Pubblicità

Seledat

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Seledat: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Seledat

 

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

SELEDAT 10 mg compresse rivestite

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Una compressa rivestita contiene: Principio attivo: Selegilina HCl 10 mg.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse rivestite.

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Sindrome psico-organica primaria.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

10 mg (1 compressa rivestita) al giorno, in unica somministrazione al mattino.

Popolazioni speciali Insufficienza epatica

Non vi sono dati disponibili su modifiche della dose nei pazienti con lieve insufficienza epatica.

Insufficienza renale

Non vi sono dati disponibili su modifiche della dose nei pazienti con lieve insufficienza renale.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilita’ al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Generalmente controindicato in gravidanza.

Selegilina non deve essere usata in combinazione con inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), inibitori della ricaptazione di serotonina- norepinefrina (SNRI, venlafaxina), antidepressivi triciclici, simpaticomimetici, inibitori delle monoamminoossidasi (per esempio linezolide) e oppioidi (petidina), (vedere paragrafo 4.5).

La selegilina non deve essere somministrata contemporaneamente ad alcun tipo di antidepressivo.

La selegilina non deve essere somministrata ai pazienti affetti da ulcera duodenale o gastrica in atto.

La contemporanea somministrazione di selegilina e levodopa e’ controindicata in soggetti che presentano gravi affezioni cardiovascolari, ipertensione arteriosa, ipertiroidismo, feocromocitoma, glaucoma ad angolo acuto, adenoma prostatico, tachicardie, aritmie, angina pectoris grave, psicosi, demenza avanzata e tireotossicosi.

Pubblicità

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Dato che Selegilina potenzia gli effetti della levodopa, le reazioni avverse a levodopa possono essere amplificate, specialmente se i pazienti sono in terapia con dosi elevate di levodopa. Questi pazienti devono essere tenuti in osservazione.

L’aggiunta di Selegilina ad una terapia con levodopa può generare movimenti involontari e/o agitazione. Questi effetti indesiderati scompaiono a seguito di riduzione

del dosaggio di levodopa. Il dosaggio di levodopa può essere ridotto circa del 30% in terapia combinata con Selegilina.

La selettività per le MAO-B di Selegilina può essere ridotta assumendo dosi giornaliere superiori a 10 mg. Con dosi giornaliere superiori a 10 mg esiste un presunto rischio di ipertensione dopo l’ingestione di cibo ricco di tiramina. Particolare cautela deve essere adottata nella somministrazione di selegilina ai pazienti che presentano ipertensione, aritmie cardiache, grave angina pectoris, psicosi o precedenti di ulcera peptica, poiché possono verificarsi peggioramenti di queste condizioni durante il trattamento.

Selegilina deve essere usata con cautela in pazienti con disfunzione epatica o renale grave.

Selegilina non deve essere somministrata in associazione a I-MAO non selettivi.

Si deve prestare attenzione ai pazienti in trattamento con MAO inibitori nel corso di interventi chirurgici eseguiti in anestesia generale. MAO inibitori, incluso selegilina , possono potenziare gli effetti dei depressori del Sistema Nervoso Centrale usati per indurre anestesia generale. Depressione respiratoria temporanea e cardiovascolare, ipotensione e coma sono stati riportati (vedere paragrafo 4.5).

Alcuni studi hanno rilevato un aumentato rischio di mortalità nei pazienti trattati con selegilina e levodopa in confronto a quelli trattati solo con levodopa. Da sottolineare tuttavia che sono stati messi in evidenza diversi errori metodologici in questi studi e che una meta analisi e ampi studi di coorte hanno concluso che non vi erano differenze significative di mortalità nei pazienti trattati con selegilina rispetto a quelli trattati con medicinali di confronto o con l’associazione selegilina/levodopa.

Studi hanno correlato il rischio di una aumentata risposta ipotensiva alla concomitante somministrazione di Selegilina e levodopa in pazienti con rischio cardiovascolare.

L’aggiunta di Selegilina ad una terapia con levodopa può non essere vantaggiosa nei pazienti che hanno risposte fluttuanti che non sono dose dipendenti.

E´ richiesta attenzione quando selegilina è assunta in associazione con altri farmaci e sostanze ad azione centrale. Deve essere evitata l´assunzione contemporanea di alcool. Si consiglia un’oculata valutazione dei dosaggi di terapie concomitanti con marcata azione attivante dei sistemi monoaminergici centrali conseguente ad inibizione del re-uptake (es: imipramina, amitriptilina, nortriptilina, desipramina, ecc.) o ad azione agonista recettoriale (es: bromocriptina, lisuride, ecc.) o ad aumento della concentrazione cerebrale di monoamine neurotrasmettitrici (es: levodopa).

In corso di trattamenti prolungati, si suggerisce di effettuare controlli periodici della funzionalità epatica.

Lattosio: questo medicinale contiene lattosio. I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, da deficit di Lapp lattasi, o da malassorbimento di glucosio– galattosio, non devono assumere questo medicinale.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Combinazioni controindicate (vedere paragrafo 4.3)

Simpaticomimetici

A causa del rischio di ipertensione, la somministrazione concomitante di selegilina e simpaticomimetici è controindicata.

Petidina

La somministrazione concomitante di inibitori MAO-B selettivi selegilina e petidina è controindicata.

Evitare l’uso concomitante di decongestionanti nasali, agenti ipertensivi, psicostimolanti, deprimenti il sistema nervoso centrale e alcool.

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRIs) e inibitori della ricaptazione di serotonina-norepinefrina (SNRIs).

A causa del rischio di stato confusionale, ipomania, allucinazioni e episodi maniacali, agita-zione, mioclono, iperreflessia, mancanza di coordinazione, brividi, tremore, convulsioni, atassia, diaforesi, diarrea, febbre, ipertensione, che possono essere parte di una sindrome serotoninergica, la somministrazione concomitante di selegilina e SSRIs o SNRIs è controindicata.

Sono stati segnalati casi di decesso a seguito dell’inizio della terapia con inibitori non selettivi delle MAO poco dopo la sospensione della fluoxetina. È necessario far trascorrere almeno 14 giorni tra la sospensione di un inibitore delle MAO e l’inizio del trattamento a base di fluoxetina. A causa della lunga emivita della fluoxetina e del suo metabolita attivo, e’ indispensabile che trascorra un periodo di almeno 5 settimane (circa 5 emivite) tra la sospensione della fluoxetina e l’inizio della terapia a base di inibitori delle MAO.

Antidepressivi triciclici

È stata occasionalmente riportata grave tossicità a carico del Sistema Nervoso Centrale (sindrome serotoninergica), a volte associata a ipertensione, ipotensione, diaforesi, in pazienti in trattamento con antidepressivi triciclici e Selegilina.

La selegilina non deve essere somministrata contemporaneamente ad alcun tipo di antidepressivo.

MAO inibitori

La somministrazione concomitante di selegilina e MAO inibitori può causare disturbi a carico del sistema nervoso centrale e del sistema cardiovascolare (vedere paragrafo 4.4).

Combinazioni non raccomandate

Contraccettivi orali

La somministrazione concomitante di selegilina e contraccettivi orali deve essere evitata, dato che tale combinazione può aumentare la biodisponibilità di selegilina.

Il trattamento concomitante con altri farmaci, con un basso indice terapeutico come digitale e/o anticoagulanti, richiede attenzione e un attento monitoraggio.

Interazioni alimentari

Dato che Selegilina è un inibitore MAO-B selettivo, alimenti che contengono tiramina non sono stati indicati come induttori di reazioni ipertensive durante un trattamento con Selegilina a dosi raccomandate (i.e. non si verifica il noto “cheese-effect”). Quindi, non sono necessarie restrizioni alla dieta. Tuttavia, in caso di terapia combinata con Selegilina e inibitori MAO non selettivi o inibitori MAO-A selettivi, sono raccomandate restrizioni alla dieta (es.. divieto di assunzione di cibo contenente elevate quantità di tiramina come il formaggio stagionato e prodotti lievitati).

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Sono disponibili dati molto limitati su pazienti in gravidanza.

Studi negli animali hanno mostrato tossicità riproduttiva solo a alte dosi multiple rispetto alle dosi utilizzate negli esseri umani. Come misura precauzionale, il prodotto è generalmente controindicato in gravidanza.

Allattamento

Non è noto se Selegilina è escreta nel latte materno. L’escrezione di Selegilina nel latte non è stato studiata nell’animale. L’assenza di dati chimico-fisici sulla presenza di Selegilina nel latte materno, e un conseguente rischio per il lattante, non possono essere esclusi. Selegilina non deve essere utilizzata durante l´allattamento.

Fertilità

Date le specifiche indicazioni del prodotto, non e’ previsto l’uso in pazienti in età fertile.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Dato che selegilina può causare capogiro, i pazienti devono essere informati di non guidare o utilizzare macchinari se manifestano questa reazione avversa durante il trattamento.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

La frequenza è definita sulla base della seguente convenzione: molto comune (≥1/10); comune (≥1/100, <1/10); non comune (≥1/1.000, <1/100); raro (≥1/10.000, <1/1.000); molto raro (<1/10.000); non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Distretto corporeo Frequenza
– Reazione avversa ("Termine preferito" in accordo a MedDRA)
Disturbi psichiatrici
Insonnia Comune
– Umore alterato Non comune
– Ipersessualità, depressione, stato confusionale, disturbo psicotico, allucinazione Non nota
Patologie del sistema nervoso
– Capogiro, cefalea Comune
– Disturbo del sonno (lieve e temporaneo) Non comune
– Tremore Non nota
Patologie dell’orecchio e del labirinto
Vertigine Comune
Patologie cardiache
– Bradicardia Comune
– Tachicardia sopraventricolare Non comune
Patologie vascolari
– Ipotensione ortostatica Raro
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche
– Irritazione della gola Non nota
Patologie gastrointestinali
– Nausea Comune
– Bocca secca Non comune
– Costipazione, diarrea, vomito, stomatite Non nota
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo
– Reazione della cute Raro
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo
– Miopatia, artralgia Non nota
Patologie renali e urinarie
– Ritenzione di urina Non nota
Patologie sistemiche e condizioni relative alla via di somministrazione
– Dolore toracico Non nota
Esami diagnostici
– Enzima epatico aumentato (lieve) Comune

In alcuni casi possono presentarsi manifestazioni di agitazione causate dall’eccessiva risposta del paziente agli effetti terapeutici del farmaco.

In associazione con Levodopa

Poiché selegilina potenzia l’azione della levodopa, gli effetti indesiderati di levodopa (irrequietezza, ipercinesie, movimenti anormali, agitazione, stato confusionale, allucinazione, ipotensione posturale, aritmie cardiache) possono essere potenziati in terapia di associazione (levodopa deve essere assunta solitamente in associazione ad un inibitore della decarbossilasi periferica). La selegilina in terapia di associazione può consentire un’ulteriore riduzione della dose di levodopa (anche del 30%).

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

I sovradosaggi non hanno quadro clinico specifico. Dato che l’inibizione selettiva MAO-B di Selegilina è raggiunta solo alle dosi raccomandate per la malattia di Parkinson (5-10 mg/giorno), sintomi di sovradosaggio sono riconducibili a quelli osservati per inibitori MAO non-selettivi (disturbi a carico del sistema nervoso centrale e cardiovascolare). Non esiste antidoto specifico e il trattamento deve essere sintomatico.

Nell’evenienza si consiglia l’adozione di provvedimenti sintomatici, tenendo sotto controllo i parametri emodinamici.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Inibitori della monoaminossidasi di tipo B. Codice ATC: N04BD01

E’ stato recentemente evidenziato che nell’invecchiamento cerebrale e nelle sindromi cerebrali organiche vi e’ una elevata attivita’ degli enzimi monoaminossidasi di tipo B (MAO-B), associata ad una patologica diminuzione della disponibilita’ cerebrale di dopamina ed altre monoamine attive coinvolte nei processi cognitivi di apprendimento, memorizzazione e concentrazione.

La selegilina o l-deprenil, principio attivo di SELEDAT, e’ una sostanza dotata di azione inibitrice selettiva della MAO-B, in grado di determinare un incremento di varia entita’, in rapporto all’affinita’ enzimatica, della disponibilita’ cerebrale di dopamina e delle altre monoamine con funzione neurotrasmettitoriale.

Inoltre, poiche’ recentemente e’ stata accertata la responsabilita’ della MAO-B nella formazione di neurotossine endogene ed esogene capaci di indurre processi degenerativi neuronali, il principio attivo esercita una potenziale azione neuroprotettiva mediata dalla stessa inibizione della MAO-B o dalla inattivazione di neurotossine specifiche.

I risultati degli studi farmacologici dimostrano che il prodotto migliora significativamente i sintomi di alterata funzionalita’ cerebrale, caratterizzati da anomalie funzionali di memoria, apprendimento e capacita’ di concentrazione, in modelli sperimentali di invecchiamento e neurodepressione cerebrale.

Il significativo prolungamento della durata della vita riscontrato nei ratti trattati con selegilina e’ stato messo in correlazione con un effetto di neuroprotezione esplicantesi a livello dei sistemi monoaminergici centrali.

Il prodotto e’ indicato nel trattamento delle alterazioni delle capacita’ di apprendimento, memoria e concentrazione documentate in pazienti affetti da malattie cerebrali su base degenerativa primaria.

La selegilina e’ esente dal rischio di comparsa di crisi ipertensive che possono manifestarsi con l’impiego dei tradizionali farmaci anti-MAO privi di azione selettiva.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Studi condotti nell’animale e nel volontario sano utilizzando il principio attivo marcato (14C) hanno dimostrato che la selegilina e’ rapidamente assorbita a seguito di somministrazione orale; il picco di radioattivita’ compare nel plasma tra 30 minuti e 2 ore.

La farmacocinetica della selegilina e’ caratterizzata da rapido assorbimento, rapida distribuzione e piu’ lenta eliminazione. A seguito della rapida biotrasformazione epatica e dell’elevata distribuzione, le concentrazioni plasmatiche di principio attivo immodificato sono basse.

Sono stati identificati 5 metaboliti plasmatici tra cui il derivato demetilato, la (l) -metil

-3-fenil-2-propilamina e la (l)-3-fenil-2-propilamina. L’eliminazione e’ praticamente completa nell’arco di 72 ore; la selegilina e’ escreta, in massima parte metabolizzata, con le urine (70%) e, in minor misura, con le feci.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

La selegilina presenta un indice terapeutico elevato. Infatti, in diverse specie animali, si ottiene la completa inibizione dell’attivita’ della MAO-B cerebrale a dosaggi corrispondenti allo 0,17-0,31% della DL50.

Tossicita’ acuta

DL50 (topo): 445 (M) e 365 (F) mg/kg/os; 206 (M) e 190 (F) mg/kg/s.c.; 50 (M e F) mg/kg/e.v.

DL50 (ratto): 422 (M) e 303 (F) mg/kg/os; 146 (M) e 112 (F) mg/kg/s.c.; 75 (M) e 70 (F) mg/kg/e.v.

DL50 (cane): >200 mg/kg/os. Tossicita’ per somministrazioni ripetute

Dosi orali fino a 10 mg/kg somministrate per 6 mesi sono state ben tollerate nel ratto; nel cane, sulla base di trattamenti ripetuti ad 1 anno, le dosi senza effetti tossici sono da considerare tra 1 e 4 mg/kg.

Tossicita’ fetale – Teratogenesi

La selegilina e’ priva di effetti tossici diretti sulla fertilita’ e funzione riproduttiva ne’ esercita effetti teratogeni.

Mutagenesi

In tutti i tests effettuati con la selegilina non e’ stato rilevato alcun effetto mutageno. Cancerogenesi

In uno studio condotto sul ratto non sono stati rilevati effetti cancerogeni.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Lattosio, Saccarosio, Metilcellulosa, Amido di mais, Amido pregelatinizzato, Calcio carbonato, Talco, Povidone, Titanio diossido, Silice colloidale anidra, Alluminio idrossido, Cere naturali, Magnesio stearato, Indigotina lacca di alluminio.

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni. Il periodo di validita’ indicato si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato.

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Confezione interna: blister in PVC/PVDC/Al. Confezione esterna: astuccio in cartoncino stampato.

15 compresse rivestite da 10 mg

30 compresse rivestite da 10 mg

E´ possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Master Pharma S.r.l.ia G. Chiesi, 1 – Parma

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

15 compresse rivestite: 027853023

30 compresse rivestite: 027853011

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

15 compresse rivestite: 08/01/1997

30 compresse rivestite: 31/12/1992

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Ottobre 2013

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *