Tauliz – Piretanide: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Tauliz

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Tauliz: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Tauliz: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

TAULIZ 3 mg compresse TAULIZ 6 mg compresse

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

TAULIZ 3 mg compresse

Una compressa contiene 3 mg di piretanide.

TAULIZ 6 mg compresse

Una compressa contiene 6 mg di piretanide.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Tutte le forme di edemi di genesi cardiaca, epatica e renale. Ipertensione arteriosa.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Per il trattamento degli edemi nella maggior parte dei casi è indicata la dose giornaliera di 6 mg da somministrarsi in un’unica volta, preferibilmente al mattino o comunque scegliendo l’ora più idonea in cui si desidera l’effetto.

Qualora l’effetto saluretico non fosse sufficiente si consiglia di aumentare la posologia di 3-6 mg ad intervalli di 4 ore finché non si raggiunge l’effetto diuretico desiderato.

Per il trattamento dell’ipertensione si inizia in genere con 9 mg al giorno in somministrazione unica al mattino o frazionata.

Nel caso di associazione con farmaci ipotensivi specifici, la posologia deve essere opportunamente regolata al fine di evitare fenomeni di potenziamento eccessivo.

04.3 Controindicazioni

Indice

Tauliz non deve essere utilizzato nei seguenti casi:

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1. I pazienti allergici alle sulfonamidi (antibiotici sulfamidici e sulfoniluree) possono mostrare sensibilità crociata alla piretanide;

Insufficienza renale (oligoanuria) da avvelenamento con sostanze nefrotossiche (sublimato corrosivo) od

epatotossiche (funghi velenosi, tetracloruro di carbonio);

Coma o precoma epatico;

Iperdosaggio da digitale;

Stati di grave ipokaliemia, iponatriemia ed ipovolemia, nonché di grave ipotensione, costituiscono controindicazioni all’impiego della Piretanide, finché non siano stati equilibrati il bilancio idroelettrolitico ed il regime pressorio;

Allattamento.

Tauliz non deve essere usato nel primo trimestre di gravidanza (vedere paragrafo 4.6).

Poiché non c’è sufficiente esperienza nei bambini, Tauliz non deve essere usato in questa categoria di pazienti

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Un attento monitoraggio è richiesto nei casi seguenti:

in pazienti ipotesi;

in caso di diabete mellito manifesto o di diabete latente è opportuno, in corso di terapia saluretica, controllare periodicamente la glicemia e la glicosuria;

in soggetti con predisposizione alla gotta si deve tenere presente che in corso di terapia diuretica l’aumento dell’uricemia può provocare attacchi gottosi;

in pazienti con ostruzione del flusso urinario (per es. ipertrofia prostatica, idronefrosi, stenosi dell’uretra);

in pazienti con cirrosi epatica associata a insufficienza renale;

in pazienti con ipoproteinemia (per es. sindrome nefrosica);

in pazienti con sclerosi cerebrale avanzata e/o coronarica.

Tauliz deve essere somministrato a pazienti con impedimenti alla minzione (per es. pazienti con iperplasia prostatica) solo se un libero deflusso urinario è assicurato perché un improvviso flusso di urina può portare a ritenzione urinaria con eccesso di distensione della vescica.

In caso di trattamento protratto con dosi elevate di saluretici si raccomanda il controllo periodico degli elettroliti (in particolare potassio, sodio, calcio, cloruri e bicarbonato), di creatinina, urea, acido urico e glucosio.

In caso di perdita di potassio (dovuta per es. a diarrea cronica, vomito, uso protratto di lassativi) o in stati predisponenti a carenza potassica quali cirrosi epatica, o concomitante impiego di farmaci quali lassativi, mineralcorticoidi o carbenoxolone, o alimentazione povera di potassio è consigliabile una dieta ricca di potassio o un’adeguata correzione farmacologica. In genere, durante il trattamento si raccomanda una dieta ricca di potassio (carne magra, patate, banane, arance, pomodori, spinaci, cavofiori e frutta secca) con moderata riduzione di sale.

La perdita di peso dovuta all’aumento di escrezione urinaria non dovrebbe superare 1 Kg/giorno indipendentemente dal grado di escrezione urinaria.

Nella sindrome nefrosica, la dose deve essere scelta con attenzione a causa del rischio di aumento degli effetti indesiderati.

Un aggiustamento della dose non è solitamente necessario nei pazienti anziani ma è importante osservare eventuali alterazioni della funzione renale.

L’uso di Tauliz può produrre risultati positivi al test di doping. Inoltre l’uso di Tauliz come agente dopante può nuocere alla salute.

Da usare sotto il diretto controllo medico.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

In base all’esperienza con i diuretici, le seguenti interazioni devono essere prese in considerazione:

I diuretici dell’ansa possono intensificare gli effetti nefrotossici di alcuni antibiotici (per es. aminoglicosidi, cefalosporine, polimixine) e gli effetti ototossici di aminoglicosidi (per es. katamicina, gentamicina, tobramicina). La conseguente compromissione dell’udito può essere irreversibile, quindi la contemporanea somministrazione dei suddetti farmaci deve essere evitata.

La contemporanea somministrazione di cisplatino e piretanide comporta il rischio di effetti ototossici. Inoltre la nefrotossicità del cisplatino può risultare potenziata se la piretanide non viene somministrata a basse dosi e in presenza di bilancio idrico positivo, quando la piretanide viene impiegata per ottenere una diuresi forzata dopo trattamento con cisplatino.

In caso di contemporaneo trattamento con glicosidi cardioattivi (digitale), si deve ricordare che la deplezione di potassio e magnesio aumenta la sensibilità del miocardio nei confronti della digitale, con possibile comparsa di aritmie cardiache.

Se la somministrazione di piretanide è associata all’uso di glucocorticosteroidi, lassativi o carbenoxolone o al frequente consumo di liquirizia è importante considerare che queste sostanze possono diminuire il livello di potassio nel sangue.

I pazienti in terapia con diuretici dell’ansa possono manifestare grave ipotensione. In particolare in pazienti che presentano disidratazione e carenza di sali con piretanide, la contemporanea somministrazione di un ACE- inibitore può indurre diminuzione della pressione (anche con collasso cardiocircolatorio) e/o compromissione della funzionalità renale (anche con insufficienza renale acuta).

Nei pazienti in terapia concomitante con antidiabetici può essere necessario aumentare la dose dei farmaci antidiabetici.

Talvolta i saluretici indeboliscono l’efficacia di altri farmaci, ad esempio la reattività vascolare alle amine pressorie (adrenalina, noradrenalina) o la potenziano, come ad esempio nel caso dei miorilassanti curaro simili (tubo curarina) e dei salicilati.

I diuretici dell’ansa possono ridurre l’escrezione renale dei sali di litio e causarne quindi un aumento dei livelli ematici con conseguente maggior rischio di effetti cardiotossici e neurotossici (si raccomanda il monitoraggio dei livelli di litio nei pazienti in terapia concomitante).

La somministrazione concomitante di FANS (per es. indometacina, aspirina) può ridurre l’effetto diuretico e causare insufficienza renale in pazienti con ipovolemia pre-esistente.

Probenecid, metotrexato ed altri farmaci che vengono escreti attraverso secrezione tubulare renale possono ridurre l’effetto del diuretico.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Tauliz non deve essere somministrato nel primo trimestre di gravidanza. Non c’è sufficiente esperienza per valutare la sicurezza del suo impiego nelle ultime fasi della gravidanza, benché la piretanide sia risultata priva di effetto teratogeno dagli studi specifici condotti su varie specie animali.

Allattamento

Tauliz non deve essere somministrato alle donne cha allattano al seno perché il principio attivo, piretanide, viene escreto nel latte materno. Se necessario, occorre iniziare lo svezzamento.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Il trattamento con questi medicinali richiede regolari controlli medici. Reazioni individuali variabili possono alterare la reattività del paziente tanto da compromettere la capacità di guidare veicoli, usare macchinari o lavorare senza misure di sicurezza. Questo si verifica in particolare all’inizio del trattamento, in presenza di un aumento delle dosi o di una sostituzione del tipo di farmaco e per interazione con alcool.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti indesiderati dovuti alla piretanide sono elencati di seguito. La frequenza di questi effetti non è nota.

Classificazione per Sistemi e Organi Effetto indesiderato
Patologie del sistema emolinfopoieticoTrombocitopenia, leucopenia, emoconcentrazione, depressione midollare
Disturbi del metabolismo e della nutrizioneDisidratazione, ipovolemia, diminuzione della concentrazione sierica di potassio, di sodio, di calcio, di magnesio, riduzione della tolleranza al glucosio, diabete mellito latente può diventare manifesto, peggioramento di un’alcalosi metabolica pre-esistente, aumento dei livelli sierici di colesterolo e dei trigliceridi; aumento dei livelli plasmatici di creatinina e urea, di acido urico e attacchi di gotta, sete
Patologie vascolariIpotensione compresa l’ipotensione ortostatica, tendenza alla trombosi, vasculite
Patologie gastrointestinaliNausea, vomito, diarrea, dispepsia
Patologie epatobiliariColangite, colestasi intraepatica, aumento delle transaminasi epatiche
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Prurito, orticaria, esantema ed enantema maculo papulare, eritema multiforme, fotosensibilizzazione, rash cutanei
Patologie renali e urinarieSintomi di ostruzione del flusso urinario possono diventare manifesti o intensificarsi in pazienti con disturbi della minzione, per es. nell’ipertrofia prostatica
Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammellaImpotenza erettile può accadere come conseguenza della diminuzione della pressione sanguigna
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazioneFebbre, stanchezza, vertigini
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivoCrampi muscolari, aumento della traspirazione
Patologie dell’orecchioOtotossicità

Segnalazione delle reazioni avverse sospette.

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

04.9 Sovradosaggio

Indice

L’intossicazione da iperdosaggio comporta disidratazione quale conseguenza di forte diuresi e deplezione di elettroliti, in particolare potassio. La perdita rapida di acqua ed elettroliti può indurre uno stato di delirio. In tale circostanza il trattamento consiste nel ripristino dei liquidi e degli elettroliti e nel ripetuto controllo dell’equilibrio idroelettrolitico e delle funzioni metaboliche.

Un improvviso deflusso di urina può provocare ritenzione urinaria con eccessiva dilatazione della vescica, per es. in caso di ipertrofia prostatica.

Nel caso di pazienti con disturbi della minzione, come nel caso di ipertrofia prostatica o stato di incoscienza, è necessario provvedere al ripristino del libero deflusso urinario.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Diuretici ad azione diuretica maggiore, sulfonamidi; codice ATC: C03CA03

Meccanismo d’azione

La piretanide è un potente diuretico dell’ansa che inibisce il riassorbimento tubulare degli ioni sodio e cloro e dell’acqua nel tratto ascendente dell’ansa di Henle. È stato osservato un incremento nell’escrezione di calcio e magnesio meno pronunciato. La perdita di potassio è minore.

Gli effetti antipertensivi della piretanide sono attribuibili, oltre che all’effetto diuretico anche all’induzione di uno scambio di ioni Ca2+ nelle cellule muscolari lisce delle arterie con riduzione della contrattilità e della risposta vasale alle sostanze pressorie endogene quali le catecolamine. Questo meccanismo d’azione porta alla riduzione della resistenza periferica e della pressione sanguigna.

Effetti farmacodinamici

L’inizio della diuresi si ha entro 1 ora dall’assunzione della dose e gli ultimi effetti si hanno dopo 4-6 ore. L’urina ed il sodio escreti mostrano una chiara relazione dose-risposta per le somministrazioni orali di dosi tra i 3 e i 12 mg durante le prime 4 ore di terapia.

La velocità di filtrazione glomerulare ed il flusso sanguigno renale rimangono virtualmente invariati. È stato osservato un lieve incremento dose dipendente dell’attività plasmatica della renina.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

La piretanide viene rapidamente assorbita dopo la somministrazione orale e i picchi sierici di concentrazione sono raggiunti dopo circa 1 ora.

La biodisponibilità è compresa tra 80 e 90% considerando una minima variazione inter ed intraindividuale, in pazienti con diminuita funzionalità renale.

L’emivita di eliminazione della piretanide è approssimativamente pari a 1.0-1.7 ore in pazienti con funzionalità renale normale e fino a 9 ore in pazienti con insufficienza renale. Non è stato rilevato alcun accumulo in pazienti con funzionalità renale normale o alterata.

Il legame della piretanide con le proteine plasmatiche è approssimativamente pari al 90%.

La piretanide viene escreta praticamente immodificata. La via di eliminazione principale è quella renale ed il 40- 70% della dose somministrata viene ritrovata nelle urine dei pazienti con funzionalità renale normale.

La piretanide viene escreta principalmente con trasporti di tipo attivo nel tubulo prossimale distale.

Una piccola parte dei suoi metaboliti idrossilati vengono trovati nella forma coniugata nelle urine e nelle feci. Il principale metabolita della piretanide è il gamma-amino butanolo.

Nei pazienti anziani non viene di solito richiesto alcun adattamento della dose.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Tossicità acuta

Nelle prove di tossicità acuta condotte nel ratto, nel topo, nella cavia, nel coniglio e nel cane non sono stati osservati reperti particolari.

Dopo somministrazione orale la DL50 nel ratto e nel topo è stata dell’ordine di diversi grammi, mentre ne cane è andata al di sopra dei 500 mg/Kg di peso corporeo.

Tossicità Cronica

Nei ratti trattati per 30 giorni (40 e 400 mg di piretanide al giorno per Kg di peso corporeo) sono stati osservati emoconcentrazione e calcificazione dei tubuli dose-dipendenti e reversibili.

Cani trattati per 30 giorni con 1,25 e 16 mg di piretanide per kg di peso corporeo al giorno hanno sviluppato strie atrofiche del parenchima renale. Sono state inoltre riscontrate alterazioni ossee come segni di decalcificazione.

Nei cani beagles trattati per os per 12 mesi con dosi giornaliere di piretanide di 0,05, 0,8 e 12 mg/Kg di peso corporeo tutti i reperti patologici correlabili al farmaco sono stati osservati solo nel gruppo trattato con la dose più elevata. Questa dose è 100 volte più elevata della dose terapeutica consigliata nell’uomo e 250 volte più elevata della dose soglia diuretica nel cane.

Nei gruppi trattati con le dosi più elevate l’azoto ureico sierico risultava significativamente aumentato mentre la PAH e la clearance dell’inulina erano diminuite. Le concentrazioni sieriche di calcio erano aumentate durante le prime 6 settimane, il che è interpretabile come segno di aumentata mobilizzazione del calcio. Ciò è anche confermato dall’insorgere di iperplasia reattiva delle ghiandole paratiroidi e da segni istologici di alterazione del metabolismo osseo. I regimi terapeutici con dessi elevati conducono a focolai di degenerazione specie-specifici, principalmente subcapsulari, nel parenchima renale.

Scimmie Rhesus sono state trattate per 1 anno con 0,4, 2,0 e 10,0 mg/Kg di piretanide al giorno. Alcune scimmie trattate con le dosi più elevate hanno mostrato modificazioni patologiche attribuibili all’eccessiva diuresi che consistono in alterazioni ossee dovute alla mobilizzazione del calcio e lesioni renali da molto lievi a marcate.

Le prove di tossicità cronica nel ratto, nel cane e nella scimmia hanno mostrato che la piretanide ha un range terapeutico molto ampio.

Tossicità sulla riproduzione:

Sono stati eseguiti studi di tossicità sulla riproduzione con piretanide per via orale e i.v. nel topo, nel ratto e nel coniglio: nessuno degli studi ha dato indicazioni che la piretanide provochi effetti avversi la fertilità, la gravidanza, l’accrescimento fetale e post-natale dei nati.

Mutagenesi

La mutagenicità è stata verificata in molti test e tutti hanno dato esito negativo. Cancerogenesi

Nessuno degli studi condotti nel topo e nel ratto ha dimostrato un effetto cancerogeno della piretanide.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Cellulosa microcristallina, amido di mais, silicio biossido colloidale e magnesio stearato.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo medicinale non richiede alcuna temperatura particolare di conservazione. Tenere il blister nell’imballaggio esterno per proteggere il medicinale dalla luce.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

TAULIZ 6 mg compresse

Blister in PVC bianco opaco e alluminio, termosaldati; 20 compresse da 6 mg

TAULIZ 3 mg compresse

Blister in PVC bianco opaco e alluminio, termosaldati; 20 compresse da 3 mg

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Sanofi S.p.A. – Viale L. Bodio, 37/B – Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

Tauliz 3 mg compresse, 20 compresse A.I.C. n. 024263028

Tauliz 6 mg compresse, 20 compresse A.I.C. n. 024263016

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Data della prima autorizzazione: 17.10.1980 Data del rinnovo più recente: 31.05.2005

10.0 Data di revisione del testo

Indice

11/06/2016

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Tauliz – 20 Cpr 6 mg (Piretanide)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Prontuario terapeutico regionale ATC: C03CA03 AIC: 024263016 Prezzo: 8,5 Ditta: Sanofi Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983