Paracetamolo E Codeina Mylan Pharma

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Paracetamolo E Codeina Mylan Pharma: ultimo aggiornamento pagina: 22/03/2022 (Fonte: A.I.FA.)

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma compresse da 500 mg/30 mg

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni compressa contiene 500 mg di paracetamolo e 30 mg di codeina fosfato emiidrato Eccipiente con effetto noto Ogni compressa contiene 18 mg di lattosio monoidrato.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compressa Compressa a rilascio immediato, non rivestita, di colore da bianco a quasi bianco, a forma di capsula, piatta con bordi smussati, con impresso “PC2” su un lato e una “linea di incisione” sull’altro lato della compressa.

La linea di incisione non è concepita per rompere la compressa.

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma è indicato nei pazienti di età superiore ai 12 anni per il trattamento del dolore moderato acuto che non è adeguatamente controllato da altri analgesici come il paracetamolo o l’ibuprofene (da solo).

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma deve essere utilizzato alla dose minima efficace per periodo di tempo più breve.

La durata del trattamento deve essere limitata a 3 giorni e se non si ottiene un efficace riduzione del dolore, il paziente/chi si prende cura del paziente deve contattare un medico.

Posologia

Adulti con peso corporeo superiore a 50 kg

Da una a due compresse per dose, ad intervalli di almeno 6 ore, a seconda dell’intensità del dolore e della risposta del paziente. La dose massima giornaliera è di 8 compresse in un periodo di 24 ore.

Adulti con peso corporeo inferiore a 50 kg

La dose giornaliera è determinata in base al peso corporeo; la dose massima giornaliera per il paracetamolo di 60 mg/kg/24 ore non deve essere superata.

Dose massima giornaliera:

La dose massima giornaliera di paracetamolo non deve superare i 4000 mg.

Anziani

Come gli adulti, tuttavia può essere necessaria una dose ridotta. Vedere le avvertenze.

Compromissione renale

In caso di insufficienza renale la dose deve essere ridotta:

Filtrazione glomerulare Dose
10 – 50 ml/min Una compressa da 500/30 mg ogni 6 ore
<10 ml/min Una compressa da 500/30 mg ogni 8 ore

Compromissione epatica

Il paracetamolo deve essere usato con cautela in presenza di insufficienza epatica.

Alcolismo cronico

Il consumo cronico di alcol può abbassare la soglia di tossicità del paracetamolo. In questi pazienti, l’intervallo di tempo tra due dosi deve essere di almeno 8 ore. Non deve essere superata la dose di 2 g di paracetamolo al giorno.

Popolazione pediatrica

Adolescenti (di età pari o superiore a 16 anni) di peso superiore a 50 kg

Da una a due compresse per dose, ad intervalli di almeno 6 ore, a seconda dell’intensità del dolore e della risposta del paziente.

La dose massima giornaliera è di 8 compresse in un periodo di 24 ore.

Bambini e adolescenti di età compresa tra 12 e 18 anni con un peso corporeo tra 33 e 50 kg

La dose massima dipende dal peso, nello specifico 0,5-1 mg/kg di codeina e 15 mg/kg di paracetamolo per singola dose. La dose raccomandata per i bambini di età superiore a 12 anni è di una compressa a seconda dell’intensità del dolore e dalla risposta del paziente ad intervalli di almeno 6 ore, fino ad un massimo di 4 compresse in un periodo di 24 ore. La dose massima giornaliera di 60 mg/kg di paracetamolo e 240 mg di codeina ogni 24 ore non deve essere superata.

Bambini di età inferiore ai 12 anni o con peso corporeo <33 kg:

Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma è controindicato nei bambini di età inferiore ai 12 anni. Questo a causa del rischio di tossicità da oppioidi dovuto al metabolismo variabile e non prevedibile della codeina in morfina (vedere paragrafi 4.3 e 4.4).

Inoltre, Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma non è adatto per la somministrazione a bambini di peso corporeo inferiore a 33 kg.

Modo di somministrazione

Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma è per uso orale.

Le compresse devono essere ingerite intere con un bicchiere d’acqua.

 

04.3 Controindicazioni

Pubblicità

Indice

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati nel paragrafo 6.1.

Condizioni in cui la morfina e gli oppioidi sono controindicati, ad es. asma acuta, depressione respiratoria, alcolismo acuto, insufficienza epatica, lesioni alla testa, aumento della pressione intra-cranica e dopo interventi chirurgici al tratto biliare; terapia con inibitori delle monoaminossidasi, concomitante o entro 14 giorni.

Bambini di età inferiore ai 12 anni

In tutti i pazienti pediatrici (0-18 anni di età) che si sottopongono a interventi di tonsillectomia e/o adenoidectomia per la sindrome delle apnee ostruttive del sonno a causa di un aumentato rischio di sviluppare reazioni avverse gravi e pericolose per la vita (vedere paragrafo 4.4).

Nelle donne durante l’allattamento (vedere paragrafo 4.6).

Nei pazienti per i quali è noto che sono metabolizzatori ultra-rapidi del CYP2D6.

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

La somministrazione di dosi superiori a quella raccomandata comporta il rischio di gravi danni al fegato. Il trattamento con l’antidoto deve essere somministrato il più rapidamente possibile (vedere paragrafo 4.9).

Con la somministrazione cronica possono svilupparsi tolleranza e anche dipendenza fisica e psicologica.

Un’improvvisa interruzione dopo un uso prolungato, non corretto ad alte dosi di analgesici, può portare a cefalea, affaticamento, dolori muscolari, nervosismo e sintomi autonomici.

Questi sintomi da interruzione si risolvono nel giro di pochi giorni. Fino a quel momento, un’ulteriore assunzione di analgesici deve essere evitata e non ripresa senza consiglio medico.

Dopo il trattamento a lungo termine (>3 mesi) con analgesici somministrati ogni due giorni o con frequenza maggiore, si può osservare insorgenza o aggravamento della cefalea. La cefalea causata da un uso eccessivo di analgesici (MOH -cefalea da uso eccessivo di medicinali) non deve essere trattata con un aumento della dose del medicinale. In questi casi, l’uso di analgesici deve essere sospeso dopo aver consultato un medico.

L’associazione Codeina/paracetamolo deve essere usata con cautela nei pazienti con:

dipendenza da oppioidi

ipotiroidismo

ipertrofia prostatica

insufficienza corticosurrenale

grave anemia emolitica epatica

L’associazione Codeina/paracetamolo deve essere usata con la massima cautela e in dosi ridotte in pazienti con: funzionalità renale gravemente compromessa.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

In pazienti malnutriti o disidratati.

L’associazione Paracetamolo/Codeina espone i pazienti e altri utilizzatori ai rischi di dipendenza da oppioidi, abuso e uso improprio, che possono portare a overdose e morte. Valutare il rischio di ciascun paziente prima di prescrivere le compresse di Paracetamolo/Codeina e monitorare regolarmente tutti i pazienti per lo sviluppo di questi comportamenti e condizioni.

Metabolismo del CYP2D6:

La codeina viene metabolizzata dall’enzima epatico CYP2D6 in morfina, suo metabolita attivo.

Se un paziente ha una carenza o gli manca completamente questo enzima non si otterrà un sufficiente effetto analgesico. Le stime indicano che fino al 7% della popolazione caucasica può avere questa carenza. Tuttavia, se il paziente è un metabolizzatore esteso o ultrarapido vi è un aumentato rischio di sviluppare effetti indesiderati di tossicità da oppioidi anche a dosi comunemente prescritte. Questi pazienti convertono codeina in morfina rapidamente con conseguente incremento dei livelli sierici attesi di morfina.

Sintomi generali di tossicità da oppioidi includono confusione, sonnolenza, respirazione superficiale, pupilla miotica, nausea, vomito, stitichezza e mancanza di appetito. Nei casi gravi questo può comprendere sintomi di depressione respiratoria e circolatoria, che può essere pericolosa per la vita e molto raramente fatale.

Le stime di prevalenza di metabolizzatori ultra-rapidi in diverse popolazioni sono riassunti di seguito:

Popolazione Prevalenza (%)
Africana/Etiope 29%
Afroamericana 3,4% – 6,5%
Asiatica 1,2% – 2%
Caucasica 3,6% – 6,5%
Greca 6,0%
Ungherese 1,9%
Nord Europea 1% – 2%

Rischio dall’uso concomitante di medicinali sedativi come benzodiazepine o medicinali correlati: L’uso concomitante di Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma e medicinali sedativi come benzodiazepine o medicinali correlati può causare sedazione, depressione respiratoria, coma e morte. A causa di questi rischi, la prescrizione concomitante con questi medicinali sedativi deve essere riservata ai pazienti per i quali le opzioni di un trattamento alternativo non sono possibili. Se si decide di prescrivere Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma in concomitanza con medicinali sedativi, deve essere usata la dose efficace più bassa e la durata del trattamento deve essere la più breve possibile.

I pazienti devono essere seguiti attentamente per i segni e i sintomi di depressione respiratoria e sedazione. A tale proposito, è fortemente raccomandato di informare i pazienti e chi se ne prendono cura di prestare attenzione a questi sintomi (vedere paragrafo 4.5).

Rischi derivanti dall’uso concomitante di oppioidi e alcol

L’uso concomitante di oppioidi, inclusa la codeina, con l’alcol può causare sedazione, depressione respiratoria, coma e morte. L’uso concomitante con alcol non è raccomandato (vedere paragrafo 4.5).

Popolazione pediatrica

Non è raccomandato per bambini di età inferiore ai 12 anni.

Uso post-operatorio nei bambini

In letteratura sono stati riportati casi in cui la codeina, somministrata a bambini post-intervento di tonsillectomia e/o adenoidectomia per l’apnea ostruttiva del sonno, ha indotto a rari, ma pericolosi per la vita, eventi avversi tra cui la morte (vedere anche paragrafo 4.3). Tutti i bambini hanno ricevuto dosi di codeina inclusi nell’intervallo di dose appropriato; tuttavia vi erano evidenze che questi bambini fossero metabolizzatori ultra-rapidi o estesi nella loro capacità di metabolizzare codeina in morfina.

Bambini con funzione respiratoria compromessa

La codeina non è raccomandata per l’uso nei bambini nei quali la funzione respiratoria potrebbe essere compromessa, includendo disturbi neuromuscolari, condizioni cardiache o respiratorie gravi, infezioni delle alte vie respiratorie o polmonari, traumi multipli o procedure chirurgiche estese. Questi fattori possono peggiorare i sintomi di tossicità da morfina.

È richiesta cautela nella somministrazione del prodotto a qualsiasi paziente la cui condizione possa essere esacerbata dagli oppioidi, in particolare gli anziani, che possono essere sensibili ai loro effetti centrali e gastrointestinali, i pazienti che assumono medicinali depressivi del SNC, quelli con ipertrofia prostatica e quelli con disordini intestinali infiammatori o ostruttivi. È richiesta attenzione anche in caso di una terapia prolungata.

I pazienti devono essere avvisati di non superare la dose raccomandata e non assumere altri prodotti contenenti paracetamolo in concomitanza.

Il medico prescrittore deve valutare con regolarità il rapporto rischio-beneficio di un uso continuato.

Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma contiene lattosio.

I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, deficit totale di lattasi, o malassorbimento di glucosio-galattosio, non devono assumere questo medicinale.

Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Le seguenti combinazioni con Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma devono essere evitate: chinidina.

Le seguenti combinazioni con Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma possono richiedere un aggiustamento della dose: neurolettici, antidepressivi, warfarin, medicinali induttori enzimatici come alcuni antiepilettici (fenitoina, fenobarbital, carbamazepina), rifampicina e erba di San Giovanni (Hypericum perforatum), probenecid, metoclopramide, colestiramina, cloramfenicolo e contraccettivi orali.

L’uso concomitante di alcol deve essere evitato. Codeina Interazioni farmacocinetiche:

La codeina deve probabilmente la sua attività all’O-demetilazione della codeina in morfina da parte dell’enzima CYP2D6. Questa bioattivazione è inibita da alcuni medicinali, ad esempio chinidina, terbinafina, alcuni antidepressivi e neurolettici, ecc. Questi medicinali quindi contrastano l’effetto della codeina. Questa interazione è stata documentata in studi su soggetti sani e/o studi pilota su pazienti.

Studi diretti sono stati condotti con la chinidina, che è un inibitore molto potente del CYP2D6, e questa combinazione deve pertanto essere evitata.

Anche i neurolettici e gli antidepressivi hanno un effetto inibitorio sul CYP2D6, il che significa che queste combinazioni possono richiedere un aggiustamento della dose.

Medicinali induttori enzimatici come rifampicina, barbiturici, diversi antiepilettici, erba di San Giovanni (Hypericum perforatum), ecc. possono produrre concentrazioni plasmatiche ridotte di morfina (vedere anche interazioni con il paracetamolo di seguito).

Medicinali sedativi come benzodiazepine o medicinali correlati:

L’uso concomitante di oppioidi con medicinali sedativi come le benzodiazepine o medicinali correlati aumenta il rischio di sedazione, depressione respiratoria, coma e morte a causa dell’effetto depressivo additivo sul SNC. La dose e la durata dell’uso concomitante devono essere limitate (vedere paragrafo 4.4).

Paracetamolo

Interazioni farmacodinamiche:

L’effetto anticoagulante del warfarin e degli altri derivati cumarinici può essere potenziato dall’uso regolare del paracetamolo, con aumento del rischio di sanguinamento. L’effetto può verificarsi già a dosi giornaliere di 2000 mg dopo 3 giorni. Le dosi occasionali non hanno alcun effetto significativo sulla tendenza al sanguinamento. I valori di INR devono essere maggiormente monitorati durante la somministrazione concomitante e dopo la sua sospensione.

Interazioni farmacocinetiche:

L’uso di sostanze che inducono gli enzimi epatici, come carbamazepina, fenitoina, fenobarbital, rifampicina e l’erba di San Giovanni (Hypericum perforatum) può aumentare l’epatotossicità del paracetamolo a causa di una formazione maggiore e più rapida di metaboliti tossici. Pertanto, occorre prestare cautela in caso di assunzione concomitante di induttori enzimatici.

Il probenecid dimezza quasi la clearance del paracetamolo attraverso l’inibizione della sua coniugazione con l’acido glucuronico. Questo probabilmente significa che la dose di paracetamolo può essere dimezzata quando viene somministrata contemporaneamente a probenecid.

L’assunzione concomitante di medicinali che accelerano lo svuotamento gastrico, come la metoclopramide o il domperidone, accelera l’assorbimento e l’insorgenza dell’effetto del paracetamolo.

L’assorbimento del paracetamolo è ridotto dalla colestiramina. La colestiramina non deve essere somministrata entro 1 ora dal paracetamolo se si vuole ottenere la massima analgesia.

I contraccettivi orali possono aumentare il tasso di clearance del paracetamolo.

Il paracetamolo può influenzare la farmacocinetica del cloramfenicolo. Si raccomanda pertanto il monitoraggio dei livelli plasmatici di cloramfenicolo in caso di associazione del paracetamolo con un trattamento a base di cloramfenicolo iniettabile.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma deve essere usato con cautela durante la gravidanza poiché i metaboliti della codeina attraversano la placenta.

È stata segnalata depressione respiratoria nei neonati in concomitanza con l’uso della codeina durante il parto.

Numerosi dati su donne in gravidanza indicano assenza sia di malformazioni che di tossicità feto/neonatale. Studi epidemiologici sullo sviluppo neurologico nei bambini esposti al paracetamolo in utero mostrano risultati non conclusivi. Se clinicamente necessario, il paracetamolo può essere usato durante la gravidanza se clinicamente necessario, tuttavia deve essere usato alla dose minima efficace per il minor tempo possibile e con la frequenza più bassa possibile.

Come misura precauzionale, l’uso di Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma deve essere evitato durante il terzo trimestre di gravidanza e durante il parto.

Sono stati segnalati sintomi di astinenza nei neonati nati da madri che avevano regolarmente utilizzato paracetamolo/codeina durante la gravidanza.

Allattamento

Paracetamolo e Codeina Mylan Pharma è controindicato durante l’allattamento a causa della presenza di codeina (vedere paragrafo 4.3).

Il paracetamolo viene escreto attraverso il latte materno, ma non in quantità clinicamente significativa.

A dosi terapeutiche normali, la codeina e il suo metabolita attivo possono essere presenti nel latte materno a dosi molto basse ed è improbabile che possano influenzare negativamente il lattante. Tuttavia, se la paziente è una metabolizzatrice ultra-rapida del CYP2D6, nel latte materno possono essere presenti livelli più elevati del metabolita attivo, morfina, che molto raramente possono provocare sintomi di tossicità da oppioidi nel neonato che possono essere fatali.

Fertilità

Non ci sono informazioni relative agli effetti della codeina/paracetamolo sulla fertilità.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

I pazienti devono essere avvisati di non guidare o usare macchinari se manifestano capogiri o sonnolenza associati a questo medicinale.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

La codeina può produrre i tipici effetti dei medicinali oppioidi tra cui stipsi, nausea, vomito, vertigini, sensazione di testa vuota, confusione, sonnolenza e ritenzione urinaria. La frequenza e la gravità sono determinate dal dosaggio, dalla durata del trattamento e dalla sensibilità individuale. Possono verificarsi tolleranza e dipendenza, specialmente con dosi elevate e prolungate di codeina.

È noto che l’uso prolungato e regolare di codeina porta alla dipendenza e alla tolleranza.

Sintomi di irrequietezza e irritabilità possono verificarsi quando il trattamento viene poi interrotto.

L’uso prolungato di un antidolorifico per cefalee può peggiorarle. Gli effetti avversi del paracetamolo sono rari.

La frequenza degli effetti indesiderati è classificata come segue: Molto comune (≥1/10); comune (≥1/100, <1/10); non comune (≥1/1.000, <1/100); raro (≥1/10.000, <1/1.000); molto raro (<1/10.000); non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Classificazione per sistemi
e organi
Frequenza Effetti indesiderati
Patologie del
sistema emolinfopoietico
Raro Trombocitopenia, anemia emolitica, agranulocitosi,
leucopenia
Molto raro Pancitopenia
Disturbi del sistema
immunitario
Raro Reazioni allergiche
Non note Shock anafilattico, angioedema
Disturbi psichiatrici Raro Disturbi del sonno
Patologie del sistema
nervoso
Comune Sonnolenza, cefalea
Non comune Capogiri
Patologie dell’occhio Non comune Disturbi della vista
Patologie vascolari Comune Sudorazione aumentata
Patologie respiratorie,
toraciche e mediastiniche
Raro Affanno
Patologie gastrointestinali Comune Nausea, stipsi, vomito
Molto raro Secchezza della bocca
Patologie epatobiliari Raro Epatotossicità, danno epatico che
può portare a insufficienza epatica
Molto raro Pancreatite acuta
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Raro Eruzione cutanea Orticaria
Eritema
Molto raro Gravi reazioni della pelle Sindrome di Stevens-Johnson (SJS), necrolisi epidermica tossica (TEN), pustolosi esantematica acuta generalizzata (AGEP),
eruzione fissa da medicinali.
Patologie renali e urinarie Molto raro Danno renale (può verificarsi in
caso di terapia a lungo termine).
Disturbi generali e
alterazioni del sito di somministrazione
Comune Stanchezza

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.aifa.gov.it/content/segnalazioni- reazioni-avverse.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

Codeina

Gli effetti del sovradosaggio vengono potenziati dall’assunzione contemporanea di alcol e psicofarmaci.

Sintomi

Può svilupparsi depressione del sistema nervoso centrale, compresa depressione respiratoria, ma è improbabile che sia grave a meno che non vengano assunti in concomitanza altri agenti sedativi, compreso l’alcol, o che si tratti di un sovradosaggio massivo. Le pupille possono essere puntiformi; nausea e vomito sono comuni. Ipotensione e tachicardia sono possibili ma improbabili.

Trattamento

Il trattamento deve essere sintomatico e di sostegno e deve includere il mantenimento della pervietà delle vie aeree e il monitoraggio dei segni vitali fino alla stabilizzazione. La somministrazione di carbone attivo è indicata se un adulto si presenta entro un’ora dall’ingestione di più di 350 mg o un bambino con più di 5 mg/kg di peso corporeo ingeriti.

Somministrare naloxone in caso di coma o depressione respiratoria. Il naloxone è un antagonista competitivo e ha una breve emivita che può richiedere dosi elevate e ripetute in pazienti con un grave avvelenamento. Monitorare per almeno quattro ore dopo l’ingestione, o otto ore se è stata assunta una preparazione a rilascio prolungato.

Paracetamolo

In caso di sovradosaggio rivolgersi subito a un medico a causa del rischio di danni epatici irreversibili.

Sintomi

I sintomi da sovradosaggio di paracetamolo che si manifestano nelle prime 24 ore sono pallore, nausea, vomito, anoressia e dolore addominale.

Tra le 12 e le 48 ore successive all’ingestione si può verificare un danno epatico che può manifestarsi in un aumento del tempo di protrombina, che è un indicatore affidabile della funzionalità epatica compromessa. Si possono verificare anomalie del metabolismo del glucosio e acidosi metabolica.

Nei casi di avvelenamento grave, l’insufficienza epatica può progredire in encefalopatia, emorragia, ipoglicemia, edema cerebrale e morte. Anche in assenza di grave danno epatico, può insorgere un’insufficienza renale acuta con necrosi tubulare acuta, altamente probabile se accompagnata da dolore lombare, ematuria e proteinuria. Sono stati riportati casi di aritmia cardiaca e pancreatite.

Nell’adulto, una quantità di paracetamolo pari o superiore a 10 g può causare danno epatico. L’ingestione acuta o cronica di paracetamolo superiore alla dose raccomandata può portare a danni epatici in particolare se il paziente presenta fattori di rischio.

Fattori di rischio

Se il paziente:

è sotto terapia prolungata con carbamazepina, fenobarbitale, fenitoina, primidone, rifampicina, erba di San Giovanni o altri medicinali induttori degli enzimi epatici oppure

assume regolarmente etanolo oltre le quantità raccomandate oppure

presenta una carenza di glutatione, ad es. in caso di disturbi alimentari, fibrosi cistica, infezione da HIV, inedia, cachessia.

Si ritiene che quantità eccessive di metabolita tossico (di solito adeguatamente disintossicate dal glutatione quando vengono ingerite le dosi normali di paracetamolo), si leghino in modo irreversibile nel tessuto epatico.

Trattamento

In caso di sovradosaggio sospetto da paracetamolo, anche in assenza di sintomi iniziali significativi, il paziente deve essere urgentemente trasferito in ospedale. I sintomi possono essere limitati a nausea o vomito e possono non riflettere la gravità del sovradosaggio o il rischio di danno d’organo.

Se non è trascorsa più di un’ora dall’assunzione del sovradosaggio, può essere preso in considerazione il trattamento con carbone attivo. Le concentrazioni plasmatiche di paracetamolo devono essere misurate entro le prime 4 ore dall’ingestione (concentrazioni plasmatiche misurate in tempi precedenti non sono affidabili).

Oppure qualsiasi paziente che abbia ingerito circa 7,5 g o più di paracetamolo nelle 4 ore precedenti deve essere sottoposto a lavanda gastrica. Le concentrazioni plasmatiche di paracetamolo devono essere misurate non prima di 4 ore dopo l’ingestione (concentrazioni plasmatiche misurate in tempi precedenti non sono affidabili).

Il trattamento con N-acetilcisteina può essere utilizzato fino a 24 ore dopo l’ingestione del paracetamolo; tuttavia, il massimo effetto protettivo si ottiene fino a 8 ore dopo l’ingestione.

Se necessario, in linea con lo schema posologico stabilito, deve essere somministrata al paziente N– acetilcisteina per via endovenosa. Nei casi in cui il vomito non sia un problema e il paziente si trovi lontano dall’ospedale, la somministrazione di metionina orale può rappresentare una valida alternativa. Devono essere disponibili le generali misure di supporto.

Il trattamento di pazienti che manifestano una grave disfunzione epatica oltre 24 ore dall’ingestione deve essere discusso con il centro antiveleni o con un reparto di epatologia.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: analgesici. Oppioidi in associazione con analgesici non oppioidi. Codeina e paracetamolo, codice ATC: N02AJ06 Il paracetamolo ha effetto sia analgesico sia antipiretico. Tuttavia, non ha effetto antinfiammatorio. Il meccanismo dell’azione analgesica non è ancora stato completamente definito. L’azione principale del paracetamolo è l’inibizione della ciclossigenasi, un enzima importante per la sintesi delle prostaglandine. La ciclossigenasi del sistema nervoso centrale è più sensibile al paracetamolo di quella periferica e questo spiega l’effetto antipiretico e analgesico del paracetamolo.

Il paracetamolo probabilmente induce azione antipiretica mediante un’azione centrale sul centro termoregolatore ipotalamico.

La codeina è un analgesico ad azione centrale debole. La codeina esercita il suo effetto attraverso i recettori oppioidi μ, anche se la codeina ha una bassa affinità per questi recettori, e il suo effetto analgesico è dovuto alla sua conversione in morfina. La codeina, in particolare in combinazione con altri analgesici come il paracetamolo, ha dimostrato di essere efficace nel dolore nocicettivo acuto.

La codeina fosfato è utilizzata nel trattamento della tosse e degli effetti depressivi sul SNC. La codeina può potenziare l’effetto di altri analgesici.

La codeina è molto meno potente della morfina ed è inefficace contro il dolore grave anche in seguito alla somministrazione delle massime dosi tollerabili. Non provoca depressione respiratoria apprezzabile, ma ha effetti antitosse. La codeina differisce dalla morfina in quantonell’uso medico normale non è frequentemente associata ad una dipendenza grave e dosi elevate producono eccitazione piuttosto che depressione. La codeina ha una bassa affinità per i recettori oppioidi.

L’effetto analgesico della codeina può essere dovuto alla biotrasformazione in morfina.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Paracetamolo

Assorbimento

Dopo la somministrazione orale il paracetamolo viene assorbito rapidamente e quasi completamente. I picchi di concentrazione plasmatica si raggiungono dopo 30 minuti fino a 2 ore.

Distribuzione

Il paracetamolo viene distribuito rapidamente in tutti i tessuti. Le concentrazioni nel sangue, nella saliva e nel plasma sono sovrapponibili. Il volume di distribuzione del paracetamolo è di circa 1 l/kg di peso corporeo. Alle dosi terapeutiche il legame alle proteine è trascurabile.

Biotrasformazione

Negli adulti il paracetamolo viene metabolizzato a livello epatico seguendo due vie metaboliche principali: coniugazione dell’acido glucuronico (~60%) e dell’acido solforico (~35%). La seconda via può essere rapidamente saturata a dosi superiori a quelle terapeutiche. Una via minore, catalizzata dal citocromo P450, induce la formazione di un reagente intermedio (N-acetil-p- benzochinoneimina) che, in normali condizioni d’uso, viene rapidamente detossificato dal glutatione ed eliminato nelle urine dopo la coniugazione con la cisteina (~3%) e l’acido mercaptopurico. Nei neonati e nei bambini di età <12 anni, la solfo-coniugazione è la via di eliminazione principale e la glucuronidazione è inferiore rispetto agli adulti. L’eliminazione totale nei bambini è simile a quella negli adulti, in virtù di una maggiore capacità di solfo-coniugazione.

Eliminazione

L’eliminazione del paracetamolo avviene essenzialmente attraverso le urine. Il 90% della dose ingerita viene eliminata dai reni entro 24 ore, prevalentemente come coniugati di glucuronide (dal 60 all’80%) e di solfato (dal 20 al 30%). Meno del 5% viene eliminato in forma immodificata. L’emivita di eliminazione è di circa 2 ore.

In caso di insufficienza renale o epatica, dopo un sovradosaggio e nei neonati, l’emivita di eliminazione del paracetamolo è ritardata. L’effetto massimo è equivalente alle concentrazioni plasmatiche. In caso di grave insufficienza renale (clearance della creatinina inferiore a 10 ml/min), l’eliminazione del paracetamolo e dei suoi metaboliti è ritardata.

Per i pazienti anziani, la capacità di coniugazione non è modificata. Codeina Assorbimento

La codeina viene assorbita rapidamente e quasi completamente dal tratto gastrointestinale. La concentrazione massima viene raggiunta dopo circa 2 ore.

Distribuzione

La concentrazione plasmatica dopo somministrazione di una dose singola di 30 mg di codeina fosfato è di circa 0,25 μmol/l.

Biotrasformazione

La codeina fosfato viene metabolizzata nel fegato. Circa il 10% della dose somministrata viene convertito in morfina, che si presume sia la sostanza responsabile dell’effetto..

Eliminazione

L’emivita di eliminazione è di 3,5 ore. La codeina fosfato viene escreta principalmente per via renale sotto forma di metaboliti inattivi. Due terzi di questi vengono escreti in 6 ore. L’effetto permane per 4 6 ore.

Linearità/non linearità

La codeina fosfato ha una cinetica log-lineare nella fase di eliminazione.

Poco meno del 10% della popolazione non è in grado di convertire la codeina in morfina, motivo per cui tali individui non traggono beneficio dal contenuto di codeina delle compresse.

È possibile che i pazienti anziani metabolizzino la codeina più lentamente di quelli più giovani. Si potrebbe dover considerare un aggiustamento della dose.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Non sono disponibili studi convenzionali che utilizzino gli standard attualmente accettati per la valutazione della tossicità per la riproduzione e lo sviluppo.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Amido (di mais) pregelatinizzato Acido stearico Povidone Lattosio monoidrato Cellulosa, in polvere Talco Magnesio stearato

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Confezioni in blister Al/PVC con 8 o 16 compresse.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Mylan SpA, via Vittor Pisani 20 – 20124 Milano

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

046934016- “500 mg/30mg compresse “ 8 compresse in blister Al/PVC 046934028- “500 mg/30mg compresse “ 16 compresse in blister Al/PVC

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Data della prima autorizzazione: Data del rinnovo più recente:

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: 16/03/2022

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.