Theo 24: effetti collaterali e controindicazioni

Theo- 24 (Teofillina Anidra) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Asma bronchiale, affezioni polmonari con componente spastica bronchiale.

Theo- 24: effetti collaterali

Pubblicità

Come tutti i farmaci, però, anche Theo- 24 ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Theo- 24, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Theo- 24: controindicazioni

Ipersensibilità individuale accertata alla teofillina. Allattamento. Infarto miocardico acuto. Stati ipotensivi.

Theo- 24: effetti collaterali

I possibili effetti collaterali sono quelli tipici della teofillina e sono solitamente dovuti a sovradosaggio. Sono possibili pertanto disturbi gastrointestinali (nausea, vomito, dolore epigastrico, ematemesi, diarrea); sintomi di stimolazione centrale (cefalea, irritabilità, irrequietezza, insonnia, iperreflessia, crampi muscolari, crisi convulsive tonico-cloniche generalizzate); manifestazioni cardiovascolari e respiratorie (palpitazioni, tachicardia, extrasistoli, aritmie ventricolari, vampate di calore, insufficienza respiratoria, tachipnea) e raramente albuminuria, microematuria, iperglicemia.

Theo- 24: avvertenze per l’uso

Gli effetti tossici della teofillina sono solitamente legati a livelli plasmatici troppo elevati (superiori a 20 m g/ml di siero). Alle dosi convenzionali si possono avere livelli plasmatici superiori alla media a causa di una velocità di eliminazione plasmatica rallentata. Questo può verificarsi in pazienti con disfunzione epatica o renale, insufficienza cardiaca, malattie polmonari ostruttive croniche ed in pazienti di età superiore a 55 anni, soprattutto maschi.

Alcuni soggetti (in particolare fumatori e soggetti giovani) possono avere una velocità di eliminazione plasmatica accelerata, che può determinare livelli plasmatici bassi, con ricomparsa dei sintomi nelle ultime ore dell’intervallo di 24 ore dalla somministrazione di THEO-24, in dose singola. In tal caso andrà valutata la possibilità di aumento della dose singola giornaliera o la ripartizione della stessa in due somministrazioni giornaliere a distanza di 12 ore.

La teofillina va usata con precauzione nei pazienti con gravi malattie cardiache e renali, infarto miocardico, insufficienza cardiaca congestizia, aritmie cardiache, ipertensione arteriosa, cuore polmonare, ipossiemia grave, ipertiroidismo, epatopatie e nei pazienti anziani, soprattutto maschi.

I derivati metilxantinici stimolano la secrezione acida gastrica e vanno pertanto usati con cautela nei pazienti con storia di ulcera.

Preparazione a base di Hypericum perforatum non dovrebbero essere assunte in contemporanea con medicinali contenenti contraccettivi orali, digossina, teofillina, carbamazepina, fenobarbital, fenitoina a causa del rischio di un decremento dei livelli plasmatici e di diminuzione dell’efficacia terapeutica di contraccettivi orali, digossina, teofillina, carbamazepina, fenobarbital, fenitoina.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.