Tridin: effetti collaterali e controindicazioni

Tridin (Levoglutamide Monofluorofosfato + Calcio Gluconato + Calcio Citrato) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Osteoporosi primaria.

Tridin: effetti collaterali

Pubblicità

Come tutti i farmaci, però, anche Tridin ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Tridin, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Tridin: controindicazioni

TRIDIN non va somministrato nell’età della crescita, durante la gravidanza e l’allattamento, in pazienti affetti da osteomalacia. Durante il trattamento con TRIDIN è da evitare il concepimento. Il prodotto è controindicato, inoltre, in caso di insufficienza renale, ipercalcemia o ipercalciuria.

Tridin: effetti collaterali

Raramente e solo dopo trattamenti prolungati, possono insorgere dolori articolari in particolare agli arti inferiori. In questi casi è opportuno avvisare il medico curante, che dovrà decidere su un eventuale adattamento posologico o, al limite, sull’interruzione del trattamento.

In rari casi sono state osservate intolleranze gastriche o intestinali.

L’uso prolungato del prodotto potrebbe comportare il rischio di intossicazione cronica da fluoro (fluorosi), le manifestazioni di tale intossicazione comprendono, tra l’altro, gravi anomalie della struttura trabecolare ossea associate ad una aumentata incidenza di fratture periferiche.

Tridin: avvertenze per l’uso

Il TRIDIN non va somministrato ai bambini e durante l’età della crescita.

Tenere fuori dalla portata dei bambini.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.