannula innestandola sul flacone sino ad assicurare il suo stabile posizionamento;
      3. Predisporsi in modo tale che la soluzione possa svolgere la sua azione di detersione e di terapia, permanendo per qualche istante a livello delle mucose interessate (ideale la posizione supina). Introdurre la cannula nel canale vaginale con cautela, il più profondamente possibile.

      Comprimere il flacone completamente per consentire la fuoriuscita dell’intero quantitativo di soluzione.

      Se usa più ARFEN di quanto deve

      Se assume un dosaggio eccessivo (sovradosaggio) di ibuprofene può presentare più comunemente i seguenti sintomi: nausea, vomito, , mal di pancia, stato di sonno profondo con ridotta risposta ai normali stimoli (letargia) sonnolenza, mal di testa, ronzii nelle orecchie (tinnito), vertigini, movimenti incontrollati del corpo (convulsioni) e perdita di coscienza.

      I sintomi di un sovradosaggio possono manifestarsi entro 4 – 6 ore dall’assunzione di ibuprofene.

      Raramente può presentare movimenti incontrollati degli occhi (nistagmo), aumento degli acidi nel sangue (acidosi metabolica), abbassamento della temperatura corporea (ipotermia), effetti a carico del rene, sanguinamento dello stomaco e dell’intestino, profonda perdita di coscienza (coma), interruzione momentanea del respiro (apnea), diarrea, riduzione dell'attività del sistema nervoso (depressione del Sistema Nervoso Centrale) e dell’attività respiratoria (depressione del sistema respiratorio)..

      Inoltre, può manifestare anche disorientamento, stato di eccitazione, svenimento, abbassamento della pressione del sangue (ipotensione), diminuzione o aumento dei battiti cardiaco del cuore (bradicardia o tachicardia).

      In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di ARFEN, avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale.

      Se si ha qualsiasi dubbio sull’uso di ARFEN, si rivolga al medico o al farmacista.

      Se dimentica di usare ARFEN

      Non usi una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose.

      Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista.

    2. Possibili effetti indesiderati

      Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.

      L’uso, specie se prolungato del prodotto, può dar luogo a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso è necessario interrompere il trattamento e consultare il medico.

      Smetta immediatamente di usare ARFEN e contatti subito il medico o si rivolga all’ospedale:

      • se dovesse avvertire qualche strano sintomo allo stomaco o all’intestino (come vomito con presenza di sangue, vomito color marrone scuro, feci nere e appiccicose oppure diarrea con tracce di sangue);
      • se dovesse manifestare sintomi come eruzione cutanea, lesioni alla mucosa (ad esempio della cavità orale) o altri sintomi di reazione allergica.

      Gli effetti indesiderati più comuni sono:

  • nausea
  • vomito
  • frequente necessità di evacuare, con feci molli e acquose (diarrea)
  • flatulenza
  • presenza di feci dure e secche (costipazione)
  • bruciore di stomaco (dispepsia)
  • dolore alla parte superiore dell’addome
  • feci nere per la presenza di sangue (melena)
  • sanguinamento dello stomaco con la presenza di tracce di sangue nel vomito (ematemesi)
  • infiammazione e ulcera nella cavità orale (stomatite ulcerosa)
  • peggioramento dell’infiammazione dell’intestino (colite e morbo di Crohn).
  • formazione di ulcere o perforazioni nello stomaco o nell’intestino, soprattutto negli anziani, a volte fatali

    Altri effetti indesiderati:

  • infiammazione dello stomaco (gastrite)
  • gonfiori (edema)
  • pressione sanguigna alta (ipertensione)
  • insufficienza cardiaca
  • lieve e temporaneo bruciore nel sito di somministrazione, in casi sporadici
  • gravi reazioni cutanee bollose come dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens Johnson e necrolisi tossica dell’epidermide, molto raramente.

    Se dovesse avvertire uno degli effetti indesiderati sopracitati, se gli effetti indesiderati diventano gravi, o se dovesse avvertire qualche effetto indesiderato non presente in questo foglio illustrativo, contatti il suo medico o il farmacista.

    Segnalazione degli effetti indesiderati

    Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista.

    Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo : http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

    Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

    1. Come conservare ARFEN

      Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

      Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola dopo “Scad.”. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese.

      Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.

    2. Contenuto della confezione e altre informazioni

    .

    Cosa contiene ARFEN

  • il principio attivo è ibuprofene lisina. Ogni flacone da 140 ml contiene 1,4 g di ibuprofene lisina.
  • gli altri componenti del medicinale sono alcool feniletilico, rosa rossa profumo e acqua depurata.

Descrizione dell’aspetto di ARFEN e contenuto della confezione

ARFEN 10 mg/ml soluzione vaginale si presenta in una confezione contenente 5 flaconi da 140 ml e 5 cannule monouso.

Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio e produttore Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Pubblicita'

Laboratorio Italiano Biochimico Farmaceutico LISAPHARMA S.p.A. Via Licinio, 11

22036 ERBA (CO) _ (Italia)

Produttore

Laboratorio Italiano Biochimico Farmaceutico LISAPHARMA S.p.A. Via Licinio, 11

22036 ERBA (CO) – (Italia)

Questo foglio illustrativo è stato aggiornato il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *