Pubblicità

Iskidrop: effetti collaterali e controindicazioni

Iskidrop 30 mg/0,75 ml gocce orali, soluzione (Nimodipina) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Prevenzione e terapia di deficit neurologici ischemici correlati a vasospasmo cerebrale.

Iskidrop 30 mg/0,75 ml gocce orali, soluzione: effetti collaterali

Come tutti i farmaci, però, anche Iskidrop 30 mg/0,75 ml gocce orali, soluzione ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Iskidrop 30 mg/0,75 ml gocce orali, soluzione, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Iskidrop 30 mg/0,75 ml gocce orali, soluzione: controindicazioni

Pubblicità

ISKIDROP non deve essere somministrato in gravidanza o durante l’allattamento e nei casi di ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

ISKIDROP non deve essere somministrato in concomitanza con rifampicina, in quanto l’assunzione contemporanea di rifampicina può ridurre significativamente l’efficacia della nimodipina (vedere paragrafo “Interazìonì”).

Una funzionalità epatica gravemente compromessa, e particolarmente la cirrosi epatica, può causare un aumento della biodisponibilità di nimodipina, dovuto ad una diminuzione del suo metabolismo legato all’effetto di primo passaggio o della sua clearance. Per questo motivo ISKIDROP non deve essere somministrato a pazienti con funzionalità epatica gravemente compromessa (ad esempio cirrosi epatica).

La terapia concomitante di nimodipina per via orale e farmaci antiepilettici, quali fenobarbital, fenitoina o carbamazepina è controindicata in quanto l’assunzione contemporanea di tali farmaci può ridurre significativamente l’efficacia della nimodipina (vedere paragrafo “Interazìonì”).

Iskidrop 30 mg/0,75 ml gocce orali, soluzione: effetti collaterali

Nella Tabella 1 sono riportate le reazioni avverse correlate al farmaco, segnalate in diversi studi clinici con nimodipina avente indicazione “Prevenzione e terapia di deficit neurologici ischemici correlati a vasospasmo cerebrale”, ordinate in base alle categorie di frequenza secondo CIOMS III (in studi contro placebo 703 pazienti sono stati trattati con Nimodipina e 692 con placebo, in studi in aperto 2.496 pazienti sono stati trattati con Nimodipina). Status 31 agosto 2005.

Tabella 1: tutte le reazioni avverse al farmaco segnalate nei pazienti in diversi studi clinici con indicazione “Prevenzione e terapia di deficit neurologici ischemici correlati a vasospasmo cerebrale” Descrizione clinica Comune da ≥ 1% a <10% Non comune da ≥ 0,1% a <1% Raro da ≥ 0,01% a <0,1% Molto raro <0,01%
Alterazioni del sangue e sistema linfatico
Cambiamenti nella conta delle cellule ematiche Trombocitopenia
Alterazioni del sistema immunitario
Reazioni acute di ipersensibilità Reazione allergica Rash
Alterazioni del sistema nervoso
Sintomi cerebrovascolari non specifici Mal di testa
Alterazioni cardiache
Aritmie non specifiche Tachicardia bradicardia
Alterazioni del sistema vascolare
Sintomi cardiovascolari non specifici Ipotensione Vasodilatazione
Alterazioni dell’apparato gastrointestinale
Sintomi gastrointestinali Nausea ileo
Alterazioni del sistema epatobiliare
Reazioni epatiche leggere o moderate Aumento transitorio degli enzimi epatici

Nella Tabella 2 sono riportate le reazioni avverse correlate al farmaco, segnalate in diversi studi clinici con nimodipina avente indicazione “Prevenzione e terapia di deficit neurologici ischemici”, ordinate in base alle categorie di frequenza secondo CIOMS III (in studi contro placebo 1.594 pazienti sono stati trattati con Nimodipina e 1.558 con placebo, in studi in aperto 8.049 pazienti sono stati trattati con Nimodipina; status 20 ottobre 2005) e dati di post-marketing (status: ottobre 2005).

Le reazioni avverse segnalate come “comuni” erano osservate con una frequenza inferiore al 2%.

Tabella 2: tutte le reazioni avverse al farmaco segnalate nei pazienti in diversi studi clinici con indicazione “Prevenzione e terapia di deficit neurologici ischemici” Descrizione clinica Comune da ≥ 1% a <10% Non comune da ≥ 0,1% a <1% Raro da ≥ 0,01% a <0,1% Molto raro <0,01%
Alterazioni del sistema immunitario
Reazioni acute di ipersensibilità Reazione allergica Rash
Alterazioni del sistema nervoso
Sintomi cerebrovascolari non specifici Mal di testa Capogiri
Sintomi neurologici non specifici Senso di vertigine Ipercinesia Tremori
Alterazioni cardiache
Aritmie non specifiche Palpitazioni Tachicardia
Alterazioni del sistema vascolare
Sintomi cardiovascolari non specifici Ipotensione Vasodilatazione Sincope Edema
Alterazioni dell’apparato gastrointestinale
Sintomi gastrointestinali Costipazione Diarrea Flatulenza

Iskidrop 30 mg/0,75 ml gocce orali, soluzione: avvertenze per l’uso

Anche se non vi sono evidenze che il trattamento con ISKIDROP sia associato con un aumento della pressione endocranica, ISKIDROP deve essere usato con cautela in presenza di edema cerebrale generalizzato o in condizioni caratterizzate da un notevole aumento della pressione endocranica.

ISKIDROP deve essere utilizzato con cautela anche nei pazienti gravemente ipotesi (pressione arteriosa sistolica < 100 mmHg).

In pazienti molto anziani affetti da più patologie, in pazienti con funzionalità cardiovascolare o renale gravemente compromessa (filtrazione glomerulare < 20 ml/min), la necessità di un trattamento con ISKIDROP dovrebbe essere considerata con cautela ed il paziente regolarmente controllato.

Antibiotici macrolidi (es. eritromicina)

Inibitori delle proteasi anti-HIV (es. ritonavir)

Antimicotici azolici (es. ketoconazolo)

Antidepressivi nefazodone e fluoxetina

Quinupristin/dalfopristin

Cimetidina

Acido valproico

In caso di somministrazione concomitante con questi farmaci, la pressione arteriosa deve essere monitorata e, in caso di necessità, deve essere presa in considerazione una riduzione del dosaggio di nimodipina


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/articoli/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

3 Comments

  1. Il farmaco mi provoca una stitichezza insopportabile .Devo sospenderlo e sostituirlo con altro?Desidererei avere delle delucidazioni in merito. Non ho mai segnalato alcun commento precedentemente.

    Lorenzo Marotta
    1. ISKIDROP, anche se raramente e cioè in una percentuale compresa fra lo 0,01% e lo 0,1%, può causare un “ileo paralitico” cioè la scomparsa della motilità intestinale (peristalsi) con una sintomatologia simile a quella di un’ostruzione intestinale.
      Se avverte una stipsi molto ostinata, conviene che chieda al suo medico di valutare una terapia alternativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *