Naftazolina: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Naftazolina

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Naftazolina: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Naftazolina: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

NAFTAZOLINA 0.2% gocce nasali e 0.2% spray nasale.

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

100 ml di soluzione nebulizzata e 100 ml di gocce contengono: Principio attivo: Nafazolina cloridrato g 0.200.

Per gli eccipienti vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

0.2% gocce nasali, soluzione – 1 flacone da 10 ml 0.2% spray nasale, soluzione – 1 flacone da 10 ml

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Decongestionante nei processi infiammatori nasali, paranasali e nasofaringei.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

soluzione gocce: tre-quattro gocce per instillazioni endo-nasali, due o tre volte al giorno. Per aerosol nasale e faringeo: diluire una parte di soluzione in due parti di acqua distillata;

soluzione nebulizzata: tre nebulizzazioni endo-nasali, due o tre volte al giorno. Attenersi scrupolosamente alle dosi consigliate. Un dosaggio superiore del prodotto anche se assunto per via topica e per breve periodo di tempo può dar luogo ad effetti sistemici gravi.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità e verso i componenti del prodotto. Riniti croniche. Malattie cardiache ed ipertensione arteriosa gravi. Ipertiroidismi. Glaucoma. Ipertrofia prostatica.

Il farmaco è controindicato nei bambini di età inferiore ai 12 anni.

Non somministrare durante o nelle due settimane successive a terapia con inibitori delle monoaminossidasi. Non assumere per via orale. Non impiegare per più di quattro giorni consecutivi.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Il prodotto, se accidentalmente ingerito, può determinare fenomeni tossici. Tenere fuori dalla portata e dalla vista dei bambini.

Nei pazienti con malattie cardiovascolari, e specialmente negli ipertesi, l’uso di decongestionanti nasali deve essere sottoposto al giudizio del medico. L’uso protratto di vasocostrittori può alterare la normale funzione della mucosa nasale e dei seni paranasali, inducendo anche assuefazione al farmaco. La ripetizione delle applicazioni per lunghi periodi di tempo può risultare dannosa.

Pertanto, qualora non si apprezzino risultati favorevoli entro pochi giorni dall’inizio del trattamento, sospendere l’uso del preparato e consultare il medico.

La congestione di rimbalzo è frequente con l’uso di decongestionanti nasali, e può condurre, con circolo vizioso, ad un uso eccessivo del prodotto: attenersi pertanto con

scrupolo alle dosi consigliate. Casi di sovradosaggio sono più frequenti e più gravi nei bambini. Particolare cautela va adottata nei bambini, negli anziani e nelle donne nei primi mesi di gravidanza. Ai bambini ed alle persone sensibili è opportuno somministrare il preparato ad una concentrazione dello 0,50 per mille, aggiungendo, cioè, ad una parte di Rino Naftazolina tre parti di acqua.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non sono note.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Particolare cautela nell’uso del prodotto deve essere adottata durante i primi mesi di gravidanza e nel periodo dell’allattamento.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono noti.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Il prodotto può causare localmente fenomeni di intolleranza o congestione mucosa di rimbalzo.

Per trattamenti ad alte dosi o per terapie prolungate oltre i quattro giorni, l’assorbimento della nafazolina attraverso le mucose infiammate può determinare effetti sistemici consistenti in ipertensione arteriosa, bradicardia riflessa, cefalea, disturbi della minzione.

In caso di sovradosaggio, come in caso di assunzione accidentale per via orale, si manifesta ipertensione arteriosa, tachicardia, senso di oppressione toracica, cefalea intensa e, nei bambini, ipotermia, depressione del sistema nervoso centrale con spiccata sedazione, sintomi questi che richiedono l’applicazione di adeguate misure di urgenza.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non superare le dosi indicate, al fine di evitare effetti collaterali, quali bradicardia, sonnolenza, danni alla mucosa nasale.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Gruppo farmacoterapeutico: prodotti rinologici. Decongestionanti nasali per uso topico. Simpaticomimetici non steroidei.

La nafazolina è un simpaticomimetico appartenente al gruppo degli imidazolici; per applicazione locale determina un’intensa vasocostrizione della mucosa nasale, per cui può essere utilmente impiegata come decongestionante in varie affezioni che si accompagnano ad edema ed iper-secrezione della mucosa nasale. Rispetto ai corticosteroidi presenta una più elevata efficacia e quindi può essere usato a dosaggi relativamente bassi.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

——

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Tossicità acuta, DL50 per via orale: superiore a ml 2,5/kg nel ratto. Tossicità orale sub- acuta: ml 0,5/kg/die per 30 giorni nel ratto non hanno fatto registrare alcun effetto tossico sistemico. I parametri biochimici e gli esami istologici eseguiti sugli animali trattati sono risultati nella norma. La soluzione non presenta alcuna azione allergizzante, né alcun effetto irritante sulla mucosa nasale.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

p-ossibenzoici esteri, acqua depurata.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non sono note.

06.3 Periodo di validità

Indice

In confezionamento integro: anni cinque.

Il prodotto non deve essere utilizzato oltre i 30 giorni dopo la prima apertura del contenitore.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare a temperatura non superiore a 30 °C.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

soluzione gocce: flacone contagocce in politene da ml 10

soluzione nebulizzata: flacone con nebulizzatore in politene da ml 10.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

modo d’impiego.

Nessuna in particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

BRUSCHETTINI S.r.l.ia Isonzo 6 – Genova (Italia).

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

Naftazolina 0,2% gocce nasali A.I.C. N. 005408024

Naftazolina 0,2% spray nasale A.I.C. N. 005408036

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Gocce Ottobre 1951/Maggio 2005

Spary Ottobre 1951/Maggio 2005.

10.0 Data di revisione del testo

Indice

01/07/2007

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Naftazolina – Gtt Nas 10 ml 0,2% (Nafazolina Cloridrato)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta non richiesta (Farmaco da banco) Tipo: Da Banco Info: Nessuna ATC: R01AA08 AIC: 005408024 Prezzo: 5,8 Ditta: Bruschettini Srl


Naftazolina – Spray Nas 10 Ml0,2% (Nafazolina Cloridrato)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta non richiesta (Farmaco da banco) Tipo: Da Banco Info: Nessuna ATC: R01AA08 AIC: 005408036 Prezzo: 6,5 Ditta: Bruschettini Srl


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983