Home Schede Tecniche Finasteride Zen: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Finasteride Zen: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Finasteride Zen

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Finasteride Zen: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Finasteride Zen: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Finasteride Zentiva 5 mg compresse rivestite con film

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ciascuna compressa rivestita con film contiene 5 mg di finasteride.

Eccipiente con effetti noti: ogni compressa contiene 77,45 mg di lattosio monoidrato. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compressa rivestita con film.

Compresse rivestite con film gialla, rotonda, biconvessa con diametro di 7,1 mm

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Per il trattamento dell’iperplasia prostatica benigna (IPB)

Per ridurre il rischio di ritenzione urinaria acuta e procedure chirurgiche correlate a IPB in pazienti con sintomi di IPB da moderati a gravi (vedere 5.1 Proprìetà farmacodìnamìche).

Finasteride Zentiva deve essere usata in pazienti con ingrossamento della prostata (volume prostatico approssimativamente di 40 cm3 o più).

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Monoterapia

Il dosaggio raccomandato di finasteride è di una compressa da 5 mg al giorno Terapia combinata con doxazosin

Il seguente dosaggio è raccomandato:

Finasteride Zentiva: 1 compressa rivestita con film (5 mg di fiansteride) al giorno Doxazosin

Settimana 1: 1 mg di doxazosin al giorno Settimana 2: 2 mg di doxazosin al giorno Settimana 3: 4 mg o 8 mg di doxazosin al giorno

E’ richiesta la titolazione della dose di almeno 4 mg di doxazosin al giorno per ridurre il rischio di una progressione clinicamente significativa di IPB (MTOPS studio, vedere 5.1 Proprietà farmacodinamiche).

Compromissione della funzionalità epatica

Non sono disponibili dati sull’uso di finasteride in pazienti con compromissione della

funzionalità epatica.

Insufficienza renale

Studi farmacocinetici hanno mostrato che non è richiesto un aggiustamento della dose quando la clearance della creatinina è sopra i 9 ml/min/1,73 m2. Non sono disponibili informazioni sull’uso di finasteride in pazienti che richiedono dialisi.

Pazienti anziani

L’eliminazione della finasteride nei pazienti oltre i 70 anni di età è leggermente ridotta. Quindi non è richiesto un aggiustamento della dose.

Uso pediatrico

Finasteride non è indicata per l’uso in bambini.

Non sono state stabilite efficacia e la sicurezza nei bambini.

Finasteride Zentiva può essere presa a stomaco vuoto o pieno con una quantità sufficiente di liquido.

La durata della terapia è stabilita dal medico.

04.3 Controindicazioni

Indice

Finasteride Zentiva non è indicato per l’uso in donne o bambini. Finasteride Zentiva è controindicata nei seguenti casi:

Ipersensibilità ad uno qualsiasi dei componenti di questo medicinale.

Gravidanza – uso in donne che sono o potrebbero essere potenzialmente in gravidanza (vedere 4.6 Gravìdanza e allattamento, Esposìzìone a Fìnasterìde – rìschìo per ìl feto dì sesso maschìle).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Generali:

Il trattamento con finasteride deve essere somministrato in accordo con un urologo.

Prima di iniziare il trattamento deve essere esclusa la presenza di ostruzione dovuta al modello di crescita trilobato della prostata.

Per evitare complicazioni di tipo ostruttivo è importante che i pazienti con elevato volume urinario residuo e/o una riduzione marcata del flusso urinario siano attentamente controllati. La possibilità di un intervento chirurgico deve essere una opzione.

Effetti sul PSA e rilevamento del cancro alla prostata

Non sono stati ancora dimostrati benefici clinici derivanti dal trattamento con finasteride 5 mg in pazienti con cancro alla prostata.

Pazienti con IPB e antigeno specifico della prostata (PSA) elevato erano controllati in studi clinici con un controllo regolare dei livelli di PSA e biopsie della prostata. Questi studi sul IPS non sono stati disegnati per determinare qualunque grado di cancro alla prostata. In questi

studi finasteride 5 mg non modificava il grado di cancro alla prostata Le incidenze totali di cancro alla prostata non erano significativamente differente nei pazienti trattati con finasteride 5 mg o placebo.

Occorre eseguire un esame rettale digitale così come altre valutazioni per il cancro della prostata all’inizio della terapia con finasteride 5 mg e in seguito periodicamente. La determinazione dell’antigene specifico della prostata (PSA) nel plasma è anche usato per il rilevamento del cancro alla prostata. In generale un valore basale di PSA> 10 ng/ml (hybritech) richiede una ulteriore valutazione e di prendere in considerazione una biopsia; per livelli di PSA compresi tra 4ng/ml e 10 ng/ml è consigliabile un’ulteriore valutazione. Vi è una considerevole sovrapposizione nei livelli di PSA tra uomini con e senza cancro alla prostata. Quindi negli uomini affetti da iperplasia prostatica benigna IPB, valori di PSA entro il range normale di riferimento non escludono un cancro alla prostata, indipendentemente dal trattamento con la finasteride 5 mg. Un livello basale di PSA < 4 ng/ml non esclude il cancro alla prostata.

Deve essere valutato attentamente qualsiasi incremento persistente dei livelli di PSA nei pazienti trattati con finasteride 5 mg, compresa la mancata compliance alla terapia con finasteride 5 mg.

La percentuale di PSA libero (rapporto tra PSA libero e totale) non viene ridotta significativamente dalla finasteride 5 mg e rimane costante anche sotto l’influenza della finasteride 5 mg. Quando la percentuale di PSA libero viene utilizzata come ausilio per rilevare il cancro della prostata, non è necessario alcun aggiustamento del suo valore.

Interazioni farmaco/test di laboratorio Effetto sui livelli di PSA

La concentrazione serica di PSA è correlata con l’età del paziente e il volume prostatico, e il volume prostatico è correlato con l’età del paziente. Quando si valutano le analisi di laboratorio del PSA, si deve tener conto che i livelli di PSA diminuiscono di circa il 50% nei pazienti trattati con finasteride 5 mg. Nella maggior parte dei pazienti si osserva una rapida diminuzione dei livelli di PSA nel primo mese di terapia successivamente i livelli di PSA si stabilizzano ad un nuovo valore basale. Il valore basale successivo al trattamento corrisponde a circa la metà del valore antecedente al trattamento. Quindi nei pazienti tipici trattati con finasteride 5 mg per sei mesi o più, i valori di PSA devono essere raddoppiati se confrontati con il range normale degli uomini non trattati. Questa diminuzione è predittiva oltre tutto l’intervallo di valori di PSA anche se c’è una variabilità individuale. L’analisi dei dati di PSA di oltre 3000 pazienti in 4 anni in uno studio in doppio cieco controllato con placebo, finasteride Long-Term Efficacy and Safety Study (PLESS) conferma che in un paziente ordinario trattato con finasteride 5 mg per 6 mesi o più il valore di PSA deve essere raddoppiato per confrontarlo con un intervallo normale in un uomo non trattato. Questo aggiustamento conserva la specificità e la sensibilità del titolo di PSA e la sua capacità a individuare il cancro alla prostata.

Cancro della mammella negli uomini

Negli studi clinici e nel periodo post-marketing è stato segnalato cancro della mammella negli uomini che assumevano 5 mg di finasteride.

I medici devono istruire i propri pazienti a riferire prontamente qualunque cambiamento nel loro tessuto della mammella , come noduli, dolore, ginecomastia o secrezione dal capezzolo.

Insufficienza epatica

Non è stato studiato l’effetto dell’insufficienza epatica sulla farmacocinetica di finasteride.

Uso pediatrico

Non sono disponibili informazioni sull’uso della finasteride nei bambini, questa categoria di persone deve essere esclusa dal trattamento.

Eccipiente

Questo medicinale contiene lattosio .Pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, carenza di lattasi o malassorbimento glucosio-galattosio non devono prendere questo medicinale.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non sono state identificate interazioni tra farmaci clinicamente significative. La finasteride è metabolizzata primariamente dal sistema del citocromo P450 3A4, ma non sembra avere effetti significativi su questo sistema enzimatico. Anche se il rischio di effetti farmacocinetici della finasteride su altri medicinali si stima sia basso, è probabile che gli induttori e gli inibitori del citocromo P450 3A4 avranno effetti sulla concentrazione plasmatica della finasteride. Tuttavia, sulla base dei margini di sicurezza stabiliti, ogni aumento dato dall’uso concomitante di inibitori è improbabile che abbia rilevanza clinica.

Nell’uomo sono stati investigati i seguenti medicinali e non sono state individuate interazioni clinicamente significative: propranololo, digossina, glibenclamide, warfarin, teofillina, e fenazone.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

E’ controindicato l’uso di Finasteride Zentiva in donne in gravidanza o che potrebbero potenzialmente essere in gravidanza (vedere 4.3 Controìndìcazìonì). Questo a causa della capacità degli inibitori della 5 α-reduttasi di tipo II di inibire la conversione del testosterone in diidrotestosterone, questi farmaci , inclusa la finasteride, possono causare anomalie agli organi genitali esterni dei feti maschi se somministrati a donne in gravidanza

Esposizione a finasteride – rischio per i feti maschi

Donne, soprattutto il personale medico che fornisce assistenza che sono a rischio di danni, non devono manipolare le compresse spezzate o schiacciate per il rischio di assorbimento di Finasteride Zentiva attraverso la pelle e conseguente rischio potenziale per il feto maschio se in gravidanza, o potrebbero potenzialmente esserlo.

Le compresse di Finasteride Zentiva sono rivestite al fine di prevenire il contatto con la sostanza attiva durante la normale manipolazione a condizione che le compresse non siano spezzate o schiacciate.

Piccole quantità di finasteride sono state ritrovate nello sperma di soggetti che hanno ricevuto 5 mg/giorno di finasteride. Non è noto se il feto di sesso maschile può essere danneggiato

qualora la madre sia esposta allo sperma di un paziente in trattamento con finasteride. Quando la partner sessuale del paziente è o può essere potenzialmente incinta, si raccomanda al paziente di minimizzare l’esposizione della sua partner allo sperma .

Allattamento

Finasteride Zentiva non è indicata per l’uso nelle donne Non è noto se la finasteride viene escreta nel latte materno.

Fertilità

In studi di tossicità riproduttiva su ratti maschi, vi era un indice di fertilità più basso.

L’ importanza clinica di questa osservazione non è ancora chiara (vedere paragrafo 5.3). Sono stati riportati casi di infertilità negli uomini e / o con uno sperma di qualità scarsa. Normalizzazione di/ o un miglioramento nella qualità dello sperma è stato riportato al momento dell’interruzione del trattamento con finasteride (vedere paragrafo 4.8).

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non esistono dati che suggeriscano che la finasteride possa avere un’influenza sulla capacità di guidare o usare macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Le reazioni avverse più frequenti sono impotenza e riduzione della libido. Tali reazioni avverse compaiono all’inizio del trattamento e, si risolvono continuando il trattamento nella maggior parte dei pazienti.

Le reazioni avverse segnalate durante gli studi clinici e /o nell’uso post-marketing sono elencati nella tabella sottostante.

La frequenza delle reazioni avverse è determinata nel modo di seguito indicato:

Molto comune (≥ 1/10), Comune (≥ 1/100 a < 1/10), Non Comune (≥ 1/1000 a <1/100), Raro (≥ 1/10.000 a < 1/1000), Molto Raro (> 1/10.000), Non Nota (non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Poiché gli effetti indesiderati derivati dall’uso post-marketing di finasteride 5 mg e/o con dosaggi più bassi sono ottenuti da segnalazioni spontanee in un campione non definito dal punto di vista della numerosità non è possibile definire realmente la loro frequenza o dimostrare una correlazione causale con l’uso del medicinale.

Classificazione per Sistemi e Organi (MedDRA) Frequenza Effetti indesiderati
Esami diagnosticiComunediminuzione del volume di eiaculato
Patologie cardiacheNon comunepalpitazioni
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneoNon comuneeruzione cutanea
Non notaPrurito, orticaria
Disturbi del sistema immunitarioNon notareazioni di ipersensibilità incluso edema delle labbra e del viso
Patologie epatobiliariNon notaaumento degli enzimi epatici
Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammellaComuneimpotenza
Non comunedisturbi dell’eiaculazione, dolorabilità mammaria, ginecomastia, casi isolati di secrezione al seno, sono stati riportati anche in associazione con ginecomastia, sviluppo di noduli al seno che sono stati rimossi chirurgicamente nei pazienti.
Non notadolore testicolare: disfunzione erettile, che persiste anche dopo interruzione del trattamento; infertilità nell’uomo e/o qualità scarsa dello sperma. Normalizzazione o miglioramento della qualità dello sperma sono stati riportati dopo interruzione del trattamento con finasteride
Disturbi psichiatriciComunediminuzione della libido
Non notaDepressione, diminuzione della libido che persiste anche dopo l’interruzione del trattamento

In aggiunta le seguenti reazioni avverse sono state riportate durante gli studi clinici e nell’uso post-marketing: cancro alla mammella maschile (vedere 4.4 Avvertenze speciali e precauzioni d’impiego).

Associazione della terapia con doxazosin

I seguenti effetti indesiderati sono stati riportati più frequentemente quando finasteride 5 mg è stata usata insieme a doxazosin, un alfa bloccante: astenia 16,8% (placebo 7,1%), ipotensione posturale17,8% (placebo 8,0%), capogiri 23,2% (placebo 8,1%) e disturbi nell’eiaculazione 14,1% (placebo 2,3%).

Risultati dei test di laboratorio

Quando vengono valutati i livelli di PSA determinati si deve considerare il fatto che i livelli di PSA sono diminuiti di circa il 50% nei pazienti trattati con finasteride (vedere paragrafo 4.4 Avvertenze speciali e precauzioni per l’uso).

04.9 Sovradosaggio

Indice

Alcuni pazienti hanno assunto dosi singole di finasteride fino a 400 mg e dosi ripetute fino a 80 mg al giorno senza riportare effetti nocivi. Non si consiglia alcun trattamento specifico per il sovradosaggio della finasteride.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica:4-azasteroide, Inibitori del testosterone-5α-riduttasi.

Prodotto medicinale per il trattamento dell’iperplasia prostatica benigna.

Codice ATC: G04CB01.

Iperplasia prostatica benigna (IPB) si verifica nella maggior parte degli uomini oltre i 50 anni di età e con una prevalenza che aumenta con l’avanzare dell’età. Studi epidemiologici suggeriscono che l’ingrossamento della prostata è associato ad un rischio di ritenzione urinaria tre volte più alto e di chirurgia urologica. Negli uomini con ingrossamento della prostata, la probabilità di avere sintomi urologici da moderati a gravi o riduzione del flusso urinario è lo stesso tre volte più alto degli uomini con una prostata più piccola.

La normale crescita della prostata e il suo ingrossamento, così come lo sviluppo di iperplasia prostatica benigna dipendono dal diidrotestosterone (DHT), un potente androgeno. Il testosterone che è secreto dai testicoli e ghiandole surrenali è rapidamente metabolizzato a diidrotestosterone dalla 5α-reduttasi di tipo II principalmente nella prostata, fegato e pelle. In questi tessuti, si lega al nucleo cellulare esercitando il suo effetto.

Finasteride, la sostanza attiva di finasteride 5 mg, è un inibitore competitivo del 5α-reduttasi umana, con il quale lentamente forma un complesso enzimatico stabile. La degradazione di questo complesso è molto lenta (t ½ approssimativamente di 30 giorni). La finasteride ha mostrato in vitro e in vivo di essere un inibitore specifico della 5α-reduttasi di tipo II senza affinità per i recettori degli androgeni. Una singola dose di 5 mg di finasteride porta ad un rapido declino nella concentrazione plasmatica di DHT, con un declino del picco dopo otto ore. Mentre i livelli nel plasma di finasteride sono fluttuante, i livelli plasmatici di DHT rimangono costanti oltre le 24 ore. Questo dimostra che le concentrazioni plasmatiche di finasteride e DHT non sono direttamente correlate tra di loro.

In pazienti con IPB. sono stati somministrati 5 mg finasteride al giorno per 4 anni. Questo ha mostrato di ridurre le concentrazioni circolanti di DHT di circa il 70 %, ed è stata associata ad una riduzione mediana del volume prostatico di circa il 20 % (valore medio) che è stato misurato con ecografia transrettale. Inoltre, il PSA si è ridotto di circa il 50 % rispetto ai valori di base, il che suggerisce una riduzione della crescita delle cellule epiteliali prostatiche. In studi sino a 4 anni, si è avuto il mantenimento della soppressione dei livelli di DHT e della regressione della prostata iperplasica associati alla diminuzione dei livelli del PSA. In questi studi i livelli circolanti di testosterone erano aumentati di circa il 10-20 %, rimanendo ancora entro valori fisiologici.

Quando finasteride è stata somministrata per 7-10 giorni a pazienti in attesa di essere sottoposti a prostatectomia, il farmaco ha provocato una diminuzione di circa 1’80 % del DHT intraprostatico. Le concentrazioni intraprostatiche di testostarone erano aumentate fino a 10 volte oltre i livelli di pretrattamento.

In volontari sani i trattati con finasteride per 14 giorni a seguito della sospensione della terapia i valori del DHT sono ritornati ai livelli di pretrattamento in circa 2 settimane. In pazienti trattati per 3 mesi, il volume prostatico, si è ridotto di circa il 20 %. &EGRAVE; ritornato vicino ai valori basali dopo circa 3 mesi dalla sospensione della terapia.

In studi controllati verso placebo, finasteride non ha effetti sui livelli di idrocortisone, estradiolo, prolattina, ormone stimolante la tiroide (TSH) e tiroxina. Non sono stati osservati effetti clinicamente significativi sul profilo dei lipidi nel sangue (come colesterolo totale, LDL, HDL e trigliceridi) o sulla densità minerale delle ossa. In pazienti trattati per 12 mesi, l’ormene luteinizzante (LH) e follicolo stimolante (FSH)sono aumentati di circa il 15% e 9% rispettivamente. Questi sono rimasti entro l’intervallo fisiologico. I livelli di LH e FST dopo stimolazione dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH) non sono cambiati; questo significa che il controllo ipofisario delle gonadi non è compromesso.

In seguito al trattamento con Finasteride Zentiva per 24 settimane di volontari sani di sesso maschile per valutare i parametri del liquido seminale, non si sono rilevati effetti clinicamente significativi su concentrazione, motilità. morfologia degli spermatozoi, o pH dello sperma. E’ stata osservata una diminuzione mediana del volume dell’eiaculato di 0,6 ml, con una contemporanea riduzione del totale nemaspermico per eiaculato. Questi parametri sono rimasti entro il normale range ed erano reversibili con la sospensione della terapia.

La finasteride ha mostrato di inibire il metabolismo degli steroidi C19 e C21 mostrando. quindi di possedere un effetto inibitorio sia sull’attività epatica che periferica della 5a-reduttasi Tipo II.

I metaboliti di DHT nel plasma androstenediolo glucoronide e androsterone glucoronide erano ridotti significativamente e nella stessa misura. Questa via metabolica sembra presente nelle persone con un deficit ereditario della 5 α-reduttasi di tipo II. Questi presentano livelli di DHT significativamente bassi e una prostata di piccole dimensioni. Loro non sviluppano IPB e presentano alla nascita alterazioni genitali e parametri biochimici anormali. Diversamente, il deficit della 5 α-reduttasi di tipo II non ha un significato clinico.

I risultati ottenuti dagli studi riportati sotto, che hanno mostrano un rischio ridotto di ritenzione urinaria acuta e la necessità di un intervento chirurgico, riduzione dei sintomi legati all’IPB, flusso urinario massimo aumentato e volume della prostata ridotto, suggeriscono che finasteride 5 mg arresta la progressione dell’IPB nell’uomo con un ingrossamento della prostata.

Test clinici iniziali con finasteride (5 mg /die) in pazienti con sintomi legati all’ IPB e ingrossamento della prostata identificati con un esame digitale rettale eseguito in due anni, in studi di fase III controllati verso placebo, randomizzati, in doppio cieco nel proseguimento in 5 anni negli studi in aperto. L’aggiunta dei 5 anni di trattamento è stato completato da 234 dei 536 pazienti a cui era stato assegnato per randomizzazione il trattamento con finasteride (5 mg/die) negli studi in doppio cieco; per la valutazione sono stai considerati i dati di questi 234 pazienti. L’endpoint dell’efficacia erano la valutazione dei sintomi, la velocità del flusso urinario massimo e il volume della prostata.

Inoltre, finasteride 5 mg è stata testata in uno studio âE.£Long Term Efficacy and Safety Study (PLESS) uno studio multicentrico di 4 anni in doppio cieco randomizzato, controllato verso placebo.Questo studio ha valutato l’efficacia della terapia con finasteride (5 mg/die) sui sintomi dell’IPB ed eventi urologici ad essa correlati. (interventi chirurgici (ad esempio resezione transuretrale della prostata, TURP, o prostectomia) o ritenzione urinaria acuta che richiede cateterizzazione). Un totale di 3040 pazienti (età: 45-78 anni) con sintomi di IPB da moderati a gravi e ingrossamento della prostata identificato tramite esame rettale digitale erano assegnati a randon al trattamento con finasteride (n=1524) o placebo (n=1516); 3016 erano valutabili. Un totale di 1883 pazienti hanno completato lo studio dei 4 anni (1000 nel gruppo della finasteride e 883 nel gruppo del placebo). Sono stati testati anche gli effetti sulla velocità massima del flusso urinario e il volume della prostata.

Effetto sulla ritenzione urinaria acuta e la necessità di interventi chirurgici

Nello studio PLESS di 4 anni l’intervento chirurgico e la cateterizzazione data da ritenzione urinaria acuta era richiesta nel 13,2 % dei pazienti trattati con finasteride 5 mg confrontati con il placebo 6,6% dei pazienti, ha dimostrato che nei 4 anni la somministrazione di finasteride 5 mg ha ridotto il rischio di interventi chirurgici o ritenzione urinaria acuta del 51%. Con finasteride 5 mg, il rischio di intervento chirurgico si riduce del 55% (10,1% per il placebo vs il 4,6% per finasteride 5 mg) e il rischio di ritenzione urinaria acuta era ridotto del 57% (6,6% per il placebo vs 2,8% per finasteride 5 mg). Questa riduzione del rischio era evidente al follow-up iniziale e anche a 4 mesi ed era mantenuta per i quattro anni di studio. La tabella 1 da un riassunto delle frequenze e il rischio di eventi urologici durante lo studio.

Tabella 1 Frequenze di eventi urologici e riduzione del rischio da finasteride 5 mg nel periodo di quattro anni
Percentuale di pazienti
Eventi urologici Placebo(n = 1503) Finasteride 5 mg(n = 1513) Riduzione del rischio
Intervento chirurgico o ritenzione urinaria acuta13,2%6,6%51%*
Intervento chirurgico 10,1%4,6%55%*
TURP8,3%4,2%49%*
Ritenzione urinaria acuta6,6%2,8%57%*

Chirurgia associate a IPB

*p< 0,001

Effetto sul punteggio dei sintomi

In due studi di fase III di un anno, una riduzione sul punteggio dei sintomi in media, dal basale, è stata trovata già entro due settimane. E stato trovato in questi studi, dopo 7 e 10 mesi, un significativo miglioramento dei sintomi confrontati con i risultati del placebo. In alcuni casi il miglioramento dei sintomi si è verificato molto prima; tuttavia un trattamento per un periodo di 6 mesi era generalmente richiesto per determinare gli effetti benefici in termini di miglioramento dei sintomi. Il miglioramento dei sintomi da IPB erano mantenuti durante il primo anno dello studio e durante l’estensione dello studio di 5 anni.

Nel quarto anno dello studio PLESS, al basale i pazienti accusavano di sintomi da moderati a gravi (in media circa 15 punti sulla scala da 0 a 34). In questi pazienti che avevano continuato la terapia per tutti i 4 anni dello studio, Finasteride 5 mg ha migliorato i sintomi nella scala di 3.3 punti a confronto con 1,3 punti (p<0,001) per il placebo.

Un miglioramento nella scala dei sintomi nei pazienti trattati con finasteride 5 mg può essere visto entro il primo anno di trattamento e continua fino al quarto anno. In quei pazienti trattati con placebo, sebbene ci fosse un miglioramento dei sintomi in termini di punteggio della scala in alcuni pazienti, questo era seguito da un successivo deterioramento. Il miglioramento maggiore nella scala dei sintomi è stato riscontrato nei pazienti che al basale avevano dei sintomi da moderati a gravi.

Effetto sull’ indice massimo del flusso urinario

In due studi di fase III, un aumento significativo del flusso urinario massimo rispetto al basale è stato trovato entro le 2 settimane. Nel quarto e settimo mese di questi studi è stato osservato un aumento significativo del flusso urinario a confronto con il placebo. Questo effetto è stato mantenuto durante tutto il primo anno dello studio e durante l’estensione dello studio di cinque anni.

Nello studio PLESS di quattro anni dello studio è stata trovata una chiara differenza tra i gruppi in trattamento dai 4 mesi in poi in favore di finasteride 5mg in termini di effetto sull’ indice massimo del flusso urinario. Questa differenza è stata mantenuta per l’intero studio. Al basale la media massima di flusso urinario in entrambi i trattamenti era intomo a 11 ml/sec. In quei pazienti che hanno proseguito la terapia per l’intera durata dello studio e per quelli di cui erano disponibili i dati sul flusso urinario, il flusso urinario massimo aumentava nella media di 1,9 ml/sec con finasteride 5 mg a confronto con 0,2 ml/sec per il placebo.

Effetto sul volume prostatico

In due studi di fase III, la media del volume prostatico al basale era 40-50 cm3 . In entrambi gli studi una significativa riduzione del volume prostatico – comparato sia con il basale che con il placebo – è stato trovato vicino a quello iniziale di follow-up dopo tre mesi. Questo effetto è stato mantenuto durante il primo anno di studio e durante l’estensione di cinque anni.

Nello studio PLESS di quattro anni il volume prostatico era controllato annualmente in un sottogruppo di pazienti (n=284) con risonanza magnetica. In questi pazienti in trattamento con finasteride 5 mg è stata vista una riduzione del volume della prostata -a confronto con il basale e il placebo – per tutta la durata dello studio di quattro anni. I pazienti di questo sottogruppo che avevano continuato la terapia durante tutta la durata dello studio con finasteride 5 mg, avevano ridotto il volume del 17,9% (da 55.9 cm³ al basale a 45.8 cm³ dopo quattro anni), mentre il volume prostatico era aumentano nel gruppo placebo di 14,1% (da 51.3 cm³ a 58.5 cm³) (p<0,001).

Il volume prostatico come predittivo del successo terapeutico

Una meta-analisi di 7 studi in doppio cieco, controllati con placebo della durata di un anno con disegni simili con un totale di 4.491 pazienti con sintomi dell’IPB hanno mostrato che nei pazienti trattati con finasteride 5 mg, il grado di miglioramento dei sintomi e l’aumento massimo del flusso urinario era più grande nei pazienti con prostata ingrossata (di circa 40 cm³).

Effetto sulla progressione clinica di IPB (associazione con doxazosin)

Lo studio Medical Therapy of prostatic Syntoms (MTOPS) era uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato verso placebo, multicentrico di 5 anni con 3047 uomini con sintomi di IPB placebo-IPB che era randomizzato a ricevere ciascuno finasteride 5 mg/day (n=768), doxazosin 4 mg o 8 mg/die (n=756) la combinazione di finasteride 5 mg/die più 4 o 8 mg di doxazosin al giorno (n=786) o placebo (n=737).

La dose di doxazosin era aumentata settimanalmente, iniziando da 1 mg, 2 mg, dopo 4 mg e fino a 8 mg. Solo i pazienti che erano tolleranti al dosaggio di doxazosin di 4 o 8 mg sono rimasti nello studio.

L’endpoint primario, ottenuta dalla randomizzazione della progressione di IPB, definita come la prima comparsa di uno dei seguenti cinque eventi: a≥4 punti confermato aumento nella scala dei sintomi, ritenzione urinaria acuta, insufficienza renale correlata a IPB (innalzamento della creatinina), infezioni del tratto urinario ricorrenti o urosepsi, o incontinenza.

Confrontati con il placebo, il trattamento con finasteride, doxazosin o la terapia combinata ha ridotto significativamente il rischio di una progressione clinica dell’IPB. La terapia combinata ha ridotto il rischio di una progressione clinica di IPB in misura significativamente maggiore rispetto alle terapie di finasteride e doxazosin da sole.

Altri studi clnici

In uno studio clinico controllato con placebo durato 7 anni che ha arruolato 18.882 uomini sani di età (≥ 55 anni), con reperto digito-rettaie normale e PSA ≤ 3,0 ng/ml, 9.060 dei quali con dati agobioplici disponibili per l’analisi, è stato rilevato un carcinoma della prostata in 803 (18 4 %) degli uomini trattati con finasteride 5mg e in 1.147 (24.4 %) degli uomini trattali con placebo. Nel gruppo finasteride 5mg, 280 (6,4%) uomini avevano un carcinoma della prostata con punteggio di Gleason di 7-10 ritrovati all’agobiopsia vs 237 (5,1 %) uomini nel gruppo placebo. Ulteriori dati suggeriscono che l’incremento della prevalenza del carcinoma della prostata di grado elevato osservato nel gruppo trattato con finasteride 5mg può essere spiegato da un errore sistematico di identificazione (detection bias) dovuto all’effetto di finasteride 5mg sul volume della prostata. Del totale dei casi di carcinoma della prostata diagnosticati in questo studio, circa il 98 % è stato classificato come intracapsulare (stadio clinico T1 o T2) all’atto della diagnosi. La rilevanza clinica dei dati sul punteggio di Gleason 7-10 non è nota.

Questa informazione può essere significativa per gli uomini che sono attualmente in terapia con finasteride 5 mg per IPB.

Finasteride non è indicata per ridurre il rischio di sviluppo del cancro alla prostata.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Dopo somministrazione orale di finasteride 14C nell’uomo, la dose somministrata era escreta in forma di metaboliti nelle urine per il 39% e nelle feci per il 57%. Praticamente la finasteride è presente nelle urine in forma modificata. In questo studio sono stati identificati due metaboliti che possiedono solo una frazione che ha attività inibitoria sulla 5 α- reduttasi.

Il picco plasmatico viene raggiunto approssimativamente dopo due ore dall’ingestione. La durata dell’assorbimento è di 6-8 ore. L’emivita media di eliminazione è approssimativamente di 6 ore. Il legame con le proteine plasmatiche è intorno al 93%. La clearance plasmatica è di circa 165 ml/min e il volume di distribuzione apparente è di 76 litri. Uno studio a dosi ripetute ha mostrato un accumulo lento di piccole quantità di finasteride; il livello allo steady state è costantemente a 8-10 ng/ml con una somministrazione giornaliera di 5 mg.

L’eliminazione della finasteride è leggermente ridotta nei pazienti anziani. L’emivita di eliminazione è aumentata con l’aumento dell’età da 6 ore negli uominidi 18-60 anni a circa 8 ore negli uomini oltre i 70 anni. Poiché questo non ha rilevanza clinica, non è richiesta una riduzione della dose. In pazienti con insufficienza renale cronica (clearance della creatinina da 9 a 55 ml/min/1,73 m2) la cinetica dopo una singola dose di finaseride 14C non era differente a quella dei soggetti test, né vi era alcuna differenza nel legame con le proteine plasmatiche. In questi casi, alcuni dei metaboliti che erano altrimenti escreti per via renale erano presenti nelle feci. L’aumento dell’escrezione nelle feci risulta compensare la riduzione dell’escrezione dei metaboliti nelle urine. Non è richiesto alcun aggiustamento della dose per i pazienti con insufficienza renale non dializzati. Non sono disponibili informazioni per i pazienti che richiedono dialisi.

Finasteride è stata ritrovata nel liquido cerebrospinale (CSF) di pazienti dopo trattamento di 7-

10 giorni; tuttavia non sembra essere la sede di accumulo preferenziale il liquido cerebrovascolare. Finasteride è stata ritrovata anche nel liquido seminale di uomini che hanno ricevuto una dose di 5 mg/die.

La quantità corrispondeva a non più di 1/50 e 1/100 della dose minima (5μg) richiesta per abbassare il livello di DHT circolante nell’uomo.

Sulla base della dose di riferimento endovenosa, la biodisponibilità è approssimativamente dell’80% e non è influenzato negativamente dall’assunzione di cibo.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Dati non clinici, da studi convenzionali sulla tossicità di dosi ripetute, la genotossicità e il potenziale cancerogeno, rivelano che non esistono particolari pericoli per l’uomo .

Negli studi sulla tossicità riproduttiva su ratti maschi, vi è stata una riduzione del peso della prostata e della vescicola seminale, riduzione della secrezione delle ghiandole genitali accessorie e basso indice di fertilità (a causa dell’azione farmacologica principale della finasteride). Il significato clinico di queste osservazioni è ancora sconosciuto.

Come con altri inibitori 5-alfa-riduttasi, è stata osservata la femminilizzazione dei feti di ratto di sesso maschile dopo somministrazione di finasteride durante il periodo di gestazione. La somministrazione endovenosa di dosi elevate, sino a 800 ng/die, di finasteride in scimmie Rhesus per tutto il periodo dello sviluppo embrionale e fetale non ha prodotto anomalie nei feti maschi. Tale dosaggio è circa 60 – 120 volte più alto della quantità stimata essere presente nello sperma di un uomo che assume 5 mg di finasteride, e alla quale una donna potrebbe essere esposta attraverso lo sperma. L’importanza del modello delle scimmie Rhesus per lo sviluppo del feto umano, è stato confermato dal fatto che da 2mg/kg/die di finasteride orale nelle scimmie in gestazione conduce ad anomalie nei feti maschi [l’esposizione sistemica (AUC) delle scimmie era piuttosto alta (3x) rispetto a quella di uomini che hanno assunto 5 mg di finasteride, o 1 – 2 milioni di volte superiore all’ammontare stimato della quantità di finasteride presente nello sperma]. Non sono state osservate altre anomalie nei feti maschi né anomalie correlate alla finasteride nei feti femmine a tutti i dosaggi somministrati.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Nucleo della compressa: Lattosio monoidrato Amido di mais Povidone 30

Sodio amido glicolato (tipo A) Docusato sodico

Magnesio stearato

Rivestimento della compressa Ipromellosa 2910/5 Macrogol 6000

Talco

Titanio diossido (E171) Simeticone emulsione SE 4 Ferro ossido giallo (E172)

06.2 Incompatibilità

Indice

Non applicabile.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Il medicinale non richiede particolari condizioni di conservazione.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Tipo di confezionamento:

Blister PVC / PVdC/Al trasparente in astucci di cartone.

Confezioni : 7, 10, 14, 15, 28, 30, 49, 50, 98, 100 e 300 (10×30) compresse.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Donne in stato di gravidanza o comunque in età fertile non devono manipolare compresse macinate o spezzate di finasteride per il rischio di assorbimento della finasteride e il conseguente rischio potenziale per un feto di sesso maschile (vedere paragrafo 4.6).

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Zentiva Italia S.r.l. Viale L. Bodio, 37/B 20158 Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

AIC n. 037722016/M – 7 compresse in blister PVC/PVdC/Al

AIC n. 037722028/M – 14 compresse in blister PVC/PVdC/Al

AIC n. 037722030/M – 28 compresse in blister PVC/PVdC/Al

AIC n. 037722042/M – 30 compresse in blister PVC/PVdC/Al

AIC n. 037722055/M – 49 compresse in blister PVC/PVdC/Al

AIC n. 037722067/M – 50 compresse in blister PVC/PVdC/Al

AIC n. 037722079/M – 98 compresse in blister PVC/PVdC/Al

AIC n. 037722081/M – 100 compresse in blister PVC/PVdC/Al

AIC n. 037722093/M – 300 (10×30) compresse in blister PVC/PVdC/Al

AIC n. 037722244/M – 15 compresse in blister PVC/PVdC/Al

AIC n. 037722269/M – 10 compresse in blister PVC/PVdC/Al

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Determinazione n.587 del 14/09/2007 – GU n.233 del 25/09/2007

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Ottobre 2012

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Finasteride zen – 15 Cpr Riv 5 mg (Finasteride)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: G04CB01 AIC: 037722244 Prezzo: 8,08 Ditta: Zentiva Italia Srl


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983