Prolastin

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Prolastin: ultimo aggiornamento pagina: (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Prolastin polvere e solvente

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Prolastin 1000 mg, polvere e solvente per soluzione per infusione

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

1 flaconcino di polvere contiene: 1000 mg di inibitore dell’alfa1-proteinasi umano.

1 ml di soluzione ricostituita contiene 25 mg di inibitore dell’alfa1-proteinasi (umano). Prodotto dal plasma di donatori umani Eccipienti con effetti noti: Prolastin contiene 2,76 mg di sodio per ml di soluzione ricostituita (120 mmol/l). Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Polvere e solvente per soluzione per infusione. Polvere: di colore dal bianco al beige.

Solvente: soluzione limpida e incolore.

La soluzione ricostituita appare limpida od opalescente, incolore o leggermente verde giallognola.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Prolastin è indicato per la terapia cronica sostitutiva in soggetti con carenza congenita di inibitore dell’alfa1-proteinasi (fenotipi PiZZ, PiZ(null), Pi(null)(null) e PiSZ) in relazione ad una compromissione del flusso respiratorio di grado moderato (FEV1 35-60%) ed alla valutazione del quadro clinico (condizioni di disabilità).

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Il trattamento deve essere iniziato e le prime infusioni devono essere supervisionate da medici con esperienza nelle patologie ostruttive croniche polmonari. Le infusioni successive possono essere somministrate da un operatore sanitario, vedere paragrafo 4.4.

La durata del trattamento è a discrezione del medico curante e non è previsto un limite specifico alla durata del trattamento stesso.

Posologia

Adulti, inclusi gli anziani

Salvo diversa prescrizione, la dose raccomandata di Prolastin di 60 mg/kg di peso corporeo, somministrata per infusione lenta una volta alla settimana (equivalente a 180 ml di soluzione ricostituita per infusione, contenente 25 mg/ml di inibitore dell’alfa1-proteinasi (umano) somministrati ad un paziente di 75 kg di peso) è in genere sufficiente a mantenere il livello sierico di inibitore dell’alfa1-proteinasi costantemente al di sopra degli 80 mg/dl, che corrisponde ad una concentrazione polmonare di 1,3 µM. Teoricamente tali concentrazioni nel siero e nel fluido di rivestimento epiteliale sono considerate protettive contro un ulteriore peggioramento dell’enfisema polmonare.

Popolazione pediatrica

Non c’è esperienza nell’uso di Prolastin nei bambini e negli adolescenti al di sotto dei 18 anni di età. Modo di somministrazione Prolastin deve essere somministrato esclusivamente per infusione endovenosa dopo ricostituzione.

La polvere liofilizzata deve essere disciolta con il solvente (40 ml di acqua per preparazioni iniettabili) come descritto nel paragrafo 6.6 e somministrata usando un adeguato set d’infusione (non incluso).

La soluzione cosi preparata deve essere utilizzata entro 3 ore dalla sua ricostituzione.

La velocità di infusione non deve superare gli 0,08 ml/kg/min (equivalente a 6 ml/minuto in un paziente di 75 kg di peso). La velocità di infusione deve essere regolata in base alla tollerabilità per il paziente.

Per le istruzioni sulla ricostituzione del medicinale prima della somministrazione, vedere paragrafo 6.6.

Pubblicità

04.3 Controindicazioni

Indice

Prolastin non deve essere somministrato a soggetti con: deficit selettivo di IgA che possiedano anticorpi anti-IgA, dato che questo può portare a reazioni allergiche incluso lo shock anafilattico; ipersensibilità nota agli inibitori dell’alfa1-proteinasi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1 (vedere anche paragrafo 4.4).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Ci si deve attenere alla velocità di infusione raccomandata al paragrafo 4.2. Se si verifica una qualsiasi reazione correlabile alla somministrazione di Prolastin, si deve ridurre la velocità di infusione o interrompere la somministrazione, in base alle condizioni cliniche del paziente.

È richiesta particolare attenzione nell’infusione in pazienti con insufficienza cardiaca grave ed in quelli a rischio di sovraccarico circolatorio dato che Prolastin può causare un incremento transitorio del volume ematico.

Ipersensibilità

In casi rari, possono verificarsi reazioni di ipersensibilità, anche in pazienti che hanno tollerato un trattamento precedente con l’inibitore dell’alfa1-proteinasi umano. In caso di gravi reazioni d’ipersensibilità (con calo della pressione arteriosa < 90 mmHg, dispnea o perfino shock anafilattico) l’infusione di Prolastin deve essere interrotta immediatamente e devono essere messi in atto i trattamenti più idonei, se necessario anche quelli per lo shock.

Trattamento domiciliare

I dati sull’uso di Prolastin in trattamento domiciliare sono limitati.

I rischi potenziali associati al trattamento domiciliare sono correlati alla manipolazione e alla somministrazione del medicinale, oltre che alla gestione delle reazioni avverse. I pazienti in ogni caso devono essere informati sui segni delle reazioni di ipersensibilità.

La decisione se un paziente è adatto al trattamento domiciliare viene presa dal medico curante, il quale si deve assicurare che siano state fornite istruzioni adeguate (ad es. riguardo a ricostituzione, uso del set Mix2Vial, assemblaggio del set per infusione endovenosa, tecniche di infusione, tenuta di un diario del trattamento, identificazione delle reazioni avverse e misure da adottare in caso di comparsa di tali reazioni) e che l’uso sia controllato a intervalli regolari.

Agenti trasmissibili

Le misure standard adottate per prevenire le infezioni causate dall’uso di medicinali prodotti a partire dal sangue o dal plasma umano includono: la selezione dei donatori, lo screening delle donazioni individuali e del plasma pool per i marcatori d’infezione specifici e l’inclusione, nel processo di produzione, dei passaggi necessari alla rimozione/inattivazione dei virus. Nonostante queste misure, non può essere totalmente escluso il rischio di trasmissione di agenti infettivi quando vengono somministrati prodotti derivati dal sangue o dal plasma umano. Questo riguarda anche virus o altri patogeni di origine sconosciuta od emergenti.

Le misure adottate sono considerate efficaci nei confronti dei virus incapsulati come il virus dell’immunodeficienza umana (HIV), il virus dell’epatite B (HBV) e il virus dell’epatite C (HCV). Le misure adottate possono risultare di efficacia limitata contro i virus non-incapsulati come il virus dell’epatite A (HAV) e il parvovirus B19.

L’infezione da parvovirus B19 può essere grave per le donne in stato di gravidanza (infezioni fetali) e per gli individui con immunodeficienza o con aumentata eritropoiesi (es. anemia emolitica).

Le vaccinazioni appropriate (epatite A e B) devono essere prese in considerazione nei pazienti trattati regolarmente/ripetutamente con inibitori delle proteasi derivati da plasma umano.

Tracciabilità

Ogni volta che Prolastin viene somministrato ad un paziente, il nome e il numero di lotto del prodotto devono essere chiaramente registrati, al fine di mantenere un collegamento tra il paziente e il lotto di prodotto utilizzato.

Fumo

La terapia con Prolastin non può essere negata ai fumatori. Tuttavia, poiché l’efficacia di Prolastin a livello polmonare viene compromessa dal fumo di tabacco, si raccomanda vivamente la cessazione del fumo.

Contenuto di sodio

Questo medicinale contiene 110,4 mg (4,8 mmol) di sodio per flaconcino. Nel caso di un paziente di 75 kg di peso, questo equivale al 24,84% dell’assunzione massima giornaliera raccomandata dall’OMS che corrisponde a 2 g di sodio per un adulto.

Ciò deve essere tenuto in considerazione per i pazienti che seguono una dieta a basso contenuto di sodio.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non sono note interazioni di Prolastin con altri farmaci.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Per Prolastin non sono disponibili dati clinici relativi a gravidanze esposte. Non sono stati eseguiti studi sugli animali. È necessario essere prudenti nel prescrivere il medicinale a donne in gravidanza.

Allattamento

Non è noto se l’inibitore dell’alfa1-proteinasi sia escreto nel latte materno. L’escrezione dell’inibitore dell’alfa1-proteinasi nel latte non è stata studiata negli animali. Deve essere presa la decisione se continuare/interrompere l’allattamento o continuare/interrompere la terapia con Prolastin tenendo in considerazione il beneficio dell’allattamento per il bambino e il beneficio della terapia con Prolastin per la donna.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Prolastin non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Riassunto del profilo di sicurezza

Il trattamento con Prolastin può causare reazioni note come febbre, sintomi simil-influenzali, dispnea, orticaria, nausea, ecc.

Tuttavia, possono manifestarsi reazioni immunologiche non comuni o rare, come con ogni trattamento con proteine, anche quando il paziente non ha mostrato ipersensibilità o reazione allergica a somministrazioni precedenti. Questo include reazioni allergiche come orticaria e dispnea, molto raramente anafilassi (vedere paragrafo 4.4).

Sintomi di possibile origine immunologica devono essere valutati prima che il paziente sia nuovamente trattato.

Tabella delle reazioni avverse

La tabella presentata di seguito è conforme alla classificazione per sistemi e organi secondo MedDRA (SOC e livello di termine preferito).

Le frequenze sono state valutate in base alla seguente convenzione: molto comune (≥1/10); comune (≥1/100, <1/10); non comune (≥1/1.000, <1/100), raro (≥1/10.000, <1/1.000); molto raro (<1/10.000); non nota ( la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

In corso di trattamento con Prolastin sono stati riportati i seguenti effetti indesiderati:

Classificazione per
sistemi e organi
Non comune
≥1/1.000, <1/100
Raro
≥1/10.000, <1/1000
Molto raro
<1/10.000
Disturbi del sistema
immunitario
Orticaria Reazioni da
ipersensibilità
Shock anafilattico
Patologie del sistema nervoso Capogiro/sensazione di intontimento, cefalea
Patologie cardiache Tachicardia
Patologie vascolari Ipotensione,
Ipertensione
Patologie respiratorie,
toraciche e mediastiniche
Dispnea
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Eruzione cutanea
Patologie
gastrointestinali
Nausea
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo Dolore articolare/artralgia Dolore dorsale
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di
somministrazione
Brividi, febbre, sintomi simil-influenzali, dolore toracico

Per informazioni sulla sicurezza virale, vedere paragrafo 4.4. Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non sono noti gli effetti derivanti da sovradosaggio.

In caso di sovradosaggio il paziente deve essere accuratamente controllato per l’insorgenza di possibili effetti indesiderati e, nel caso, devono essere instaurate le misure di supporto più idonee.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: inibitori delle proteinasi, codice ATC: B02AB02

L’inibitore dell’alfa1-proteinasi è un normale costituente del sangue umano, la cui funzione è quella di inibire, oltre ad altri enzimi, l’elastasi neutrofila. L’inibitore dell’alfa1-proteinasi ha un peso molecolare di 51 kDa e appartiene alla famiglia degli inibitori delle proteasi sieriche.

La patogenesi dell’enfisema in stati di carenza di inibitore dell’alfa1-proteinasi si ritiene sia dovuta ad uno squilibrio biochimico cronico tra l’elastasi e l’inibitore dell’alfa1-proteinasi. L’elastasi, che viene sintetizzata dalle cellule pro-infiammatorie nelle basse vie respiratorie, è in grado di degradare il tessuto elastico. Uno dei principali inibitori dell’elastasi è l’inibitore dell’alfa1-proteinasi, che è deficitario nella malattia da carenza ereditaria di alfa1-proteinasi. Di conseguenza, le strutture alveolari non sono più protette contro l’azione dell’elastasi rilasciata dai neutrofili nelle basse vie aeree e ad essa rimangono esposte cronicamente. Questo determina una progressiva degradazione del tessuto elastico e, quando la concentrazione di alfa1-antitripsina nel siero scende al di sotto degli 80 mg/dL, a ciò si associa un aumento del rischio per lo sviluppo di enfisema.

In due studi osservazionali controllati, il rallentamento più significativo della riduzione nel grado di FEV 1 è stato osservato nei pazienti con FEV1 compresa tra il 35 ed il 60% del predetto.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Dopo somministrazione endovenosa, praticamente il 100% dell’inibitore dell’alfa1-proteinasi somministrato è immediatamente disponibile in circolo. Il tasso di recupero medio in vivo è di 4,2 mg/dL per kg di peso corporeo. L’emivita in vivo è approssimativamente di 4,5 giorni.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Il principio attivo di Prolastin, l’inibitore dell’alfa1-proteinasi, si ottiene dal plasma umano e si comporta come un costituente endogeno del plasma. La somministrazione di una dose singola di Prolastin a varie specie animali, cosi come la somministrazione giornaliera in 5 giorni consecutivi a conigli, non ha evidenziato effetti tossici. Ulteriori studi preclinici a dosi ripetute (tossicità cronica, potenziale cancerogeno, tossicità della riproduzione) non sono stati eseguiti: questi, infatti, non possono essere condotti con successo nei modelli animali convenzionali dato che è attesa la formazione di anticorpi come risultato della somministrazione di proteine umane eterologhe.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Polvere: sodio cloruro, sodio fosfato monobasico. Solvente: acqua per preparazioni iniettabili.

06.2 Incompatibilità

Indice

In assenza di studi di compatibilità, Prolastin non deve essere miscelato con medicinali o altre soluzioni per infusione.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni.

La soluzione ricostituita deve essere sempre somministrata entro 3 ore dalla sua preparazione.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare a temperatura inferiore a 25°C. Non congelare.

Una volta ricostituita, la soluzione per infusione non deve essere conservata in frigorifero. Eliminare le frazioni di soluzione inutilizzate seguendo le normative locali.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Polvere:

Flaconcino di vetro di tipo I con tappo in gomma clorobutilica e capsula di alluminio.

Solvente:

Flaconcino di vetro di tipo I con tappo in gomma clorobutilica e capsula di alluminio.

Confezioni:

Confezione singola di Prolastin 1000 mg, polvere e solvente per soluzione per infusione contenente: 1 flaconcino di polvere (1000 mg di inibitore dell’alfa1-proteinasi umano) 1 flaconcino di solvente (40 ml di acqua p.p.i) 1 dispositivo di trasferimento per la ricostituzione Mix2Vial.

Confezione multipla contenente:

4 confezioni singole di Prolastin 1000 mg, polvere e solvente per soluzione per infusione.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

La polvere liofilizzata deve essere posta a contatto con il solvente e dissolta nel flaconcino contenente 40 ml di acqua per preparazioni iniettabili, come di seguito descritto. La soluzione ricostituita appare limpida od opalescente, incolore o leggermente verde giallognola. La ricostituzione totale deve essere ottenuta entro 5 minuti.

Preparazione della soluzione per infusione ricostituita

Operare in condizioni di asepsi (pulizia e sanitizzazione) al fine di mantenere la sterilità. Eseguire la procedura di ricostituzione su una superficie di lavoro piana.

Assicurarsi che i flaconcini di Prolastin e del solvente (acqua sterile per preparazioni iniettabili) siano a temperatura ambiente (20-25°C).

Togliere il cappuccio protettivo dal flaconcino di Prolastin e pulire la parte superiore del tappo con un tampone imbevuto di alcool. Lasciare che il tappo di gomma si asciughi.

Ripetere l’operazione anche con il flaconcino di acqua sterile.

Aprire la confezione sterile del Mix2Vial staccando il coperchio (Figura 1). Non rimuovere il dispositivo dalla confezione.

Posizionare il flaconcino del solvente in posizione verticale su una superficie piana. Tenendo il flaconcino di solvente in modo sicuro, spingere l’estremità blu del Mix2Vial verso il basso fino a quando la punta penetra nel tappo (Figura 2).

Rimuovere l’involucro esterno trasparente dal Mix2Vial e gettarlo (Figura 3).

Posizionare il flaconcino di Prolastin in posizione verticale su una superficie piana e invertire il flaconcino di solvente con il Mix2Vial ancora attaccato.

Tenendo il flaconcino di Prolastin saldamente su una superficie piana, spingere l’adattatore trasparente del Mix2Vial verso il basso fino a quando la punta penetra nel tappo (Figura 4). Il solvente verrà trasferito automaticamente nel flaconcino di Prolastin grazie al vuoto in esso contenuto.

Nota: se il Mix2Vial viene collegato in modo obliquo, si può avere una perdita di vuoto dal flaconcino del prodotto ed il solvente non verrà trasferito nel flaconcino del prodotto. Se il vuoto viene perso, utilizzare una siringa sterile e un ago per rimuovere l’acqua sterile dal flaconcino di solvente e iniettarla nel flaconcino di Prolastin, dirigendo il flusso del liquido contro la parete del flaconcino.

Con il flaconcino di solvente e quello di Prolastin ancora attaccati al Mix2Vial, agitare delicatamente (Figura 5) fino a quando la polvere è completamente disciolta. Non scuotere, per evitare la formazione di schiuma. La soluzione ricostituita deve essere limpida. Non utilizzare se si osserva la presenza di particelle o scolorimento.

Se è necessario più di un flaconcino di prodotto per ottenere la dose richiesta, ripetere le istruzioni di cui sopra utilizzando una nuova confezione di prodotto contenente un nuovo Mix2Vial. Non riutilizzare il Mix2Vial.

Rimuovere il Mix2Vial (Figura 6) e procedere con la somministrazione del prodotto in asepsi.

<.. image removed ..> Usare solo soluzioni limpide. La soluzione ricostituita deve essere sempre somministrata entro 3 ore dalla sua ricostituzione. Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Instituto Grifols, S.A. – Can Guasc, 2 – Parets del Vallès – 08150 Barcelona – SPAGNA

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

Prolastin “1000 mg/40 ml Polvere e solvente per soluzione per infusione” – 1 flaconcino in vetro di polvere + 1 flaconcino in vetro di solvente + 1 set per ricostituzione e la somministrazione AIC: 037709019 Prolastin “1000 mg/40 ml Polvere e solvente per soluzione per infusione” – 4x(1 flaconcino in vetro di polvere + 1 flaconcino in vetro di solvente + 1 set per ricostituzione e la somministrazione) AIC: 037709021

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

14 luglio 2009/ 22 marzo 2021

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: 18/11/2021


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.