Home Schede Tecniche Spirofur: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Spirofur: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Spirofur

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Spirofur: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Spirofur

Advertisements
INDICE DELLA SCHEDA

Spirofur: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

SPIROFUR 50 mg + 20 mg capsule rigide

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Una capsula contiene:

Principi attivi: spironolattone 50 mg, furosemide 20 mg

Advertisements

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere il paragrafo 6.1

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Capsule rigide.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Stati edematosi (scompenso cardiaco congestizio, cirrosi epatica in fase ascitica, sindrome nefrosica) ed ipertensione arteriosa da iperaldosteronismo primario e secondario. Ipertensione arteriosa essenziale, laddove altre terapie non sono risultate sufficientemente efficaci o tollerate.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

1-2 capsule o più al giorno secondo prescrizione medica. Se necessario tale posologia può essere aumentata fino a 8 capsule al giorno.

04.3 Controindicazioni

Indice

Gravidanza accertata o presunta e allattamento, insufficienza renale acuta, anuria, iperazotemia ed oliguria in presenza di grave compromissione renale, ipersensibilità individuale accertata ai singoli componenti ed ai sulfamidici. E’ consigliabile iniziare il trattamento della cirrosi epatica in ambiente ospedaliero.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Il trattamento dell’edema dell’ipertensione con diuretici dovrebbe essere preceduto da una verifica dell’idoneità del preparato in rapporto alla sensibilità del soggetto.

Onde evitare il rischio di iperpotassiemia, è consigliabile non associare Spirofur a supplementazione dietetica o farmacologica di potassio. Come per tutti i diuretici e specialmente durante il trattamento protratto, è necessario effettuare controlli periodici degli elettroliti plasmatici, della funzionalità renale, della riserva alcalina, della glicemia o dell’uricemia. Quando la sodiemia raggiunge un valore inferiore a 130 mEq/l, o la potassiemia un valore superiore a 5 mEq/l il trattamento deve essere interrotto.

L’uso concomitante di farmaci noti per causare iperkaliemia con spironolattone può causare grave iperkaliemia.

Per chi svolge attivita’ sportiva: l’uso del farmaco senza necessita’ terapeutica costituisce doping e puo’ determinare comunque positivita’ ai test anti-doping

Tenere fuori dalla portata e dalla vista dei bambini.

Il medicinale non è controindicato per i soggetti affetti da malattia celiaca.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Spirofur può potenziare l’effetto degli antipertensivi e richiederne quindi una diminuzione del dosaggio. Incrementa la tossicità dei salicilati e dei sali di litio, la nefrotossicità della cefaloridina, aumenta l’effetto della tubocurarina e diminuisce quello delle amine pressorie. Somministrato contemporaneamente ad antidiabetici, corticosteroidi, clofibrato e digitale, richiede un monitoraggio più frequente degli elettroliti plasmatici, della glicemia e della calcemia onde dosare in modo più appropriato questi farmaci. Può causare iperuricemia e rendere manifesto un diabete latente.

In aggiunta ad altri farmaci noti per causare iperkaliemia, l’uso concomitante di trimetoprim/sulfametossazolo (cotrimossazolo) con spironolattone può causare iperkaliemia clinicamente rilevante.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Nella donne in gravidanza presunta o accertata, l’impiego dello Spirofur richiede che i potenziali effetti terapeutici siano valutati in rapporto a possibili rischi per la madre e il feto. Ritrovandosi entrambi i principi attivi dell’associazione nel latte materno, è opportuno provvedere all’alimentazione artificiale del neonato.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono noti al riguardo effetti dello Spirofur, nelle normali condizioni di uso terapeutico.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti collaterali con l’uso di spironolattone comprendono sonnolenza, cefalea, disturbi della motilità gastrointestinale, eruzioni cutanee, confusione mentale, rialzi termici, atassia, ginecomastia, disturbi dell’erezione, lievi effetti androgeni compreso irsutismo, irregolarità del ciclo mestruale. Tali effetti collaterali sono, in genere, reversibili con la sospensione del trattamento, in rari casi la ginecomastia può persistere. Gli effetti collaterali segnalati con l’uso di furosemide comprendono varie forme di dermatite, eritema multiforme, prurito, parestesia, offuscamento della vista, ipotensione posturale, nausea, vomito, diarrea e, più raramente, anemia, leucopenia, anemia aplastica e porpora trombocitopenica: sono stati anche segnalati casi reversibili di sordità e tinnito.

04.9 Sovradosaggio

Indice

In caso di sovradosaggio è consigliabile eseguire controlli ripetuti della crasi ematica, degli elettroliti e della glicemia, dell’equilibrio acidobase, della pressione arteriosa, della volemia, dell’E.C.G. e in casi di variazioni oltre i limiti della norma procedere in senso correttivo. L’iperkaliemia può essere trattata con somministrazione endovenosa di glucosio (20-50%) e insulina (da 0,25 a 0,5 u. per grammo di glucosio).

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Diuretici ad azione diuretica maggiore e farmaci risparmiatori di potassio

Codice ATC: C03EB01

Lo Spirofur è un’associazione costituita da spironolattone e furosemide nel rapporto ponderale di 2,5:1. La furosemide è un diuretico che inibisce il riassorbimento del sodio a livello dei tubuli contorti prossimale e distale e dell’ansa di Henle. Determina una diuresi prevalentemente cloro-sodica accompagnata da deplezione di potassio con possibilità di manifestazioni cliniche da ipokaliemia (affaticabilità, debolezza e dolori muscolari, aritmia, sonnolenza, anoressia, vomito e confusione mentale), specialmente nei pazienti in terapia digitalica e nei cirrotici.

Lo spironolattone, composto strutturalmente simile all’aldosterone, agisce quale inibitore competitivo di quest’ormone aumentando l’escrezione di acqua e di sodio e riducendo l’eliminazione di K.

Lo Spirofur, associando un diuretico "depletante" con un risparmiatore di potassio, aumenta l’efficacia dei singoli componenti e ne consente l’utilizzo a bassi dosaggi con conseguente riduzione degli effetti sulla potassiemia.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Lo spironolattone è ben assorbito dopo somministrazione orale e rapidamente metabolizzato nel fegato. Ha un’emivita plasmatica di circa 10 minuti essendo rapidamente metabolizzato ma il suo principale metabolita è biologicamente attivo.

L’effetto massimo si raggiunge dopo 24 ore e residua per altre 24 ore. La furosemide anch’essa ben assorbita per via orale ha un picco plasmatico dopo circa 1 ora e un’emivita di circa 3-5 ore. La durata dell’effetto è di circa 6 ore. L’escrezione è in massima parte renale.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Per somministrazione acuta DL50 per os (topo), 1750 mg/kg DL50 per os (ratto) 2700 mg/kg. Per somministrazione prolungata: dosi di 45,5 mg/kg/die nel ratto per 90 gg sono state ben tollerate e non hanno determinato aumento della mortalità o effetti sui vari parametri ematologici; è stato solo riscontrato all’esame autoptico una diminuzione del peso del fegato ed un aumento del peso del rene.

Come altre sostanze che interferiscono con attività ormonali, lo spironolattone, somministrato a dosi molto più elevate di quelle attive e per tempi molto prolungati può talora determinare nel ratto un aumento dell’incidenza di alcuni tipi di processi eteroplastici. Allo stato attuale delle conoscenze non è possibile attribuire a tali osservazioni alcun significato nell’uomo.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Lattosio ; talco; cellulosa microgranulare; magnesio stearato; sodio laurilsolfato Costituenti della capsula: eritrosina (E-127); titanio biossido; gelatina

06.2 Incompatibilità

Indice

Durante la terapia con Spirofur si raccomanda di evitare la somministrazione di potassio, sia sotto forma di medicamento che di dieta ricca di potassio, a meno che non si pratichi contemporaneamente un trattamento con cortisonici. Per altre notizie vedi "Interazioni".

06.3 Periodo di validità

Indice

A confezionamento integro 60 mesi.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare a temperatura non superiore a 30° C.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Astuccio di 10 capsule in blister Astuccio di 20 capsule in blister

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

BRUNO FARMACEUTICI S.p.A. – Via delle Ande, 15 – 00144 ROMA

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

10 capsule – A.I.C. n. 023749017

20 capsule – A.I.C. n. 023749056

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Giugno 2010

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Settembre 2016

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Spirofur – 20 Cps 50 mg+20 mg (Furosemide+spironolattone)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Nessuna ATC: C03EB01 AIC: 023749056 Prezzo: 5,91 Ditta: Bruno Farmaceutici Spa


Spirofur – 10 Cps 50 mg+20 mg (Furosemide+spironolattone)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Nessuna ATC: C03EB01 AIC: 023749017 Prezzo: 3,56 Ditta: Bruno Farmaceutici Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983