Amisulpride Eg

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Amisulpride Eg: ultimo aggiornamento pagina: (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Amisulpride eg

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

AMISULPRIDE EG 50 mg, compresse AMISULPRIDE EG 200 mg, compresse AMISULPRIDE EG 400 mg, compresse rivestite con film

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni compressa contiene 50 mg di amisulpride Ogni compressa contiene 200 mg di amisulpride Ogni compressa rivestita con film contiene 400 mg di amisulpride Eccipiente con effetti noti: lattosio Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

50 mg

Compressa divisibile

Compressa bianca piatta e rotonda con una linea d’incisione. La compressa può essere divisa in dosi uguali.

200 mg

Compressa divisibile

Compressa bianca piatta e rotonda con una linea d’incisione. La compressa può essere divisa in due dosi uguali.

400 mg

Compressa divisibile rivestita con film

Compressa di colore da bianco a bianco sporco, di forma ovoidale con una linea d’incisione. La compressa può essere divisa in due dosi uguali.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento della schizofrenia.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Posologia

Come regola generale:

se il dosaggio giornaliero è ≤ 400 mg, il trattamento deve essere somministrato come singola dose giornaliera; se i dosaggi superano i 400 mg bisogna suddividere la dose in due somministrazioni giornaliere.

Episodi psicotici acuti

È possibile iniziare il trattamento con somministrazioni per via IM per qualche giorno a una dose massima di 400 mg/die e continuare poi con somministrazioni per via orale.

La dose raccomandata per via orale è compresa tra 400 e 800 mg/die. La dose massima non deve superare i 1200 mg/die. Dosi superiori a 1200 mg/die non sono state estensivamente valutate per quanto riguarda la sicurezza. Pertanto queste dosi non devono essere usate.

Il dosaggio deve quindi essere mantenuto o adattato in funzione della risposta individuale del paziente.

In ogni caso, il trattamento di mantenimento verrà definita individualmente con la dose minima efficace.

Episodi negativi predominanti

La dose giornaliera raccomandata è compresa tra i 50 e i 300 mg. La dose deve essere adattata al paziente. La dose giornaliera ottimale è intorno ai 100 mg.

Bambini e adolescenti

L’efficacia e la sicurezza di amisulpride dalla pubertà fino ai 18 anni d’età non sono state stabilite. Sono disponibili solo dati limitati sull’uso di amisulpride in adolescenti con schizofrenia. Pertanto, amisulpride non deve essere usata in adolescenti dalla pubertà fino ai 18 anni di età. Non essendo stata stabilità la sicurezza, l’uso di amisulpride è controindicato nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 15 anni (vedere paragrafo 4.3).

Anziani

La sicurezza di amisulpride è stata valutata in un numero limitato di pazienti anziani. Nei casi in cui amisulpride venga somministrata a questa popolazione di pazienti, si richiede una particolare cautela a causa del possibile rischio di ipotensione o sedazione. Può essere anche richiesta una riduzione del dosaggio a causa di insufficienza renale (vedere paragrafo 4.4).

Insufficienza renale

A causa dell’eliminazione renale dell’amisulpride, la dose nell’insufficienza renale dovrà essere ridotta a metà nei pazienti con clearance della creatinina (Clcr) compresa tra 30 e 60 ml/min., e a un terzo nei pazienti con clearance della creatinina compresa tra 10 e 30 ml/min.

In assenza di dati nei pazienti che presentano compromissione renale grave (Clcr <10 ml/min.), si raccomanda un particolare monitoraggio in questi pazienti (vedere paragrafo 4.4).

Insufficienza epatica

Amisulpride viene scarsamente metabolizzata: una riduzione del dosaggio non è quindi necessaria nei pazienti con insufficienza epatica.

04.3 Controindicazioni

Indice

Il farmaco NON DEVE ESSERE USATO nei seguenti casi:

Ipersensibilità nota all’amisulpride o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1; casi di ipertensione gravi sono stati segnalati nei pazienti con feocromocitoma trattati con i farmaci antidopaminergici, tra cui alcune benzamidi. È quindi consigliabile non prescrivere il medicinale ai pazienti con feocromocitoma noto o sospetto; bambini al di sotto dei 15 anni, in assenza di dati clinici;

allattamento;

tumori prolattino-dipendenti noti o sospetti (per esempio prolattinomi ipofisario e cancro del seno); In associazione con:

agenti dopaminergici non-antiparkinsoniani (cabergolina, quinagolide),

citalopram, escitalopram, domperidone, idrossizina, piperachina (vedere paragrafo 4.5).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Sindrome maligna da neurolettici potenzialmente fatale

Come con altri neurolettici, è possibile la comparsa di una sindrome maligna neurolettica potenzialmente fatale (ipertermia, rigidità muscolare, disturbi neurovegetativi, alterazione della coscienza, aumento della CPK). In caso di ipertermia, in particolare a dosi giornaliere elevate, il trattamento con tutti i farmaci antipsicotici, inclusa amisulpride, deve essere interrotto.

Allungamento dell’intervallo QT

L’amisulpride prolunga l’intervallo QT in modo dose-dipendente. Questo effetto, che risaputamente aumenta il rischio di gravi aritmie ventricolari tipo torsioni di punta, è potenziato dalla preesistenza di una bradicardia, di un’ipocaliemia, di un intervallo QT lungo congenito o acquisito (associazione a un medicinale che aumenta l’intervallo QTc) (vedere paragrafo 4.8).

Quando la situazione clinica lo permette, è quindi necessario verificare, prima della somministrazione, l’assenza di fattori che possono aumentare il rischio di comparsa di questa aritmia: bradicardia inferiore a 55 battiti al minuto,

ipocaliemia,

allungamento congenito dell’intervallo QT,

trattamenti in corso con un medicinale che può causare bradicardia marcata (<55 battiti al minuto), ipocaliemia, ridotta conduzione intracardiaca o allungamento dell’intervallo QT (vedere paragrafi 4.3 e 4.5).

Pubblicità

Si raccomanda di effettuare un ECG nell’esame iniziale in pazienti che richiedono terapie a lungo termine con neurolettici.

Ictus

In studi clinici randomizzati placebo-controllati, condotti su una popolazione di pazienti anziani con demenza e trattati con alcuni farmaci antipsicotici atipici, è stato osservato un aumento di 3 volte del rischio di eventi cerebrovascolari comparati con placebo. Non è noto il meccanismo di tale aumento del rischio. Non può essere escluso un aumento del rischio con altri farmaci antipsicotici o in altre popolazioni di pazienti. Questo medicinale deve essere usato con cautela in pazienti con fattori di rischio per ictus.

Pazienti anziani con demenza

Pazienti anziani con psicosi correlate alla demenza trattati con farmaci antipsicotici presentano un aumento del rischio di morte.

Le analisi di 17 studi clinici controllati verso placebo (durata media 10 settimane), su pazienti che, in gran parte, assumevano farmaci antipsicotici atipici, hanno rivelato un rischio di morte, nei pazienti trattati con il farmaco, da 1,6 a 1,7 volte rispetto a quello rilevato nei pazienti trattati con placebo.

Alla conclusione del trattamento della durata media di 10 settimane, la percentuale dei decessi nei pazienti trattati con il farmaco è stata di circa il 4,5%, rispetto al 2,6% di quella del gruppo trattato con placebo.

Sebbene, le cause di morte durante gli studi clinici con antipsicotici atipici siano state varie, la maggior parte è sembrata essere o di natura cardiovascolare (ad es. insufficienza cardiaca, morte improvvisa) o infettiva (ad es. polmonite).

Studi epidemiologici suggeriscono che, come con i farmaci antipsicotici atipici, anche il trattamento con farmaci antipsicotici convenzionali possa incrementare la mortalità.

La misura in cui il rilievo di una maggiore mortalità negli studi epidemiologici può essere attribuita ai farmaci antipsicotici piuttosto che ad alcune caratteristiche peculiari dei pazienti non è chiara.

Tromboembolismo venoso

Casi di tromboembolismo venoso (TEV) sono stati riportati con farmaci antipsicotici. Dal momento che i pazienti trattati con antipsicotici presentano spesso fattori di rischio acquisiti per TEV, tutti i possibili fattori di rischio per TEV devono essere identificati prima e durante il trattamento con AMISULPRIDE EG e adottate misure preventive se necessario (vedere paragrafo 4.8).

Iperglicemia/sindrome metabolica

Sono stati riportati casi di iperglicemia o intolleranza al glucosio e l’insorgenza o il peggioramento del diabete in pazienti trattati con alcuni antipsicotici atipici, incluso amisulpride (vedere paragrafo 4.8).

I pazienti in trattamento con AMISULPRIDE EG devono essere sottoposti a un appropriato monitoraggio clinico e di laboratorio in conformità alle raccomandazioni vigenti. Si raccomanda particolare cautela nei pazienti con diagnosi certa di diabete o che presentano fattori di rischio per il diabete.

Crisi convulsive

L’amisulpride può abbassare la soglia epilettogena. Pertanto i pazienti con anamnesi positiva per crisi convulsive dovranno essere controllati attentamente durante la terapia con AMISULPRIDE EG.

Popolazioni speciali

Poiché l’amisulpride viene eliminata per via renale, in caso di insufficienza renale la dose deve essere ridotta o deve essere considerato un trattamento alternativo (vedere paragrafo 4.2). Non sono disponibili dati relativamente a casi di insufficienza renale grave (vedere paragrafo 4.2).

Negli anziani, la terapia con amisulpride, come con altri antipsicotici, deve essere utilizzata con particolare cautela, a causa del possibile rischio di ipotensione o sedazione. Una riduzione del dosaggio può essere necessaria nei pazienti anziani anche in caso di insufficienza renale (vedere paragrafo 4.2).

Come con altri agenti anti-dopaminergici, si deve prestare cautela anche nel prescrivere amisulpride a pazienti con morbo di Parkinson, poiché il medicinale potrebbe causare un peggioramento della malattia. L’amisulpride deve essere utilizzata solo se il trattamento neurolettico non può essere evitato.

Sindrome da astinenza

Dopo brusca interruzione di alte dosi terapeutiche di farmaci antipsicotici sono stati descritti sintomi da astinenza, che comprendono nausea, vomito e insonnia. Possono anche ripresentarsi sintomi psicotici e, con amisulpride è stata riportata l’insorgenza di disturbi del movimento involontario (quali acatisia, distonia e discinesia). Pertanto si raccomanda l’interruzione graduale di amisulpride.

Iperprolattinemia

L’amisulpride può incrementare i livelli di prolattina (vedere paragrafo 4.8). I pazienti con anamnesi di iperprolattinemia e/o tumori potenzialmente prolattino-dipendenti devono essere monitorati strettamente durante il trattamento con amisulpride (vedere paragrafo 4.3).

Tumore benigno dell’ipofisi

L’amisulpride può aumentare i livelli di prolattina. Durante la terapia con amisulpride sono stati osservati casi di tumore benigno dell’ipofisi come il prolattinoma (vedere paragrafo 4.8). In caso di livelli molto elevati di prolattina o segni clinici di tumore dell’ipofisi (come difetto del campo visivo e cefalea), devono essere effettuati esami di diagnostica per immagini dell’ipofisi. Se la diagnosi di tumore dell’ipofisi è confermata, il trattamento con amisulpride deve essere interrotto (vedere paragrafo 4.3).

Altro

Con gli antipsicotici, incluso AMISULPRIDE EG, sono state segnalate leucopenia, neutropenia e agranulocitosi. Infezioni inspiegabili o febbre possono essere indicative di leucopenia (vedere paragrafo 4.8) e richiedono un’immediata indagine ematologica.

Non è raccomandato l’uso di questo prodotto medicinale in associazione a alcool, agenti dopaminergici anti-parkinsoniani, agenti antiparassitari che potrebbero indurre torsioni di punta, metadone, levodopa e altri neurolettici e medicinali che potrebbero indurre torsioni di punta, sodio oxibato e idrossiclorochina (vedere paragrafo 4.5).

Relativo agli eccipienti

Il medicinale contiene lattosio. Se ne sconsiglia l’uso nei pazienti con intolleranza al galattosio, carenza di Lapp lattasi, o sindrome da malassorbimento di glucosio o galattosio (rare patologie ereditarie).

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

tivi

È importante tener conto del fatto che gli effetti depressivi sul sistema nervoso centrale di diversi medicinali possono essere additivi e quindi ridurre lo stato di vigilanza. Questi medicinali comprendono i derivati della morfina (analgesici, antitussivi e terapie sostitutive), neurolettici, barbiturici, benzodiazepine, ansiolitici diversi dalle benzodiazepine (ad esempio meprobamato) ipnotici, anti-depressivi sedativi (amitriptilina, doxepina, mianserina, mirtazapina, trimipramina), sedativi anti-istaminici H1, farmaci antiipertensivi ad azione centrale, baclofene e talidomide.

Medicinali in grado di produrre torsioni di punta

Questa grave aritmia cardiaca può essere indotta da un certo numero di medicinali, non necessariamente dai soli farmaci antiaritmici. L’ipocaliemia (vedere prodotti ipokaliemizzanti) è un fattore che favorisce questa aritmia come pure la bradicardia (vedere farmaci bradicardizzanti) oppure un pre-esistente prolungamento dell’intervallo QT, congenito o acquisito.

I farmaci che causano questo evento avverso sono soprattutto gli antiaritmici di classe Ia e III ed alcuni neurolettici.

Sono coinvolti anche altri medicinali che non appartengono a queste classi.

Per quanto riguarda dolasetron, eritromicina, spiramicina e vincamina, tale interazione si manifesta solo con le forme farmaceutiche per somministrazione endovenosa.

Come regola generale, la somministrazione concomitante di due medicinali che inducono torsioni di punta è controindicata.

Tuttavia, alcuni di questi sono eccezioni a questa regola per la loro natura essenziale e sono solo non raccomandati con altri medicinali che inducono torsioni di punta. Questi sono metadone, idrossiclorochina, farmaci antiparassitari (clorochina, alofantrina, lumefantrina, pentamidina) e neurolettici.

Tuttavia, citalopram, escitalopram, domperidone, idrossizina e piperachina non sono eccezioni e sono controindicati in combinazione con tutti i prodotti medicinali che inducono torsioni di punta.

Associazioni controindicate

Agenti dopaminergici non-antiparkinsoniani (cabergolina, quinagolide) Reciproco antagonismo tra agonista dopaminergico e neurolettici.

Citalopram, escitalopram, domperidone, idrossizina, piperachina Aumento del rischio di aritmia ventricolare, in particolare torsioni di punta.

Associazioni non raccomandate

Agenti antiparassitari potenzialmente in grado di produrre torsioni di punta (clorochina, alofantrina, lumefantrina, pentamidina) Aumento del rischio di aritmia ventricolare ed in particolare di torsioni di punta. Sospendere uno dei due trattamenti se possibile.

Se l’associazione non può essere evitata, misurare prima il QT e sorvegliare l’ECG.

Agenti dopaminergici antiparkinsoniani (amantadina, apomorfina, bromocriptina, entacapone, lisuride, pergolide, piribedil, rasagilina, pramipexolo, ropinirolo, rotigotina, selegilina, tolcapone) Reciproco antagonismo tra agente dopaminergico e neurolettici.

L’agente dopaminergico può indurre o peggiorare i disturbi psicotici. In caso di necessità di trattamento con neurolettici in pazienti parkinsoniani trattati con agente dopaminergico, quest’ ultimo devono essere ridotto progressivamente fino alla completa sospensione (l’interruzione improvvisa aumenta il rischio di “sindrome maligna da neurolettici”).

Altri medicinali che possono provocare torsioni di punta: antiaritmici di classe Ia (chinidina, idrochinidina, disopiramide) e di classe III (amiodarone, dronedarone, sotalolo, dofetilide, ibutilide) ed altri medicinali come arsenico triossido, difemanil, dolasetron e.v., eritromicina e.v., levofloxacina, mequitazina, mizolastina, prucalopride, vincamina e.v., moxifloxacina, spiramicina e.v., toremifene, vandetanib Aumento del rischio di aritmia ventricolare, in particolare di torsioni di punta.

Altri neurolettici potenzialmente in grado di provocare torsioni di punta (clorpromazina, ciamemazina, droperidolo, flupentixolo, flufenazina, aloperidolo, levomepromazina, pimozide, pipamperone, pipotiazina, sulpiride, sultopride, tiapride, zuclopentixolo) Aumento del rischio di aritmia ventricolare, in particolare di torsioni di punta.

Alcool (bevande o eccipiente)

L’alcool potenzia l’effetto sedativo di queste sostanze.

La vigilanza compromessa può rendere pericolosa la guida di veicoli e l’uso di macchinari. Evitare l’assunzione di bevande alcoliche e di farmaci contenenti alcool.

Levodopa

Antagonismo reciproco di effetti tra levodopa e neurolettici.

Nel paziente affetto da morbo di Parkinson, usare le dosi minime efficaci di ciascuno dei due farmaci.

Metadone

Aumento del rischio di aritmia ventricolare, in particolare di torsioni di punta.

Sodio oxibato

Aumento della depressione a livello del sistema nervoso centrale.

La vigilanza compromessa può rendere pericolosa la guida di veicoli e l’uso di macchinari.

.

Idrossiclorochina

Aumento del rischio di aritmia ventricolare, in particolare di torsioni di punta.

Associazioni che richiedono precauzioni di impiego

Anagrelide

Aumento del rischio di aritmie ventricolari, in particolare di torsioni di punta.

Sottoporre il paziente a monitoraggio clinico e elettrocardiografico durante la terapia di associazione.

Azitromicina, ciprofloxacina, claritromicina, levofloxacina, norfloxacina, roxitromicina Aumento del rischio di aritmie ventricolari, in particolare di torsioni di punta.

Sottoporre il paziente a monitoraggio clinico e elettrocardiografico durante la terapia di associazione.

Beta-bloccanti usati nell’insufficienza cardiaca (bisoprololo, metoprololo, nebivololo) Aumento del rischio di aritmia ventricolare, in particolare di torsioni di punta.

Inoltre, effetto vasodilatatorio e rischio di ipotensione, soprattutto di tipo ortostatico (effetto additivo). Monitoraggio clinico e elettrocardiografico.

Farmaci bradicardizzanti (in particolare antiaritmici di classe Ia, beta-bloccanti, alcuni antiaritmici di classe II, alcuni bloccanti dei canali del calcio, farmaci digitalici, pilocarpina, inibitori della colinesterasi) Aumento del rischio di aritmia ventricolare, in particolare di torsioni di punta.

Monitoraggio clinico e elettrocardiografico.

Farmaci ipokaliemizzanti (diuretici ipokaliemizzanti, da soli o in associazione, lassativi stimolanti, glucocorticoidi, tetracosactide e amfotericina B con somministrazione EV).

Aumento del rischio di aritmia ventricolare, in particolare di torsioni di punta.

Correggere l’eventuale ipocaliemia prima di somministrare il medicinale e mantenere il monitoraggio clinico, elettrolitico ed elettrocardiografico.

Litio

Rischio di comparsa di segni neuropsichiatrici indicativi di sindrome neurolettica maligna e di avvelenamento da litio. Eseguire un regolare monitoraggio clinico e di laboratorio, soprattutto all’inizio della terapia di associazione.

Ondansetron

Aumento del rischio di aritmia ventricolare, in particolare di torsioni di punta. Monitoraggio clinico e elettrocardiografico durante la terapia di associazione.

Associazioni da prendere in considerazione

Altri farmaci sedativi

Aumento della depressione a livello del sistema nervoso centrale.

La vigilanza compromessa può rendere pericolosa la guida di veicoli e l’uso di macchinari.

Orlistat

Rischio di fallimento del trattamento in caso di somministrazione concomitante di orlistat.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Negli animali, l’amisulpride non ha mostrato tossicità sulla funzione riproduttiva. È stato osservato un calo di fertilità legato alle proprietà farmacologiche del farmaco (effetto prolattina-dipendente). Non sono stati osservati effetti teratogeni di amisulpride.

I dati clinici di esposizione al farmaco in gravidanza sono molto limitati. Pertanto la sicurezza di amisulpride durante la gravidanza umana non è stata stabilita.

L’uso di amisulpride in gravidanza non è raccomandato a meno che il beneficio atteso giustifichi i rischi potenziali.

I neonati esposti agli antipsicotici, incluso AMISULPRIDE EG, durante il terzo trimestre di gravidanza sono a rischio di reazioni avverse inclusi sintomi extrapiramidali e/o di astinenza che possono variare per gravità e durata dopo la nascita. Ci sono state segnalazioni di agitazione, ipertonia, ipotonia, tremore, sonnolenza, sofferenza respiratoria, difficoltà dell’alimentazione. Pertanto i neonati dovrebbero essere attentamente monitorati.

Allattamento

In assenza di dati sull’escrezione nel latte materno, l’allattamento al seno è controindicato.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

È opportuno che i guidatori e gli operatori di macchinari siano avvisati del rischio che si manifestino sonnolenza e offuscamento della visione durante l’uso di questo medicinale (vedere paragrafo 4.8).

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti indesiderati sono stati classificati in ordine di frequenza secondo la seguente convenzione: molto comune (≥1/10); comune (≥1/100, <1/10); non comune (≥1/1.000, <1/100); raro (≥1/10.000, <1/1000); molto raro (<1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Dati da studi clinici: i seguenti effetti indesiderati sono stati osservati in studi clinici controllati. Si deve notare come in alcuni casi può essere difficile distinguere gli eventi avversi dai sintomi della sottostante malattia.

Patologie del sistema nervoso

Molto comune

Possono comparire sintomi extrapiramidali (tremori, ipertonia, ipersalivazione, acatisia, ipocinesia, discinesia). Ai dosaggi ottimali, si tratta generalmente di sintomi moderati e parzialmente reversibili senza l’interruzione di AMISULPRIDE EG, somministrando un trattamento antiparkinsoniano anticolinergico.

L’incidenza dei sintomi extrapiramidali dose dipendenti è molto bassa nei pazienti che ricevono dosaggi compresi tra 50 e 300 mg/die nel trattamento dei sintomi principalmente negativi.

Comune

Può comparire una distonia acuta (torcicollo spasmodico, crisi oculogire, trisma, ecc.). Questo effetto è reversibile senza l’interruzione di amisulpride durante il trattamento con un agente antiparkinsoniano anticolinergico.

Sonnolenza

Non comune

Sono state riportate discinesie tardive caratterizzate da movimenti involontari della lingua e/o del viso, specialmente dopo somministrazione prolungata.

Gli antiparkinsoniani anticolinergici non sono efficaci o possono provocare un peggioramento.

Casi di crisi convulsive

Disturbi psichiatrici

Comune

Insonnia, ansia, agitazione, frigidità

Patologie gastrointestinali

Comune

Costipazione, nausea, vomito, bocca secca.

Patologie endocrine

Comune

Aumento sierico dei livelli di prolattina reversibile all’interruzione del trattamento, che sul piano clinico può comportare: galattorrea, amenorrea, ginecomastia, dolore mammario e disfunzione erettile.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Non comune

Iperglicemia (vedere paragrafo 4.4) Patologie cardiache Comune Ipotensione

Non comune Bradicardia

Esami diagnostici Comune Aumento di peso

Non comune

Sono stati riportati aumenti degli enzimi epatici, particolarmente delle transaminasi.

Disturbi del sistema immunitario

Non comune Reazioni allergiche.

DATI POST-MARKETING

I seguenti effetti indesiderati sono stati riportati spontaneamente:

Patologie del sistema emolinfopoietico

Non nota

Leucopenia, neutropenia e agranulocitosi (vedere paragrafo 4.4).

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Non nota

Ipertrigliceridemia e ipercolesterolemia.

Iponatriemia, sindrome da inappropriata secrezione dell’ormone antidiuretico (SIADH).

Disturbi psichiatrici Non nota Confusione

Patologie del sistema nervoso

Non nota

Sindrome neurolettica maligna potenzialmente fatale (vedere paragrafo 4.4) Patologie dell’occhio

Non nota

Visione offuscata (vedere paragrafo 4.7) Patologie endocrine

Non nota

Tumore benigno dell’ipofisi come il prolattinoma (vedere paragrafi 4.3 e 4.4) Patologie cardiache

Non nota

Prolungamento dell’intervallo QT, aritmie ventricolari come torsioni di punta, tachicardia ventricolare, che può risultare in fibrillazione ventricolare o arresto cardiaco, morte improvvisa (vedere paragrafo 4.4).

Patologie vascolari

Non nota

Casi di tromboembolismo venoso, inclusi casi di embolia polmonare, qualche volta fatale, e casi di trombosi venosa profonda sono stati riportati con farmaci antipsicotici (vedere paragrafo 4.4).

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Non nota Angioedema, orticaria.

Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo

Non nota

Osteopenia, osteoporosi

Gravidanza, puerperio e condizioni perinatali

Non nota

Sindrome da astinenza neonatale (vedere paragrafo 4.6).

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

Non nota Congestione nasale.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni- avverse.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Ad oggi, i dati relativi al sovradosaggio acuto con amisulpride sono limitata. I segni e i sintomi riportati sono quelli generalmente legati ad un aumento degli effetti farmacologici noti del medicinale, e sul piano clinico si traducono in: sonnolenza, sedazione, coma, ipotensione e sintomi extrapiramidali. Casi con esito fatale sono stati riportati soprattutto in combinazione con altri agenti psicotropi.

Non esistono antidoti specifici noti all’amisulpride. In caso di sovradosaggio acuto, si deve verificare l’associazione ad altri farmaci e instituire misure appropriate: Stretto controllo delle funzioni vitali.

Monitoraggio cardiaco continuo (rischio di prolungamento dell’intervallo QT), che deve essere continuato fino al ristabilimento del paziente.

In caso di comparsa di sintomi extrapiramidali gravi, somministrare un trattamento anticolinergico.

Poiché amisulpride è solo scarsamente dializzabile, l’emodialisi ha solo valore limitato per l’eliminazione del farmaco.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: ANTIPSICOTICI, codice ATC: N05AL05. L’ amisulpride è un antipsicotico della classe dei derivati benzamidici.

Il suo profilo farmacodinamico è caratterizzato da un’affinità selettiva e predominante sui ricettori dopaminergici D2 e D3 del sistema limbico. L’amisulpride non ha affinità per i recettori serotoninergici o per altri neurorecettori di tipo istaminico, colinergico e adrenergico.

Ad alti dosaggi, negli studi effettuati sugli animali da esperimento, l’amisulpride blocca di preferenza i neuroni dopaminergici presenti nel sistema mesolimbico rispetto a quelli dello striato. Questa affinità specifica può essere spiegata dagli effetti antipsicotici predominanti dell’amisulpride rispetto agli effetti extrapiramidali.

A bassi dosaggi, l’amisulpride blocca di preferenza i recettori presinaptici dopaminergici D2/D3, e questo può spiegare la sua azione sui sintomi negativi.

In uno studio controllato a doppio cieco vs aloperidolo comprendente 191 pazienti schizofrenici acuti, l’amisulpride è stata associata a un miglioramento della sintomatologia negativa significativamente superiore all’aloperidolo.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Nell’uomo, l’amisulpride presenta due picchi di assorbimento: un primo picco raggiunto rapidamente un’ora dopo l’assunzione, e un secondo picco raggiunto tre o quattro ore dopo la somministrazione.

I livelli plasmatici corrispondenti sono rispettivamente di 39 3 e 54 4 ng/ml dopo la somministrazione di una dose di 50 mg.

Il volume di distribuzione è di 5,8 l/kg. Il legame con le proteine è basso (16%) e non fa pensare a interazioni tra farmaci a livello del legame alle proteine plasmatiche. La biodisponibilità assoluta è del 48%.

L’amisulpride è scarsamente metabolizzata: sono stati identificati due metaboliti inattivi, che rappresentano il 4% della quantità totale eliminata.

Dopo ripetuta somministrazione, amisulpride non si accumula e i parametri farmacocinetici non cambiano.

L’emivita di eliminazione è di circa 12 ore dopo una somministrazione orale.

L’ amisulpride viene eliminata in forma immutata nelle urine. Il 50% della dose somministrata per via endovenosa viene eliminato nelle urine, soprattutto nelle prime 24 ore (90% dell’escrezione urinaria). La clearance renale è di circa 330 ml/min.

Un pasto ricco di carboidrati abbassa significativamente AUC, Tmax e Cmax di amisulpride, mentre un pasto ricco di grassi non modifica questi parametri. Gli effetti di questi risultati sul trattamento con amisulpride non sono noti.

Insufficienza epatica

L’amisulpride è scarsamente metabolizzata: non è quindi necessaria una riduzione del dosaggio nei pazienti con insufficienza epatica.

Insufficienza renale

L’emivita di eliminazione non cambia nei pazienti con compromissione della funzionalità renale, mentre la clearance totale è ridotta di un fattore da 2,5 a 3.

L’AUC di amisulpride si moltiplica per 2 nei pazienti affetti da insufficienza renale lieve e per quasi 10 in caso di insufficienza renale moderata.

L’esperienza tuttavia è limitata e non esistono dati disponibili per dosaggi superiori a 50 mg. Amisulpride è scarsamente dializzabile.

Anziani

I dati di farmacocinetica disponibili nei soggetti anziani (più di 65 anni) mostrano un aumento del 10- 30% di Cmax, T 1/2 e AUC dopo un’assunzione unica di 50 mg.

Non ci sono dati disponibili dopo assunzioni ripetute.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Il profilo tossicologico di amisulpride è dominato dagli effetti farmacologici della molecola. Gli studi di tossicità a dose ripetuta non hanno rivelato un organo bersaglio. La molecola è priva di teratogenicità o genotossicità.

Gli studi di cancerogenesi mettono in evidenza tumori ormono-dipendenti nei roditori. Questi non sono clinicamente rilevanti nell’uomo.

In studi sugli animali da esperimento è stata osservata una diminuzione della fertilità legata alle proprietà farmacologiche del prodotto (effetti mediati dalla prolattina).

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

50 mg

Amido di mais, metilcellulosa, lattosio monoidrato, magnesio stearato, silice colloidale anidra.

200 mg

Amido di mais, lattosio monoidrato, metilcellulosa (E461), silice colloidale anidra, magnesio stearato (E572) 400 mg

Nucleo: lattosio monoidrato, sodio carbossimetilcellulosa, cellulosa microcristallina, metilcellulosa (E461), magnesio stearato (E572) Rivestimento: EUDRAGIT E100, talco, titanio diossido (E171), magnesio stearato, macrogol 6000.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo medicinale non richiede alcuna precauzione particolare per la conservazione.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

50 mg 12, 30, 60 o 150 compresse in blister (PVC/Alluminio) È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

200 mg e 400 mg 30, 60 o 150 compresse in blister (PVC/Alluminio).

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

EG S.p.A. Via Pavia 6 – 20136 Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

AMISULPRIDE EG 50 mg Compresse, 12 compresse AIC n. 037126137 AMISULPRIDE EG 50 mg Compresse, 30 compresse AIC n. 037126012 AMISULPRIDE EG 50 mg Compresse, 60 compresse AIC n. 037126024 AMISULPRIDE EG 50 mg Compresse, 150 compresse AIC n. 037126063 AMISULPRIDE EG 200 mg Compresse, 30 compresse AIC n. 037126075 AMISULPRIDE EG 200 mg Compresse, 60 compresse AIC n. 037126087 AMISULPRIDE EG 200 mg Compresse, 150 compresse AIC n. 037126099 AMISULPRIDE EG 400 mg Compresse rivestite con film, 30 compresse AIC n. 037126101 AMISULPRIDE EG 400 mg Compresse rivestite con film, 60 compresse AIC n. 037126113 AMISULPRIDE EG 400 mg Compresse rivestite con film, 150 compresse AIC n. 037126125

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

28 Maggio 2007 / 3 Luglio 2008

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: 08/12/2021


Pubblicità

2 Comments

  1. Ti potrebbero interessare anche:

  2. A me ha portato soltanto una grave insonnia ed un tremore eccessivo a gambe piedi braccia e mani:Lo psichiatra ha dovuto sospendere inevitabilmente il trattamento con amisulpride. Grazie tante!!!!
    Giuseppe Pesa e Dr: Federico Catagni di Firenze.

    Giuseppe Pesa
    1. Sarebbe molto utile che lei segnalasse all’ AIFA le reazioni avverse che ha riportato.
      In questa pagina trova le istruzioni per la segnalazione:
      https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

      Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della faramcovigilanza della sua regione:
      https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

      Qui trova l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare ilmodulo compilato:
      https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.