Vaspit: effetti collaterali e controindicazioni

Vaspit (Fluocortin Estere Butilico) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Dermatosi rispondenti alla corticoterapia locale quali: dermatite ed eczema da contatto, eczema professionale, eczema volgare, nummulare, degenerativo e seborroico, eczema disidrosico, eczema da varici (non direttamente sull’ulcera), eczema dei bambini, neurodermite (eczema endogeno, dermatite atopica), lichen ruber planus e verrucoso, eritematoide cronico discoide, ustioni di primo grado, eritema solare, punture di insetti.

Pubblicità

Vaspit: effetti collaterali

Come tutti i farmaci, però, anche Vaspit ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Vaspit, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Pubblicità

Vaspit: controindicazioni

Presenza nella zona da trattare di processi tubercolari, luetici e di virosi (pustole vacciniche, vaiolo e varicella).

Vaspit: effetti collaterali

A seguito dell’uso del preparato potrebbero comparire eccezionalmente nella zona di applicazione fatti irritativi come bruciori od arrossamenti.

Vaspit: avvertenze per l’uso

Se dopo trattamento prolungato con VASPIT crema si dovesse assistere ad un notevole essiccamento della cute, é opportuno passare al VASPIT crema idrofoba.

Nelle malattie cutanee accompagnate da infezioni batteriche e/o micotiche è opportuno associare un trattamento topico specifico. In corso di applicazione al viso, evitare che il preparato venga a contatto con gli occhi. L’uso, specie se prolungato, dei prodotti per uso topico, può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso è necessario interrompere il trattamento ed istituire una terapia idonea.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità