Home Schede Tecniche Tribaccine: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Tribaccine: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Tribaccine

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Tribaccine: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Tribaccine

Advertisements
INDICE DELLA SCHEDA

Tribaccine: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Tribaccine, sospensione iniettabile in siringa preriempita.

Vaccino (adsorbito, contenuto antigenico ridotto) antidifterico, antitetanico e antipertossico (componente acellulare).

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Vaccino (adsorbito, contenuto antigenico ridotto) antidifterico, antitetanico e antipertossico (componente acellulare).

Advertisements

1 dose (0,5 ml) contiene:

Tossoide difterico, purificato1 Non meno di 2 UI

Tossoide tetanico, purificato1 Non meno di 20 UI

Tossoide pertossico, purificato1 20 microgrammi

1 Adsorbito su idrossido di alluminio idrato (0,5 mg di Al)

Le tossine difterica e tetanica vengono prodotte da colture di Corynebacterium diphtheriae e Clostridium tetani e successivamente purificate e detossificate. La tossina pertossica viene prodotta da colture di Bordetella pertussis e successivamente purificata e detossificata.

Tribaccine può contenere tracce di formaldeide che viene usata durante il processo di produzione (vedere paragrafo 4.3).

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Sospensione iniettabile in siringa preriempita.

Tribaccine è una sospensione incolore di particelle bianche o grigie.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Tribaccine è indicato per la vaccinazione di richiamo contro la difterite, il tetano e la pertosse in individui a partire dall’età di quattro anni (vedere paragrafo 4.2).

Sono stati eseguiti studi clinici in bambini, adolescenti e adulti, dall’età di 4 anni all’età di 55 anni (vedere paragrafo 5.1).

Tribaccine deve essere usato secondo le raccomandazioni ufficiali.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Posologia

In tutte le fasce di età è raccomandata una singola iniezione di una dose (0,5 ml).

La vaccinazione con Tribaccine deve essere eseguita in conformità con le raccomandazioni ufficiali e/o la pratica locale.

Le persone con uno stato di vaccinazione non noto o con una vaccinazione primaria incompleta possono essere vaccinate. Tuttavia, ci si attende una risposta di richiamo solo nelle persone che sono state sottoposte a vaccinazione primaria o che sono state esposte a un’infezione naturale.

Nelle persone con lesioni sensibili al tetano, Tribaccine può essere somministrato quando è pertinente anche la vaccinazione contro la difterite e la pertosse.

La vaccinazione di richiamo degli adulti contro il tetano e la difterite deve essere eseguita in conformità con le raccomandazioni ufficiali, in genere a intervalli di 10 anni.

Attualmente non esistono dati scientifici che possano costituire la base per raccomandazioni ufficiali per un intervallo di tempo ottimale tra le vaccinazioni di richiamo con Tribaccine.

Popolazioni speciali

La sicurezza e l’efficacia di Tribaccine nelle persone di età superiore a 55 anni non sono state studiate.

Nelle persone immunosoppresse, la risposta sierologica potrebbe venire compromessa. La vaccinazione di persone sottoposte a terapia immunosoppressiva può essere eseguita, ma potrebbe causare una compromissione della risposta sierologica. Se possibile, la vaccinazione deve essere posticipata fino al termine del trattamento immunosoppressivo (vedere paragrafo 4.4).

Popolazione pediatrica

I bambini devono essere trattati con lo stesso dosaggio degli adulti.

La sicurezza e l’efficacia nei bambini di età inferiore ai 4 anni non sono state stabilite (non ci sono dati disponibili).

Modo di somministrazione

Agitare prima dell’uso.

Deve essere somministrata una singola iniezione di una dose (0,5 ml) per via intramuscolare, preferibilmente nella regione del deltoide.

Non iniettare per via endovascolare.

Per le persone a rischio di emorragia dopo l’iniezione intramuscolare, Tribaccine può essere somministrato per via sottocutanea (vedere paragrafo 4.4).

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità ai principi attivi, ad uno qualsiasi degli eccipienti o alla formaldeide che potrebbe essere presente in tracce.

Le persone che soffrono di malattie neurologiche progressive non devono essere vaccinate. In caso di malattia febbrile acuta grave, la vaccinazione deve essere posticipata.

Tribaccine non deve essere somministrato a soggetti che hanno manifestato encefalopatia di eziologia sconosciuta nei 7 giorni successivi a una vaccinazione precedente con un vaccino antipertossico. In queste circostanze, la vaccinazione antipertossica deve essere interrotta e il ciclo di vaccinazione deve proseguire con i vaccini antidifterico e antitetanico.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Tribaccine non è destinato all’immunizzazione primaria.

Tribaccine non deve essere somministrato in nessuna circostanza per via endovascolare.

Nelle persone immunosoppresse, la risposta sierologica potrebbe venire compromessa. La vaccinazione di persone sottoposte a terapia immunosoppressiva può essere eseguita, ma potrebbe causare una compromissione della risposta sierologica. Se possibile, la vaccinazione deve essere posticipata fino al termine del trattamento immunosoppressivo.

La vaccinazione di persone affette da immunodeficienza cronica, ad es. infezione da HIV, è raccomandata anche se la risposta sierologica potrebbe venire compromessa.

Occorre sempre adottare le precauzioni necessarie per il trattamento delle reazioni anafilattiche.

Se si manifesta uno qualsiasi dei seguenti eventi avversi in relazione all’immunizzazione con un vaccino contenente tossina pertossica, la decisione di somministrare altre dosi di vaccino antipertossico deve essere considerata con attenzione:

episodio ipotonico-iporeattivo entro 48 ore dalla vaccinazione

febbre > 40°C nelle 48 ore successive alla vaccinazione, non dovuta a qualsiasi altra causa identificata

pianto inconsolabile, persistente per oltre 3 ore nelle 48 ore successive alla vaccinazione

crisi convulsive con o senza febbre nei 3 giorni successivi alla vaccinazione Tribaccine deve essere somministrato con cautela alle persone trattate con anticoagulanti o che

soffrono di disturbi della coagulazione perché dopo la somministrazione per via intramuscolare può verificarsi un sanguinamento. In questi casi è possibile prendere in considerazione l’iniezione sottocutanea profonda, sebbene il rischio di reazioni locali sia maggiore.

Durante il processo di produzione viene usata la formaldeide che può essere presente in tracce nel vaccino. Prestare cautela nei soggetti con ipersensibilità nota alla formaldeide.

Il vaccino contiene meno di 1 mmol di sodio (23 mg) per dose ed è essenzialmente privo di sodio. Come con qualsiasi vaccino, potrebbe non essere suscitata una risposta immunitaria protettiva.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

L’uso concomitante di Tribaccine e di altri vaccini non è stato studiato. È improbabile che la somministrazione concomitante influisca sulla risposta immunitaria. Quando è considerato necessario, Tribaccine può essere somministrato contemporaneamente, prima o dopo altri vaccini vivi e inattivati. I vaccini devono essere somministrati in sedi di iniezione diverse.

L’immunoglobulina tetanica può essere somministrata in concomitanza con Tribaccine. Non sono stati effettuati studi di interazione.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

I dati relativi all’uso di Tribaccine in donne in gravidanza sono in numero limitato. Gli studi sugli animali non sono sufficienti a dimostrare una tossicità riproduttiva.

Come con altri vaccini inattivati, non si prevedono danni al feto.

Tribaccine deve essere usato durante la gravidanza solo quando chiaramente necessario e quando i possibili benefici superano i rischi potenziali per il feto.

Allattamento

L’effetto che la somministrazione di Tribaccine alle madri esercita sui neonati allattati al seno non è stato studiato. Occorre valutare i rischi e i benefici della vaccinazione prima di decidere se vaccinare una donna che allatta al seno.

Fertilità

Nulla indica che la vaccinazione abbia effetto sulla fertilità maschile e femminile. I dati ottenuti nel corso di uno studio a dosi ripetute condotto nei ratti non hanno mostrato effetti sugli organi riproduttivi.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Tribaccine non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Il profilo di sicurezza presentato di seguito è basato sui dati ottenuti nel corso di sperimentazioni cliniche condotte in bambini, adolescenti e adulti e nell’esperienza post marketing.

Le reazioni avverse più comuni sono eventi transitori di prurito, arrossamento, tumefazione e dolore in sede di iniezione e febbre. Queste reazioni si manifestano solitamente entro 48 ore dalla vaccinazione.

Classificazione per sistemi e organi e frequenza Reazioni avverse
Disturbi del sistema immunitario
Molto raro (<1/10.000)Ipersensibilità, compresa reazione anafilattica
Patologie del sistema nervoso
Molto comune (≥1/10)Cefalea
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo
Raro (≥1/10.000, <1/1.000)Orticaria
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo
Comune (≥1/100, <1/10)Mialgia
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione
Molto comune (≥1/10)Dolore in sede di iniezione
Prurito in sede di iniezione
Arrossamento in sede di iniezione
Tumefazione in sede di iniezione
Affaticamento
Comune (≥1/100, <1/10)Febbre (≥38 °C), irritabilità e malessere
Arrossamento in sede di iniezione (≥5 cm)
Tumefazione in sede di iniezione (≥5 cm)
Raro (≥1/10.000, <1/1.000)Febbre (>40 °C)
Granuloma in sede di iniezione
Ascesso sterile in sede di iniezione

Vengono segnalate molto raramente reazioni anafilattiche. Occorre sempre adottare le precauzioni necessarie per il trattamento delle reazioni anafilattiche (vedere paragrafo 4.4).

Popolazione pediatrica

Si prevede che la frequenza, il tipo e la gravità delle reazioni avverse nei bambini siano uguali a quelli negli adulti.

Altre popolazioni speciali

Non si prevede che le reazioni avverse nelle persone di età superiore a 55 anni o nelle persone immunosoppresse superino quelle osservate nei bambini, negli adolescenti e negli adulti.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite https://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non pertinente, poiché il vaccino è distribuito in un contenitore monodose.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: antigene pertossico purificato, associazioni con tossoidi. Codice ATC: J 07 AJ 52

Sono stati eseguiti studi clinici con Tribaccine in bambini, adolescenti e adulti, dall’età di 5 anni fino all’età di 55 anni.

Negli studi clinici con Tribaccine, gli anticorpi sono stati misurati un mese dopo la vaccinazione:

Popolazione oggetto di studio Età Bambini di 5-6 anni di età Bambini di 10 anni di età Adolescenti di 14-15 anni di età Adulti di 18-55 anni di età
Anamnesi di vaccinazione3 x DTaP¹ primo anno di vita3 x DT primo anno di vita, vaccinazione aP/wP/malattia3 x DTaP5 primo anno di vita; 1 x TdaP5 4-6 anni3-4 x D, T e wP primo anno di vita
Antigene Risposta immunitaria
Tetano≥0,1 UI/ml99,3%100%100%100%
Difterite≥0,1 UI/ml99,3%100%100%98,5%
PertosseRisposta di richiamo anti-PT97,4%*N.A.**95,6%***92,0%****
Anticorpo anti-PT (GMC)223 UI/mlN.A.**74,2 UI/ml122 UI/ml

(1) Vaccino antipertossico monocomponente

(5) Vaccino antipertossico a cinque componenti

*) Aumento di ≥ 4 volte

**) Concentrazione mediana di anticorpi anti-PT da 16,5 a > 400 UI/ml

***) Aumento di ≥ 2 volte e ≥ 4 UI/ml

****) Aumento di ≥ 4 volte, se < 20 UI/ml prima della vaccinazione; aumento di ≥ 2 volte, se

≥ 20 UI/ml prima della vaccinazione

Esistono correlazioni sierologiche di protezione per la difterite e il tetano. Generalmente livelli di anticorpi di almeno 0,1 UI/ml sono considerati protettivi.

Non sono state stabilite correlazioni sierologiche di protezione contro la pertosse.

L’antigene pertossico contenuto in Tribaccine è l’antigene pertossico del vaccino di associazione antipertossico acellulare pediatrico, la cui efficacia dopo la vaccinazione primaria è stata dimostrata nei bambini.

La protezione attesa contro la difterite e il tetano è di almeno 10 anni.

La durata della protezione offerta dai vaccini antipertossici acellulari non è nota. I dati osservazionali indicano che la protezione non diminuisce sostanzialmente durante i primi 5 anni di follow-up.

Il grado di protezione contro la pertosse dopo la vaccinazione con Tribaccine dipende, fra gli altri fattori, dal livello di anticorpi esistenti prima della vaccinazione. Pertanto, i tassi di risposta dopo la vaccinazione antipertossica di richiamo dipendono in parte dall’età e da una vaccinazione primaria incompleta. Nel corso di studi clinici condotti con Tribaccine, il rischio di non risposta era maggiore tra le persone di età compresa tra 40 e 55 anni rispetto agli individui più giovani.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

La valutazione delle proprietà farmacocinetiche non è necessaria per i vaccini, pertanto non sono disponibili dati.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

È stato condotto uno studio di tossicità a dose singola e a dosi ripetute nei ratti. Non sono stati osservati effetti avversi fatta eccezione per reazioni locali moderate in sede di iniezione. Non sono stati condotti studi di tossicità della riproduzione e dello sviluppo.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Cloruro di sodio Idrossido di sodio

Acqua per preparazioni iniettabili

Per l’idrossido di alluminio idrato, vedere paragrafo 2.

06.2 Incompatibilità

Indice

In assenza di studi di compatibilità, Tribaccine non deve essere miscelato con altri medicinali nello stesso flaconcino o nella stessa siringa.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare in frigorifero (2°C – 8°C).

Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce. Non congelare.

Eliminare il vaccino se è stato congelato.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

0,5 ml (1 dose) di sospensione in una siringa preriempita monodose (vetro tipo I) con tappo stantuffo (gomma clorobutilica).

Confezioni da 1 x 0,5 ml, 5 x 0,5 ml, 10 x 0,5 ml e 20 x 0,5 ml. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Agitare prima dell’uso.

Dopo vigorosa risospensione, il vaccino deve apparire come una sospensione incolore di particelle bianche o grigie.

Prima dell’uso verificare che non siano presenti materiale particolato estraneo e/o alterazione del colore. In presenza di queste condizioni, il prodotto non deve essere somministrato.

Il medicinale non utilizzato ed i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Statens Serum Institut 5, Artillerivej

DK-2300 Copenhagen S

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

AIC: 042607010

AIC: 042607022

AIC: 042607034

AIC: 042607046

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

—–

10.0 Data di revisione del testo

Indice

31/05/2013

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Tribaccine – im 1 Sir 0,5 ml (Vaccino Difterite Adsorbito+pertosse Adsorbito+tetano Adsorbito)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Prontuario terapeutico regionale ATC: J07AJ52 AIC: 042607010 Prezzo: 36,52 Ditta: Aj Vaccines A/s


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983