Home Schede Tecniche Fisiotens: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Fisiotens: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Fisiotens

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Fisiotens: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Fisiotens

INDICE DELLA SCHEDA

Fisiotens: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

FISIOTENS 0,2 mg compresse rivestite con film FISIOTENS 0,3 mg compresse rivestite con film FISIOTENS 0,4 mg compresse rivestite con film

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

contiene Principio attivo: 0,2, 0,3 o 0,4 mg di moxonidina. Eccipienti: lattosio monidrato

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse rivestite con film.

Fisiotens 0,2 mg

Compressa rivestita con film rotonda, biconvessa, di colore rosa chiaro con impresso “0.2” su un lato

Fisiotens 0,3 mg

Compressa rivestita con film rotonda, biconvessa di colore rosso chiaro con impresso “0.3” su un lato

Fisiotens 0,4 mg

Compressa rivestita con film rotonda, biconvessa di colore rosso opaco con impresso “0.4” su un lato

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Fisiotens è indicato per il trattamento dell’ipertensione arteriosa essenziale.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Generalmente il trattamento dovrebbe essere iniziato con una dose giornaliera di 0,2 mg di moxonidina. Nel caso in cui l’effetto terapeutico non sia sufficiente, la dose può essere incrementata a 0,4 mg dopo tre settimane fino ad una eventuale dose massima giornaliera di 0,6 mg, suddivisa in due somministrazioni, dopo altre tre settimane. La dose massima che si deve assumere in monosomministrazione giornaliera è 0,4 mg.

Possono essere richiesti aggiustamenti della dose giornaliera sulla base della risposta individuale.

Fisiotens può essere somministrato durante o lontano dai pasti.

Popolazioni speciali:

Nei pazienti con insufficienza renale moderata o severa la dose iniziale è 0,2 mg. Se necessaria e ben tollerata la dose giornaliera può essere aumentata a 0,4 mg nei pazienti con insufficienza renale moderata e fino a 0.3 mg al giorno in pazienti con insufficienza renale severa (vedere paragrafo 4.4).

In pazienti in trattamento con emodialisi la dose iniziale è 0.2 mg al giorno. Se necessaria e ben tollerata la dose giornaliera può essere aumentata a 0,4 mg.

L’efficacia e la sicurezza della moxonidina in soggetti al di sotto dei 18 anni di età non sono state studiate.

Negli anziani la terapia deve essere iniziata con una dose piu bassa e gli incrementi della dose devono essere introdotti con cautela (vedere paragrafo 4.4).

04.3 Controindicazioni

Indice

La moxonidina è controindicata in pazienti con:

ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1;

malattia del nodo del seno;

bradicardia (frequenza cardiaca a riposo <50 battiti/min);

blocco atrioventricolare di secondo o terzo grado;

insufficienza cardiaca;

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Vari casi di blocco atrioventricolare sono stati riscontrati in studi post- marketing in pazienti sottoposti a trattamento con moxonidina. In base a questi casi-clinici, non può essere completamente escluso il ruolo causale della moxonidina nel ritardare la conduzione atrio-ventricolare. Pertanto, si raccomanda cautela nel trattamento di pazienti con una possibile predisposizione a sviluppare un blocco atriventricolare.

Se la moxonidina viene somministrata a pazienti con blocco atrioventricolare di primo grado occorre prestare particolare cautela per evitare la bradicardia. Moxonidina non deve essere usato con blocchi atrioventricolari di grado elevato (vedere paragrafo 4.3)

Se la moxonidina viene somministrata in pazienti con malattia coronarica grave o con angina pectoris instabile occorre prestare particolare cautela poiché l’esperienza in questa popolazione di pazienti è limitata.

Se la moxonidina viene somministrata congiuntamente ad un beta-bloccante ed entrambi i trattamenti devono essere interrotti, occorre cessare prima la somministrazione del beta-bloccante e dopo alcuni giorni quella della moxonidina.

Fino ad ora non è stato osservato alcun effetto di rimbalzo sulla pressione sanguigna dopo la sospensione del trattamento con moxonidina. Comunque l’interruzione brusca del trattamento con moxonidina non è consigliata ma la dose deve essere ridotta gradualmente nell’arco di due settimane.

Occorre prestare cautela nella somministrazione di moxonidina a pazienti con insufficienza renale poiché la moxonidina è escreta principalmente per via renale. In questi pazienti è raccomandato un attento aggiustamento della dose, specialmente all’inizio della terapia. Il dosaggio dovrebbe iniziare con 0,2 mg per giorno e potrà essere aumentato fino a 0,4 mg per giorno in pazienti con una moderata insufficienza renale (GFR > 30 ml/min ma < 60 ml/min) e fino a un massimo di 0,3 mg per giorno in pazienti con una severa insufficienza renale (GFR < 30 ml/min) se giustificabile clinicamente e ben tollerato.

Sebbene non si verifichi accumulo, in pazienti con insufficienza renale (GFR inferiore a 60 ml/min) deve essere attentamente monitorato l’effetto ipotensivo della moxonidina, specialmente all’inizio del trattamento.

La popolazione anziana può essere più suscettibile agli effetti cardiovascolari dell’abbassamento della pressione provocata dal medicinale. Pertanto la terapia deve essere iniziata con una dose piu bassa e gli incrementi della dose devono essere introdotti con cautela per prevenire le gravi consequenze che questi effetti possono portare.

Informazioni importanti su alcuni eccipienti

FISIOTENS contiene lattosio monoidrato, pertanto i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, da deficit di Lapp lattasi o da malassorbimento di glucosio-galattosio, non devono assumere questo medicinale.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

La brusca sospensione del trattamento con moxonidina durante una terapia combinata con beta-bloccanti può causare un’ipertensione da “rebound” (vedì paragrafo 4.4).

La somministrazione contemporanea di moxonidina ed altri farmaci antipertensivi produce un effetto additivo.

Poiché i farmaci antidepressivi triciclici possono ridurre l’efficacia dei farmaci antipertensivi ad azione centrale, l’uso contemporaneo di antidepressivi triciclici e moxonidina è sconsigliato. La moxonidina può aumentare l’effetto sedativo degli antidepressivi triciclici (evitare la co-somministrazione), dei tranquillanti, dell’alcool, dei sedativi e degli ipnotici.

In soggetti con disfunzione cognitiva indotta da lorazepam, la moxonidina ha portato ad un ulteriore moderato peggioramento. Quando assunta insieme alle benzodiazepine, la moxonidina può aumentare il loro effetto sedativo.

La moxonidina è escreta tramite escrezione tubolare. L’interazione con altri farmaci escreti tramite escrezione tubolare non può essere esclusa.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Non vi sono dati adeguati riguardanti l’uso della moxonidina in donne in gravidanza. Gli studi condotti su animali hanno evidenziato effetti embriotossicologici (vedere paragrafo 5.3). Il rischio potenziale per gli esseri umani non è noto. Fisiotens non deve essere usato durante la gravidanza, se non in caso di assoluta necessità.

Allattamento

La moxonidina viene secreta nel latte materno e pertanto Fisiotens non deve essere usato durante l’allattamento. Nel caso in cui il trattamento con Moxonidina sia assolutamente necessario, l’allattamento deve essere interrotto.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono stati effettuati studi sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari.

Sono state riportate sonnolenza e capogiri e questo deve essere tenuto in considerazione quando si eseguono tali operazioni.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

I più frequenti effetti collaterali segnalati durante trattamento con moxonidina sono secchezza delle fauci, capogiri, astenia e sonnolenza. Questi sintomi generalmente diminuiscono dopo le prime settimane di trattamento.

Effetti indesiderati suddivisi per apparato (osservati durante studi clinici controllati verso placebo con 886 pazienti esposti alla moxonidina e riportati con le frequenze sotto indicate):

Classificazione per Organi e Sistema secondo MedDRAMolto comune > 1/10Comune >1/100, <1/10Non comune >1/1.000, < 1/100
Patologie cardiacheBradicardia
Patologie dell’orecchio e del labirintoTinnito
Patologie del sistema nervosoCefalea*, capogiri, vertigini, sonnolenzaSincope*
Patologie vascolariIpotensione (inclusa ipotensione ortostatica)
Patologie gastrointestinaliSecchezza delle fauciDiarrea, Nausea / Vomito / Dispepsia
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneoRash, pruritoAngioedema
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazioneAsteniaEdema
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivoDolore alla schienaDolore al collo
Disturbi psichiatriciInsonniaNervosismo

* nessun aumento in frequenza rispetto al placebo

Segnalazione delle reazioni avverse sospette.

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomi

Nei pochi casi di sovradosaggio riportati sono state assunte dosi fino a 19,6 mg senza conseguenze fatali. Segni e sintomi segnalati includevano: cefalea, sedazione, sonnolenza, ipotensione, capogiri, astenia, bradicardia, secchezza delle fauci, vomito, affaticamento e dolore addominale alto. In caso di sovradosaggio grave, si raccomanda un attento monitoraggio specialmente dei disturbi di coscienza e della depressione respiratoria.

Inoltre alla luce di studi ad alto dosaggio in animali, possono comparire ipertensione transitoria, tachicardia ed iperglicemia.

Trattamento

Non è noto alcun antidoto specifico.

In caso di ipotensione, possono essere prese in considerazione misure di supporto circolatorio quali ad esempio somministrazione di fluidi e dopamina. La bradicardia può essere trattata con l’atropina. Antagonisti dei recettori  possono diminuire od eliminare gli effetti ipertensivi paradossi del sovradosaggio da moxonidina.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmaco terapeutica: La moxonidina è un agonista selettivo dei recettori imidazolinici (SIRA).

Codice ATC: C02AC (Antipertensivi; sostanze antiadrenergiche ad azione centrale, agonisti dei recettori dell’imidazolina)

La moxonidina si è dimostrata un potente agente antipertensivo in numerosi modelli animali. I dati sperimentali disponibili suggeriscono che la moxonidina agisca a livello del sistema nervoso centrale (SNC). Il farmaco interagisce selettivamente con i recettori imidazolinici a livello del tronco encefalico. Questi recettori sono concentrati nel midollo rostrale ventrolaterale, un’area critica nel controllo centrale del sistema nervoso simpatico periferico. La stimolazione dei recettori dell’imidazolina sembra ridurre l’attività simpatica ed abbassare la pressione arteriosa.

La moxonidina si distingue da altri farmaci antipertensivi antiadrenergici per una bassa affinità con i recettori 2-adrenergici rispetto a quella con i recettori imidazolinici. La bassa affinità per i recettori 2-adrenergici può

spiegare la bassa incidenza di sedazione e secchezza delle fauci riportata con moxonidina.

Nell’uomo, la moxonidina causa una riduzione delle resistenze vascolari periferiche e conseguentemente della pressione arteriosa sistemica. L’efficacia antipertensiva della moxonidina è stata dimostrata in studi in doppio cieco, randomizzati, controllati verso placebo.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

Dopo somministrazione orale la moxonidina è rapidamente (Tmax di circa 1 ora) e quasi completamente assorbita nel tratto gastrointestinale superiore. La biodisponibilità assoluta è dell’88%, indicando che non vi è primo passaggio epatico. L’assunzione di cibo non interferisce con la farmacocinetica della moxonidina.

Distribuzione

In vitro è stato determinato che solo circa il 7,2% del farmaco è legato alle proteine plasmatiche.

Metabolismo

In un pool di campioni di plasma umano è stata identificata solo la moxonidina deidrogenata. L’attività farmacodinamica della moxonidina deidrogenata è circa 1/10 rispetto a quella della moxonidina.

Eliminazione

Nelle 24 ore il 78% della dose totale è escreta con le urine come moxonidina immodificata e il 13% come moxonidina deidrogenata. Circa l’8% della dose viene escreta nelle urine sotto forma di altri metaboliti minori. Meno dell’1% è eliminato attraverso le feci.

L’eliminazione della moxonidina e dei suoi metaboliti è abbastanza rapida (emivita terminale di circa 2,5 e 5 ore rispettivamente).

Farmacocinetica nei pazienti ipertesi

Nei pazienti ipertesi non si sono osservate rilevanti modifiche della farmacocinetica rispetto ai volontari sani.

Farmacocinetica nel paziente anziano

Sono state osservate modifiche della farmacocinetica correlate all’età, molto probabilmente dovute ad una ridotta attività metabolica e/o ad una leggermente più alta biodisponibilità nell’anziano. Comunque queste differenze farmacocinetiche non sono di rilevanza clinica.

Farmacocinetica nel paziente in età pediatrica

La moxonidina non è indicata nel bambino; pertanto non sono stati condotti studi farmacocinetici in questa fascia di età.

Farmacocinetica nell’insufficienza renale

L’eliminazione della moxonidina è significativamente correlata alla clearance della creatinina. In pazienti con insufficienza renale moderata (GFR 30-60 mL/min) le concentrazioni plasmatiche allo steady-state e l’emivita terminale sono rispettivamente circa 2 e 1,5 volte più alte rispetto a pazienti ipertesi con funzione renale normale (GFR > 90 mL/min). In pazienti con insufficienza renale grave (GFR < 30 mL/min) le concentrazioni plasmatiche allo steady- state e l’emivita terminale sono circa 3 volte più alte. In questi pazienti non è stato osservato un’inatteso accumulo di farmaco dopo dosi multiple. Nei pazienti con insufficienza renale all’ultimo stadio, in trattamento con emodialisi, l’AUC e l’emivita terminale sono rispettivamente 6 volte e 4 volte più alte, in confronto ai pazienti ipertesi con funzione renale normale. In pazienti con insufficienza renale moderata le concentrazioni plasmatiche massime di moxonidina sono solo 1,5 – 2 volte più alte. In pazienti con insufficienza renale la dose deve perciò essere aggiustata in base alle necessità individuali.

La moxonidina è eliminata in piccola parte con l’emodialisi

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Studi in vitro non hanno evidenziato un rischio particolare per l’uomo sulla base di studi convenzionali di sicurezza farmacologica, tossicità della dose ripetuta, genotossicità, potenziale carcinogenico, tossicità sulla riproduzione. Studi su animali hanno mostrato effetti di embriotossicità con dosi tossiche per la madre.

Studi di tossicità riproduttiva non hanno mostrato effetti sulla fertilità né potenziale teratogenico.

Effetti embriotossicologici sono stati riscontrati nei ratti con dosi superiori a 9 mg/kg/24 h e nei conigli a dosi superiori a 0.7 mg/kg/24 h. In uno studio peri- and post-natale sui ratti è stata riportata un’influenza sullo sviluppo e la vitalità con dosi superiori a 3 mg/kg/24 h.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Lattosio monoidrato, povidone K25, crospovidone, magnesio stearato, ipromellosa, etilcellulosa, macrogol 6000, talco, ossido di ferro rosso (E172), titanio diossido (E171).

06.2 Incompatibilità

Indice

Non sono note incompatibilità.

06.3 Periodo di validità

Indice

FISIOTENS 0,2 mg compresse rivestite con film: 2 anni a confezionamento integro.

FISIOTENS 0,3 mg e 0,4 mg compresse rivestite con film: 3 anni a confezionamento integro.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

FISIOTENS 0,2 mg compresse rivestite con film non deve essere conservato a temperatura superiore a 25°C.

FISIOTENS 0,3 mg e 0,4 mg compresse rivestite con film non deve essere conservato a temperatura superiore a 30°C.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Blister di alluminio/PVC/PVDC in astuccio di cartone contenente 28/98 compresse rivestite con film.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

BGP PRODUCTS S.r.l.- Viale Giorgio Ribotta 11- 00144 Roma

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

28 compresse rivestite con film da 0,2 mg AIC n. 034063014 98 compresse rivestite con film da 0,2 mg AIC n. 034063026 28 compresse rivestite con film da 0,3 mg AIC n. 034063038 98 compresse rivestite con film da 0,3 mg AIC n. 034063040 28 compresse rivestite con film da 0,4 mg AIC n. 034063053 98 compresse rivestite con film da 0,4 mg AIC n. 034063065

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

27/03/2002

Rinnovo: 22/02/2007

10.0 Data di revisione del testo

Indice

17/05/2016

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Fisiotens – 28 Cpr Riv 0,4 mg (Moxonidina)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Nessuna ATC: C02AC05 AIC: 034063053 Prezzo: 14,37 Ditta: Bgp Products Srl(gruppo Mylan)


Fisiotens – 28 Cpr Riv 0,2 mg (Moxonidina)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Nessuna ATC: C02AC05 AIC: 034063014 Prezzo: 8,74 Ditta: Bgp Products Srl(gruppo Mylan)


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983