Pubblicità

Lorazepam Ranb

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Lorazepam Ranb: ultimo aggiornamento pagina: (Fonte: A.I.FA.)

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Lorazepam Ranbaxy 1 mg compresse rivestite con film Lorazepam Ranbaxy 2,5 mg compresse rivestite con film

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

da 1 mg contiene Principio attivo: lorazepam 1 mg

Ogni compressa rivestita con film da 2,5 mg contiene Principio attivo: lorazepam 2,5 mg

Eccipienti con effetto noto: lattosio monoidrato.

Per l’elenco completo degli eccipienti vedere paragrafo 6.1

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse rivestite con film divisibili

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Ansia, tensione ed altre manifestazioni somatiche o psichiatriche associate con sindrome ansiosa. Insonnia.

Le benzodiazepine sono indicate soltanto quando il disturbo è grave, disabilitante e sottopone il soggetto a grave disagio.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Lorazepam Ranbaxy è somministrato per via orale.

Per avere risultati ottimali la dose, la frequenza di somministrazione e la durata della terapia devono essere adattate individualmente secondo la risposta del paziente. Deve essere prescritta la dose minima efficace per il più breve tempo possibile.

Poiché il rischio di sintomi da astinenza o da rimbalzo è maggiore dopo la sospensione brusca del trattamento, si suggerisce una diminuzione graduale del dosaggio.

Ansia

Il trattamento deve essere il più breve possibile. Il paziente deve essere rivalutato regolarmente e la necessità di un trattamento continuato deve essere valutata attentamente, particolarmente se il paziente è senza sintomi.

La durata complessiva del trattamento, generalmente, non deve superare le 8-12 settimane, compreso un periodo di riduzione graduale del dosaggio.

In determinati casi, può essere necessaria l’estensione oltre il periodo massimo di trattamento; in tal caso, ciò non deve avvenire senza aver prima rivalutato la condizione del paziente.

In medicina generale, la maggior parte dei pazienti risponde ad un dosaggio di 1 compressa da 1 mg 2-3 volte al giorno.

Per casi particolarmente severi ed in psichiatria il dosaggio può essere aumentato fino a 1 compressa da 2,5 mg 3-4 volte al giorno.

Si consiglia di prendere la dose più alta la sera, prima di coricarsi.

Nei pazienti anziani o debilitati, si raccomanda un dosaggio iniziale di 1-2 mg al giorno in dosi suddivise, da adattarsi secondo le necessità e la tollerabilità.

In pazienti con insufficienza renale o epatica il dosaggio deve essere attentamente adattato secondo la risposta del paziente. Per questi pazienti i dosaggi più bassi possono essere sufficienti.

Insonnia

Il trattamento deve essere il più breve possibile. In generale, la durata del trattamento varia da pochi giorni a 2 settimane, fino ad un massimo di 4 settimane, compreso un periodo di riduzione graduale del dosaggio.

In determinati casi, può essere necessaria l’estensione oltre il periodo massimo di trattamento; in caso affermativo, ciò non deve avvenire senza una rivalutazione della condizione del paziente.

In caso di insonnia, 1-2 compresse da 1 mg, somministrate al momento di coricarsi, dovrebbero essere sufficienti. Qualora il disturbo fosse persistente, si consiglia di usare le compresse da 2,5 mg.

Nei pazienti anziani o debilitati, si raccomanda un dosaggio iniziale di 1-2 mg al giorno in dosi suddivise, da adattarsi secondo le necessità e la tollerabilità.

In pazienti con insufficienza renale o epatica il dosaggio deve essere attentamente adattato secondo la risposta del paziente.

Per i pazienti con insufficienza epatica dosaggi più bassi possono essere sufficienti.

Come terapia pre-chirurgica, si raccomanda un dosaggio di 2-4 mg di Lorazepam Ranbaxy la sera precedente e/o 1-2 ore prima dell’intervento.

Il trattamento deve essere iniziato con la dose consigliata più bassa. La dose massima non deve essere superata.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo (lorazepam), alle benzodiazepine o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Miastenia gravis.

Grave insufficienza respiratoria., sindrome da apnea notturna (rischio di ulteriore depressione respiratoria).

Grave insufficienza epatica (può precipitare l’encefalopatia)..

Glaucoma ad angolo stretto.

Gravidanza (vedere paragrafo 4.6)

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Pubblicità

Indice

L’uso di benzodiazepine, incluso Lorazepam Ranbaxy, può portare a depressione respiratoria potenzialmente fatale.

Gravi reazioni anafilattiche/anafilattoidi sono state riportate con l’uso di benzodiazepine. Casi di angioedema a carico della lingua o della laringe sono stati riportati in pazienti dopo aver assunto la prima dose o dosi successive di benzodiazepine.

Alcuni pazienti che assumevano benzodiazepine, hanno avuto sintomi aggiuntivi come dispnea, laringospasmo, o nausea e vomito. Alcuni pazienti hanno avuto necessità di terapie al pronto soccorso. Se l’angioedema riguarda la lingua, la glottide o la laringe, si può verificare ostruzione delle vie respiratorie che potrebbe essere fatale.

I pazienti che sviluppano angioedema dopo trattamento con le benzodiazepine, non devono essere trattati nuovamente con il farmaco.

Ansia e insonnia possono essere sintomi di diverse altre condizioni. E’ importante tenere conto del fatto che il tali sintomi potrebbero essere correlati ad un disturbo fisico o psichiatrico per il quale esiste un trattamento più specifico. Si consiglia, pertanto, di controllare periodicamente la necessità di continuare la terapia con lorazepam. Come per le altre benzodiazepine il trattamento dei sintomi ansiosi dovrebbe essere di breve durata. Inoltre, nelle condizioni in cui si verifichino ansia e tensioni

associate a fenomeni contingenti della vita giornaliere, non è necessario normalmente ricorrere all’uso di ansiolitici.

Le benzodiazepine devono essere usate con estrema cautela in pazienti con una storia di abuso di droga o alcool.

L’uso in soggetti predisposti alla dipendenza quali, per esempio, alcoolisti e farmacodipendenti, dovrebbe essere evitato del tutto, se possibile, a causa della predisposizione di tali pazienti alla abitudine e alla dipendenza.

Tolleranza

Dopo un uso ripetuto per alcune settimane può manifestarsi una perdita di efficacia delle benzodiazepine relativamente agli effetti ipnotici.

Dipendenza

L’uso di benzodiazepine può condurre allo sviluppo di dipendenza fisica e psichica da questi farmaci. Il rischio di dipendenza aumenta con la dose e la durata del trattamento; esso è maggiore in pazienti con una storia di abuso di droga, farmaci, alcool o con marcati disturbi della personalità.

La possibilità che si verifichi dipendenza si riduce quando Lorazepam Ranbaxy è usato nella dose appropriata con un trattamento a breve termine.

In generale le benzodiazepine devono essere prescritte solo per periodi brevi (2-4 settimane). L’uso continuo a lungo termine non è raccomandato.

Sintomi da astinenza, per esempio insonnia di rimbalzo (vedì oltre) possono manifestarsi in seguito alla sospensione del dosaggio consigliato dopo una sola settimana di terapia. La brusca sospensione del trattamento deve essere evitata ed un esteso periodo di terapia deve essere seguito da un programma di graduale riduzione del dosaggio.

Una volta che la dipendenza fisica si è instaurata, la sospensione brusca del trattamento sarà accompagnata dai sintomi da astinenza. Questi possono consistere in cefalea, dolori muscolari, ansia estrema , tensione, irrequietezza, confusione, irritabilità, fenomeni di rimbalzo, disforia, capogiri, nausea, diarrea, perdita di appetito.

Nei casi gravi possono manifestarsi i seguenti sintomi: derealizzazione, depersonalizzazione, iperacusia, intorpidimento e formicolio alle estremità, ipersensibilità alla luce, al rumore e al contatto fisico, allucinazioni/delirio, scosse epilettiche o convulsioni.

Le convulsioni/crisi epilettiche possono verificarsi più comunemente in pazienti con preesistenti disturbi di natura epilettica oppure che fanno uso di altri farmaci che abbassano la soglia convulsiva quali gli antidepressivi.

Altri sintomi sono: depressione, insonnia, sudorazione, tinnito persistente, movimenti involontari, vomito, parestesia, alterazioni percettive, crampi addominali e muscolari, tremore, mialgia, agitazione, palpitazioni, tachicardia, attacchi di panico, vertigini, iperreflessia, perdita della memoria a breve termine, ipertermia.

Insonnia ed ansia di rimbalzo.

All’interruzione del trattamento può presentarsi una sindrome transitoria in cui i sintomi che hanno condotto al trattamento con benzodiazepine ricorrono in forma aggravata.

Sintomi da sospensione del trattamento, specialmente i più gravi, sono più comuni in quei pazienti che hanno ricevuto dosi eccessive per un lungo periodo di tempo, ma possono verificarsi anche dopo sospensione di benzodiazepine prese di continuo a dosaggi terapeutici, specie se la sospensione avviene in modo brusco.

Poiché il rischio della comparsa di sintomi da astinenza o da rimbalzo è maggiore dopo la sospensione brusca del trattamento, si suggerisce di effettuare una riduzione graduale del dosaggio.

Il paziente deve essere consigliato di consultare il proprio medico, sia prima di aumentare o diminuire la dose del farmaco, sia prima di sospenderlo.

Ci sono evidenze di sviluppo di tolleranza agli effetti sedativi delle benzodiazepine.

Lorazepam Ranbaxy può causare potenziale abuso specialmente da parte di soggetti con una storia di abuso di droga e/o alcool.

Durata del trattamento

La durata del trattamento deve essere la più breve possibile (vedere paragrafo 4.2) a seconda dell’indicazione, ma non deve superare le settimane per l’insonnia e le 8-12 settimane nel caso dell’ansia, compreso un periodo di riduzione graduale del dosaggio. L’estensione della terapia oltre questi periodi non deve avvenire senza avere prima rivalutato la situazione clinica. Può essere utile informare il paziente quando il trattamento è iniziato, che esso sarà di durata limitata e spiegare precisamente come il dosaggio deve essere diminuito progressivamente. Inoltre, è importante che il paziente sia informato della possibilità di fenomeni di rimbalzo, minimizzando quindi l’ansia riguardo a tali sintomi se dovessero comparire alla sospensione del medicinale.

Amnesia

Le benzodiazepine possono indurre amnesia anterograda o disturbi della memoria. Ciò accade più spesso parecchie ore dopo l’ingestione del farmaco e, quindi, per ridurre il rischio, ci si deve accertare che i pazienti possano avere un sonno ininterrotto di 7-8 ore (vedere paragrafo 4.8 ).

Reazioni psichiatriche e paradosse

Con l’uso di benzodiazepine sono state occasionalmente riportate reazioni paradosse come irrequietezza, agitazione, irritabilità, aggressività, delusione, collera, incubi, allucinazioni, psicosi, alterazioni del comportamento, stati d’ansia, ostilità, eccitazione, disturbi del sonno/insonnia, eccitazione sessuale, sedazione, affaticamento, sonnolenza, atassia, confusione, depressione, smascheramento di depressione, capogiri, cambiamenti nella libido, impotenza, alterazioni dell’orgasmo. Se ciò dovesse avvenire, l’uso del medicinale deve essere sospeso. Tali reazioni sono più frequenti nei bambini e negli anziani.

Gruppi specifici di pazienti

Popolazione pediatrica

Non è stata stabilita l’efficacia e la sicurezza d’impiego nei bambini sotto i 12 anni di età.

Le benzodiazepine non devono essere date ai bambini senza un’attenta valutazione dell’effettiva necessità del trattamento; la durata del trattamento deve essere la più breve possibile.

Pazienti anziani e debilitati

Per la reattività molto variabile agli psicofarmaci, i pazienti anziani o debilitati e quelli con alterazioni organiche cerebrali (specie arteriosclerotiche) devono essere trattati con bassi dosaggi (vedere paragrafo 4.2) o non essere trattati affatto. I pazienti anziani o debilitati possono essere più suscettibili agli effetti di Lorazepam Ranbaxy, pertanto tali pazienti devono essere monitorati frequentemente ed il loro dosaggio attentamente adattato a seconda della risposta individuale.

L’uso di Lorazepam Ranbaxy per periodi prolungati e in pazienti anziani richiede precauzione e devono essere effettuati frequenti controlli dei sintomi riguardanti disturbi del tratto gastrointestinale superiore (vedere paragrafo 5.3).

A causa del rischio di depressione respiratoria, le stesse misure prudenziali devono essere adottate per i pazienti con insufficienza cardiaca, ipotensione arteriosa, funzione respiratoria compromessa, insufficienza respiratoria cronica, BPCO(broncopneumopatia cronica ostruttiva). Tali pazienti devono essere sottoposti a regolari controlli durante la terapia con Lorazepam Ranbaxy (così come è consigliato con le altre benzodiazepine e gli altri agenti psicofarmacologici).

Le forme di grave insufficienza respiratoria e la sindrome da apnea notturna costituiscono una controindicazione all’impiego del medicinale (vedere paragrafo 4.3)

Lorazepam Ranbaxy non è indicato nel trattamento di disturbi depressivi primari o nel trattamento primario della psicosi.

Le benzodiazepine non sono indicate per il trattamento primario della malattia psicotica. Inoltre, le benzodiazepine non devono essere usate da sole per trattare la depressione o l’ansia associata alla depressione (il suicidio può essere precipitato in questi pazienti).

In tali pazienti va evitata la somministrazione di dosi elevate di Lorazepam Ranbaxy.

Una depressione preesistente può emergere o peggiorare durante l’uso di benzodiazepine, incluso Lorazepam Ranbaxy. L’uso di benzodiazepine può smascherare la tendenza al suicidio in pazienti depressi ed esse non devono essere somministrate senza un’adeguata terapia antidepressiva.

In corso di trattamento prolungato o nel trattamento di pazienti con insufficienza renale o epatica è consigliabile procedere a frequenti controlli del quadro ematico e della funzione renale e/o epatica. Inoltre, in questi pazienti il dosaggio deve essere attentamente adattato secondo la risposta individuale.

Lorazepam Ranbaxy è controindicato nei pazienti con grave insufficienza epatica (vedere paragrafo 4.3) in quanto, come tutte le benzodiazepine, può precipitare un’encefalopatia epatica.

In pazienti nei quali disturbi gastrointestinali o cardiovascolari coesistono con l’ansia, lorazepam non ha mostrato benefici significativi nel trattamento della componente gastrointestinale o cardiovascolare.

Le compresse di Lorazepam Ranbaxy contengono lattosio. I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, da deficit di Lapp lattasi, o da malassorbimento di glucosio-galattosio, non devono assumere questo medicinale.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Pubblicità

Associazioni non raccomandate

Alcool: L’assunzione concomitante con alcool va evitata, in quanto gli effetti sedativi sono potenziati. Inoltre la capacità di guidare e di usare macchinari viene compromessa.

Sodio oxibato: evitare l’uso concomitante, (potenziamento degli effetti del sodio oxibato, con possibile aumento della sonnolenza e del rischio di depressione respiratoria).

Inibitori della proteasi dell’HIV: evitare l’uso concomitante, in quanto vi è un aumentato rischio di sedazione prolungata

Associazioni da tenere in considerazione

Farmaci ad azione centrale: quando lorazepam viene usato in combinazione con farmaci quali neurolettici, antipsicotici, tranquillanti, antidepressivi, ipnotici, analgesici, anestetici, barbiturici ed antistaminici sedativi si può verificare un potenziamento degli effetti deprimenti centrali. Nel caso degli analgesici narcotici si può avere un aumento dell’euforia con conseguente, possibile, aumento della dipendenza psichica.

Farmaci antiepilettici: gli studi di farmacocinetica sulle interazioni potenziali tra benzodiazepine e farmaci antiepilettici hanno dato risultati contrastanti. Sono stati riportati, infatti, sia riduzione che aumento dei livelli dei farmaci nel siero, come pure nessuna variazione.

L’assunzione concomitante di fenobarbitale può determinare un effetto additivo sul Sistema Nervoso Centrale (SNC). E’ necessaria una particolare attenzione nell’aggiustare la dose all’inizio del trattamento.

Nel caso delle idantoine o di barbiturici, gli effetti indesiderati possono essere più evidenti.

La somministrazione contemporanea di lorazepam con il valproato può risultare in un aumento delle concentrazioni nel plasma e una ridotta eliminazione di lorazepam, con aumento del rischio di sonnolenza (inibizione della glucuronidazione del lorazepam da parte del valproato).

Il dosaggio di lorazepam deve essere ridotto del 50% quando è co-somministrato con il valproato.

Clozapina: con l’uso concomitante di clozapina e lorazepam sono stati segnalati sedazione marcata, salivazione eccessiva, ipotensione, atassia, delirio ed arresto respiratorio.

Loxapina: sono stati riportati casi di stupor marcato, riduzione significativa della frequenza respiratoria e, in un caso, ipotensione, quando lorazepam è stato somministrato in concomitanza alla loxapina.

Probenecid: la somministrazione contemporanea di lorazepam con il probenecid può risultare in una insorgenza più rapida o in un prolungamento dell’effetto di lorazepam dovuti ad una emivita prolungata o ad una ridotta eliminazione del lorazepam. Il dosaggio di lorazepam deve essere ridotto del 50% quando è co-somministrato con il probenecid.

Altri farmaci che aumentano l’effetto sedativo delle benzodiazepine: l’effetto sedativo delle benzodiazepine, incluso lorazepam, può essere aumentato dalla somministrazione concomitante di cisapride, lofexidina, nabilone, disulfiram e di miorilassanti ad azione centrale come il baclofene e la tizanidina.

Sostanze che influenzano gli enzimi epatici (in particolare il citocromo P450)

Inibitori (per es.: cimetidina, isoniazide, eritromicina, omeprazolo ed esomeprazolo): riducono la clearance e possono potenziare gli effetti delle benzodiazepine.

L’itraconazolo, il ketoconazolo e, in grado minore, il fluconazolo e il voriconazolo sono inibitori potenti

dell’isoenzima CYP3A4 del citocromo P450 e possono aumentare i livelli plasmatici delle benzodiazepine, i cui effetti possono essere aumentati e prolungati da un uso concomitante. Pertanto può essere necessario ridurre la dose della benzodiazepina;

Induttori (per es.: rifampicina): possono aumentare la clearance delle benzodiazepine.

Antiipertensivi, vasodilatatori e diuretici: potenziamento dell’effetto ipotensivo con ACE-inibitori, alfa- bloccanti, antagonisti del recettore II dell’angiotensina, bloccanti dei canali del calcio, beta-bloccanti, moxonidina, nitrati, idralazina, minoxidil, nitro prussiato di sodio e diuretici. Con gli alfa-bloccanti e la moxonidina si può avere un potenziamento dell’effetto sedativo.

Antiacidi: possono ritardare l’assorbimento di lorazepam.

Contraccettivi contenenti estrogeni: possono inibire il metabolismo epatico del lorazepam.

Teofillina/aminofillina: possono aumentare il metabolismo delle benzodiazepine, incluso lorazepam e, quindi, ridurne gli effetti.

Caffeina: l’uso concomitante può determinare una riduzione dell’effetto sedativo ed ansiolitico di lorazepam.

Succo di pompelmo: l’effetto inibente sul CYP3A4 può determinare un incremento delle concentrazioni plasmatiche di lorazepam (possibile aumento della sedazione e amnesia). Sebbene questa interazione possa essere irrilevante nei soggetti sani, fattori come l’età avanzata o la presenza di cirrosi epatica possono aumentare il rischio di eventi avversi in caso di co-somministrazione.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Lorazepam Ranbaxy non deve essere usato durante la gravidanza (vedere paragrafo 4.3).. L’assunzione di benzodiazepine durante la gravidanza può causare danni al feto. Un aumentato rischio di malformazioni congenite associato con l’uso di agenti ansiolitici (clordiazepossido, diazepam, meprobamato), durante il primo trimestre di gravidanza, è stato suggerito in diversi studi; evitare sempre, quindi, la somministrazione di benzodiazepine durante il primo trimestre di gravidanza.

Se il prodotto viene prescritto ad una donna in età fertile, ella deve mettersi in contatto con il proprio medico, sia se intende iniziare una gravidanza, sia se sospetta di essere incinta, per quanto riguarda la sospensione del medicinale.

Nell’uomo, i livelli ematici ottenuti dal cordone ombelicale, indicano che il lorazepam e il suo glucuronide passano attraverso la placenta. Se, per gravi motivi medici, il prodotto è somministrato durante l’ultimo periodo di gravidanza, o durante il travaglio a dosi elevate, possono verificarsi effetti sul neonato. Sintomi quali ipoattività, ipotonia, moderata depressione respiratoria, ipotermia, apnea, problemi di nutrizione e risposte metaboliche alterate da diminuita resistenza al freddo sono stati osservati in neonati le cui madri hanno fatto uso di benzodiazepine durante la fase tardiva della gravidanza o durante il parto.

Inoltre, neonati nati da madri che hanno assunto benzodiazepine cronicamente durante le fasi avanzate della gravidanza possono sviluppare dipendenza fisica e possono presentare un certo rischio di sviluppare i sintomi di astinenza nel periodo postnatale.

Nei neonati la coniugazione di lorazepam sembra avvenire lentamente poiché il suo glucuronide è rintracciabile nelle urine per più di 7 giorni. La glucuronizzazione di lorazepam può inibire competitivamente la coniugazione della bilirubina, portando all’iperbilirubinemia nel neonato.

Allattamento

Poiché le benzodiazepine sono escrete nel latte materno, esse non devono essere somministrate alle madri che allattano al seno, a meno che il beneficio atteso per la donna non superi il rischio potenziale per il neonato.

Sedazione ed incapacità ad assumere latte dal seno, si sono manifestate in neonati le cui madri assumevano benzodiazepine. In questi neonati devono essere monitorati gli effetti farmacologici delle benzodiazepine, comprese sedazione ed irritabilità.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

La sedazione, l’amnesia, l’alterazione della concentrazione e della funzione muscolare possono influenzare negativamente la capacità di guidare e utilizzare macchinari. Se la durata del sonno è stata insufficiente, la probabilità che la vigilanza sia alterata può essere aumentata (vedere 4.5).

L’effetto sedativo aumenta quando il medicinale è assunto congiuntamente ad alcool. Ciò influenza negativamente la capacità di guidare o di usare macchinari.

I pazienti devono essere avvertiti di non utilizzare macchinari pericolosi e di non guidare fino a che non sia certo che essi non presentino sonnolenza o stordimento da Lorazepam Ranbaxy.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Effetti indesiderati, qualora si verifichino, vengono normalmente osservati all’inizio del trattamento e generalmente diminuiscono di intensità o scompaiono con il progredire della terapia, oppure riducendo il dosaggio.

Gli effetti indesiderati osservati più frequentemente comprendono sonnolenza diurna, ottundimento delle emozioni, riduzione della vigilanza, confusione, affaticamento, debolezza muscolare, atassia, senso di instabilità.

Meno frequentemente sono stati osservati: sintomi extrapiramidali, tremori e vertigini, disartria/difficoltà nell’articolazione del linguaggio, disturbi della vista (compresi diplopia e offuscamento della vista), disorientamento, depressione, nausea, modificazioni dell’appetito, cefalea, convulsioni/crisi epilettiche, amnesia, disinibizione, euforia, coma, ideazione suicidaria/tentativi di suicidio, compromissione dell’attenzione/concentrazione, disturbi dell’equilibrio, disturbi del sonno, alterazioni della libido, agitazione, sintomi dermatologici comprendenti reazioni anche molto gravi, reazioni allergiche cutanee, alopecia, disturbi della funzione oculare, disturbi gastro-intestinali di vario genere, costipazione, aumento dei livelli della bilirubina nel siero, ittero, aumento delle transaminasi epatiche, aumento della fosfatasi alcalina, trombocitopenia, agranulocitosi, pancitopenia, reazioni di ipersensibilità, reazioni anafilattiche/anafilattoidi, angioedema, SIADH (sindrome da inappropriata secrezione dell’ormone antidiuretico), iponatriemia, ipotermia, ipotensione arteriosa, depressione respiratoria, apnea, peggioramento dell’apnea notturna (l’entità della depressione respiratoria per l’uso di benzodiazepine è dipendente dal dosaggio; una depressione più severa si verifica con dosaggi più alti), peggioramento della patologia ostruttiva polmonare e manifestazioni autonomiche.

L’incidenza di sedazione e senso di instabilità aumenta con l’età.

Gli effetti delle benzodiazepine sul SNC sono dipendenti dal dosaggio. Alti dosaggi danno luogo ad una depressione del SNC più severa.

In caso di sovradosaggio relativo, possono raramente osservarsi atassia, disartria, ipotensione, ritenzione urinaria, alterazione della libido.

Amnesia

Pubblicità

Amnesia anterograda può verificarsi anche ai dosaggi terapeutici; il rischio aumenta ai dosaggi più alti. Gli effetti amnesici possono essere associati con alterazioni del comportamento (vedere paragrafo 4.4 ).

Depressione

Durante l’uso di benzodiazepine. può essere smascherato uno stato depressivo preesistente.

Le benzodiazepine o i composti benzodiazepino-simili possono causare reazioni come: irrequietezza, agitazione, irritabilità, aggressività, delusione, collera, incubi allucinazioni, psicosi, alterazioni del comportamento.

Tali reazioni possono essere abbastanza gravi e sono più probabili nei bambini e negli anziani.

Dipendenza

L’uso di benzodiazepine (anche alle dosi terapeutiche) può condurre allo sviluppo di dipendenza fisica: la sospensione della terapia può provocare fenomeni di rimbalzo o da astinenza (vedere paragrafo 4.4). Può verificarsi dipendenza psichica. È’ stato segnalato abuso di benzodiazepine.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo: www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

Come per le altre benzodiazepine, l’assunzione di una dose eccessiva di lorazepam non dovrebbe presentare rischio per la vita, a meno che non vi sia assunzione concomitante di altri deprimenti del SNC (incluso l’alcool).

In esperienze post-marketing, il sovradosaggio con lorazepam si è verificato con maggiore frequenza in combinazione con alcool e/o altri farmaci.

Sintomi

Il sovradosaggio di benzodiazepine si manifestata solitamente con vario grado di depressione del sistema nervoso centrale che varia dall’obnubilamento al coma.

Nei casi lievi, i sintomi includono obnubilamento, confusione mentale e letargia.

Nei casi più gravi, quali quelli che possono verificarsi a seguito di assunzione massiva a scopo suicida, oppure quando concomitantemente sono stati ingeriti altri farmaci o alcool, i sintomi possono includere atassia, ipotonia, ipotensione, reazioni paradosse, depressione del SNC, depressione cardiovascolare, depressione respiratoria, coma di 1°-3° grado o morte.

Trattamento

Nel trattamento del sovradosaggio di qualsiasi farmaco, deve essere considerata la possibilità che siano state assunte contemporaneamente altre sostanze.

A seguito di una dose eccessiva di benzodiazepine per uso orale, deve essere indotto il vomito (entro un’ora dall’assunzione) se il paziente è cosciente, o intrapreso il lavaggio gastrico, subito dopo l’ingestione, con protezione delle vie respiratorie se il paziente è privo di conoscenza o in pazienti che presentano sintomi. Tali operazioni dovrebbero essere seguite dalle pratiche rianimative generali, dal monitoraggio dei segni vitali e dalla stretta osservazione del paziente.

Qualora ci sia il rischio di aspirazione, l’induzione del vomito è sconsigliata.

Il lorazepam è scarsamente dializzabile. Il glucuronide, metabolita inattivo di lorazepam, può essere altamente dializzabile.

Se non si osserva miglioramento con lo svuotamento dello stomaco, deve essere somministrato carbone attivo per ridurre l’assorbimento. Un’attenzione particolare deve essere prestata alle funzioni respiratorie e cardiovascolari nella terapia intensiva.

Il flumazenil può essere utile come antidoto. Il medico deve essere a conoscenza del rischio di crisi epilettiche in associazione con il trattamento con il flumazenil, particolarmente in coloro che usano benzodiazepine da lungo tempo ed in caso di sovradosaggio da antidepressivi ciclici.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: ansiolitici, derivati benzodiazepinici Codice ATC: N05BA06.

Lorazepam, agente antiansia, è una 1,4-benzodiazepina avente il seguente nome chimico: 7-cloro-1,3-diidro-3-idrossi-5(o-clorofenil)-2H-1,4-benzodiazepin-2-one.

Lorazepam è una polvere quasi bianca, pressoché insolubile in acqua e poco solubile in alcool e cloroformio. Il peso molecolare è 321,2. Come tutte le benzodiazepine. Lorazepam esplica, in maniera proporzionale alla dose somministrata, azioni ansiolitiche, ipnotiche e tranquillanti.

Meccanismo d’azione

L’esatto meccanismo d’azione delle benzodiazepine non è stato ancora chiarito; comunque sembra che le benzodiazepine agiscano attraverso vari meccanismi. Presumibilmente le benzodiazepine esercitano i loro effetti attraverso un legame con specifici recettori a diversi siti entro il sistema nervoso centrale, o potenziando gli effetti di inibizione sinaptica o presinaptica, mediata dall’acido γ- aminobutirrico, oppure influenzando direttamente i meccanismi che generano il potenziale d’azione.

Lorazepam è terapeuticamente attivo a dosaggi estremamente bassi. La sua azione è caratterizzata da una ben dosata protezione contro gli effetti degli stress psichici e da una diminuzione delle reazioni emotive a tali stress; particolarmente marcato è il suo effetto ansiolitico.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Lorazepam, somministrato per via orale, viene assorbito rapidamente.

Le concentrazioni massime nel plasma vengono raggiunte entro 2-3 ore circa dalla somministrazione. L’emivita di lorazepam non coniugato nel plasma umano è di circa 12-16 ore. Alle concentrazioni clinicamente significative lorazepam si lega per il 90% circa alle proteine plasmatiche.

La coniugazione con acido glucuronico per formare il glucuronide inattivo di lorazepam è il principale processo di trasformazione metabolica. Il 70-75% della dose viene escreto come glucuronide nelle urine. Nell’animale i glucuronidi di lorazepam non hanno attività dimostrabile sul sistema nervoso centrale e non risulta essere prodotto nessun metabolita attivo.

I livelli plasmatici di lorazepam sono proporzionali alla dose somministrata. Non esistono prove di eccessivo accumulo di lorazepam in caso di somministrazione per periodi fino a 6 mesi, né esiste in queste condizioni alcuna indicazione di induzione di enzimi farmaco-metabolizzanti.

Lorazepam non è un substrato per enzimi N-dealchilanti del sistema citocromo P-450, né viene idrolizzato in maniera significativa.

Studi comparativi su soggetti giovani e soggetti anziani hanno dimostrato che la farmacocinetica di lorazepam rimane inalterata con l’avanzare dell’età. In pazienti con malattie epatiche (epatite, cirrosi alcolica) non sono state riportate alterazioni dell’assorbimento, della distribuzione, del metabolismo e dell’escrezione. Come con altre benzodiazepine, la farmacocinetica di lorazepam può essere alterata in caso di insufficienza renale.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Tossicologia

Negli studi animali lorazepam ha mostrato una tossicità acuta bassissima con DL50 pari a (per somministrazione orale): topo >3000 mg/kg; ratto >5000 mg/kg; cane >2000 mg/kg.

Sono state condotte numerose prove di tossicità subacuta e cronica in ratti e cani. Sono state usate dosi che, rispetto al peso corporeo, sono migliaia di volte superiori a quelle fissate come terapia giornaliera nell’uomo.

Lorazepam ha dimostrato di avere una tossicità molto bassa. Esami istopatologici, oftalmologici ed ematologici, l’analisi dell’urina e del siero, le prove di metabolismo basale, hanno evidenziato che dosaggi estremamente alti non causano mutamenti biologici rilevanti.

In ratti trattati con lorazepam per più di un anno con un dosaggio di 6 mg/kg/die è stata osservata dilatazione dell’esofago. La dose alla quale questo effetto non si è verificato era di 1,25 mg/kg/die (circa 6 volte la dose terapeutica massima nell’uomo, che è di 10

mg/die).

L’effetto era reversibile solo se il trattamento veniva sospeso entro 2 mesi dalla prima osservazione del fenomeno. Il significato clinico di questi dati non è conosciuto.

Pubblicità

Teratogenesi

Numerose prove condotte su conigli, ratti e topi escludono effetti teratogeni di lorazepam.

Carcinogenesi

Nessuna prova di potenziale carcinogenico è emersa in ratti o topi durante uno studio di 18 mesi condotto con lorazepam somministrato per via orale. Un’indagine sull’attività mutagenica di lorazepam sulla Drosophila melanogaster ha indicato che questo farmaco è inattivo dal punto di vista mutagenico.

Fertilità

Uno studio sui ratti nel periodo precedente l’impianto, effettuato con lorazepam per via orale alla dose di 20 mg/kg non ha evidenziato alcuna riduzione della fertilità.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Lorazepam Ranbaxy 1 mg compresse rivestite con film: lattosio monoidrato, cellulosa microcristallina, polacrilin potassio, magnesio stearato. Film di rivestimento: ipromellosa, macrogol 6000, titanio biossido, talco.

Lorazepam Ranbaxy 2,5 mg compresse rivestite con film: lattosio monoidrato, cellulosa microcristallina, polacrilin potassio, magnesio stearato. Film di rivestimento: ipromellosa, macrogol 6000, titanio biossido, talco.

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente

 

06.3 Periodo di validità

Indice

2 anni.

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Non conservare al di sopra di 25 °C.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Blister in PVC e alluminio in astuccio litografato. 20 compresse rivestite con film divisibili da 1 mg 20 compresse rivestite con film divisibili da 2,5 mg

Pubblicità

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Ranbaxy Italia S.p.A. Piazza Filippo Meda, 3 20121 Milano

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

Lorazepam Ranbaxy 1 mg compresse rivestite con film: AIC.: 035772019 Lorazepam Ranbaxy 2,5 mg compresse rivestite con film: AIC.: 035772021

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Lorazepam Ranbaxy 1 mg compresse rivestite con film: 27-02-2004 Lorazepam Ranbaxy 2,5 mg compresse rivestite con film: 27-02-2004

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: ———-

 


 

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Informazioni aggiornate al: 21/10/2020
Torna all’indice


Lorazepam ranb – 20 Cpr Riv 1 mg (Lorazepam)
Classe C: A totale carico del cittadinoNota AIFA: Nessuna   Ricetta: Ricetta Ripetibile – Validita 30 gg Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: N05BA06 AIC: 035772019 Prezzo: 4 Ditta: Ranbaxy Italia Spa


Lorazepam ranb – 20 Cpr Riv 2,5 mg (Lorazepam)
Classe C: A totale carico del cittadinoNota AIFA: Nessuna   Ricetta: Ricetta Ripetibile – Validita 30 gg Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: N05BA06 AIC: 035772021 Prezzo: 4,5 Ditta: Ranbaxy Italia Spa


 


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Torna all’indice


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *